Cereali, profitti record e poche tasse per le multinazionali ABCD

Dal blog https://www.popoffquotidiano.it

diRedazione 23 Agosto 2022

I profitti record delle multinazionali cerealicole spingono a chiedere un’imposta sulle entrate [Fiona Harvey]

Quattro aziende – Archer-Daniels-Midland Company, Bunge, Cargill e Louis Dreyfus, note collettivamente come ABCD – controllano circa il 70-90% del commercio mondiale di cereali. “I mercati globali dei cereali sono ancora più concentrati di quelli dell’energia e ancora meno trasparenti, quindi c’è un enorme rischio di profitto”, ha dichiarato De Schutter.
Ha detto che l’impennata dei prezzi alimentari di quest’anno è avvenuta nonostante quelle che si ritiene siano abbondanti riserve mondiali di grano, ma non c’è stata sufficiente trasparenza da parte delle aziende per mostrare quanto grano detengono e non c’è modo di costringerle a rilasciare le scorte in modo tempestivo.
“Dobbiamo guardare ai giganti del grano e chiederci cosa avrebbero potuto fare per evitare la crisi e cosa potrebbero fare ora”, ha detto De Schutter.
Cargill ha registrato un aumento del 23% dei ricavi, raggiungendo la cifra record di 165 miliardi di dollari (140 miliardi di sterline) per l’anno conclusosi il 31 maggio, mentre Archer-Daniels-Midland ha realizzato i profitti più alti della sua storia nel secondo trimestre dell’anno.
Le vendite di Bunge sono aumentate del 17% su base annua nel secondo trimestre, anche se i profitti sono stati influenzati da oneri precedentemente sostenuti. Louis Dreyfus ha registrato un aumento degli utili per il 2021 di oltre l’80% rispetto all’anno precedente, con un aumento dei ricavi di quasi un quarto a 1,62 miliardi di dollari.
John Rogers, analista del servizio di rating Moody’s, ha affermato che non è sorprendente che le limitazioni dell’offerta e la ripresa della domanda abbiano fatto aumentare i prezzi dei prodotti alimentari e portato a un aumento dei profitti. “Non credo che si stiano mettendo d’accordo per ottenere profitti superiori alle aspettative”, ha affermato, aggiungendo che molte altre aziende stanno conquistando una quota crescente dei mercati cerealicoli globali. “Non credo che stiano agendo in modo immorale, non stanno facendo salire i prezzi intenzionalmente”.
Ha affermato che i profitti delle aziende cerealicole sono complessivamente aumentati, ma i loro margini non sono cresciuti in modo significativo in termini percentuali. “Questo è un mercato relativamente efficiente, non credo che queste aziende possano aumentare i prezzi”.
Tuttavia, un’analisi non pubblicata di una ONG, visionata dal Guardian, suggerisce che anche alcune aziende alimentari potrebbero aumentare i loro margini. L’analisi ha rilevato che Archers-Daniels-Midland ha aumentato il suo margine di profitto al 4,46% nel primo trimestre di quest’anno, rispetto al 3,65% dello stesso trimestre del 2021, mentre il margine di Cargill è passato dal 2,5% dell’anno scorso al 3,2% di quest’anno.
Sandra Martinsone, responsabile delle politiche di Bond, una rete di organizzazioni caritatevoli per lo sviluppo internazionale, ha affermato che una tassa sulle entrate sarebbe un modo per riequilibrare i mercati alimentari e aiutare i più poveri.
“Le grandi aziende agroalimentari stanno chiaramente capitalizzando la riduzione dell’offerta e l’aumento della domanda, ulteriormente esacerbata dal commercio delle materie prime”, ha affermato. “Quando l’offerta è significativamente inferiore alla domanda, c’è spazio per un aumento dei prezzi. Ma questo è anche esacerbato dai mercati azionari speculativi, poiché il grano e altre materie prime sono scambiate sui mercati azionari e quindi i prezzi fluttuano”.
Anche Oxfam ha chiesto una tassa sui profitti delle aziende alimentari. Alex Maitland, consulente senior dell’associazione, ha dichiarato: “Si teme che la speculazione possa essere il motore dell’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari. Tutto ciò che provoca fame e inedia è immorale”.
