Storia delle invenzioni cinesi. Il presente e il futuro. Recenti innovazioni cinesi all’avanguardia

Dal blog https://www.globalresearch.ca/

Di Larry Romanoff, 24 ottobre 2019

La Cina come nazione ha il più lungo e di gran lunga il più vasto record di invenzioni nella storia del mondo. Si stima ora in modo affidabile che oltre il 60% di tutte le conoscenze esistenti nel mondo oggi siano originarie della Cina, un fatto trascinato sotto il tappeto dall’Occidente.

Joseph Needham, un biochimico britannico, storico scientifico e professore all’Università di Cambridge, è ampiamente valutato come uno degli intellettuali più importanti del 20 ° secolo. Gli studenti cinesi in visita a Cambridge lo hanno ripetutamente informato che i metodi e le scoperte scientifiche occidentali discussi nelle sue lezioni avevano avuto origine in Cina secoli prima. Needham era così incuriosito che divenne perfettamente fluente in cinese, quindi viaggiò in Cina per indagare. Scoprì prove voluminose della verità di quelle affermazioni e decise di rimanere in Cina per scrivere un libro per documentare ciò che riteneva una scoperta di grande importanza per il mondo. Needham non ha mai completato il suo compito di catalogare la storia dell’invenzione cinese. Il suo unico libro divenne 26 libri e morì nel 1995, con il suo lavoro ancora continuato dai suoi studenti. Una buona introduzione a questo argomento è il riassunto di Robert Temple sul lavoro di Needham. (1)

A scuola ci venne insegnato che la macchina da stampa a caratteri mobili fu inventata in Germania da Johannes Gutenberg verso il 1550 circa. Non è così. La Cina non ha solo inventato la carta ma anche la macchina da stampa con il tipo di set mobile, che era di uso comune in Cina 1.000 anni prima della nascita di Gutenberg. Allo stesso modo, ci hanno insegnato che l’inglese James Watt ha inventato il motore a vapore. Non l’ha fatto. I motori a vapore erano ampiamente utilizzati in Cina 600 anni prima della nascita di Watt. Ci sono testi e disegni antichi datati per illustrare e dimostrare che il cinese ha scoperto e documentato il “Triangolo di Pascal” 600 anni prima che Pascal lo copiasse, e il cinese ha enunciato la prima legge del movimento di Newton 2000 anni prima di Newton.

Lo stesso vale per migliaia di invenzioni che l’Occidente ora rivendica come proprie, ma in cui esiste una documentazione conclusiva per dimostrare che hanno avuto origine in Cina centinaia e talvolta migliaia di anni prima che l’Occidente le copiasse. Non per niente Marco Polo è descritto in Cina come “il grande ladro d’Europa”. I prossimi paragrafi sono adattati principalmente dalle informazioni contenute nel libro di Temple, che consiglio vivamente.

I cinesi hanno inventato il sistema dei numeri decimali, le frazioni decimali, i numeri negativi e lo zero, così lontano in passato che l’origine si perde nella notte dei tempi. I cinesi hanno tracciato le macchie solari e le comete con un tale dettaglio e precisione che questi antichi documenti sono ancora usati come base per la loro previsione e osservazione oggi. I cinesi stavano perforando il gas naturale circa 2.500 anni fa, pozzi profondi 4.800 piedi, con condutture di bambù per consegnare il gas alle città vicine. I cinesi furono i pionieri dell’estrazione e dell’uso del carbone molto prima che fosse conosciuto in Occidente. Marco Polo e i commercianti arabi si meravigliarono della “pietra nera” che i cinesi estraevano da terra, che bruciava lentamente durante un’intera notte.

