Si Salvini chi può…

Dal blog comedonchisciotte.org

DI FRANCESCO MAZZUOLI

comedonchisciotte.org

Diceva un saggio indiano che gli imbecilli hanno un unico grande merito: quello di farci sentire più intelligenti.

Ahimè, è una consolazione davvero misera, come quella di un vecchio signore che mangiava la merda col cucchiaino.

Oggi, dopo aver seguito le inconcludenti e scontate vicissitudini del governo giallo-verde, e assistito alle ultime uscite del “capitano” Salvini, riassaporo con un certo amarognolo piacere, il diluvio di insulti che accompagnarono la disamina che avevo proposto conSovranismo all’italiana.

Matteo Salvini@matteosalvinimi

#Salvini: non vogliamo uscire da niente, vogliamo cambiare le regole di questa Europa dall’interno. È come un’assemblea di condominio dove l’amministratore fa il furbetto: non sfascio il condominio, ma cambio chi lo dirige. #mezzorainpiù3.19314:57 – 9 dic 2018Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter1.427 utenti ne stanno parlandoInformazioni e privacy per gli annunci di TwitterVisualizza l’immagine su Twitter

Visualizza l'immagine su Twitter

Matteo Salvini@matteosalvinimi

#Salvini: “L’Europa va male perché è governata male ma a mio figlio voglio dire di aver rifondato un sogno”, il rapporto tra “Roma e Berlino è fondamentale”. #stampaestera @Stampa_Estera31217:32 – 10 dic 201879 utenti ne stanno parlandoInformazioni e privacy per gli annunci di Twitter

Matteo Salvini@matteosalvinimi

#Salvini: Visti i problemi che ci sono in Francia, l’Europa può ripartire dal dialogo tra Berlino e Roma. L’asse franco-tedesco sta mostrando dei limiti, farò di tutto per rinnovare un nuovo asse Roma-Berlino.1.93017:37 – 10 dic 2018Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter1.760 utenti ne stanno parlandoInformazioni e privacy per gli annunci di Twitter

Assieme al succitato articolo, consiglierei ai detrattori Elezioni in un Paese occupato,  e, soprattutto,  questa ottima analisi, che spiega nel dettaglio perché l’Unione Europea non possa essere riformata, ma solo rifiutata.

Lo so, è uno sforzo intellettuale che molti non possono sostenere, ma potrebbe essere un modo di impiegare il tempo più utile del passare le giornate al bar attendendo il reddito di cittadinanza o l’estrazione di tagliandi perdenti delle lotterie.

Certo, l’ambivalente collezione di felpe e magliette camaleontiche, con la quale l’ex ragazzo di Pontida ha tentato di volta in volta di blandire l’interlocutore di turno, avrebbe dovuto mettere sull’avviso più di qualcuno, ma anche questo strumento di marketing, così grossolano ed elementare, non lo è evidentemente abbastanza per essere compreso dal suo elettorato.

Salvini con le sue felpe

Così, Salvini può continuare indefesso la sua campagna elettorale permanente, che mira ad arrivare alle consultazioni europee assecondando un disegno americano che Steve Bannon ha dichiarato essere perseguito senza risparmio di uomini e mezzi. E “il capitano”, con le ultime uscite, si sta accreditando come leader europeo all’interno del nuovo quadro pensato dagli yankee per il continente. Lo sbandierato interesse per gli italiani è esibito per opportunistici fini elettoralistici, ma il tutto viene sapientemente avvolto con la cappa dell’ossessionante propaganda sui risultati che si sarebbero ottenuti nel contenimento dell’immigrazione, offuscando le già obnubilate facoltà di comprendonio di un popolo che si accontenta di promesse.

In Francia, ad una grande rivolta “colorata”, anch’essa plausibilemente eterodiretta dall’amministrazione americana, che vuole la caduta di Macron per spezzare l’asse franco-tedesco, la gente ha preso parte copiosa, come sovente accade in quel Paese, culturalmente memore di aver fatto una rivoluzione.

Qui da noi, invece, si attende il reddito di cittadinanza, come i primi cristiani attendevano il ritorno del Cristo risorto. Del resto, non c’è tempo per la rivoluzione, quando incalza il campionato di calcio, e i più valorosi hanno al massimo ghigliottinato la testa di un cetriolo ad un corso di cucina, sognando una gloriosa partecipazione ad un reality culinario.

Il balletto delle cifre sul deficit, chiusosi con uno striminzito 2,04, se non fosse la tragica prova di un Paese suddito, spogliato di qualsivoglia autonomia e dignità – e del marchiano tradimento del mandato elettorale – sarebbe materia di una nuova commedia: Ricomincio da Tria: 

RICOMINCIO DA TRIA LCOCANDINA

Ma ci sono altri personaggi di questa eterna commedia dell’arte italiana, ennesima riedizione di Arlecchino servitore di due padroni.