Natalie Bennett, deputata del Green Party del Regno Unito, si è unita all’appello. “Come misura a breve termine, ci sono forti argomenti a favore di una tassa sull’oligopolio alimentare – la manciata di aziende, con una significativa partecipazione incrociata di hedge fund, che dalle sementi ai supermercati sono i principali responsabili dell’inflazione che sta portando la crisi del costo della vita a nuove vette”, ha dichiarato.
Vicki Hird, responsabile per l’agricoltura sostenibile della coalizione alimentare britannica Sustain, si è fermata alla richiesta di una tassa sull’indotto, affermando che è difficile individuare gli effetti dei prezzi nei supermercati, dove i consumatori acquistano la maggior parte degli alimenti. Ma ha chiesto al governo di regolamentare la materia per fermare gli abusi. “Mentre gli agricoltori, i consumatori e i lavoratori del settore alimentare soffrono a causa dell’aumento vertiginoso dei prezzi dei prodotti alimentari e dei carburanti, coloro che siedono al centro della catena alimentare – un piccolo numero di grandi commercianti di cereali dominanti – stanno rastrellando enormi profitti”.
Se i governi rifiutano una tassa sui profitti inattesi, dovrebbero prendere in considerazione altri mezzi per contenere i prezzi, ha affermato Martinsone, tra cui tetti ai prezzi o una regolamentazione più severa del commercio delle materie prime, come il divieto di commercio delle materie prime introdotto in India per limitare l’inflazione e l’aumento dei prezzi. L’autrice ha affermato che le aziende alimentari e gli speculatori sulle materie prime sono stati incolpati di aver alimentato l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari registrato più di dieci anni fa, quando l’impennata dei prezzi ha provocato rivolte in molti Paesi.
Le cause dell’aumento dei prezzi alimentari sono complesse. La guerra in Ucraina ha giocato un ruolo importante, in quanto l’Ucraina è uno dei principali produttori mondiali di grano, olio di girasole, mais e fertilizzanti. La guerra ha fatto impennare i prezzi dei prodotti alimentari ai livelli più alti di sempre a marzo, anche se da allora alcuni sono leggermente diminuiti. Lo stallo con la Russia sullo spostamento dei carichi di grano dall’Ucraina per l’esportazione è stato parzialmente risolto e alcune spedizioni sono state spostate, ma i raccolti di Ucraina e Russia saranno influenzati quest’anno e il prossimo.
L’aumento dei prezzi dell’energia e dei fertilizzanti, che hanno subito un’impennata anche a causa dell’invasione dell’Ucraina, ha un impatto, mentre la ripresa della domanda dopo il blocco di Covid ha aggiunto ulteriore pressione.
Anche i raccolti di cereali in Europa, Nord America e India hanno risentito della crisi climatica. Le ondate di calore dello scorso anno in Canada hanno danneggiato i raccolti di grano e quest’anno le alte temperature e gli incendi selvaggi potrebbero causare danni.
Tutto questo si aggiunge a un quadro roseo per i produttori di cereali. La domanda per il loro prodotto è in aumento, le forniture sono limitate e, nonostante l’aumento dei prezzi dei fattori produttivi sotto forma di energia e fertilizzanti, i loro profitti sembrano sicuri.
Il Guardian ha contattato le quattro società ABCD per un commento, ma non ha ricevuto risposta.
De Schutter ha dichiarato: “In definitiva, dobbiamo spezzare i monopoli che hanno una morsa sulla catena alimentare. Una manciata di aziende controlla i mercati globali delle sementi e dei fertilizzanti, la genetica animale, il commercio globale di cereali e la vendita al dettaglio di prodotti alimentari. Stanno realizzando enormi profitti a spese degli agricoltori, dei consumatori e dell’ambiente”.
Nel Regno Unito, i prezzi dei generi alimentari sono aumentati per molti prodotti di base, aggiungendosi alle preoccupazioni per i prezzi dell’energia che quest’inverno dovrebbero superare le 3.500 sterline all’anno per la famiglia media. Gli attivisti per la lotta alla povertà hanno avvertito che quest’inverno le persone si troveranno di fronte a scelte difficili, se mangiare o riscaldare le proprie case.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.