La Cina aveva stampato carta moneta quasi 1.500 anni fa, in modo da prevenire la contraffazione. La carta da imballaggio, i tovaglioli di carta e la carta igienica erano tutti generalmente usati in Cina 2000 anni prima che l’Occidente potesse produrli. Furono i primi a inventare e sviluppare un orologio meccanico completo con un vero scappamento, molti secoli prima che gli svizzeri lo avessero fatto. I cinesi hanno inventato un ingegnoso sismografo ancora in uso che racconta non solo la gravità ma la direzione e la distanza dei terremoti. I cinesi hanno inventato le mongolfiere, il paracadute, il volo con l’aquilone, la carriola e i fiammiferi. Hanno inventato laboratori chiusi ermeticamente per esperimenti scientifici. Inventarono le trasmissioni a cinghia e a catena, il piroscafo a vapore, il rotore dell’elicottero e l’elica, il ponte ad arco segmentale. Hanno inventato l’uso di energia idroelettrica e pompe a catena, la manovella, tutti i metodi di costruzione per ponti sospesi, pinze scorrevoli, mulinello da pesca, proiezione di immagini, lanterne magiche, sistema di sospensione cardanica. La Cina non ha solo inventato mole, macchine per cardare e telai, ma era il leader mondiale nelle innovazioni tecniche nella produzione tessile, oltre 700 anni prima della rivoluzione tessile britannica nel XVIII secolo.

La competenza cinese con la porcellana fine è stata così avanzata millenni fa, che ancora oggi si ammette che la loro abilità non è mai stata eguagliata in Occidente, tanto meno superata. I cinesi scoprirono non solo il magnetismo ma la rimanenza e l’induzione magnetica, oltre alla bussola. Inventarono polvere da sparo, bombe fumogene, il cannone, la balestra, armature placcate, fuochi d’artificio, lanciafiamme, granate, mine terrestri e marine, missili multistadio, mortai e pistole a ripetizione. La Cina aveva canali di irrigazione che venivano usati anche per il trasporto e i cinesi inventarono le chiuse del canale che potevano sollevare e abbassare le barche a diversi livelli 1.500 anni prima che gli americani costruissero il Canale di Panama. La Cina ha oggi dighe antisismiche che sono state costruite intorno al 250 a.C.

Un millennio fa, i cinesi hanno concepito e sviluppato la scienza dell’immunologia – vaccinando le persone per malattie come il vaiolo, sapendo come estrarre e preparare il vaccino in modo da immunizzare e non infettare. Hanno scoperto il ritmo circadiano nel corpo umano, la circolazione sanguigna e la scienza dell’endocrinologia. I cinesi stavano usando l’urina di donne in gravidanza per produrre ormoni sessuali 2000 anni fa, capendo come agivano sul corpo e come usarli. Esistono ancora molti libri di medicina cinese secolari, che documentano tutto questo e molto altro. Intorno al 1550, la Cina compilò un’enorme enciclopedia di 52 volumi di medicina tradizionale cinese alle erbe che descriveva quasi 2.000 fonti di erbe e 10.000 ricette mediche. Tra questi c’è l’olio di chaulmoogra, che è ancora l’unico trattamento noto per la lebbra.

La Cina progettò e costruì le più grandi navi commerciali del mondo, che erano molte volte più lunghe e dieci volte più grandi di qualsiasi cosa l’Occidente potesse costruire in quel momento. Alla fine del 1500 le più grandi navi inglesi hanno spostato 400 tonnellate, mentre la Cina ha spostato oltre 3.000 tonnellate. Le navi occidentali erano piccole, incontrollabili e fragili e inutili per percorrere qualsiasi distanza. Migliaia di anni fa, le navi cinesi avevano compartimenti stagni che permettevano loro di continuare i viaggi anche se danneggiati. Inoltre, le navi cinesi non solo avevano più alberi, ma la Cina ha inventato le vele impennate che ci consentono di navigare quasi nel vento, proprio come fanno oggi le barche a vela, e quindi non dipendevano dalla direzione del vento per il loro viaggio. Le loro vele luff contenevano stecche di bambù cucite che mantengono le vele piene e aerodinamicamente efficienti, come usano le barche a vela da regata oggi. I cinesi hanno inventato il timone della nave – qualcosa che gli europei non sono mai riusciti a fare, in grado di governare solo a remi, e le vele europee hanno permesso loro di viaggiare solo nella direzione del vento, il che significava che una nave doveva rimanere al suo posto, a volte per mesi, in attesa di un vento favorevole.

