ALCUNE IDEE PER RIFLETTERE SU UN PROCESSO IN ATTO CHE RIGUARDA TUTTI GLI ITALIANI, MA IN PARTICOLARE IL M5S

Ecco però già in questo scorcio pre elezioni ognuno può farsi un idea di come possono essere gli scenari politici ! Basta avere un pò di senso della realtà e aguzzare la vista ragionando .
C’è un ex movimento passato alla funzione di partito con tanto di vertice autoeletto che si prepara a vincere la scalata al parlamento . Gli elettori decideranno , sty tunned !
Come ci siamo arrivati ?

Dall’apparenza di democrazia dove si sono autoproposti in 15.000 alla scure gigginiana e di pochi altri, che ha ristretto e fatto un misto lana preparando il terreno per decine di viados del gruppo misto dato che la fretta e la “non conoscenza ” dei proposti ha condannato a espellere ancor prima di essere eletti una fila di non in regola, indagati, massoni , ecc . Si vedrà !

Se poi vincessero e fossero incaricati di amministrare, c’è in atto una giravolta di assurda ricerca esterna di competenze per fare una squadra di governo fra gente mai vista , cui solo pochi fidati del capo avevano forse contatti e fra cui molti prescelti hanno rifiutato subito, perché non li convince la naturale mancanza di squadra coesa e determinata, il programma stesso con buone idee ma molto teoriche , insomma senza un vero progetto di trasformazione consensuale realizzabile, convincente dell’Italia dentro alla realtà autoritaria ed ingerente della UE e della stretta dei mercati finanziari
Ma qualcosa qui dovrebbe far dire: come può succedere o meglio come si è arrivati a questo punto ?
La mia idea è che c’è un ovvio concorso di colpa fra Di Maio, il fantasma staff e i pochi del cerchio magico da una parte e della base militante sicuramente onesta e pulita ma poco propensa alla politica .
Ci si è arrivati per delega ! La fiducia ha sostituito la discussione collettiva, il poco tempo ha dato adito al …mi devo fidare. Le questioni importanti come la gestione interna delle contraddizioni, la formazione di un collettivo che possa decidere che per un movimento è essenziale è stata smantellata a poco a poco con la scusa che era complesso gestirla, sostituita appunto dal cerchio magico decisionale, con il controllo dei pochi soldi circolanti e della proprietà del logo, tanto si dice : contano le idee non le persone . Cazzate !
Così pian piano si è fatto spallucce su dettagli come il tema uscita dall’euro, su aspetti decisivi come la formazione di reddito legato a nuovo lavoro, su sistemi di gestione concreta del debito pubblico, su vero incremento dell’energia ecosostenibile, su come cambiare l’intero assetto della sanità che riguarda il 70% circa del bilancio statale e via così. Fino ad arrivare a concepire come” battaglia primaria” la questione dei tagli agli stipendi o dei vitalizi dei parlamentari eletti che, se è giusta come aspetto morale dopo anni di schifezze, è però relegata dalla media dei cittadini non di sicuro al primo posto oltre ad essere quantitativamente poco influente .
Cioè il fallimento è di non aver creato una struttura di attrazione convincente per quella quota non compromessa con gli altri partiti di tecnici, competenze amministrative e professionisti . Quindi alle elezioni giggino va in giro di notte con la candela a cercare luce da sconosciuti dopo aver scrollato buona parte dei militanti dalle liste e aver messo buona parte di fedeli senza altro merito politico.
La base glissa, si fa andare bene ogni sputo in faccia , il mantra è : non è il momento solo che sono anni che qualcuno dall’interno protesta si oppone , fa le bizze ma non influenza .
Ecco allora il fedele Borelli( ora passato all’incasso con giravolta velocealla UE) con il Casaleggio J. fare il tentativo quasi massonico di portarci nel parlamento europeo nelle grinfie dell’Alde. Ecco imbastire al volo una votazione (provi a farlo un qualunque militante certificato) a cui rispondono in circa 40.000 senza sapere nemmeno di cosa si parla e per mera fortuna la realtà politica internazionale mette il niet all’operazione .
Allora si salta ogni indugio addirittura cassando una regolare votazione a Genova che fa scappare centinaia di militanti storici imbufaliti non solo liguri per l’affare Cassimatis.
Saltati tutti i gruppi di lavoro che già avavano fatto spesso ottimo lavoro di analisi e di progetto sui territori, segando letteralmente ogni minima struttura anche provvisoria di militanti per lavoro collettivo sul territorio.
Infine si crea una nuova associazione per gestire la politica essendo complesso espellere tutti quelli dissidenti , per raccogliere gli avanzi militanti
Chi c’era o c’è sa, inutile continuare, l’onestà intellettuale vuole che questa è la verità dei fatti su cui si possono dare giudizi diversi, ma che ha portato un movimento ad essere una struttura diversa dopo 10 anni dalla nascita, con obiettivi diversi in cui la militanza fra la gente è delegata ai territori ma senza mezzi, che al massimo possono fare banchetti e volantinaggi mentre la politica vera la fanno cerchie ristrette scegliendo senza nessuna partecipazione, decidendo su questioni importanti, gestendo risorse economiche importanti per convegni, ricerche , altro .
Fare un governo con la maggioranza di persone esterne, compresa la stessa figura dell’economista Fieramonti arrivato fresco dall’Africa per salvare il salvabile e assunto ad interim, persone competenti per professione certo, ma senza un supporto di squadra dignitoso in un mondo di ladri matricolati e corrotti lobbysti non può essere una cosa seria .

