Alternanza senza alternative. (Primi resoconti dopo le Elezioni in Grecia)

Dal blog https://comedonchisciotte.org/

Franz-CVM 11 Luglio 2019

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU

greekcrisis.fr

Primi resoconti dopo le Elezioni in Grecia.

Da “Ha votato!” pubblicato lunedì 8 luglio 2019

Articolo originale QUI


Attenzione, pericolo di caduta. Meteore, Luglio 2019

Presunto paese, presunto voto. L’alternanza senza alternative, con gli occhi sbarrati o meno, di Kyriakos Mitsotakis e Aléxis Tsipras subito dopo il passaggio del cosiddetto potere, lunedì 8 luglio. Atene a 40 gradi Celsius è fatto di stagione. Quasi il 43% di astensione ed ecco “questa chiara vittoria” della Nuova Democrazia con una percentuale di poco meno del 40% secondo i media e gli elettori. Quindi siamo… salvi. Già alle Meteore, i monaci avvertono i loro visitatori: “Attenzione, pericolo di caduta”. Ma potrebbe già essere troppo tardi, in un certo senso… in attesa del miracolo!

Sguardi di Kyriakos Mitsotakis e Aléxis Tsipras. Atene, Luglio 2019 (Agenzia fotografica IN)

La gente ha scelto a metà, nella capitale, come nei seggi elettorali in Tessaglia. Tempo dell’Impero, ora si può tornare all’ovile, prendersi cura dei pomodori del giorno, guadagnarsi la vita, anche perderla. Felici quelli come … i nostri turisti cinesi alle Meteore che, probabilmente, non votano. Tempi moderni!
Come già detto, il paese accoglie i suoi turisti di stagione come se nulla fosse accaduto e tuttavia questo è il momento, il momento in cui diventa possibile prendere la piena consapevolezza della nostra… Tarda Antichità. L’indebolimento del paese, il suo crollo multiplo, morale, sociale, economico e culturale, che porta dritto… verso la minaccia della sua riduzione territoriale attraverso una guerra subdola e asimmetrica, ancora in corso, questa è comunque l’idea più diffusa dal 2015 e per una buona ragione.

Eh, sì. Il tempo di cui stiamo parlando, ricordiamolo ancora una volta, [leggendo] André-Jean Festugière, attraverso le pagine del suo “Epicuro e i suoi dèi”, risalente al 1946. Nel suo lavoro parla di questa (altra) mutazione, quella avvenuta tra l’era delle città democratiche (soprattutto Atene) del periodo classico, e quella degli imperi, prima quello macedone, poi ellenistici poi e infine romano. Uno shock… ben digerito infine dall’uomo comune.

Il paese avrà votato, per così dire . Tessaglia 7 Luglio 2019
Ritorno all’ovile. Tessaglia, Luglio 2019
Turisti Cinesi alle Meteore. Tessaglia, Luglio 2019

“L’uomo, con la propria coscienza ed i propri bisogni spirituali, non travalicava il cittadino. [Egli] trovava tutta la propria realizzazione nella sua funzione di cittadino. Come non accorgersi che, nel giorno in cui le città di Grecia perdono il rango di Stato autonomo diventando semplici comuni in uno Stato più grande, un impero, perdono la loro anima? Rimane un habitat, un ambiente materiale: non è più un ideale. Non vale più la pena di vivere e morire per essa. L’uomo, da allora, non ha più sostegno morale e spirituale”.
“Molti, dal III secolo in poi, emigrarono, andarono a cercare lavoro e fortuna negli eserciti dei Diadochi o nelle colonie che costoro fondarono. Presto, ad Alessandria d’Egitto, ad Antiochia di Siria, a Seleucia sul Tigri, a Efeso, furono create città relativamente enormi per l’antichità – da 2 a 300.000 abitanti; l’uomo non è più curato, sostenuto, come era nella sua piccola patria dove tutti si conoscevano, di padre in figlio. Diventa un numero, come l’uomo moderno, per esempio a Londra o Parigi. È solo, e fa l’esperienza della sua solitudine. Come reagirà?” (André-Jean Festugière, Epicuro e i suoi dei,1946).

Stands del PASOK già smantellati nelle strade pedonali di Trikala, in questa Tessaglia più profonda che mai, Nuova Democrazia che conquista tre seggi su quattro dell’ex Dipartimento (i Dipartimenti sono stati aboliti nel primo periodo Troika nel 2010), con meno entusiasmo. Nessuna festa popolare la notte delle elezioni per le strade, i bistrot avevano semplicemente installato i loro schermi necessariamente giganti all’esterno, e i risultati sono stati seguiti come se fosse una partita di calcio, ma senza la solita eccitazione. Votare è meno di una formalità e puzza di formalina… in attesa del nostro prossimo Socrate a parlarci, o dei gatti delle Meteore, chi lo sa?

