morte poco cattolica di un maschietto Alfie

di bortocal15

povero bimbo, finalmente la morte ha avuto pieta` di lui.

e noi cerchiamo di avere pieta` dei suoi genitori, incapaci psicologicamente di accettare la sua morte e capaci pero` di creare un clamore mediatico enorme attorno ad un triste caso di mortalita` quotidiana.

noi possiamo dire, invece, che la mano pietosa della natura ha liberato Alfie dalla sua epilessia mioclonica progressiva e dalle crisi convulsive sempre piu` forti che ne hanno segnato la triste breve esistenza.

noi che abbiamo davvero pieta` di lui e non delle nostre umane paure.

. . .

e` la morte che non ha piu` posto nel mondo alla Facebook dei narcisi che si sentono resi onnipotenti dalla scienza.

se si muore, oggi, sembra diventato impossibile dare la colpa alla natura capricciosa, sempre matrigna verso ogni essere umano – resta soltanto incerto il quando.

ma occorre dare la colpa a qualche essere umano, visto che gli umani si ritengono oramai onnipotenti.

 

salvate Alfie! gridano i manifestanti che sembrano di una eta` mentale simile alla sua e portano in giro la fake news implicita che qualcuno puo` effettivamente salvare Alfie.

il piu` mostruoso dei falsi, ma quello che fa meno paura, perche` diffuso da coloro che hanno il diritto arrogante di farlo.

coloro i quali affermano che Alfie e` stato ucciso dai medici sono l’equivalente online di quelli che fanno una spedizione punitiva per picchiare i medici, se muore loro un parente.

. . .

la seconda deformazione del pensiero che il caso di Alfie mette in chiaro e` l’identificazione della vita umana con la sopravvivenza del corpo, anche se ridotto alle funzioni fisiche elementari, e anche se queste sono sostenute artificialmente.

e` un simulacro, una larva di vita, quella che si definisce tale e che dovrebbe essere mantenuta artificialmente ad ogni costo: non conta nulla se un cervello oramai compromesso non e` in grado di svolgere una attivita` umana: la tutela di un sonno profondo, che non esclude una confusa percezione del dolore, viene identificata con la vita stessa.

in questa aberrazione mentale si distingue la chiesa cattolica, che fa appello ad una compassione contro natura, che viene deviata dal suo oggetto reale per diventare autocompassione della mente che osserva e che vuole rifiutare l’incontro con la morte definitiva, con la decomposizione.

ma se la sacralita` dell’anima diventa la sacralita` del corpo, perche` dell’anima si e` perso il concetto, quella religione e` ancora la stessa?

. . .

la chiesa ha perso cosi` ogni legame con la sua tradizione di istituzione confortatrice e di maestra della buona morte, per diventare la lobby, isterica nei toni, di una umanita` narcisa incapace di riconoscere se stessa come mortale.

e naturalmente l’Italia, paese cattolico per definizione, pur se la maggioranza della popolazione non e` attivamente credente, non perde l’occasione per qualche goffa iniziativa, come la concessione della cittadinanza alla larva dell’Alfie morente.

gesti grotteschi che fanno quasi benedire la brexit, come separazione di un paese ancora razionalmente pensante da uno dedito ad una demagogia convulsa che non si ferma neppure di fronte alla sacralita` della morte.

. . .

ecco, il caso Alfie e` soltanto l’ennesimo sintomo di una cultura cattolica imbastardita che ha perso, forse definitivamente il senso del sacro e cerca di espellerlo attivamente dalla nostra esistenza nella sua principale manifestazione, che e` l’accettazione della morte.

qui davvero si misura fino in fondo il distacco profondo del cattolicesimo alla maniera di papa Francesco dalla storia di questa religione e la sua riduzione a caricatura di un umanitarismo superficiale e dannoso.

gli esseri umani non sono i padroni della natura, ne sono i figli, e dovrebbero rispettarla anche quando li condanna.

chi non rispetta la natura che condanna a morte un bambino malriuscito scriva pure un’enciclica sull’ecologia come dovere, ma come puo` avere un rispetto autentico per la natura che ci sovrasta?

l’ecologismo di chi si considera, biblicamente, ancora il padrone della natura puo` essere considerato autentico?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...