Le mappe cinesi furono le migliori al mondo, per ordine di grandezza, per oltre un millennio, e la precisione delle loro mappe divenne leggendaria, essendo molto in anticipo rispetto all’ovest. I cinesi inventarono proiezioni di Mercatore, mappe in rilievo, cartografia quantitativa e layout a griglia. La Cina aveva bussole e una conoscenza astronomica così ampia che sapevano sempre dove si trovavano, potevano tracciare percorsi e seguirli con entrambe le carte nautiche e le stelle e potevano navigare dove volevano, indipendentemente dalla direzione del vento. Come ha sottolineato Needham, la Cina era così avanti rispetto al mondo occidentale nella navigazione e nella navigazione che i confronti sono solo imbarazzanti. Fu solo quando l’Occidente riuscì a copiare e rubare la tecnologia di navigazione e navigazione cinese che fu in grado di iniziare a viaggiare per il mondo e colonizzarlo. James Petras ha scritto, “È particolarmente importante sottolineare come la Cina, la potenza tecnologica mondiale tra il 1100 e il 1800, abbia reso possibile la nascita dell’Occidente. Fu solo prendendo in prestito e assimilando le innovazioni cinesi che l’Occidente fu in grado di effettuare la transizione verso le moderne economie capitaliste e imperialiste. “(2)

La Cina era 1.000 anni avanti rispetto all’occidente in tutto ciò che riguardava i metalli: ghisa, ferro battuto, acciaio, acciaio al carbonio, acciaio temperato, acciaio saldato. I cinesi erano così abili nella metallurgia che potevano suonare campane accordate che potevano produrre qualsiasi tono. Molto prima del 1.000 d.C., la Cina era il principale produttore mondiale di acciaio. Credo che sia stato James Petras a notare che nel 1000 d.C. circa la Cina produceva circa 125.000 tonnellate di acciaio all’anno, mentre 800 anni dopo la Gran Bretagna poteva produrre solo 75.000 tonnellate. (1) I cinesi hanno inventato l’altoforno, i soffietti a doppia azione per raggiungere le alte temperature necessarie per la fusione e la ricottura dei metalli. Hanno inventato la produzione di acciaio da ghisa. I tuoi eccellevano nella creazione di leghe metalliche e molto presto fondevano e forgiavano monete fatte di rame, nichel e zinco. L’intero processo di estrazione mineraria, zinco per fusione e purificazione, originario della Cina. I cinesi hanno sviluppato i processi di estrazione stessa e la concentrazione e l’estrazione dei metalli.

China was highly advanced in agriculture, having invented the winnowing fan and the seed drill, making an easy process of tilling, planting, and harvesting. Europeans and Americans were still seeding crops by scattering grain from a bag, a greatly wasteful practice that necessitated saving 50% of each year’s crop for seed. China developed scientifically efficient plows that have never been equaled and are still used all over the world today. They invented and developed animal harnesses and collars that first permitted horses to actually be used to pull loads. Europe had no efficient plow, and their only way of harnessing animals was to put a rope around their necks, which succeeded only in the animals strangling themselves. The Chinese invented saddles and the riding stirrup. China’s food production was orders of magnitude ahead of the world for more than 1,000 years, its advances in agriculture the enabling cause of Europe’s agricultural revolution that first permitted it to begin feeding itself adequately. The Chinese were wearing fine silk and cotton clothing and using toilet paper while centuries later Europeans were still wearing animal skins.

Poche persone in Occidente hanno familiarità con le sfere armillari cinesi. Queste meraviglie del mondo, fuse in bronzo di diversi metri di diametro e splendidamente decorate con draghi e fenici, sono alcuni dei più antichi e accurati strumenti di osservazione astronomica esistenti, alcuni creati più di 3.500 anni fa quando i paesi occidentali non erano a conoscenza di cose del genere. Determinano e misurano le posizioni e le coordinate eclittiche equatoriali e orizzontali dei corpi celesti, le posizioni e i movimenti giornalieri di 1.500 stelle e costellazioni e molto altro. Quando le forze occidentali hanno invaso la Cina alla fine del 1800, erano così affascinati che saccheggiarono la maggior parte di questi tesori e secoli di dati dagli antichi osservatori, smontando gli strumenti e rimuovendoli in Europa,

Resta senza parole per imparare la vasta portata delle invenzioni cinesi che esistevano centinaia di anni e spesso millenni, prima che apparissero in Occidente. Needham ha pubblicato non solo antichi testi cinesi che possono essere datati con precisione, ma foto di vecchi disegni che raffigurano chiaramente tutti questi elementi. Questa non è una semplice questione di polvere da sparo e fuochi d’artificio, ma di scoperta che abbraccia l’intera gamma della conoscenza umana, che è stata coscientemente nascosta al mondo occidentale. Needham fece le sue scoperte negli anni ’40, ma né l’istruzione occidentale né i media le hanno mai fatto riferimento o riconosciuto. Queste non sono semplici affermazioni; le prove sono conclusive e disponibili per l’esame, ma l’Occidente ha completamente cancellato la Cina dalla memoria storica del mondo.L’Occidente odia davvero la Cina!

