Le buone notizie

dal blog https://ugobardi.blogspot.com/

Da The Oil Crash, Lunedì 17 settembre 2018 

Traduzione di Marco Sclarandis

Di Antonio Turiel

Cari lettori: 

In tutto questo blog , i problemi che la società industriale sta causando a causa della riduzione dell’energia disponibile sono stati discussi in numerose occasioni. Spesso ci siamo intrattenuti per analizzare fino a che punto la discesa energetica può compromettere la stessa continuità della nostra società, e se alla fine collasseremo o meno. Tutto il discorso che abbiamo fatto finora è che la graduale perdita di energia disponibile è un problema molto serio e che saremo solo rattristati e delusi, permettendoci di chiarire se questi saranno più o meno profondi, più difficili o più sopportabili. Il fatto è che, dopo più di otto anni da quando ho aperto questo blog, non abbiamo ancora analizzato la parte positiva del declino energetico. 

Eppure c’è davvero un lato positivo associato al declino dell’energia. Il fatto che nei prossimi decenni dobbiamo vivere con meno energia implica che, per certi aspetti, si verificheranno una serie di miglioramenti piuttosto sostanziali rispetto alla situazione attuale. Questi miglioramenti, ovviamente, non annullano o eliminano il deterioramento che subiremo in altre aree; ma avere la prova di questi effetti benefici può aiutarci ad avere una prospettiva più corretta di quale sia lo scenario che dovremo affrontare. Ed è che molte volte crediamo che in futuro tutto sarà molto più difficile perché supponiamo che dovremo continuare ad allocare le stesse risorse per fare le stesse cose che facciamo ora, quando invece è probabile che alcune cose miglioreranno da sole e in tal modo ci alleggeriranno, in parte, il pesante fardello futuro. 

Non ne abbiamo mai parlato prima ed è probabilmente un buon momento per affrontare questo problema. È tempo di parlare delle buone notizie. In quanto segue, ne farò un elenco non esaustivo, spiegandoli e contestualizzandoli. 

Limiteremo il cambiamento climatico: attualmente l’aumento della concentrazione di CO2 atmosferica continua oltre 2 parti per milione (ppm) all’anno. In recenti dichiarazioni , il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha affermato che “i cambiamenti climatici si stanno muovendo più velocemente di noi” e che le società umane devono essere convocate per evitare il peggio di questa minaccia, e in ogni caso prima del 2020. Naturalmente Non c’è nemmeno la minima indicazione che una decarbonizzazione così drastica e rapida avrà luogo nei prossimi due anni. Tuttavia, l’inevitabile e probabilmente precipitoso declino della produzione petrolifera , proprio con la crisi economica che si scatenerà, avrà un effetto devastante sulla domanda e il consumo di petrolio (sapete, la spirale) e avrà un effetto simile a quello che abbiamo visto nel 2009 e negli anni seguenti: una significativa diminuzione delle emissioni di CO2. 

Ma in questo caso, poiché la crisi diventa sistemica e installata, il declino non sarà temporaneo, ma permanente. È vero che, nella disperazione dell’attuale capitalismo per sopravvivere un po ‘più a lungo, a breve termine ricorreremo senza dubbio a fonti energetiche più inquinanti con emissioni di CO2 più elevate per Joule di energia prodotta , ma ancora la nostra curva delle emissioni alla fine sarà significativamente inferiore a quella prevista dai modelli climatici. 

Ci sono due importanti puntualizzazioni riguardo quest’ultima affermazione.La prima, che tutti i modelli IPCCsulla previsione dell’evoluzione del clima del pianeta contemplano una grande percentuale di assorbimento delle emissioni di CO2 attraverso tecnologie di cattura e sequestro del carbonio, tecnologie che non sono sviluppate e molto meno implementate su scala significativa. Pertanto, il calo delle emissioni associato al declino energetico del petrolio e di altre materie prime non rinnovabili non migliorerà di molto le attuali previsioni climatiche, perché prevedono che la cattura del carbonio non verrà prodotta. Il secondo requisito è che, data l’inerzia del clima, anche se le emissioni cessassero proprio ora, il pianeta continuerebbe a scaldarsi per molti decenni e gli effetti dell’attuale cambiamento climatico non verrebbero compensati fino a che non fosse passato almeno un millennio, che è il tempo di cui la Terra ha bisogno di sbarazzarsi dell’attuale eccesso di CO2 atmosferica. 

Nonostante tutto, la discesa energetica implicherà, senza dubbio, che non stiamo destabilizzando il clima tanto quanto faremmo se avessimo a disposizione più combustibili fossili; e questo sicuramente implica che il problema avrà una grandezza più gestibile (pur con la difficoltà di gestirlo in ogni caso). 

