Ma allora quale emergenza ci persegue?

Siamo bombardati ogni giorno da messaggi depistanti(Costa crociere sponsorizza esperimenti in Africa sull’acqua) e buonismi interessati( le rinnovabili di fatto le fa per assurdo la mafia dell’eolico o del F.V.)
Chi decide di fatto cosa serve al mercato e dà motivi a disperati secondari(contadini,cercatori di pietre preziose e oro, aziende che lavorano il legno) per dar fuoco alla foresta amazzonica è seduto al caldo nell’ufficio in Wall Street e sono le multinazionali finanziarie globali (tipo fondi Blackrock). Chi decide sulla coltivazione da fare decidendo (soia, animali da carne, olio di palma,ecc)
Per chi vuole approfondire https://parolelibere.blog/…/amazzonia-le-foreste-di-tutto-…/
Chi decide quale energia consumiamo sono i politici e le grandi aziende che li sponsorizzano che dirottano ancora oggi fiumi di denaro sotto vari aspetti come incentivi o veri e propri sussidi alle fossili mentre parlano a vanvera di rinnovabili (non per nulla in EU sono accreditati mi pare 32.000 lobbisti). I numeri parlano più delle parole pronunciate.
Chi decide quali mercati si aprono o chiudono su determinati prodotti, sono quelli che controllano mercato delle merci dell’agricoltura in cui i piccoli, medi produttori non possono opporsi se non con scelte ristrette ai loro territori, quelli che determinano l’ingresso o meno di prodotti OGM, la quantità di plastica necessaria a spedirli lontano.
Chi impedisce o orienta la ricerca verso farmaci speciali costosi o addirittura inutili per favorire non la salute, ma la diffusione degli stessi creando dipendenze, ecc sono sempre Grandi Società.
Chi ha creato territori come cimiteri commerciando in rifiuti di ogni tipo in regioni del mondo un tempo sane e produttive sono sempre le stesse ecomafie internazionali(vedi Africa, India, Cina), poco cambiano un pò di bottigliette di plastica risparmiate se i rifiuti sono merce di mercato e sparsi in mari, montagne, praterie nel mondo.
Chi privatizza l’acqua come soluzione all’inedia pubblica di gestione preparando la futura “guerra dell’acqua”, come bene indispensabile primario sempre più calpestato, inquinato, usato scriteriatamente, sprecato, ecc .
Potrei allungare la lista, ma mi pare chiaro il senso.
Salvare l’ambiente non è solo autoproduzione alternativa di piccoli gruppi, volontariato espresso dalla popolazione per gestione verde, rifiuti, ecc ma DEVE essere prima di tutto una critica sociale attenta e chiara al sistema di sviluppo, al partito del PIL universale e una guerra dichiarata a tutti quelli che sostengono diversamente questo modello di sviluppo, quindi con tutto il bagaglio necessario di atti politici conseguenti, niente di nuovo.
Mentre la popolazione che vive sui territori difende l’ambiente per necessità siamo prede di mostri societari con sedi in posti dentro grattacieli protetti. Il 10 % delle persone a livello mondiale è proprietario di circa il 70% dei beni esistenti. E’ TUTTO QUI IL SUCCO !
Non è retorica parlarne, ma serve coordinare un pò le minime possibilità di dialogo fra chi il problema se lo pone, la soluzione non può essere “solo” quella di dieci ragazzini che puliscono le spiagge (onore a loro) mentre la maggioranza subisce e non capisce neppure cosa sta succedendo, anche se aiuta la concretezza della fattibilità anche con piccoli esempi.
E’ semplice: il capitalismo finanziario è l’emergenza,la causa, non i fumi o l’inquinamento generalizzato che ne sono conseguenza. Inventarsi un mondo senza queste costrizioni è possibile, ma serve parlare di un diverso sviluppo con al centro l’uomo, l’ambiente e gli animali. Questa realtà non si cancella con una buona azione della domenica bisogna andare a monte, alle vere cause e combatterle ovunque su diversi terreni politici possibili, anche culturalmente.
Gianni Gatti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.