Mito e false dichiarazioni

Western historians have distorted and ignored China’s dominant role in the world economy until about 1800. There exists an enormous amount of empirical data proving China’s economic and technological superiority over Western civilization for the better part of several millennia. Given that China was the world’s supreme technological power up to about 1800, it is especially important to emphasize that this is what made the West’s emergence possible. It was only by copying and assimilating Chinese innovations and China’s much more advanced technology that the West was able to make the transition to modern capitalist and imperialist economies. Until then, China was the leading trading nation, reaching most of Southern Asia, Africa, the Middle East and Europe. China’s innovations in the production of paper, book printing, firearms and tools led to a manufacturing superpower whose goods were transported throughout the world by the most advanced navigational system. Moreover, banking, a stable paper money economy, excellent manufacturing and high agricultural yields resulted in China’s per capita income surpassing that of Great Britain until about 1800.

Non solo, ma, come ha sottolineato James Petras, “… la maggior parte degli storici economici occidentali ha presentato la Cina storica come una società stagnante, arretrata, parrocchiale, un” dispotismo orientale “.” La Cina non è mai stata così. Nel corso del 13 ° secolo, Marco Polo descrisse la Cina come molto più ricca e più avanzata di qualsiasi paese europeo, e importanti filosofi europei come Voltaire guardarono alla società cinese come un esempio intellettuale, in particolare gli inglesi usarono la Cina come modello per stabilire un servizio civile meritocratico . (3)

Un primo pensiero nel rivedere questa ricerca è che il mondo deve essere sembrato molto primitivo alla Cina 500 anni fa, in quel momento veramente “terzo mondo”. Quando Zhang He e altri hanno condotto i loro viaggi di esplorazione, devono essere rimasti delusi da ciò che hanno scoperto. Il resto del mondo non aveva carta o stampa, matematica, scienza, poca medicina degna di nota, quasi nessuna metallurgia di cui parlare, un’agricoltura primitiva, nessuna manifattura di alcun tipo degno, nessuna porcellana, nessuna ruota che gira o telai per tessitura fare vestiti. Dalla revisione della storia dell’invenzione cinese, si sviluppa una sensazione sempre più forte che i cinesi guardavano al mondo e non trovavano nulla di interessante in tutte quelle società che erano secoli, e in alcuni casi millenni, dietro la Cina in quasi tutti i modi. Si può facilmente teorizzare che questo sia il motivo per cui la Cina si era chiusa fuori dal mondo in quel momento, concludendo che altre nazioni erano così arretrate che poco si sarebbe guadagnato da un contatto prolungato. Si può immaginare che siano tornati a casa e abbiano chiuso la porta, forse pensando di tornare tra altri 500 anni per vedere se le cose fossero andate avanti. Con l’aggiunta di dettagli, questo è molto probabilmente il modo in cui gli eventi sono emersi.

Ciò che la Cina non si aspettava era che l’Occidente rubasse tutte queste idee, trasformandole in armi di colonizzazione e guerra, tornando alla nazione che era la fonte di quella conoscenza e invadendola per colonizzare, rubare risorse e schiavizzare e massacrare la popolazione. L’interesse della Cina era sempre solo esplorazione e commercio. I cinesi non furono mai espansionisti o guerrieri, volendo solo proteggere i propri confini dall’invasione del Nord. La Cina era piuttosto impreparata alla natura violenta e alla selvaggia brutalità dell’uomo bianco che navigava per il mondo, invocando la benedizione di Dio sulle sue innumerevoli atrocità. Insieme a un governo interno debole e all’inventiva degli ebrei di Baghdad nell’uso dell’oppio per raccogliere miliardi mentre schiavizzavamo una nazione sotto la protezione dell’esercito britannico, abbiamo una forte oscillazione al ribasso per 200 anni.

