NEL TEMPO CHE DOLCE MATURA

Lasciai che la montagna 
rimpicciolisse alle spalle,
come ogni mortale
che procede nel nuovo.
Che la luce brillasse frontale
mentre i rumori d’ intorno annullavo.
Camminavo e camminavo
e il sole ogni giorno 
faceva il suo giro, avaro!
Cadevano gli ultimi petali a terra
dei sogni messi in fila, 
e la nebbia s’alzava!…
A tratti correvo bambina,
a tratti di speme bruciavo
e d’ ogni esperienza
i tasselli assemblavo!
Tutto era nuovo e confuso,
capovolta la vita,
nel cuore, fiducia ansimava,
ma, come promette la vita,
cosi ferisce e strappa le attese in salita,
come alle vigne colpite da grandine
sul farsi mature,
mentre si raccolgono i cocci
e d’ogni ora fuggita, poi, ogni cosa dura 
e si riflette con senno, 
mentre le chiome si fanno d’argento,
nel tempo che dolce matura!

DIRITTI RISERVATI, Anna DE FILPO @ Copyright. 27/12/2018. Photoweb

1 Comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.