Ma quale anestetico stanno usando per il dibattito politico ?

Non è che sono particolarmente stupito, è tutto prevedibile, ma forse vale la pena accennare alcuni aspetti che i più fanno finta di non vedere e non sentire, continuando a fare la” voce dei portavoce” o meglio i postini del sommo capo e del suo cerchio magico .
Così senza un ordine di priorità segnalo agli amici ancora in area M5S che :
– nel Mediterraneo su forzatura degli alleati francesi e americani con contorno di inglesi e soprattutto israeliani (vera novità dell’escalation guerriera) ci stanno un po di problemini fra esercitazioni cui di per sé, non frega a nessuno e tentativi di soluzione finale in Libia con i francesi a premere. In ogni elemento c’è un lento trascinamento verso un area a forte rischio che già da tempo è una condanna per chi ci vive, ma con una regia anche mediatica (ormai le guerre passano dai media) . Non sono chiari se non in modo eclatante gli obbiettivi pratici, ma sono limpidi i motivi di destrutturazione di un area molto vasta.
Nessuna nota del governo attuale italiano su questa situazione sicuramente seguita dal ministro Trenta e a cui partecipiamo in virtù della logistica offerta in pegno del territorio italiano suggellata da Conte con Trump (59 basi varie sul nostro territorio). Dalle dichiarazioni sui social ” noWAR” ai fatti c’è un “filino” di scostamento oggettivo.
Il silenzio è la miglior morte per mascherare ogni mancanza di idea sul banale che fare, dato che le scelte sono state fatte a monte, in fase di formazione del governo sulle alleanze NATO ed estere, dopo un incredibile giro di boa politico rispetto alla maggioranza dei militanti stessi da sempre anti NATO e Anti USA(inteso come governo)
Non è una situazione normale e le tregue che seguono i colpi di coda violenti (aereo russo abbattuto per errore dai siriani pare) non parlano a favore di uno stemperamento internazionale . I più cazzuti sono gli israeliani che ormai foraggiati dagli USA hanno raggiunto un alto livello militare e dei loro service (Mossad ed altri)a cui non basta più aver occupato dal 1967 Gaza e zone palestinesi, ma cercano spazi di espansione attorno a se Libano e Siria compresi con uno strano gioco con l’altro esercito importante in gioco i turchi. Non è importante descrivere altro, ma chiunque abbia un banale senso della logica e della diplomazia deve sfilarsi qui ed ora da questo tourbillon di violenza militare e civile esibita che oltre tutto sperpera milioni di euro ad ogni esercitazione inutile oltre a favorire la vendita di armi e altre migrazioni bibliche!
– La discussione senza scossoni per lo più fatta di parole e piccoli dispetti fra governo italiano e Unione Europea è ad un bivio epocale . La tragedia di Genova ha dato anche ai più disattenti una indicazione di priorità sulle opere e su come spendere risorse . Mentre Di Maio fa continui annunci il suo omologo Salvini smonta il giorno dopo con furbizia demolendo decreti, emendando, ponendo paletti senza clamore mentre la sua unica battaglia mediatico-elettorale è quella contro i migranti nell’anno con la più bassa incidenza reale, ma se lo dice lui, il capitano …e lo è anche come leader in quanto per il suo stretto interesse sta tessendo reti concrete in Europa col PPE e in Italia col buon vecchio Berlusca!
Le risorse accettando vincoli di bilancio non ci sono, non per aprire un vero cambiamento dal reddito di cittadinanza alle riforme fiscali, ecc, così facciamo cose senza costrutto come il decreto dignità che sarà pure un lieve cambiamento, ma nessuna rivoluzione d’insieme nessun nuovo sistema reale sociale.
Il lavoro continua a non esserci e anche se domani fiorissero mille nuovi centri dell’impiego con meravigliosi professionisti dentro non saprebbero che dirti se non, predi valigia e ….
