Corbevax, quanto costerà il vaccino libero da brevetti?

dal blog https://www.startmag.it/

di Giulia Alfieri

L’esempio di Maria Elena Bottazzi, ricercatrice italo-honduregna candidata al Nobel per la pace 2022 per il vaccino libero da brevetti Corbevax. Fatti, numeri e previsioni

56 anni, nata a Genova ma cresciuta in Honduras, dove si è laureata in scienze per poi proseguire gli studi tra Florida e Pennsylvania. È Maria Elena Bottazzi, la ricercatrice che ha sviluppato il vaccino proteico e libero da brevetti, Corbevax, che le è valso, insieme al collega Peter Hotez, la candidatura al Nobel per la pace 2022.

Bottazzi vive negli Stati Uniti da anni dove co-dirige il Vaccine Development Center presso il Texas Children’s Hospital e la Baylor School of Medicine.

CHI HA FINANZIATO CORBEVAX

Bottazzi e Hotez hanno dichiarato a Scientific American che Corbevax è stato realizzato “senza alcun sostegno del governo degli Stati Uniti o del G7, contando invece quasi esclusivamente sulla filantropia privata di enti in Texas, New York e altrove”.

Stando al Washington Post è stato sviluppato con 7 milioni di dollari da investitori prevalentemente privati, tra cui Tito’s Vodka di Austin, che ha donato 1 milione di dollari nel maggio 2020.

“I nostri finanziamenti non sono governativi, ma solo filantropici e universitari, e questo ha allungato i tempi”, ha spiegato oggi Bottazzi in un’intervista al Sole24Ore.

ECONOMICO DA PRODURRE, FACILE DA CONSERVARE E SENZA BREVETTO

Corbevax è un vaccino a base di proteine e questo significa che, oltre ad avere alle spalle una lunga storia di studi e prove di sicurezza ed efficacia perché è un tipo di vaccino già ampiamente utilizzato per prevenire molte malattie (tra cui pertosse, epatite e meningite, herpes zoster), è anche facile ed economico da produrre utilizzando economie di scala. Inoltre, non ci sono difficoltà per conservarlo.

Nel trial in India che ha coinvolto più di 3.000 partecipanti si è mostrato efficace almeno all’80%.

Bottazzi e Hotez lo hanno definito “il primo vaccino anti Covid progettato specificamente per la salute globale”. Infatti, Corbevax sarà libero da brevetti e la tecnologia per realizzarlo è già stata trasferita a produttori di vaccini in India, Bangladesh, Indonesia e Botswana.

L’India, che insieme alla sua azienda farmaceutica Biological E, sta già lavorando al proprio ordine da 300 milioni di dosi ne produrrà in seguito una media di 100 milioni al mese da destinare anche ad altri Paesi.

“Hotez e Bottazzi – scrive il Washington Post – non guadagneranno un centesimo”. Solo il Baylor College, un centro di ricerca privato texano che ha collaborato con il Texas Children’s Hospital, riceverà una quota.

QUANTO COSTERÀ?

Secondo i media indiani, citati dal Washington Post, il prezzo per dose potrebbe essere aggirarsi intorno ai 2,50 dollari – il che, fa notare il quotidiano, renderebbe Corbevax non solo il vaccino anti Covid più economico in India ma uno dei più economici al mondo. Hotez, in un’intervista a Npr, ha addirittura parlato di 1-1,5 dollari a dose.

“Questo vaccino – ha spiegato Bottazzi al Sole24Ore – costa meno di 5 euro a ciclo di due dosi, cioè circa un quarto di quelli più diffusi. Ma, soprattutto, potrebbe dare un contributo importante alla vaccinazione di chi non si fida dei vaccini di nuova generazione, a cominciare dai genitori dei bambini: è del tutto simile ad altri vaccini somministrati da anni come quello dell’epatite B”.

DISUGUAGLIANZE

Circa il 77% delle persone nei Paesi ad alto e medio-alto reddito ha ricevuto almeno una dose di vaccino e solo il 10% nei Paesi a basso reddito, scrive The Conversation.

Lo scorso settembre, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e le Nazioni Unite hanno stabilito che ogni Paese del mondo debba raggiungere almeno il 40% di copertura vaccinale entro la fine del 2021 e il 70% entro la metà del 2022. Ma il numero totale di vaccini consegnati ai Paesi più bisognosi nel 2021, ricorda Vox, ammonta a meno della metà dell’obiettivo originale di Covax di inviare almeno 2 miliardi di dosi entro la fine del 2021.

E qui l’intervento di Corbevax potrebbe fare la differenza: “L’azienda indiana Biological E può produrre 100 milioni di dosi al mese”, ha spiegato Bottazzi. “Si parla di più di un miliardo di vaccini all’anno. Se poi si aggiunge che l’azienda Biofarma in Indonesia può produrre altri 100 milioni al mese e che Incepta Pharmaceuticals in Bangladesh può produrne un’altra quantità, diventa un effetto valanga”.

Potenzialmente Corbevax potrebbe, dunque, raggiungere più persone di quelle vaccinate con le dosi inviate finora dalle nazioni più ricche.

A CHI ANDRÀ CORBEVAX?

“Speriamo che venga usato nei Paesi a basso e medio reddito in Africa, Asia e America Latina, dove la disponibilità del vaccino è stata in genere tremendamente insufficiente”, hanno aggiunto i due ricercatori che non escludono di arrivare a richiedere il via libera in Nordamerica e in Europa ma, trattandosi di processi lunghi e costosi, dicono di aver “preferito dare priorità a Paesi che hanno necessità più urgenti”.

Corbevax è la prova che realizzare un vaccino senza profitti è possibile e Bottazzi sogna in grande. La prossima missione, rivela al Sole24Ore, è realizzare un vaccino universale, “anch’esso rigorosamente open”.

La ricercatrice, infatti, sembra ispirarsi a Jonas Salk, padre del primo vaccino contro la polio nel 1953, il quale alla domanda ‘a chi appartenesse il brevetto della sua scoperta’ rispose: “Beh, direi che appartiene alla gente. Non c’è nessun brevetto. Il sole può essere brevettato?”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.