Two Great Historical Tragedies

Il sommario di cui sopra non inizia nemmeno a catalogare adeguatamente l’estensione dell’invenzione cinese, la somma delle scoperte e dei contributi della Cina al mondo moderno. Ma sfortunatamente, gran parte della somma totale della conoscenza e della storia dell’invenzione della Cina è persa per sempre nel mondo. Gran parte della conoscenza registrata della storia della Cina è stata distrutta in uno dei più grandi atti di genocidio culturale nella storia del mondo: il saccheggio e il rogo del palazzo estivo della Cina, lo Yuanmingyuan, che conteneva oltre dieci milioni dei migliori e i più preziosi tesori storici e opere accademiche di 5000 anni di storia cinese. Ciò che non poteva essere saccheggiato fu distrutto e l’intero imponente palazzo fu distrutto da un incendio. Questo furto sfrenato e la totale distruzione di una delle più grandi raccolte mondiali di conoscenza storica è stata progettata dai Rothschild e dai Sassoon come rappresaglia per la resistenza cinese al loro oppio. (4) (5)

Questo è un lato, ma la distruzione dello Yuanmingyuan è stata fatta per lo stesso motivo per cui gli Alleati hanno bombardato Dresda per macerie durante la seconda guerra mondiale. Dresda non aveva valore militare ma era il cuore spirituale e culturale della Germania, la sua distruzione significava “aprire una ferita nell’anima tedesca che non avrebbe mai guarito”. Per lo stesso motivo, lo “stato profondo” americano è stato selvaggiamente determinato a lanciare la prima bomba atomica su Kyoto, anche il cuore e l’anima della cultura giapponese. Kyoto era protetta dalla Provvidenza, con forti sovraccarichi di nuvole che impedivano ai bombardieri di localizzarlo con sufficiente precisione, costringendoli ai loro supplenti di Hiroshima e Nagasaki.

Ma in termini di distruzione di una registrazione letteraria di cultura e invenzione, c’era forse un crimine ancora maggiore contro la storia della conoscenza cinese: la distruzione della biblioteca e dello Yongle Dadian presso la Hanlin Academy. (6) Quell’enciclopedia di 22.000 volumi scritti da oltre 2.000 studiosi per molti anni, conteneva gran parte del totale di 5.000 anni di conoscenza, invenzione e pensiero cinesi. Gli inglesi portarono tutti quei libri all’aperto, versarono carburante su di loro e bruciarono l’intera collezione in cenere. Solo Dio sa cosa si è perso in questa tragica distruzione, ordinata dagli stessi spacciatori come punizione per aver rifiutato l’oppio, voleva spezzare la volontà della Cina colpendo il cuore stesso della cultura della nazione nella distruzione sfrenata di qualcosa di così inestimabile valore da lasciare una ferita aperta che non guarirebbe mai.

Il darwinismo al suo culmine

Oggi gli occidentali giustificano la loro appropriazione non riconosciuta della conoscenza cinese e le successive rivendicazioni sulla proprietà di alcune varianti della proposizione secondo cui i cinesi hanno inventato quelle cose, ma non le hanno mai sviluppate o capitalizzate, ma la pretesa è un’assurdità egoistica non valida poiché la mia invenzione è mia se o no, scelgo di svilupparlo. Anche l’affermazione non è vera.

Quando i cinesi inventarono la carta e la stampa, i libri si diffusero in tutta la Cina, così come la tessitura della stoffa e lo sviluppo dei tessuti. La Cina ha impiegato le sue invenzioni in modo illimitato a beneficio della società cinese. Ciò che non hanno fatto è depositare brevetti, convertire tutto in IP di proprietà privata e trasferire la loro ingegnosità da beneficio sociale a profitto privato. Le critiche sull’uso della Cina delle sue invenzioni non stanno tanto negando la mancanza di applicazione ma l’assenza di commercializzazione, queste giustificazioni occidentali implicano che qualsiasi nazione che non cerca immediatamente la massimizzazione del profitto delle sue scoperte è moralmente negligente, il furto di tali scoperte poi giustificato da quelli che li userebbero più correttamente.