Stiamo per ridurre (in parte) l’inquinamento: In relazione a quanto sopra, la discesa energetica implicherà una diminuzione del commercio globale, del trasporto di merci, della produzione dello stesso e della generazione di rifiuti. L’attività industriale sarà notevolmente ridotta e dovrà diventare molto più efficiente nell’uso delle materie prime. Pertanto, la quantità di rifiuti generati sarà molto inferiore a quella corrente, probabilmente diversi ordini di grandezza più bassi. Il che sarà molto conveniente, perché l’ enorme pressione umana sul pianeta sta creando problemi molto seri , e anche se dovremo affrontare molti dei problemi generati dai nostri rifiuti per molti decenni, forse anche millenni, il fatto di non generarne di più sarà senza dubbio molto utile. Inoltre, smettendo di generare più rifiuti, stiamo dando un’opportunità alla capacità di riciclaggio / rigenerazione del pianeta che non abbiamo ancora danneggiato eliminandoli. 

Ridurremo la nostra pressione sugli ecosistemi: Il potenziale distruttivo dell’umanità è notevolmente amplificato dall’abbondanza di energia a prezzi accessibili. L’esaurimento delle attività di pesca, le molestie delle ultime riserve di animali selvatici, la profonda trasformazione della biosfera planetaria per ospitare le massicce attività agro-zootecniche … tutto questo diminuirà di intensità nei prossimi decenni perché semplicemente non avremo abbastanza energia per continuare con l’attuale ubriachezza estrattiva e distruttiva. Gli ecosistemi più danneggiati, destabilizzati o direttamente distrutti verranno progressivamente sostituiti da nuovi, che potrebbero essere molto diversi da quelli precedenti e non necessariamente molto vantaggiosi per gli esseri umani. L’avvertimento principale è che a breve termine, nell’agonia del capitalismo finanziario globale,Lo scenario più probabile è che alcuni ecosistemi fondamentali saranno sfruttati in modo molto insostenibile (ad esempio, attraverso l’abbattimento incontrollato delle foreste per produrre legna da ardere c sia per il riscaldamento che per la produzione di calore industriale) gas combustibili per veicoli ). Ma a medio e lungo termine, la necessità di adattarsi ai limiti biofisici, che saranno anche più territorializzati, porterà a nuovi equilibri (che in alcuni casi comporteranno l’eradicazione locale della specie umana). 

La Singolarità non ci sarà: una delle ricorrenti ossessioni degli specialisti tecnologici ed economici del nostro tempo è che, con il progressivo miglioramento nello sviluppo dell’Intelligenza Artificiale (IA) e con l’estensione di Internet, improvvisamente si verificherà la Singolarità: un momento nel quale l’intelligenza artificiale sarà in grado di migliorarsi in modo esponenziale e questo farà sì che l’intelligenza artificiale superi tutta la capacità intellettuale umana, che naturalmente porterà l’IA a prendere il controllo del pianeta. L’ipotesi della Singolarità tecnologica ha due gravi problemi, oggi. La prima è che i progressi nell’IA, per quanto importanti, sono stati enormemente esagerati dalla stampa generale, e la verità è che siamo ancora lontani dall’essere in grado di fare cose che un umano trova fondamentali (al margine è l’obiezione irrisolta sollevata da Roger Penrose secondo cui l’intelligenza umana non è di natura algoritmicae quindi non è imitabile dalle IA classiche). Il secondo problema, poco studiato in generale, sta nel fatto che i grandi esperti presumono che l’IA sarebbe un’entità con poca carica materiale o virtualmente immateriale, quando è esattamente l’opposto: al momento, le operazioni ordinarie di Internet rappresentano circa il 5% del consumo globale di elettricità e continuando ad aumentare al ritmo attuale diventerebbero già il 20% del consumo di elettricità nel 2025. Ma se si tiene conto del costo energetico della produzione di tutte quelle apparecchiature (dai grandi data center ai miliardi di computer e telefoni cellulari, passando per centinaia di migliaia di chilometri di vari cablaggi), la quantità di energia consumati annualmente sono molte volte maggiori, tanto che oggi le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT) implicano il consumo di oltre il 4% di tutta l’energia (non solo l’elettricità) nel mondo, e se questo dovesse continuare, arriverebbe rapidamente oltre il 25% prima di un decennio. In nessun modo le TIC sono immateriali; persino peggio, le tecnologie più avanzate utilizzano elementi chimici di produzione difficile e costosa, le cosiddette terre rare, che non solo portano a importanti guerre commerciali tra paesi, ma che consumano un grande consumo di energia nella sua estrazione e lavorazione. Il fatto è che la Singolarità non si verificherà perché il pianeta non può sostenere la sua immensa energia e l’impronta materiale. 