Certo ormai aver fatto “lega con Lega” è diventata anche la miglior scusa, dai la colpa a Salvini e amen che ci vuoi fare, cause di forza maggiore.
Ma nella stessa Lega dove Bagnai e Borghi ed altri hanno tuonato ad inizio legislatura su possibili minibond, su moneta parallela per arrivare a moneta sovrana e fare le riforme complessive dove li hanno chiusi? Nel buio di qualche biblioteca dentro qualche castello del trentino a fare ricerca semiologica? . Sono morti tutti quelli un po diversi con idee e competenze ? Gli hanno fatto una offerta che ….”non potevano rifiutare ” ?
Perché se si è iniziata una discussione tutta chiusa e definita fra loro ce lo dicano e ce ne faremo ragione, mentre la maggioranza era appunto per un lento ritorno a moneta sovrana, energia sovrana, autonomia sovrana mentre qualcuno ha deciso da solo la linea di andare a Bruxelles a pietire piccioli, a chiedere all’ubriacone Junker di essere un pò più generoso e aprire i cordoni della borsa.
Per assurdo questo dibattito c’è pochissimo sui social, se non segmentato a compartimenti chiusi, non in collegamento espansivo, per niente all’interno del movimento ed è tutto spiaccicato sui media main stream che ogni giorno ci spiegano la realtà che vediamo. SILENZIO ASSORDANTE !
Come colleghiamo i Venti di guerra con la necessità di cambiamento fra prove muscolari nel Mediterraneo e “mission impossible” in EU ?
In medio oriente forse…. e gli obiettivi di programma in Italia che parevano essere nell’ordine di idee del movimento in cui però dal mattino alla sera cadono certezze come coriandoli al vento ?
Se ci si guarda davvero intorno politicamente nei residuali, nelle frammentazioni improvvide tipo Dema, tipo Dem25 e altri gruppuscoli a decine, in rappresentanza di tre per gruppo, non di più, gli avanzi dei vari comitati (NOTAV, NO Terzo Valico,per l’ambiente, per i trasporti, ecc) C’è in questo al netto delle parole una quota rilevante di persone rese orfane e in parte isolate che in questo gioco non daranno più in nessun modo fiducia in caso di nuove elezioni.
Salvini quello insultato da tutti ha reso questo governo più vicino alle idee della Lega stessa e più lontano dalle idee del movimento, sicuramente dagli interessi dei cittadini
Niente di nuovo sotto il sole, al di là di spot moralistici sui rimborsi (cui a centinaia hanno già fatto ricorso) o sull’aereo di “Renzi” dopo gli esploit antiBenetton (sacrosanti) ora chi gestisce cosa, chi decide come e cosa costruire ? E le nazionalizzazioni grande cavallo di battaglia per la pancia del popolo che possibilità reali hanno di essere costruite dallo stato se questo stato è un colabrodo e la corruzione non solo economica è dentro le istituzioni, nel MIT, nei vari ministeri, nelle grandi aziende gestite come private da manager strapagati e che non entrano in vero conflitto fra loro perché in poche decine di privilegiati siedono sulle stesse poltrone in un tour over di lusso ? Una forma sana con cui gestire le autostrade non c’è , forse si potrà nel tempo ma oggi ….?
Credo che le opzioni siano davvero al lumicino anche perchè non c’è un luogo vero di confronto diretto, il cerchio magico agisce, decide e poi ti spiega, tu continua a fare gazebo sperando e mi raccomando scrivi pure a Rousseau avrai soddisfazione piena di sicuro.
Chiudo questa chiosa un pò maligna e provocatoria nell’attesa di essere smentito con argomenti seri, gli insulti vengono banditi al volo, dato che la pazienza ce l’ho solo più a cercare poesie, non per questa politica indecente e fallimentare.
Ancora “sollevare dubbi” è diventato il mio sport preferito mentre vorrei tanto riconoscere che invece sono io fuori dal mondo e la discussione c’è ma non la vedo
Gianni Gatti
18/09/2018

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.