Avere rinunciato alla commercializzazione privata non era né un difetto del carattere né un difetto comportamentale, ma un riflesso della natura pluralistica e socialista del popolo cinese, la stessa ragione per cui ancora oggi le leggi e i regolamenti sui brevetti e sulla proprietà intellettuale della Cina sono molto meno aggressivi di quelli di gli Stati Uniti. In parole povere, la Cina non è mai stata così capitalista o individualista come l’Occidente. Fa parte della grandezza della nazione cinese che questa immensa popolazione si è impegnata in millenni di ricerca, scoperta e invenzione sbalorditive e ha distribuito liberamente quei frutti in tutta la nazione. Questa enfasi sul maggior bene e sul beneficio complessivo per la società piuttosto che sul profitto individuale, è fondamentale per la naturale umanità del popolo cinese,

L’Occidente sceglie di ignorare il fatto che la pausa di 200 anni nell’innovazione cinese era dovuta quasi interamente alle loro stesse invasioni militari, quando l’Occidente stava devastando e distruggendo la nazione. Lo sviluppo, il progresso sociale e l’invenzione della Cina, cessarono solo per le invasioni sia degli americani che degli europei, e soprattutto con il vasto programma degli ebrei di traffico di oppio in Cina.

Forse di interesse più diretto è che il ritardo della Cina nella tecnologia attuale è, più di ogni altra cosa, uno sfortunato incidente del destino che si è verificato durante un blip-in-time. Dopo che Mao ha sfrattato tutti gli stranieri e la Cina ha scrollato di dosso gli effetti di 200 anni di interferenze straniere e saccheggi per iniziare la transizione verso un’economia industrializzata, è stato proprio quando è esploso il mondo dell’elettronica e della comunicazione. Fu durante quel breve periodo di un paio di decenni che computer, Internet, telefoni cellulari e molto altro ancora furono concepiti e brevettati dall’Occidente. Praticamente l’intero processo è passato dalla Cina, perché durante quel breve periodo la nazione era completamente avvolta nei fondamenti della sua rivoluzione economica e sociale e non era in grado di partecipare. La mancanza di brevetti e di proprietà intellettuale della Cina nel campo dell’elettronica oggi non è dovuta né alla superiorità occidentale né alla mancanza di innovazione cinese, ma all’aggressione occidentale. L’accumulo di brevetti americani ed europei non era in alcun modo dovuto alla supremazia occidentale nell’innovazione, ma all’assenza dei cinesi.

Il presente e il futuro

L’inventiva della Cina non è finita. Con la Cina che si sta riprendendo e ancora una volta prendendo il suo giusto posto nel mondo, continua 200 anni fa da dove era stata interrotta. Ignorando la battuta d’arresto storica, le aziende cinesi stanno semplicemente scavalcando le prime fasi dell’innovazione da parte di imprese straniere e procedendo alle fasi successive in cui il campo è aperto e i brevetti stranieri non hanno precluso l’innovazione e lo sviluppo.

Se esaminiamo i campi in cui la Cina è in ritardo in termini di brevetti e PI, è principalmente in quelle aree della scienza che sono progredite durante quel breve periodo in cui la Cina non è stata in grado di partecipare. Non appena la Cina ha trovato la sua base, l’innovazione ha continuato senza sosta come per migliaia di anni. La Cina ha perso i brevetti di computer e smartphone, ma è stata perfettamente programmata per la rivoluzione dei pannelli solari ed è rapidamente emersa come leader mondiale – a quel punto gli Stati Uniti hanno imposto tariffe del 300% sui pannelli solari cinesi nel tentativo non tanto di uccidere le vendite all’esportazione della Cina ma per impedire l’accumulo di fondi per ulteriori attività di ricerca e sviluppo. In qualsiasi area non ostacolata dalla restrizione dell’IP, l’innovazione cinese è aumentata vertiginosamente, di solito alla leadership mondiale.

