Russia, la storia dei “restauratori neri” che salvano le chiese in legno dall’abbandono

Dal blog https://it.euronews.com/2

Di Andrey Borodulin, Naira Davlashyan  • ultimo aggiornamento: 16/12/2019

l legno è materia nobile: riproduce il legame tra Dio e l’uomo e in Russia è stato utilizzato per la costruzione di alcune delle più belle chiese di sempre. Che cadono a pezzi, alla mercè di tempo e clima. Ci sono almeno 7.500 edifici storici in legno nel Paese. In epoca sovietica sono stati utilizzati dallo stato. Come granai, magazzini o per le fattorie collettive. Poi più niente.

“Negli anni ’70-’80, a un certo punto i sovietici hanno smesso di usare questi edifici”, indica Theodosy Kuritsin, guida del monastero ortodosso della Santa Dormizione di Oshevenskoye. “Non sono stati trasferiti alla Chiesa e non appartenevano a nessuno. E in questi 15-20 anni sono avvenute tutte queste devastazioni. Gli edifici ci vengono consegnati in stato di degrado. E cosa ne facciamo?”

–– ADVERTISEMENT ––

Andrey Borodulin/Euronews

Nel 2012 e nel 2018, oltre 5 milioni e mezzo di euro sono stati spesi per preservare l’architettura in legno. Non è sufficiente, e così Quest’anno il governo ha iniziato ufficialmente a contare su volontari.

Alexander Saprykin è uno di loro. “Se nessuno lo fa, se nessuno fa i primi passi di un buon restauro, tutto questo scomparirà e poi nessuno potrà fare più nulla. Ecco perché lavoriamo. Ci chiamiamo scherzosamente “restauratori neri” perché quello che facciamo noi non lo vuole fare nessun altro”.

Saprykin è originario di Belgorod, in una regione sudoccidentale al confine con l’Ucraina. Si è spostato verso nord qualche anno fa e si è subito unito a una delle squadre di volontari.

La chiesa di San Nicola Taumaturgo si trova in quest’angolo remoto di Russia [MAPPA] e fu costruita nel 1678. La sua architettura con ben nove cupole “a cipolla” è unica.

Dopo la caduta dell’Unione Sovietica, nessuno si è più occupato del patrimonio storico in legno. Ora lo Stato ha consegnato alla chiesa gli edifici danneggiati. Ai volontari – provenienti da tutta la Russia e anche dall’Europa – il compito del primo intervento, ma senza fondi potrebbe presto rivelarsi inutile.

Andrey Borodulin/Euronews

Secondo Andrey Bode, esperto di architettura in legno, ci sono dozzine di strutture federali in legno che necessitano di un’attenzione urgente.

Il calo della fertilità, l’aumento della disoccupazione e il trasferimento della popolazione locale nelle città hanno portato al declino di molti villaggi del nord. I maestosi templi del nord della Russia sono diventati il simbolo della desolazione della regione. “Tutto ciò che vedete intorno è distrutto. Una cosa terribile, spaventosa, ma ci sono abituato”, sospira l’egumen (il capo religioso della comunità).

Vladimir Aristarkhov, rappresentante del Ministero della cultura, stima che le somme stanziate finora siano insufficienti per restaurare 7.500 edifici.

Per ora, il loro destino è nelle mani di gente comune che mette a disposizione il proprio tempo libero per il bene comune. Gente come Alexander Saprykin.

Andrey Borodulin/Euronews

Notizie correlate

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.