THE SHOW MUST GO ON

Dalla pg FB di Milena Magnani

Lo show di Zelensly e la retorica del patriota hanno raggiunto il limite di non ritorno. Anche se ormai è tragicamente evidente che i suoi patrioti combattono in realtà per nessuna bandiera e per nessuna rivoluzione.

La scena si ripete ogni giorno uguale, il condottiero in t-shirt appare a grande schermo di fronte a platee di governanti occidentali che lo guardano con gli occhi libidinosi pregustando l’ennesimo assist che questo figuro porge loro, un assist che serve per legittimare il loro lavoro sistematico di distruzione del processo di giustizia nel mondo. E lo show si compie, come dentro a un teatro di avanspettacolo, la farsa dell’eroica vittima che chiede la giustizia dell’ Occidente contro la mostruosa alterità che minaccia il pensiero unico.

L’eroe tanto per cominciare mostra il muscolo, come i migliori guerrieri non si arrende, lo dichiara orgogliosamente, meglio “tutto sterminato” il suo popolo piuttosto che miseramente arreso, mica è una mezza calzetta il condottiero con il pugnale ai denti. Non accetta il disonore, però intanto piange i patrioti caduti per difendere la democrazia e i soprattutto i nostr i valori collettivi di tutta Europa…. Ma un momento…? I nostri valori d’Europa? : Eh no caro Signore , la devi smettere di prenderci per i fondelli, i tuoi patrioti difendono il tuo mal governo e la tua incapacità di aver gestito un paese su una delle frontiere più delicate del mondo, una frontiera che richiedeva saggezza politica prudenza e rigore.

– Nello show poi di solito piagnucola e non si capacita del cattivo invasore che li ha aggrediti senza motivo ( ma chi pensa di prendere per culo? solo lui dimentica che lui e i suoi predecessori hanno attaccato per otto anni le popolazioni russofone del Donbass e di aver inserito nel suo esercito regolare frange di battaglioni nazifascisti, con tanto di svastiche e azioni da pogrom contro i rom , contro la comunità Lgbt e tutto il resto? Solo lui non era al corrente di quanto ci fosse in corso da anni una seria e più che legittima richiesta russa circa la neutralità dell’Ucraina, a cui lo stesso per altro ometteva di dare risposte istigato dal bulletto americano? solo lui non si era accorto che ci fossero dei trattati internazionali firmati che l’Ucraina stava sistematicamente disattendendo? ?)

– Ma non importa: lui nel rispetto di un copione precostituito recita la parte dell’aggredito senza motivo.

– E poi eccolo all’acme dell’orgasmo plateale mostra immagini di crimini per i quali, senza prove, si pone sistematicamente dalla parte della vittima sacrificale.

– Mostra i corpi straziati. E’ l’ostentazione del deplorevole vittimismo di guerra che lanciato alla sua massima espressione assomiglia tanto alla pornografia. Insomma qualcosa di disgustoso che lui poi accompagna alla propaganda del suo ruolo da Angelo del popolo che visita i malati e i combattenti nascosti nei seminterrati nel cuore dello strazio, visita le scuole, e poi… piange con loro, ahi questa aggressione che ci tocca!” ma resisteremo, non possiamo che resistere!! Ma…. sicuro? Sicuro che ogni vittima in più tra i tuoi civili non faccia salire il conto della tua tragica responsabilità ? ogni vittima tra quei ragazzini a cui hai impedito di partire per legge, perché il macho di ucraina deve restare a difendere la patria, sei sicuro che il patriottismo ce l’abbiano così vivo ?

– 2) Poi c’ è la seconda fase, quella in cui lo show si apre al vezzeggiamento da lacchè, in cui il condottiero in t-shirt sempre in gigantografia nel grande schermo, elogia le eroiche gesta dei suoi interlocutori , muove il loro orgoglio di giusti del mondo e rimembra l’ 11 settembre , lo sbarco in Normandia , e dice alla Germania che dovrà riprendere le redini del suo potente ruolo nell’Europa, e nel vezzeggiare il potente di turno si capisce che il suo uso strumentale dell’emotività indirizzata a politici la cui vita deve esser piatta come la superficie di un lago ghiacciato, è più disonesto e umiliante di qualsiasi altro gioco a vendersi per poche lire.

Ed eccotelo quindi al gran finale dove, una leccata dopo l’altra, arriva a supplicare l’invio di qualche tonnellata di armi, chiede la no fly zone e insiste perché tutti noi si entri a capo fitto in guerra, e ripete che questo è un nostro dovere perché lui sta combattendo per noi.

Ma sicuro? Oddio, prima di questa guerra non mi era sembrato che la Russia minacciasse la nostra vita di cittadini italiani, o forse ho perso qualche colpo?

Mi pare di essere stata vessata da ben altro, tra cui un governo non eletto che ha legiferato senza legittimazione demolendo e trasgredendo i principi fondamentali della nostra Costituzione, scaraventando il paese a una crisi economica che ci sta per falciare le gambe.

Ma non importa, ciò che conta è l’applauso a standing ovation .

Criminali e guerrafondai, non degni di rappresentarci , plaudono da scorticarsi le mani perché credono che lo show questa volta sia un teatro ben riuscito, e ci abbia proprio addormentato, a furia di menzogne, istigazioni, progetti espansionistici mascherati, spesa esponenziale destinata agli armamenti.

Il fatto è che vedi, Zelensky, il mondo non è stolto, e la storia di luoghi che portano il nome di Afganistan , Serbia, in Siria, Palestina, è una storia assolutamente eloquente, che evidenzia la tracotanza di un occidente che non ha esitato e non esita a spargere dolore e morte per la sua smania espansionistica.

E di tutto ciò tu ti stai rendendo complice.

Quindi sia chiaro che il tuo show serve solo a coloro che vogliono nutrire un orrido disprezzo per le sorti del mondo.

La tua guerra non è in mio nome.

In mio nome , come cittadina italiana, c è solo l’art. 11 della Costituzione .

1 Comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.