Sguardo inquieto

E quel tuo sguardo inquieto,

come di vento strano,

che accarezza il cielo

passando in mezzo al grano.

E leggo con dolcezza,

i tuoi occhi profondi

come lame taglienti,

che lasciano intravvedere,

oltre a questo, altri mondi.

Dalle tue chiuse labbra,

parla il silenzio mio,

piccola preghiera muta,

che mi riporta sereno.

Vorrei poter guidare nel mio pensarti ora,

ogni parola in volo, per un momento solo

in un cielo blu esploso sotto al sole

 

Gianni Gatti

20/09/2018

8 Comments

    1. Ho tempo, ma sono anche insonne, infatti spesso scrivo poesie di notte… per questo ne sparo ogni giorno, cioè al mattino seguente… perché è meglio passare il tempo a cercare d’esternare che a rigirarsi nel letto coi nervi a fior di pelle attendendo il momento di crollare esausta nel sonno.

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.