MACRON ADESSO PERSEGUITA ANCHE LA STAMPA

Dal blog https://www.maurizioblondet.it

Maurizio Blondet  24 Maggio 2019

Sono otto (per il momento) i giornalisti che  sono stati “convocati” dal servizio segreto interno francese (Direction générale de la sécurité intérieure (DGSI)), alcuni  per aver  rivelato dati scomodi sulle armi che la Francia vende ai sauditi per il genocidio in Yemen,  altri per informazioni sullo scandalo Benalla, l’ex capo della sicurezza  personale di Macron. Sarebbero stati minacciati d’incriminazione secondo l’articolo  413-14  del Codice penale, che punisce fino a 5 anni di galera e 750 mila euro di multa chi divulga “Informazioni che, direttamente o indirettamente, persone specializzate nella lotta al terrorismo”  – è una legge che è andata  in vigore  nel 2016, quando l’Eliseo  aveva  prorogato lo stato d’emergenza –   opportune queste leggi anti-terrorismo.

Così minacciati, i giornalisti  sono stati premuti a dare i nomi delle loro fonti (la cui protezione da  parte dei giornalisti   è garantita in Francia da una legge  del 1881).  Una redattrice  del Quotidien, Valentine Oberti, ha rivelato d’essere stata chiamata  alla DGSI per rispondere appunto di un suo articolo sulle vendite d’armi francesi   a Riyad. Anche il suo tecnico del suono e il cameraman  erano stati convocati – prima, l’11 e il 15 aprile. La giornalista di Le Monde Ariane Chemin,  ha ricevuto  il 21 maggio un invito a presentarsi il 29, a giustificarsi  per aver fatto il nome del  militare compagno di Marie-Elodie Poitou, capessa della sicurezza a Matignon (sede  del primo ministro), entrambi nel  giro  o tribù di Benalla, oggi licenziati. Anche il presidente del direttorio di Le Monde (che è un giornale autogestito in cooperativa,  praticamente il direttore) è stato convocato per quella data: ed ha un nome delicato Louis Dreyfus.

SRM_LeMonde@SRM_LeMonde

La Société des rédacteurs du Monde et une quarantaine de rédactions expriment leur solidarité avec les journalistes convoqués par les services de renseignement français #LibertéDeLaPresse #ArianeCheminhttps://www.lemonde.fr/actualite-medias/article/2019/05/22/affaire-benalla-armes-au-yemen-solidarite-aux-journalistes-ariane-chemin-et-michel-despratx-convoques-par-la-dgsi_5465671_3236.html …23712:24 – 23 mag 2019Informazioni e privacy per gli annunci di TwitterAffaire Benalla, armes au Yémen : solidarité aux journalistes Ariane Chemin et Michel Despratx,…Les sociétés de journalistes et de rédacteurs de plusieurs médias expriment leur solidarité à notre consœur et notre confrère convoqués par les services de renseignement.lemonde.fr242 utenti ne stanno parlando

Poi è stata la volta di  Geoffrey Livolsi e Mathias Dental, fondatori di Disclose  (un mezzo appena nato, “il primo medium investigativo senza scopo di lucro”), il loro collaboratore Michel Despratx; poi   anche Benoît Collombat di Radio France, sempre per inchieste sull’uso di armi francesi contro i civili nello Yemen.  Proteste generali dei sindacati giornalisti e no,  una quarantina di redazioni che esprimono solidarietà  alla redazione di Le Monde, invito a manifestare in piazza il 29.

LE armi francesi sono effettivamente onnipresenti in YEmen, come  rivela un dossier  dello stesso  spionaggio francese (ma militare…DRM)

http://www.wikistrike.com/2019/05/des-armes-francaises-omnipresentes-dans-la-guerre-au-yemen.html

https://www.lemonde.fr/societe/article/2019/05/22/affaire-benalla-la-convocation-inquietante-d-une-journaliste-du-monde_5465501_3224.html

“La Macronia apre la porta alla dittatura”, scrive la redazione di 24Heures  Actu, e si domanda: “E’  la  fine della (lunga) luna di miele fra i media e il potere macroniano? Per proteggere un certo Benalla e i segreti che detiene, la Macronia è pronta a qualunque eccesso”.

Effettivamente, per ridursi a farsi nemici i giornalisti,  amici suoi, trattandoli   quasi come fa trattare dalla sua polizia  i  Gilet Gialli,  Emanuel Macron deve essere alla disperazione.  Contribuiscono i sondaggi, che danno il suo movimento artificiale, La République En Marche,  al secondo posto, sorpassato la RN (Marine Le  Pen).  “Sono   le prime votazioni dall’elezione  di Macron” ,  dice Coralie Delaume (autrice di La Couple Franco-Allemande n’existe pas): “E’ quindi evidente che gli elettori utilizzeranno questo scrutinio sia per sostenere, sia per punire il presidente e la sua maggioranza. Tanto più che questa votazione viene  durante il movimeno dei Gilet Gialli, che è un momento di intensa ri-politicizzazione della società francese”.

Il punto è, dice Coralie  al Figaro, che  “Macron  ha dato tutto per l’Unione Europea,  ma ha fallito su tutta la linea. Lo scopo per cui ha perso il potere? Dare delle  prove di “serietà” economica (tagli salariali, smantellamento dei “costi” sociali…)per ottenere da Berlino  in cambio la grande riforma dell’eurozona che sognava, con la creazione  di un bilancio federale –  la sola cosa che permetterebbe la sopravvivenza dell’euro”:

“Ma chi conosce un po’  il paese  di Angela Merkel, chi non chiude gli occhi davanti alla sua evoluzione conservatrice, di un conservatorismo tinto fortemente di sovranismo, sapeva che il fallimento era inevitabile.  Il motivo lo spiega in questo breve video  l’insigne giurista  Luciano Barra Caracciolo  (strano che i grillini se lo tengano al governo):

https://twitter.com/i/status/1131530486591967232

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.