La palma d’oro per la coerenza va all’unanimità al professor Alberto Bagnai, che ha costruito la sua fortuna argomentando che i problemi dell’Italia sono l’euro e la Germania, e oggi non solo sostiene, ma è organico ad un governo che ha deciso di restare nella moneta unica e vuole rafforzare i rapporti proprio con la Germania, che già storicamente ci hanno portato tanta fortuna (vista la centralità dell’idustria automobilistica tedesca, potremmo chiamarlo il semiasse Roma-Berlino).

Il neosenatore, dopo aver attaccato per anni coloro che ragionano per appartenenza, ci delizia con queste perle:

Alfredo D’Attorre@alfredodattorre · 11 dic 2018

Caro Alberto, la nuova linea è dunque quella di affidarsi in maniera fideistica al Capo senza disturbarlo con critiche o dubbi?
(Chiesto umilmente da chi ha pagato qualche prezzo per non aver mantenuto questo atteggiamento con il Capo della scorsa legislatura…)

Alberto Bagnai@AlbertoBagnai

No. La linea è agire come squadra. Io, a differenza di te, convivo benissimo con l’ipotesi che qualcuno (ad esempio Salvini) ne sappia più di me in un campo non mio (ad esempio la politica), quindi eseguo il compito che mi viene assegnato, e aspetto i risultati per giudicare.20012:58 – 11 dic 2018Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter74 utenti ne stanno parlandoInformazioni e privacy per gli annunci di Twitter

Dimenticando, tra l’altro, che dovere di un parlamentare è conservare indipendenza di giudizio, in modo da poter eseguire il mandato degli elettori nel malaugurato caso che la sua compagine politica lo disattenda.

Dopo reboanti dichiarazioni di voler sgominare il PUDE, partito unico dell’euro, il professore dovrà ora affrontare il temibile PRUDE, sigla che fa riferimento al deretano di chi lo ha votato.

Tuttavia, se le previsioni sull’imminente caduta dell’euro si sono mostrate fallaci, bisogna dare atto a Bagnai che una frase scritta sul suo blog: “In una colonia non esistono statisti”, si è rivelata profetica, visto che il governo di cui fa parte ne è una lampante dimostrazione.

Ma adesso occupiamoci dei fedeli.

Da dove proviene questa cieca fede nel governo giallo-verde? Dal nostro portato cattolico? Dalla tendenza ad affidarci al salvatore di turno? Dalle secolare e zelante opera della chiesa per tenerci nella beata ignoranza? Dal nostro ottimismo facilone e pressapochista che fece capire a Mussolini che il suo progetto di costruire gli italiani era un fallimento?

La psicologia sociale ci può venire incontro con la teoria della dissonanza cognitiva, introdotta da Leon Festinger nel 1957, che viene spesso citata, naturalmente da chi non la conosce.

Secondo tale teoria, quando pensieri, atteggiamenti, comportamenti di una persona non sono coerenti tra loro, si crea una spiacevole dissonanza, che si cerca di ridurre attraverso giustificazioni, che distorcono e spesso rifiutano l’evidenza. E più una persona si è impegnata, ha investito in una scelta, e più aumentano la dissonanza e la tendenza a respingere l’evidenza dissonante.

Nel 1997, ad esempio, 39 membri della setta dell Heaven’s Gate, si uccisero, per liberarsi del proprio “involucro terreno” e consentire all’astronave che -secondo loro- seguiva la cometa di Hale-Bopp, di portarli via verso paradisiache dimensioni ultramondane. Qualche settimana prima, alcuni di loro avevano restituito un costoso telescopio al negozio dove lo avevano acquistato, chiedendo indietro il denaro speso, perchè il telescopio era malfunzionante: “La cometa si vede benissimo, ma non si riesce a vedere l’astronave che la segue”.

Questo meccanismo mentale ha una funzione egoprotettiva, perché preserva ai nostri propri occhi una immagine positiva di noi stessi: è molto difficile, infatti, ammettere che una persona cui abbiamo profondamente creduto per anni, ci abbia preso in giro, perché, significa, in primo luogo, che siamo degli idioti patentati.

Tuttavia, prima o poi la realtà si manifesta con la forza di una valanga: credere, infatti, non costa nulla, ma la disillusione di paga molto cara. E cara la pagheranno Salvini e compagnia, anche perché i tempi per queste rivelazioni pro-europeistiche sono prematuri, le consultazioni europee sono lontane e l’armata Brancaleone arriverà stanca e con un consenso eroso.

Sbaglierò, ma ho la sensazione che Salvini e compagnia siano gli attori inconsapevoli di un copione che prevede, oltre alla nostra, anche la loro stessa  rovina.

Eh, sì, aveva ragione Louis Scutenaire, la morale della storia è: “Il peccato originale è la fede”; ma, soprattutto – come scriveva Flaiano- che: “Dietro ogni italiano, compresi me e voi, si nasconde un imbecille”.

Francesco Mazzuoli

http://www.comedonchisciotte.org

16.12.2018

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.