Palestina: l’elefante nella stanza (*)

Dal blog https://www.labottegadelbarbieri.org

Redazione

occupare un altro Paese è una vergogna e un crimine contro l’umanità, e le sanzioni devono essere durissime: ce lo ricordano Gideon Levy e Jack Khoury. Con una poesia di Cristina Alziati

UNA MOZIONE SWIFT E L’OCCUPAZIONE È FINITA – Gideon Levy

Immaginate che Israele stia invadendo di nuovo la Striscia di Gaza. Le solite uccisioni, distruzioni e rovine. Decine di migliaia di civili fuggono per salvarsi la vita dopo aver perso il poco che avevano. Edifici crollati come castelli di carte, e Israele continua come al solito: i piloti bombardano, i carri armati avanzano, i media e la popolazione in Israele esultano. Improvvisamente la comunità internazionale prende una decisione: se Israele non si ritira immediatamente andrà incontro a sanzioni. Se la Striscia di Gaza non diventa immediatamente una zona interdetta al volo e ai bombardamenti, tutti i voli da e per Israele verranno cancellati. Israele cerca di cavarsela come al solito, citando gli argomenti dell’autodifesa, del terrorismo e dell’Olocausto, e il mondo tira fuori la nuova arma apocalittica: esclude Israele dal sistema di comunicazione e trasferimento bancario internazionale. Israele è fuori da SWIFT. Ciò che è giusto e doveroso per l’invasore dell’Ucraina è giusto e doveroso per l’invasore della Striscia di Gaza.

Senza SWIFT, Israele imploderebbe immediatamente. Forse il tirannico gigante russo potrebbe sopportarlo per un po’, ma non Israele. In pochi giorni, i capitani dell’economia sarebbero andati dai capi del governo e dell’esercito e avrebbero detto loro: Fermatevi subito. Non possiamo sopportarlo. Proprio come gli uomini d’affari del Sud Africa all’epoca dell’apartheid sono andati dal governo bianco e hanno detto: Fermatevi. L’unica domanda che rimane è per quanto tempo ancora le Forze di Difesa Israeliane continueranno a distruggere la Striscia di Gaza. Un giorno? Due? Una settimana? L’IDF si sarebbe ritirato, l’assedio sarebbe stato revocato, Gaza si sarebbe aperta, per la prima volta dopo anni. Tutto in un unica mozione SWIFT.

Fino a due settimane fa uno scenario del genere sarebbe stato considerato inimmaginabile. Ma forse sta prendendo forma un nuovo ordine mondiale: Ad ogni brutale assalto agli indifesi e a qualsiasi atto di conquista, la comunità internazionale risponderà con misure politiche ed economiche punitive. I carri armati non sono necessari per muoversi in Stati intransigenti come Israele. Un aeroporto internazionale Ben-Gurion chiuso e bancomat vuoti faranno il lavoro, certamente qui, in questo Stato fragile e autoindulgente. Gli israeliani non accetteranno di pagare un prezzo personale permanente per le campagne di distruzione a Gaza, in Libano, in Siria o nella Cisgiordania occupata.

Non c’è dubbio se Israele resisterà o meno, non lo farebbe. L’indifferenza degli israeliani per ciò che il loro Paese e il loro esercito stanno perpetrando sarà immediatamente sostituita da preoccupazioni e paure per le loro tasche.

Anche i più grandi patrioti, i guerrafondai più inveterati e devoti ai militari, ci ripenseranno.

La domanda è se la comunità internazionale lo sosterrà. Una cosa è punire la Russia, ma Israele? Il pupillo dell’Occidente? Chi oserebbe? Le parole “Israele” e “sanzioni” non sono mai state accoppiate prima. Finora nessuno ha mai pensato di punire veramente Israele per la sua continua e arrogante sfida alle risoluzioni degli organismi internazionali. Forse è successo qualcosa di importante in Ucraina.

Forse dopo la Russia non sarà più possibile perdonare tutto a Israele. Forse il mondo si sta svegliando.

In un Paese in cui anche la guerra in Ucraina è considerata un’opportunità commerciale e sionista, si vedano le dichiarazioni del Ministro dell’Interno Ayelet Shaked sull’opportunità di vendere più armi al mondo e quelle del membro della Knesset Zvi Hauser, che vuole portare più ucraini ebrei possibili in Israele a causa della guerra: le persone potrebbero svegliarsi in una realtà opposta. La guerra in Ucraina offre al mondo l’opportunità di non rimanere in silenzio. Né nei confronti della Russia né nei confronti di Israele.

Gli israeliani saranno disposti a pagare di tasca propria per Evyatar, un luogo ripugnante intriso del sangue dei combattenti per la libertà, un luogo che la maggior parte degli israeliani non ha e non vedrà mai? Continueranno ad applaudire l’aviazione dopo ogni bombardamento se sanno che ogni crimine sarà seguito da una punizione?

Nella nuova e sconosciuta realtà globale, tutto è possibile. È possibile che quando i cannoni tacciono, le cose tornino alla normalità, con Israele che fa quello che vuole e ignora il mondo che lo arma, lo abbraccia e lo finanzia. Ma forse non lo faranno.

A Washington, dove si sta scrivendo questa mozione, si sentono già nuove voci. Potrebbero diventare più forti quando la guerra finirà e il mondo finalmente avrà voce in capitolo e inizierà ad agire non solo contro la piccola Russia, ma contro ciò che le è più caro di tutti, al quale tutto è permesso.

Una mozione SWIFT, e l’occupazione è finita.

Tradotto da Beniamino Benjio Rocchetto –  da qui

Il mondo unito per le sanzioni alla Russia. Perché non può fare lo stesso per i palestinesi? – Jack Khoury

Ciò che i palestinesi hanno chiesto negli ultimi 50 anni, azioni internazionali per fermare un occupante aggressivo, è stato attuato per gli ucraini in soli sette giorni. Una richiesta parallela di tali azioni a beneficio dei palestinesi suona come uno scherzo stantio.