Come si possono fare alleanze anche solo su punti se non ne hai mai davvero discusso anche con l’ultimo militante, dimostrando in fondo di non rispettarlo personalmente rendendolo inutile ?
Questa cosa non reggerà !

Chiamarli al governo sarebbe una bella mossa di Mattarella per metterli alla prova e farli crollare in due mesi per un compito enorme, dove devi cambiare oltre che le linee generali di indirizzo tutte le infrastrutture amministrative e tecniche che remeranno contro come è successo a Roma capitale ma con una forza dieci volte maggiore perché grandi opere e progetti avviati valgono miliardi e  la Troika che soffia sul fuoco assieme ai mercati finanziari .
Non mi fa piacere dire queste cose, perché il sogno era anche mio, ma chiude un epoca di pressapochismo e poca capacità politica, difficile da ripetere

Prenderanno un mare di voti e sarà come andare nudi a combattere chi ha armi in mano.
Il mantra sui social oggi è : non è la priorità discuterne oggi (prima delle elezioni) ma ormai sono anni che il movimento 2.0 è cambiato in peggio proprio perchè ad arte si diceva parliamone dopo e quel dopo non arrivava mai .

Ora c’è il concreto rischio che quella quota onesta e combattiva si scoraggi, sia delusa e smetta di battersi.
Non so cosa succederà concretamente, queste elezioni sono in assoluto un salto nel buio. Da una parte l’impreparazione, dall’altra accordi più o meno segreti già in essere, patti fra formazioni varie, fra partiti banditi e formazioni civetta , gruppi inutili da erosione di consenso allo scopo di vincere a dispetto dei numeri usciti dalle urne.

Non è mai troppo tardi avviare una seria riflessione e salvare il salvabile . Le occasioni di cambiare nella società sono al massimo ma con il minimo di preparazione e volontà politica , Sono aperte le scommesse !
Gianni Gatti
Savona 28/2/2018

4 Comments

  1. No guarda, ad esprimersi male sono io, NON è critica personale e te e al tuo percorso o alle tue idee, è critica generale sui tanti che si lamentano e non sanno neanche perchè o solo perchè a loro è toccato subire cose che loro stessi avrebbero fatto ad altri in ruoli differenti. Io sostengo che tra i militanti c’è sempre stata guerra e che questa è culminata con la deprecabile scelta su genova.