Chiosco PASOK. Trikala, Luglio 2019
Il Greco Socrate. Monasteri delle Meteore, Luglio 2019
Gatto delle Meteore. Luglio 2019

In questo tempo dell’Impero, il Soros-compatibile, Varoufakis sarà stato spinto al rango di partito politico ammesso al Parlamento, mentre gli altri partiti usa e getta, come “Il Fiume” [To Potami] hanno fatto il loro tempo, e scompaiono, come i Neonazisti dell’Alba Dorata dell’arlecchino Michaloliakos. Non si siederà più al “Parlamento” e noi non li rimpiangeremo di certo. Per quasi sei anni hanno ingannato e soprattutto squalificato le argomentazioni sovraniste e patriottiche a tutto vantaggio dell’Impero che li ha trattenuti fino alla fase successiva, quella del 2019, ovviamente.
“Questa voce deve stare in Parlamento”, era lo slogan di Narciso Varoufakis, con il packaging in aggiunta. Nello stesso disordine del razionale, il tribuno e presunto venditore di un numero inesauribile di lettere di Cristo, Velopoulos, ha fatto lui pure il suo ingresso al “Parlamento”, e sui muri di Atene, facciamo davvero appello a Cristo ora, ma la saggezza se ne va, ormai, tranne forse che per i nostri nobili animali che frequentano Delfi e la zona circostante. Antichità diciamo Tarda!

Come scrive il professore di filosofia e teologia Chrstos Yannares, “è l’Hybris, è la rinuncia alla memoria collettiva, al pensiero, così come l’abbandono di qualsiasi pensiero critico durante la campagna elettorale. La logica non c’è più e con la sua perdita, deploriamo anche la perdita di qualsiasi reazione, tranne un riflesso basilare di sopravvivenza. Quale parte di questo popolo avrebbe potuto prendere coscienza della realtà? Una Grecia macabra, residuo sociale senza società, senza villaggi né quartieri, privo delle parrocchie, con la sua coscienza storica ormai morta, la lingua ormai secca, dall’estetica barbarizzata, paese annegato sotto uno strato di spazzatura, come sotto i graffiti di malati mentali. “Kathimerini”6 Luglio 2019.

Questa voce, deve essere in Parlamento. Propaganda di Varoufakis, Atene, Luglio 2019
Messaggio cristiano. Atene, Luglio 2019
Animale adespota a Delfi. Luglio 2019

In questo tempo dell’Impero, uno dei cugini del villaggio ha ancora votato SYRIZA, “perché la destra non dovrebbe poter tornare a fare gli affari propri”, ed anche la nostra vecchia zia “Tsipras mi ha regalato 300 euro quest’anno, e Mitsotakis probabilmente li rivorrà indietro”. È così facile morire… e moriamo. In Tessaglia sempre, e più precisamente a Trikala, il figlio non così terribile dei notabili storici locali, vale a dire Mikélis Hadjigkis, non è stato eletto. I Trikalioti gli hanno preferito Skrekas, il deputato uscente della Nuova Democrazia, Papakosta, avvocato di Kalambaka sotto le Meteore, e Lioutas, un agronomo che aveva creato da qualche anno un’azienda specializzata in imballaggio, dedita all’esportazione di una certa categoria di prodotti locali.

Ma l’essenziale resterà ad Atene e sotto Mitsotakis, se non altro per il…pedigree dei Ministri nominati immediatamente già Lunedì sera 8 luglio. Pikrammenos… “della famiglia tedesca”, diventa il numero due del governo, poi Staikouras l’uomo delle banche al Ministero delle Finanze, tra gli altri. Assomiglia, per esempio, al busto del “melanconico romano” di Delfi, che non è altro che Tito Quinto Flaminino (229-174a.C.), protagonista della Seconda Guerra Macedone, come lo descrive Plutarco nella sua “Vita”. Tempo di imperi.

C’è anche il ministro nominato al Premier [NdT: Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio], Skertstos, segretario molto generale del MEDEF greco [NdT. La nostra Confindustria], niente di molto originale in un certo senso. I Greci, come i loro turisti, spesso hanno preferito fare il bagno a Capo Sounio sotto il tempio di Poseidone, piuttosto che recarsi alle urne, truccate poiché prive di alternative possibili. Oppure, come nel cuore della Tessaglia, occuparsi degli alveari e del vero miele, per una volta. Gente veramente felice con la propria vita quotidiana concreta, nella misura in cui ciò è politicamente possibile.

Romano malinconico. Museo Delphi, luglio 2019
Capo Sounio, spiaggia. Luglio 2019
Utilitaria dell’apicoltore. Tessaglia, Luglio 2019

Un paese che non ha celebrato il cosiddetto “Festival della Democrazia”, per esempio, se il 31% degli elettori avranno, come sostengono i giornalisti, “salvato i mobili della sinistra”, ma direi piuttosto, salvato il proprio sacello.
La cosiddetta vita politica cambierà, ma poi non si trasformerà tanto presto. Paese che infine celebra la … festa degli Apostoli San Pietro e San Paolo, se non altro attraverso le icone. Alla fine della serata almeno si sarà bevuto un bicchiere di buon vino locale.”A me non interessa” meglio tornare alla fattoria per prendersi cura dei pomodori del giorno, guadagnarsi la vita, o addirittura perderla. Tranne che ormai, la stupidità è nell’aria: “sappiamo che è tutto da rifare da capo o da terminare” come dice Kostas il mio altro cugino al villaggio, il quale non è andato a votare.

Lodi degli Apostoli. Tessaglia, Luglio 2019
Vino locale. Tessaglia, Luglio 2019

Presunto paese presunto votante. L’alternanza senza alternative…tranne che per il nostro animale adespota.
La prossima generazione è già qui, in attesa che l’uomo, con la propria coscienza e i propri bisogni spirituali, possa trovare il suo pieno compimento nei suoi doveri di cittadino. Già alle Meteore, i monaci avvertono i loro visitatori: “Attenzione, pericolo di caduta”!

La prossima generazione. Tessaglia, Luglio 2019

Traduzione per http://www.comedonchisciotte.org a cura di FRANZ-CVM

luglio 2019

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.