I leader palestinesi seguono gli sviluppi in Ucraina e si mordono le labbra. “Questo è il momento di rimanere in silenzio”, mi ha detto un alto funzionario palestinese. “Qualsiasi dichiarazione o presa di posizione ci costerà cara. Perché infastidire gli Stati Uniti e l’Occidente? Abbiamo un disperato bisogno del loro aiuto. E perché aprire un fronte contro i russi e Putin?”

Ma nonostante il silenzio, né Ramallah né Gaza nascondono la loro frustrazione e delusione visti i diversi messaggi provenienti dalla comunità internazionale. L’argomento secondo cui gli Stati Uniti e l’Europa hanno doppi standard non è nuovo. Sorge ogni volta che c’è una crisi internazionale in cui l’ “Occidente” interviene contro l’aggressione tirannica. Ma il caso ucraino mette ulteriormente a fuoco la lotta palestinese contro l’occupazione israeliana.

Ciò che i palestinesi hanno chiesto a gran voce negli ultimi 50 anni è stato rapidamente interiorizzato dall’Occidente in Ucraina. Le decisioni di mobilitarsi per fermare un occupante aggressivo, imporre sanzioni economiche, chiudere lo spazio aereo e boicottare eventi sportivi e culturali sono state attuate in soli sette giorni. Gli ucraini riceveranno armi, munizioni, supporto strategico e tecnologia che potrebbero logorare Vladimir Putin e i russi.

Una richiesta parallela di attuare risoluzioni da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e della più ampia comunità internazionale a beneficio dei palestinesi suona come uno scherzo stantio. Il diritto internazionale va bene per le lezioni. Qualsiasi iniziativa per fare un passo significativo alle Nazioni Unite, principalmente al Consiglio di Sicurezza, incontra il veto americano. Qualsiasi richiesta di condanna o sanzioni incontra grida di antisemitismo o “un premio per il terrorismo”, con l’accusa che ciò minerà gli sforzi per una soluzione a due Stati.

Molti palestinesi si schierano con Putin non perché sostengano la tirannia o abbiano sentimenti cinici come popolo occupato, ma per la comprensione che il mondo “illuminato” non abbraccia più giustizia, democrazia e diritti umani. Invece, agisce sulla base di considerazioni di sicurezza ed economiche. Se sei forte, possiamo parlare. Se sei debole, ti calpestiamo. Questa è l’equazione.

A Ramallah non devono andare fino al Cremlino per trovarne una prova. Basta visitare l’ufficio del leader di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar. Quest’uomo, che agli occhi di Israele è a capo di un’organizzazione terroristica assassina, riceve più attenzione di tutte le personalità che circondano il Presidente Mahmoud Abbas alla Muqata.

Israele ha investito più sforzi militari e di intelligence a Gaza che in Cisgiordania negli ultimi 20 anni. Ogni missile lanciato da Gaza scuote l’opinione pubblica; la minaccia sulla grande Tel Aviv da sud è molto più grande che dall’altra parte della recinzione a poche miglia a est della città.

Per 25 anni, i leader palestinesi, principalmente Abbas, hanno scelto quello che può essere percepito come l’approccio “buono”. Ci sono stati quattro presidenti a Washington, almeno tre di loro hanno sostenuto una soluzione a due Stati. Ma il sogno sta svanendo. L’affermazione che qualsiasi accordo richiede la volontà di entrambe le parti viene infranta davanti ai nostri occhi.

Il discorso di Joe Biden della scorsa settimana contro l’occupazione di un altro popolo e contro l’aggressione russa può essere facilmente accolto dai palestinesi, ma tutti sanno che qui non accadrà nulla. Il mondo, toccato dalle immagini di rifugiati dalla pelle chiara e dagli occhi azzurri che si trascinano verso il confine di un Paese vicino, rimane indifferente alla vista di una donna dalla carnagione scura in hijab che cammina tra le rovine di Gaza City.

I palestinesi, principalmente la generazione degli Accordi di Oslo, comprendono questo messaggio. Questa è una generazione nata con la visione della pace 25 anni fa, una generazione ancora in attesa della comunità internazionale.

Traduzione di Beniamino Rocchetto  – Invictapalestina.org   da qui

Hanno bombardato la biblioteca – Cristina Alziati

Hanno bombardato la biblioteca
ma non sapevano che qui c’era una biblioteca.
Hanno fatto saltare la strada per l’ospedale
ma non sapevano che qui c’era una strada.
Hanno incenerito la fabbrica
ma non sapevano che qui c’era una fabbrica.
Hanno sventrato la scuola
ma non sapevano che qui c’era una scuola.
Hanno polverizzato le case
ma non sapevano che qui c’erano case.
Hanno fatto fiorire il deserto, ma qui non c’era un deserto.

da qui

(*) Elefante nella stanza è un’espressione tipica della lingua inglese per indicare una verità che, per quanto ovvia e appariscente, viene ignorata o minimizzata. L’espressione si riferisce cioè a un problema molto noto ma di cui nessuno vuole discutere. (https://it.wikipedia.org/wiki/Elefante_nella_stanza)

(**) La città bombardata si chiama Gaza, e non è in Ucraina

2 Comments

  1. io sono furente contro l’ipocrisia del mondo , che tace o si gira dall’altra parte per i continui massacri nella striscia di Gaza. Ovviamente Israele, secondo il resto del mondo ” ha diritto di difendersi “, quindi è giusto che da vittima sia diventato carnefice… e che carnefice” Insaziabili e crudeli. Quando si dice due pesi e due misure…

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.