schiacciante produzione di bufale di stato sul gas nervino – 102

ostato il 

“Hanno usato gas nervino nelle nostre strade, nelle strade d’Europa. La prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale”.

cosi` dichiara Boris Johnson, il pittoresco ministro degli esteri inglese, che fa sembrare Salvini che giura sul vangelo un uomo di stato.

l’uso del gas nervino, sia pure in quantita` limitatissime, e` certamente sconvolgente. ma il gas nervino non e` MAI stato usato nella seconda guerra mondiale in Europa; chi vuole puo` controllare la voce su wikipedia.

i nazisti ne avevano avviata la produzione nel 1942, ma perfino Hitler non ebbe mai il coraggio di dare l’ordine di usarlo.

la fabbrica venne bombardata dagli americani e dagli INGLESI il 5 febbraio 1945, totalmente indifferente ai rischi terribili per la popolazione, ma si trattava di evitare che cadesse nelle mani dei russi.

poi, dopo la guerra, i proiettili caricati a gas vennero fatti affondare nel mar Baltico e in una fossa oceanica al largo della Florida.

le accuse di avere usato gas nervino agli americani nella guerra di Corea negli anni Cinquanta e in quella del Vietnam degli anni Sessanta-Settanta, ai russi nella guerra in Afghanistan degli anni Ottanta, ai vietnamiti nella guerra in Cambogia negli anni Settanta-Ottanta non sono mai state provate, cosi` come quelle piu` recenti al regime di Assad di averlo usato in Siria.

certamente venne usato invece da Nasser nello Yemen negli anni Sessanta e da Saddam Hussein a varie riprese contro l’Iran negli anni Ottanta.

il gas nervino venne usato anche da un gruppo terroristico giapponese per alcuni attentati, tra cui quello alla metropolitana di Tokyo del 1995, che uccise 13 persone e ne intossico` 6.000; i relativi processi che hanno cinvolto sinora in tutto 192 persone si sono appena conclusi definitivamente e questo dovrebbe rendere prossimamehte esecutive le condanne a morte emanate via via.

lo stesso ineffabile Johnson ha proclamato, con una sfida alla logica evidente, “noi crediamo che sia probabile in modo schiacciante che sia stata sua – di Putin – la decisione di usare un agente nervino nelle strade della Gran Bretagna, dell’Europa”.

non sentite qualcosa di strano?

intanto vi e` un precedente storico abbastanza vicino che puo` essere ricordato anche senza consultare le enciclopedie online: l’accusa di produrre gas nervino fu quella usata da americani e inglesi per aggredire Saddam Hussein con la seconda guerra del golfo del 2003.

non e` un buon precedente, visto che la storia ha dimostrato che quelle accuse erano totalmente inventate e servivano a giustificare una guerra criminale.

ma la cosa che fa ancora piu` senso e` sentir dire “nelle nostre strade, nelle strade d’Europa” a Boris Johnson, uno dei protagonisti della brexit.

la cosa e` talmente grottesca che a me fa l’impressione che la vera posta del gioco sia questa.

guarda caso, questo episodio incomprensibile in apparenza, avviene giusto al momento nel quale le trattative sulla brexit sono giunte ad un binario morto e fanno scattare sull’attenti una inverosimile solidarieta` europea col Regno Unito in fuga.

tra l’altro, questo attentato colpisce al cuore proprio le relazioni inglesi con la Russia, che potevano rappresentare una delle possibili alternative a quelle con l’Unione Europea, e rendono oggettivamente ancora piu` problematica per gli inglesi la realizzazione del loro confuso progetto politico.

la City si e` riempita ampiamente in questi anni di capitali russi di dubbia origine che vi confluivano in massa, anche per riciclarsi; ed ora, ecco un episodio misterioso, che colpisce al cuore questi traffici oscuri, vitali del resto per un Regno Unito del futuro, furori dall’Unione Europea.

il comunicato della NATO sulla vicenda, peraltro, non accenna minimamente alle eventuali responsabilita` russe su questa storia, che paiono oggettivamente poco credibili.

qualcuno dovrebbe spiegare come mai Putin si sarebbe fatto carico di questa rogna a pochi giorni dalla elezioni che lo riconfermeranno a schiacciante – questo si` – furore di popolo: qualcuno suggerisce per rinvigorire una partecipazione al voto traballante…

ma sono bufale evidenti, come tutta l’incerta ricostruzione dei fatti…

Secondo le ultime ricostruzioni della stampa, l’agente nervino che ha ridotto in fin di vita l’ex spia russa Sergei Skripal e sua figlia potrebbe essere stato messo nella valigia della ragazza prima ancora che lei partisse da Mosca. Questa sarebbe la conclusione alla quale sarebbero giunti gli investigatori, secondo il Telegraph, che cita fonti di intelligence di alto livello. Si indaga ora sulla possibilità che sia stato impregnato con la sostanza velenosa un abito nella valigia o addirittura un regalo che è stato poi aperto nella casa a Salisbury, il che indica che la donna era stata presa di mira per arrivare al padre.

ti piacciono i gialli dell’ispettrice Scarpetta?

allora saprai gia` che il vero colpevole non e` mai il primo sospettato.

l’unica cosa certa, dietro queste belle fantasie, sta nel fatto che non si e` trovata nessuna prova ma neppure indizio che sia stato portato nel regno Unito per l’occasione…

Dalle indiscrezioni del Telegraph non si capisce peraltro se la potenziale versione della valigia si basi su qualche traccia concreta già rinvenuta. O se invece sia stata messa sul tavolo per esclusione, dopo il mancato ritrovamento di alcuna traccia dell’arrivo in Gran Bretagna di quella «squadra di esecutori al servizio del Cremlino» che – nelle parole del giornale conservatore – gli investigatori pare immaginassero di trovare.  

se cerchiamo di restare lucidi e di mantenere senso critico rispetto alla propaganda, c’e` una ipotesi che e` la peggiore di tutti e che proprio tutta questa confusione cerca di tenere nascosta: che questa sostanza sia oramai entrata nella disponibilita` dei gruppi oscuri o semplicemente malavitosi piu` vari.

insomma, potrebbero esserci organizzazioni, criminali quasi quanto i governi, che dispongono di questa sostanza terribile e che la possono usare, al servizio di chiunque, governi o altre bande criminali meno ufficiali, e per gli scopi piu` diversi.

giappone2-U1020447006813bFG--640x360@LaStampa.it

esercitazioni a Singapore per preparare la popolazione a possibili attacchi col gas nervino, come quelli avvenuti a Tokyo nel 1995

intanto che ci preoccupiano di questo, che e` un problema molto serio, possiamo sorridere degli attacchi di russofobia a comando, l’ultima arma a disposizione della classe dirigente dell’Occidente in declino.

pero` stiamo bene attenti alle bufale che vogliono preparare le guerre.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...