Il lavoro umano non scomparirà a causa della robotizzazione:  Come derivato, su una scala più piccola di quanto sopra, un’altra delle minacce con cui gli esperti ci spaventano non accadrà: quella della massiccia sostituzione di posti di lavoro a causa del progresso tecnologico e della robotizzazione. Intendiamoci: robotizzazione – anzi, l’automazione in molti processi di fabbricazione, non è qualcosa che sta per accadere, ma si è verificato decenni fa , soprattutto in quei compiti che possono essere facilmente automatizzate; questo è il caso, per esempio, di molte linee di assemblaggio di produzione. Eppure, in molti processi la supervisione umana resta cruciale, perché gli attuali sistemi di intelligenza artificiale sono ancora troppo imperfetti, troppo limitati per affrontare l’enorme diversità e la casistica dei problemi che si incontrano nel mondo fisico e reale. Ciò spiega, ad esempio, i problemi che ha trovato il produttore di auto elettriche Tesla, nella promessa di realizzare grandi produzioni di automobili grazie a: L’estrema automazione delle loro fabbriche ha scoperto che l’automazione estrema è meno efficiente dell’uso degli esseri umani a tale scopo – e , naturalmente, gli umani devono essere pagati con un salario. E se la cosa non si limita ad un allarme su una catena di montaggio, puoi farti un’idea di quanto siamo lontani dal sostituire altri lavori più sofisticati in ambienti meno controllabili. Il tema della robotizzazione è molto costoso per gli alti sacerdoti di quella setta religiosa distruttiva conosciuta come liberalismo perché permetterebbe loro di raggiungere una produttività per lavoratore infinito (senza lavoratori), ma è un errore logico completo. E che robottizzare tutte le aree comporta un investimento di ingenti risorse, input per creare l’intelligenza artificiale, ma anche di sviluppare tutti questi programmi che si adattano ad ambienti complessi (e gli ambienti meramente linguistici non sono meno complessi di quelli completamente fisici) e creare quei sistemi fisici che, alla fine, hanno anche una base materiale. 

Stiamo per virtualizzare il lavoro: Uno dei grandi problemi del nostro tempo è l’ipermobilità: ci muoviamo continuamente, rapidamente, ovunque. Andiamo in vacanza letteralmente dall’altra parte del mondo (beh, quelli che possono permetterselo), ma anche per andare al lavoro e per il resto delle attività quotidiane ci spostiamo a dozzine, a volte anche a centinaia di chilometri. I lavoratori sono espulsi dal centro delle città a causa degli alti prezzi degli alloggi, specialmente in quelli che soffrono di questo processo chiamato “gentrification”.E sono costretti a vivere ai margini e aumentare il loro tempo di pendolarismo (si sa, il ricco paga con i soldi e il povero con il tempo).I lavoratori poco qualificati sono, sopra, perso il lavoro, come le fabbriche si sono trasferiti in manodopera a basso costo in altri paesi del lavoro e dei prodotti pronti vengono portati da lì in grandi navi da carico. È un flusso veloce e costante di persone e materiali. 

Tutta questa dissolutezza è stata possibile grazie ai combustibili fossili, all’enorme quantità di energia a basso costo che avevamo. Ma questo è esattamente ciò che sta finendo. Negli anni a venire, nei prossimi decenni, la produzione di qualsiasi bene che si vuole vendere qui dovrà essere localizzata da qualche parte nelle vicinanze, perché il trasporto di merci e persone non sarà così economico – a volte non sarà nemmeno possibile . Ciò implica che i posti di lavoro verranno ricreati a livello locale, lavori che saranno molto meno automatizzati, perché alcuni processi automatici comportano un notevole dispendio energetico. Forse non sono grandi lavori, forse i salari non saranno così grandi, ma quando il rombo del crollo del nostro castello di carte è cessato ci saranno molte opportunità di lavoro per coloro che sanno adattarsi. 

******************************************* 

I rischi della discesa energetica rimangono gli stessi di prima: Possiamo cedere all’autoritarismo e guerre, possiamo comprimere ad una misura maggiore o minore , ci può essere carenza di ciboo acqua, che possono distruggere anche molti ecosistemi aggrapparsi a un modello insostenibile, e dovremo affrontare un cambiamento climatico che durerà a lungo. Eppure, sapendo che, nonostante tutti, gli effetti saranno benefici, può aiutare a focalizzare la nostra attenzione su quegli altri aspetti il cui futuro è più incerto o peggio di assicurazione. 

Ci concentriamo molto su ciò che perdiamo (o ciò che pensiamo di perdere) che non vediamo ciò che guadagniamo. Tra l’altro perché il guadagno in molti casi avviene attraverso l’eliminazione di qualcosa; qualcosa che è male in realtà, ma qualcosa che è perso, allo stesso modo e per la stessa ragione per cui perderemo le cose buone. La cosa più curiosa è che ci saranno molte persone che interpreteranno questa eliminazione di qualcosa di negativo come una perdita quando in realtà è un guadagno (come se, ad esempio, non ci piacesse l’eliminazione di un tumore perché, dopo tutto, il tumore era “parte del nostro corpo”). Abbiamo valori così sovvertiti che non sappiamo nemmeno cosa abbia senso difendere, cosa dovremmo davvero preservare e cosa dovremmo effettivamente eliminare. Quindi forse la prima cosa da recuperare è il buonsenso. 

Saluti. 

AMT 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.