Darfur Occidentale: violenti attacchi alla popolazione, strutture mediche saccheggiate e operatori sanitari uccisi a Kreneik e El Geneina

Dal blog https://www.pressenza.com

26.04.22 – Medecins sans Frontieres

Una dura ondata di violenza ha colpito il Darfur occidentale, Sudan, questo fine settimana, con attacchi alla popolazione, case e strutture mediche saccheggiate e operatori sanitari uccisi nelle città Kreneik e El Geneina. Medici Senza Frontiere (MSF) condanna fermamente questa terribile violenza e chiede che venga rispettata la neutralità degli operatori sanitari e delle strutture mediche da tutte le parti in conflitto.

Qui la dichiarazione di Bakri Abubakr, responsabile delle operazioni di MSF in Sudan

“I violenti attacchi del fine settimana sono iniziati a Kreneik e abbiamo avuto conferma che l’ospedale che supportiamo nella città è stato attaccato. Tre persone, tra cui due operatori sanitari, sono state uccise. La farmacia dell’ospedale è stata saccheggiata. Le équipe di MSF non erano nella struttura in quel momento, perché erano rientrate alla base a El Geneina il 19 aprile.

Ieri nell’ospedale universitario di El Geneina, capitale del Darfur occidentale, dove il personale di MSF era al lavoro, c’è stata una violenta intrusione, con spari all’interno della struttura e nel pronto soccorso. Un membro del personale ospedaliero è stato ucciso e gli operatori sanitari, inclusi quelli di MSF, sono stati evacuati.

Siamo scioccati dall’accaduto e inviamo le nostre condoglianze alle famiglie delle persone che sono state uccise. Condanniamo questi attacchi con tutta la nostra forza. Nei conflitti, le strutture e gli operatori sanitari devono essere protetti e questo deve essere rispettato da tutte le parti coinvolte in qualsiasi conflitto.

A causa della violenza e dell’insicurezza in corso nelle diverse parti del Darfur Occidentale, compresi questi attacchi mortali a due ospedali, le équipe di MSF non possono raggiungere le strutture mediche supportate e non possono tornare a Kreneik, né condurre cliniche mobili a El Geneina. Siamo molto preoccupati per l’impatto che questo avrà sulle persone coinvolte dalla violenza, impedendo loro di cercare le cure di cui hanno bisogno e lasciandole in una situazione di disperato bisogno di assistenza, già tale prima di quest’ultimo attacco.

I nostri team stanno seguendo da vicino la situazione di sicurezza per poter riprendere a fornire le cure mediche e il supporto umanitario necessario non appena sarà sicuro”.

MSF ha diversi progetti nello stato del Darfur Occidentale. Fornisce assistenza umanitaria e servizi sanitari di base sia agli sfollati interni che alle comunità locali attraverso cliniche fisse e mobili nella città di El Geneina e dintorni. Supporta l’ospedale universitario di El Geneina e di recente ha iniziato a sostenere gli sfollati interni e le comunità ospitanti nella località di Kreneik attraverso cliniche mobili e supportando la principale struttura sanitaria nella città.

MSF opera in Sudan dal 1978. Negli ultimi anni le operazioni si sono concentrate negli stati di Khartoum, Gedaref, Blue Nile, Kassala, Darfur orientale, Darfur occidentale, Darfur meridionale e centrale, con team di emergenza che effettuano interventi in altre aree secondo le necessità.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.