Libano. Gli squadristi di Hezbollah non fermano la rivolta

Dal blog https://eco-ecoblog.blogspot.com/

27 NOVEMBRE 2019

Arrivano all’improvviso a bordo di motociclette. Armati di spranghe, coltelli, bastoni, pietre, catene assaltano i presidi dei manifestanti anti-governativi. La guerra del Partito di Dio alla “rivoluzione laica” che da oltre quaranta giorni sta scuotendo il paese dei cedri.
di Umberto De Giovannangeli  *   
Arrivano all’improvviso a bordo di motociclette (come i Baji iraniani) sventolando le bandiere di Hezbollah e inneggiando al Partito di Dio sciita e al suo leader Hassan Nasrallah. Armati di spranghe, coltelli, bastoni, pietre, catene assaltano i presidi dei manifestanti anti-governativi. Hezbollah dichiara guerra alla “rivoluzione laica” che da oltre quaranta giorni sta scuotendo il Libano. Attaccano a Beirut, a Tiro, incendiano le tende dei manifestanti. Al grido di “sciiti, sciiti” e di “Hezbollah, Hezbollah” in perfetto stile Baji le motociclette passano in mezzo ai manifestanti falcidiandone diversi.I giovani libanesi rispondono urlando “Hezbollah terrorista” e tirando sassi contro i miliziani. E la situazione rischia di precipitare in una nuova, devastante, guerra civile. Raffiche di fucili automatici sono state sparate lunedì sera a Beirut da non meglio precisati uomini armati nel quadro di crescenti tensioni politiche e confessionali nella capitale libanese. Colpi di arma da fuoco sono stati uditi ripetutamente nei pressi dell’incrocio stradale di Cola, poco lontano dal centro della città. L’esercito libanese si era dispiegato ieri sera in forze nei pressi delle strade che dividono i quartieri controllati dai partiti sciiti Hezbollah e Amal dai quartieri a maggioranza sunnita di Qasqas e Tariq Jdide, non lontano da Cola.Ciò che Hezbollah non può accettare è uno dei meriti maggiori della “primavera libanese”, quello di voler superare le divisioni settarie che avvelenano il Medio Oriente. È una grande notizia – annota Pierre Hasky di France Inter su Internazionale – dopo anni segnati dal conflitto tra sciiti e sunniti, dalle persecuzioni contro le minoranze e dal califfato fondamentalista, così come è bello ascoltare lo slogan dei libanesi, “tutti significa tutti”, espressione della volontà di lasciarsi alle spalle un sistema politico fondato su un comunitarismo religioso. Certo, non si possono cancellare in un solo colpo secoli di divisioni e guerre, ma un “libanese nuovo” sta emergendo dalle manifestazioni: giovane, attivo su internet e deciso a uscire dalla “prigione” mentale settaria.

Quella in atto, a Beirut, è una rivoluzione culturale, ancor prima che sociale: è la rivoluzione dei cittadini, in gran parte giovani, che si sentono iracheni, libanesi, e non sunniti o sciiti, cristiani… Scendono in piazza sventolando bandiere nazionali, esaltando un diritto di cittadinanza che riporta al centro lo Stato-nazione, lo Stato dei cittadini, rompendo le vecchie gabbie identitarie comunitarie. I manifestanti contestano l’alto tasso di disoccupazione e la corruzione della classe politica. Il Paese dei Cedri ha uno dei debiti pubblici più alti al mondo (circa 77 miliardi di euro, corrisponde al 150 per cento del prodotto interno lordo), ma il livello di profitti delle sue banche commerciali, vicine ad alcuni politici e che detengono gran parte del debito, sono superiori a quelli dei Paesi occidentali. Secondo l’ultimo rapporto dell’Undp, l’agenzia Onu per lo sviluppo umano, per ineguaglianza dei redditi il Libano è al 129° posto su 141 paesi. L’un per cento più ricco possiede il 25 per cento dell’intero redito nazionale. Nel 2017 il venti per cento di tutti i depositi era concentrato in 1.600 conti correnti: lo 0,1 per cento del totale dei depositi nelle banche libanesi, molte delle quali sono dei politici di turno o dei loro parenti. Le proteste erano iniziate contro il piano del governo di imporre nuove tasse su diversi beni e servizi, tra cui il tabacco, la benzina e le telefonate fatte via internet.A Beirut i blackout programmati vanno dalle tre alle sei ore al giorno, fuori dalla capitale si arriva invece anche a dodici ore senza elettricità. Chi può permetterselo, copre le ore di “buco” acquistando un generatore, finendo così per alimentare un business gestito da soggetti (in questo caso vicini a Jumblatt, leader druso del Partito socialista progressista) che hanno interesse nel mantenimento del precario status quo. Anche l’approvvigionamento idrico è un problema – in alcune aree costiere della capitale l’acqua della doccia è salata – solo parzialmente lenito dalla presenza di due navi cisterna turche “parcheggiate” sulla costa libanese. 
A chiunque si trovi in Libano non può sfuggire, poi, l’emergenza rifiuti, che nel 2015 stimolò una prima rabbiosa protesta della popolazione, riunita attorno al movimento della società civile “You stink” (Voi puzzate): il problema, sorto ormai sette anni fa, non è stato mai risolto. Anzi, in alcuni frangenti si è aggravato, soprattutto dopo la chiusura di alcune discariche, e l’apertura di quella di Costa Brava, sulla spiaggia che lambisce l’aeroporto, che due anni fa provocò anche alcuni problemi di sicurezza (i gabbiani che volavano sopra i rifiuti “sconfinavano” spesso sulle piste di atterraggio). Infine, la logica del wasta. Tradurlo con “raccomandazione” non renderebbe l’idea del radicato meccanismo clientelare che sottende, insito nel sistema confessionale libanese: chi cerca lavoro in Libano – dove la disoccupazione giovanile ha raggiunto il quaranta per cento, cifra che cresce moltissimo se si considerano i non contrattualizzati – nella quasi totalità dei casi deve conoscere qualcuno che lo metta in contatto col politico cristiano, sunnita, sciita, druso (a seconda dell’appartenenza del “richiedente”), che cercherà una occupazione per lui in cambio di una implicita (o esplicita) promessa di “fedeltà”. Semplificando, un voto di scambio, che finisce indirettamente per rafforzare la legittimità dell’establishment, oggi integralmente sotto accusa. 

