Genere umano

di Irene Rapelli

Tutti parlano, parlano, parlano.
L’ininterrotto ruscello di verbi
inonda i campi di grano che pochi
devoti al genere umano seminano,
invade case d’amianto o cemento,
cespugli leopardiani in mezzo al nulla,
distrugge villaggi africani, tetti
di paglia, grotte di sapienza antica,
l’anima bulla lucida di schermi,
ma soprattutto l’alito cattivo
uccide le fioriture selvatiche.
Ciascun trotta, trotta, trotta
come uno dei tanti vecchietti imberbi,
s’abbandona a schifosi ansiti rochi
nella cerchia di quelli che dominano,
si rende cieco dietro al paravento
della sua vanagloriosa aria grulla,
distrugge i nuovi ebrei in miseri ghetti,
pazzi innocui con il culo all’ortica,
dentro gli frulla l’odio per gli inermi,
ma soprattutto saltella giulivo
pestando le sue carcasse dogmatiche.
Se ognuno tace, nel silenzio giace
un urlo antiumano, non c’è pace
per costui.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.