CIÒ CHE RESTA

Dal blog https://mosaabhamad.wordpress.com/

Ciò che resta

I piatti da lavare, il suo profumo nella stanza.

L’eco delle risate, e l’abbraccio sulla soglia della porta.

Ciò che resta è l’albero spoglio da ogni foglia.

Le mille e una bottiglia vuota e mille e una ancora da svuotare.

Ciò che resta dalla poesia è il senso.

La paura di perdere la memoria, di non essere …

In ciò che resta .

La poesia si allontana da me, entra nel porto dei marinai.

Amanti del vino, non portano nostalgia per coloro che restano.

Non tornano dalla stessa donna due volte, e non portano rimpianti.

La poesia si allontana da me e si aggrappa all’idea.

Ciò che resta,

La fragilità di mille e una notte.

La domanda : Da quanto sei prigioniero di ciò che resta ?!

La poesia ritorna da me, fiera di aver perso la meta.

soddisfatta di ciò che ha ritrovato .

Torna e mi chiede: ora che sei tornato,

Stanco e sorridente …

Hai trovato ora te stesso ?!

Ciò che resta….

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.