Giovanotti, fatevi un goccio!

Dal blog https://comune-info.net

Francesco Gesualdi 15 Settembre 2022

Sappiamo bene che, quando capita di scrivere che quella complessa relazione sociale che siamo soliti indicare con il nome di Stato è prigioniera delle dinamiche del capitale, molti di coloro che leggono pensano di trovarsi di fronte a un’affermazione “ideologica”, una sorta di inutile slogan. Poi però succede di imbattersi in notizie curiose (ma insieme tremende) come quella che racconta qui Francesco Gesualdi. Sono notizie che mostrano un risvolto essenziale di quella affermazione con disarmante concretezza e, forse, qualche riflessione s’impone. Nel 2020 le entrate fiscali del Giappone hanno fatto registrare una perdita di oltre 8 miliardi di dollari alle casse pubbliche. Tra le misure che l’Agenzia delle Entrate nipponica ha deciso per porre rimedio a quell’emorragia di denaro c’è un concorso a premi riservato ai pubblicitari  fra i 20 e i 39 anni, affinché elaborino proposte per promuovere il consumo di alcolici fra i giovani. Lo promuove lo Stato. Com’è noto, dalle nostre parti, il caso che fa più discutere è quello che riguarda il gioco d’azzardo, che – in quanto a dipendenza e devastazioni sociali – non ha certo molto da invidiare al consumo di superalcolici. Gesualdi conclude il suo articolo con una considerazione secca quanto sensata: soprattutto quando si parla di spesa pubblica, c’è da scegliere in modo netto se privilegiare il denaro o le persone e l’ambiente. E sarebbe utile una certa sobrietà

La notizia ha fatto subito il giro del mondo perché contravviene a ogni regola di buonsenso sanitario e sociale. In Giappone, la National Tax Agency, il corrispettivo della nostra Agenzia delle Entrate, ha lanciato un concorso a premi riservato ai pubblicitari  fra i 20 e i 39 anni, affinché elaborino proposte per promuovere il consumo di alcolici fra i giovani.

Il bando, aperto dal 14 agosto al 9 settembre, chiede di elaborare non solo messaggi promozionali accattivanti, ma anche di ideare contenitori e forme di etichettatura  ad alta capacità seducente.

In particolare si sollecita la creazione di messaggi capaci di promuovere il consumo di bevande alcoliche in ambito domestico, ricordando che si possono sempre ricevere comodamente a casa propria tramite rider. E per ottenere un’alta partecipazione al concorso, l’Agenzia ha fatto sapere che  le migliori proposte  saranno premiate pubblicamente nel corso di una cerimonia organizzata   a   Tokyo il prossimo 10 novembre. In più  sono previste forme di sostegno  pubblico per la realizzazione delle proposte più convincenti. 

L’Agenzia delle Entrate Nipponica sostiene di avere assunto un’iniziativa tanto bizzarra per arrestare la perdita di entrate fiscali sulle vendite di alcolici che da una decina di anni registrano un calo costante.

Per la precisione in Giappone il consumo di bevande alcoliche, birra compresa, è passato da 100 litri a persona nel 1995 a 75 nel 2020 con perdite significative da parte dell’erario. Lo dimostra il fatto che mentre nel 2011 gli introiti sugli alcolici rappresentavano il 3% delle entrate fiscali, nel 1980 addirittura il 5%, nel 2020 contribuivano appena  per l’1,7%.

L’anno horribilis è stato proprio il 2020 che ha fatto registrare una perdita di oltre 8 miliardi di dollari alle casse pubbliche. E gli esperti non hanno dubbi: la colpa è del Covid che non solo ha impedito alla gente di frequentare i locali pubblici, ma quel che è peggio l’ha costretta a lavorare da casa. In Giappone uno dei momenti in cui si assumono alcolici è nel dopolavoro quando ci si intrattiene per fare quattro chiacchiere con i colleghi.

Ma il lavoro a distanza imposto dal Covid ha fatto venire meno quest’occasione e i consumi di alcolici sono crollati. Il peggio per l’erario è che ragioni di tipo energetico e climatico rischiano di fare del lavoro a distanza un fenomeno permanente che trascina con se la cancellazione del tradizionale incontro fra colleghi accompagnato da un bicchiere di birra.

Nessuno saprà mai se dietro all’iniziativa della National Tax Agency c’è la mano lunga delle lobby giapponese delle bevande alcoliche che sarà la prima a beneficiare di una pubblicità più aggressiva. Ma anche se  andasse a beneficio esclusivo dell’erario, ci sarebbe ancora molto da discutere sulla liceità dell’iniziativa. 

Ciò che proprio non torna è che pur di far cassa lo stato promuova il consumo di una sostanza tossica, che può far perdere la padronanza di sé e può indurre dipendenza. In Italia lo abbiamo già messo in evidenza quando abbiamo condotto la nostra battaglia contro la pubblicità del gioco d’azzardo: non c’è ragione finanziaria che possa giustificare la promozione di pratiche e sostanze che danneggiano la salute delle persone, l’armonia delle famiglie, l’equilibrio sociale.

Tanto più che per lo Stato si tratta sempre di una vittoria di Pirro: quanto incassa sotto forma di imposta sui consumi nocivi lo deve rispendere, forse moltiplicato, sotto forma di spesa sanitaria, di spesa sociale e di spesa per ordine pubblico, utile a rimediare  i danni creati dalle dipendenze.

Oltre che per motivazioni di rispetto umano e sociale, la scelta giapponese non può essere approvata anche per una ragione politica che ha a che fare con la funzione del prelievo fiscale.

Il fisco, e la nostra Costituzione lo dice bene, non può essere visto solo come un mezzo per garantire denaro alle casse pubbliche. Questa funzione deve sempre conciliarsi almeno con altre due finalità: quella di solidarietà e quella di redistribuzione della ricchezza in un’ottica di equità.

Non a caso la nostra Costituzione indica come criterio principe la progressività, da attuarsi non solo sulle forme di prelievo diretto, ma anche indiretto riguardanti i consumi. Un criterio che in tempo di campagna elettorale tutte le forze politiche farebbero bene a tenere presente invece di lasciarsi a dare a promesse mirabolanti che oltre a essere fasulle sul piano della sostenibilità finanziaria sono palesemente contro la Costituzione.

Ma oggi che la crisi ambientale è evidente in tutta la sua gravità, è urgente attribuire al fisco anche la funzione di orientamento dei comportamenti affinché famiglie e imprese compiano scelte rispettose dell’ambiente.

Le imposte sui consumi vanno modulate in modo da incoraggiare i comportamenti virtuosi e scoraggiare quelli dannosi. In questo solco, ad esempio, si iscrive la tassa sul carbonio, più nota come ETS, imposta alle imprese in ambito europeo per contenere le emissioni di anidride carbonica. Ma molte altre varianti andrebbero introdotte per scoraggiare i consumi superflui e incoraggiare, al contrario, la preferenza per gli imballaggi leggeri e il riciclo dei materiali.

Alla fine la grande decisione che dobbiamo prendere è sempre la stessa: dobbiamo scegliere se privilegiare  denaro e  potere o  persone e  creato. Una scelta che si impone soprattutto quando parliamo di tasse e di spesa pubblica.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.