Il Libano è un non stato, come ha dimostrato qualche anno fa la paradossale “crisi della spazzatura”, dovuta all’incapacità del potere pubblico di gestire i rifiuti della capitale. Quella era stata la prima avvisaglia di ciò che sta accadendo oggi, con la ribellione di un popolo intelligente e maturo che merita qualcosa di più di un presidente che invita i giovani scontenti a emigrare. Finora soltanto l’esercito è stato risparmiato dalla contestazione, e questo lascia pensare che i militari potrebbero avere un ruolo chiave nell’immediato futuro, rimarca ancora Hasky.ll premier Saad Hariri s’è dimesso a fine ottobre. E da allora il capo di Stato Michel Aoun non ha ancora avviato le consultazioni politiche previste dalla costituzione. Non riuscendo ad “addomesticare” la piazza, Hezbollah ha deciso di attaccarla. Un’avvisaglia c’era già stata il 25 ottobre. Se noi scendiamo in piazza, non ci muoviamo finché non raggiungiamo i nostri obiettivi. Tuttavia, quella iniziata come una protesta spontanea, gioiosa e giusta, in cui la gente ha recuperato la speranza di cambiamento, ora viene strumentalizzata da alcuni partiti politici e sta diventando qualcos’altro. Abbiamo informazioni di intelligence secondo cui ci sarebbe uno schema internazionale per delegittimare la resistenza, e ho chiesto alla nostra gente di tenersi lontana dalle piazze. Stiamo entrando in una fase pericolosa, aveva avvertito Nasrallah in un discorso minaccioso trasmesso da al-Manar, la tv di Hezbollah.Gli attacchi susseguitisi nelle ultime 48 ore sono la traduzione operativa dell’avvertimento di Nasrallah. Ma la rivoluzione laica non si fa ingabbiare. Una riprova la si è avuta il 22 novembre, quando migliaia di libanesi sono tornati in piazza a Beirut e nelle altre principali città del Paese nel giorno dell’indipendenza nazionale. I manifestanti hanno inscenato una “parata civile” in piazza dei Martiri e nella vicina piazza Riad Solh, luoghi simbolo della mobilitazione contro il sistema politico, in risposta alla tradizionale parata militare organizzata dalle autorità. Ogni anno, c’è stata una parata militare con artiglieria, armamenti ecc.. Quest’anno, per cambiare, saranno tutti i settori che rappresentano i libanesi a sfilare, per dimostrare che la ricchezza del Libano, sono questi giovani e la loro capacità di cambiare il Libano, ha dichiarato all’Orient-Le Jour, il quotidiano francofono di Beirut, Mirna Chidiac, una delle organizzatrici. Quest’anno è davvero la festa dell’Indipendenza del popolo, ha aggiunto.
Nelle stesse ore, i principali leader politico-confessionali si erano invece riuniti nel compound fortificato del ministero della difesa nella località di Yarze, fuori Beirut, per assistere una parata militare simbolica. Una separazione fisica che racconta di una nomenclatura sempre più estranea, e ostile, al popolo di Piazza dei Martiri, cuore della rivoluzione laica dei libanesi. Per i libanesi. *Foto 1: Il simbolo della rivolta libanese dato alle fiamme dagli squadristi di Hezbollah
Foto 2: 12 novembre 1943, manifestazione di massa di donne, musulmane e cristiane, contro il dominio francese. L’indipendenza libanese sarà proclamata qualche giorno dopo. Le donne, in Libano hanno sempre avuto un ruolo “rivoluzionario”, nei momenti cruciali della sua storia #استقلال_لبنان
Foto 3: Boom di vendita di bandiere libanesi, un altro segno della volontà diffusa di superare settarismi e divisioni imposte da leader religiosi e gruppi d’interesse
* da http://www.ytali.com 26 Novembre 2019
Umberto De Giovannangeli, da inviato speciale ha seguito per l’Unità gli eventi in Medio Oriente negli ultimi trent’anni. Collaboratore di Limes, è autore di diversi saggi, tra i quali “L’enigma Netanyahu”, “Hamas: pace o guerra”, “Al Qaeda e dintorni”, “L’89 arabo”, e “ Medio Oriente in fiamme”. Ha un blog sull’Huffington Post

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.