    Mi piace

    1. OK capisco alle volte sbagliamo i modi ma alla fine si trova un equilibrio , proprio perchè continuiamo a parlarci , mentre altri chiusi in adorazione non provano neppure a entrare in rapporto , anche solo per affermare argomentando le loro idee diverse . E’ un percorso difficile che ha aspetti di psicologia di massa non facili da interpretare . Mi viene in mente il referendum repubblica o monarchia del 1948 dove su 22 milioni di votanti ben 10 dissero ancora si alla monarchia ed erano appena usciti dalla guerra …. Gli italiani hanno tutto dentro creatività e parassitismo anche intellettuale . Per questo ritengo utile questo piccolo blog per dare idee da elaborare a chi ha dato in appalto il cervello

      Mi piace

  2. La domanda sarebbe: come mai i “militanti storici”, chiamati così per avvallare una sorta di “elevati” per il solo fatto di essere iscritti da tempo a meetup e M5S, si sarebbero fatti “rubare” un’idea meravigliosa? IO la risposta la conosco, caro Gianni, è sta esattamente dentro il perimetro classico italiano per il quale, praticamente TUTTI, i vecchi militanti volevano decidere come ora luigino e staff stanno facendo …. tu forse su Genova non eri presentissimo all’epoca, ma ti ricordo delle guerre tra meetup genovesi all’epoca del battesimo di Putti a candidato. Chi ha deciso che fosse il suo meetup di trenta persone quello che doveva andare a certificazione? Chi ha deciso che solo per il fatto di aver combattuto per una grande causa lo “elevasse” ad rappresentarci? Ci ricordiamo del Pizza? Esattamente la stessa cosa, con l’aggravante che il Pizza era stato maggiormente aiutato da Beppe e quindi maggiormente traditore al momento giusto ….. E poi, dove erano TUTTI questi storici “esclusi” brutalmente dalla selezione di “Alice” nel 2013? Forse oggi si sono moltiplicati per il grande spirito degli € che arrivano ad un parlamentare che anche qualora si restituisse tutto si “gestiscono” decine di migliaia di € al mese? No, spiace, ma io non ci sto. Bene fare critiche anche dure, ma sparlare del M5S solo per essersi autonominati martiri dello stesso non mi piace. Detto ciò, spiace che tra gli esclusi o “persi” nei percorsi NON democratici si siano perse persone sicuramente valide. ma il giudizio complessivo delle iniziative “locali” dei meetup, per me, è peggio di ciò che ora sta facendo il “vertice”.
    Luigi

    Mi piace

    1. Caro Luigi vorrei evitare di risponderti per dirti che io NON sono invidioso di ciò che fa il buon Luigi , ma mi pare sia utile dirlo qui anche se io l’ho SCRITTO in molti articoli, documenti ecc. Ho sempre pensato che il tradimento come dici tu sia stato non assecondare le paturnie dei singoli, ma affrontare ogni tema come collettivo . Ho criticato aspetti politici locali e nazionali rappresentati proprio ad es. come per il Pizza, come x Quarto , come la cacciata di Napoli degli espulsi , ecc come errori di banale comunicazione e il non esercitare la democrazia ….la fa perdere . Tu citi la vicenda Putti che non conosco , ma hai ragione un errore di comunicazione e di sovranità forzata invece del dialogo collettivo. Così come penso che la squadra di governo scelta sia di persone ottime , ma la squadra al momento non c’è nella sua dimensione rodata e sicura di chi ci è abituato e quindi non ho strumenti per capire come funzionerà. Il M5S è “cresciuto (per certi versi come militanti è decresciuto) proprio attraverso soprusi e piccole truffe come con la questione Alde, come la questione Cassimatis a Ge , ecc . Dove vedi invidia che a sua volta non ti fa vedere elementari salti di procedure di normale gestione comune con l’abolizione di gruppi di lavoro, di forme di aggregazione fra meetup e via discorrendo per arrivare alla gestione dei pochi soldi (che non sono pochi) in modo non collettivo e centralizzato , compresa la gestione del blog con le famose votazioni pilotate e farlocche su tanti argomenti ?. Non c’è che un problema di democrazia , anche procedurale , il cui salto da tempo ha cambiato le regole ed anche parte degli aspetti politici di programma che non sono stati davvero attraversati dalla critica dei militanti. Se ti pare poco e quanto ho scritto di critica al M5S ti sembra una rivincita personale , beh nel caso peggiore dirò non hai capito o forse non mi sono espresso bene . I motivi sono fondati, l’analisi che faccio spesso non è affatto alimentata da rancori personali. Se cambiassero le cose ritornerei a frequentare . Tanti amici con cui sono in contatto sono dispersi e un pò disperati. Quindi raga entra nel merito e non menarmela sul personale , chi ha fatto cose contro i militantio non sono io e neppure tu , usciamo da questo frame

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...