Da Bucha la geopolitica senza risposte

Poiché non devo rendere conto a nessuno, mi sento almeno libero di dire la mia opinione sul tema guerra in Ucraina.

Diverse info e foto fanno intendere di una guerra sporca , cioè giocata proprio sulla presenza di decine di giornalisti e media accreditati, mentre gli obiettivi militari sono un pò confusi.

Questo complica le cose e l’ultima strage dei russi, oltre che insensata in sé considerando che si stavano ritirando e suona proprio come vendetta alla loro resistenza, finalità di guerra nessuna, non ha alcuna giustificazione.

Non credo neppure ai giovani militi russi poco esperti in un esercito tecnologico così, non ha giustificazioni e non hanno ucciso un piccolo gruppetto che in una guerra ci sta nel conto triste, hanno massacrato e pare anche torturato centinaia di ucraini.

Qui il punto è: in un esercito fortemente diretto nessun reparto si muove per caso, allora dove vuole arrivare Putin con questo massacro?

Domanda retorica poiché credo nessuno abbia una risposta univoca, di difficile interpretazione geopolitica.

La guerra non è un pranzo di gala, ma così davvero assomiglia sempre più alle guerre in Iraq, in Siria, in Libia, ecc senza grandi differenze con distruzioni e morti senza un perché militare.

Lo stesso Erdogan con alcune città Curde le ha circondate (tre/quattro anni fa) ed ha cominciato a cannoneggiare, la sua pulizia etnica è cominciata lì.

Crolla definitivamente il mito del comunismo in Russia,che da decenni ormai ha lasciato il posto alla brutta copia del liberismo occidentale. La rivoluzione di Lenin è un buon ricordo, ma non ha nulla a che fare con la Russia moderna. Lo fa anche sul piano strettamente militare come menefreghismo sociale, solo obiettivi da raggiungere.

Le cronache della “liberazione di Berlino” nel 1945 sono piene di stupri massacri, rapine, ecc proprio da parte dei russi.

Più in là nel tempo perché persino le famose “crociate cristiane”sono zeppe di episodi di intolleranza assoluta e violenze

Allora sono popoli crudeli?

Per come la vedo io no, sono normali, sono figli di un epoca cui la tecnologia ha consegnato un potere assoluto e semplicemente lo esercitano nei dettagli dell’impunità certa.

Forse la radice di questo comportamento va a monte nella formazione dei militari e anche prima nella società che fa dell’opposizione fra popoli il tema principale con annessa ovvia superiorità ed egocentrismo. Servono a questo i confini ma ancora di più il non dialogo e l’odio esercitato come merce militare assieme ai mitra. Per portare ad una guerra serve aver risolto domande interne ed interiori di tanti ragazzi catapultati in battaglia con l’unica motivazione di essere migliori e unici e il nemico sono tutti gli altri. Così poi che problema c’è? Ucciderne 10 o 1.000 non fa differenza ed è un sistema violentemente antisociale che è usato in modi diversi da ambo le parti, senza pietà(i prigionieri russi gambizzati dai militi ucraini, la stessa popolazione usata come scudo per obiettivi strategici, ecc)

Questo è il sistema dominante globale, che NON è più bipolare (USA-Russia), ma ognuno ha nelle mani la possibilità di una decisione autoritaria, un potere dominato dall’economia che comanda alla politica e per cui gli eserciti praticano, esercitano il loro mestiere duro e crudele.

Nessuna guerra è pulita, nessuno può fare morali fra i contendenti mentre si parla di improbabili usi di atomiche , quando le armi tecnologicamente avanzate “tradizionali” fanno disastri senza discernere.

Ci rimettono sempre i civili e dopo la guerra un intero sistema economico e sociale deve essere ricostruito e diventa “MERCATO”.

Se giudichiamo i fatti di Bucha a mente fredda si può dire che è una forma di onnipotenza militare di odio verso diversità, anche se gli ucraini erano a tutti gli effetti un ceppo di popolazione russa la situazione oggi è di totale INCOMPATIBILITÀ’ reciproca oltre che di insensibilità formale.

Rimangono tutti i motivi di come è nata questa guerra sponsorizzata in cui l’Ucraina e la sua gente sono usati, sono un pretesto politico, con l’aggravante della gestione nel tempo di Zelensky e dei suoi oligarchi contrapposti a quelli russi, due facce della stessa medaglia.

L’Europa e l’occidente gonfiano i muscoli e qui sale il livello di scontro.

Ormai quelli che vogliono la pace …ma operano per mandare ancora più armi (Biden manda carri armati, altre nazioni missili armi, mine anticarro, sistemi di gestione elettronica, ecc) Italia compresa si sentono legittimati alla guerra santa. Addirittura Letta, quel gesuita novello crociato con l’elmetto ha programmato 100 assemblee del PD per convincere i suoi stessi militanti recalcitranti a queste decisioni che mandare armi è cosa buona e giusta!

Se le avessero già inviate (in parte si) avrebbe cambiato qualcosa in questa guerra senza vincitori? Ci sarebbero state meno distruzioni e morti ?

Mi pare di no, i morti sono per lo più civili e rimango dell’idea che si deve cercare la pace subito per far cessare ogni possibilità di reazione, chiudere nettamente ogni bellicismo e negoziare.

Dopo servono forme internazionali di ricerca degli interessi comuni e delle forme necessarie per arrivarci, questa esperienza dovrebbe insegnare la differenza fra popoli ed i loro governi.

Detta qui così oggi sembra follia eretica

L’Italia con questo governo guerrafondaio in cui tutti i partiti fanno a gara per gridare più forte con il petto in fuori a rubare la scena ai fascisti istituzionali, deve essere al centro di una ricostruzione di senso di una opposizione vera e sociale, inesistente a livello istituzionale

Difendere sui territori ogni possibilità concreta di avere energia eco-sostenibile subito per una indipendenza energetica, una società della cura in senso ambientale, economico, produttivo con la difesa dei beni comuni oggi passati sotto gamba o ignorati nella privatizzazione selvaggia e una concreta valorizzazione dei territori dentro ogni nazione da tempo senza voce.

C’è da stoppare la storia e ricominciare a scriverla con formule diverse, semplicemente parlandosi socialmente

Gianni Gatti

.

1 Comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.