Nonostante le accuse statunitensi di copiare la tecnologia straniera da parte della Cina, i risultati raggiunti dall’alta tecnologia in Cina furono interamente coltivati ​​in casa perché gli Stati Uniti erano così determinati a ostacolare l’ascesa della Cina che nel 1950 progettò un embargo internazionale su tutte le conoscenze scientifiche e su quasi tutti i prodotti e processi utili in Cina, inclusa la legislazione a cui gli scienziati cinesi non possono essere invitati o a cui partecipare a forum scientifici americani, mentre fanno bullismo su altre nazioni occidentali affinché facciano lo stesso. Nell’ottobre del 2019, a tutti gli scienziati cinesi e alle società di tecnologia spaziale è stato negato il visto per partecipare al Congresso Astronautico Internazionale di Washington, che si è tenuto per una settimana, ben lungi dalla prima volta che si è verificato.

Abbiamo sentito molto dai media occidentali riguardo alla Cina che richiede trasferimenti di tecnologia come condizione di residenza aziendale in Cina, ma questa è principalmente propaganda. Senza dubbio ci sono aspettative per la tecnologia e il trasferimento di know-how, dal momento che la Cina non vuole passare il resto della sua vita a produrre tostapane e scarpe da corsa ma, poiché l’ingresso nel mercato cinese è un dono di miliardi di profitti, è perfettamente sensato allegare un prezzo ad esso. Tuttavia, si deve tenere presente che nessuna società straniera sta conducendo ricerche militari commerciali o sensibili all’avanguardia o sta producendo computer quantistici e missili ipersonici in Cina. Qualsiasi tecnologia effettivamente disponibile per il trasferimento sarebbe quasi interamente nei beni di consumo e difficilmente costituirebbe un grande valore o minacce alla “sicurezza nazionale” degli Stati Uniti. E,

Un breve elenco delle recenti innovazioni cinesi

Nel 2015, gli ingegneri cinesi hanno annunciato la prima rete di comunicazioni quantistiche al mondo, un sistema di 2.000 chilometri che collega Pechino e Shanghai con la trasmissione dei dati codificata dalla distribuzione quantistica delle chiavi. Nell’agosto del 2016 la Cina ha lanciato il primo satellite al mondo per le comunicazioni quantistiche, riuscendo a testare le comunicazioni con le stazioni terrestri esistenti nel paese. Nel settembre del 2016, gli scienziati cinesi hanno realizzato il primo teletrasporto quantico al mondo tra fonti indipendenti, fornendo informazioni quantistiche codificate in fotoni tra due posizioni.

Nel 2014, i ricercatori dell’Università Nankai di Tianjin hanno sviluppato un’auto con un’unità di controllo del cervello funzionante, con sensori che catturano i segnali del cervello che consentono agli esseri umani di controllare l’automobile con le loro menti. Nel 2016 la Cina ha lanciato un laboratorio spaziale completamente operativo per condurre i primi esperimenti di interazione cervello-macchina nello spazio. Gli scienziati cinesi credono che l’interazione cervello-computer sarà alla fine la più alta forma di comunicazione uomo-macchina, avendo sviluppato questo processo molto più lontano di qualsiasi nazione occidentale e detiene quasi 100 brevetti.

Nel 2015, gli studenti delle scuole superiori di Tianjin hanno vinto una medaglia d’oro internazionale per la creazione di una batteria biologica per microbi. Tali tentativi in ​​passato sono falliti a causa delle scarse prestazioni e dell’utilità limitata, ma questi studenti hanno concepito l’idea di combinare diversi tipi di batteri in una cellula di potenza biologica, con ogni batterio che ha responsabilità specialistiche basate sulle proprie funzioni uniche. La loro minuscola cellula multi-batterica ha raggiunto oltre 520 mV ed è durata oltre 80 ore. Aumentata, la loro batteria biologica è stata in grado di generare tutta l’energia di una batteria al litio, con una durata molto più lunga e senza produrre inquinamento. Questi sono bambini delle scuole superiori cinesi.

Nel 2015 gli scienziati cinesi sono riusciti a modificare un embrione umano per consentire ai cambiamenti di persistere attraverso le generazioni future, qualcosa che non era mai stato realizzato prima, per alterare il DNA umano per la rimozione di geni pericolosi o indesiderati dalle generazioni future. Ricercatori cinesi stanno sviluppando la tecnologia e i processi per rendere la pelle stampata in 3D una realtà, una pelle su misura per i pazienti ustionati, stampata in base alle loro ferite. Il paese è leader mondiale nella tecnologia di scansione del gatto, nella mappatura e nella sintesi del DNA e in molti campi medici come la chirurgia dell’occhio laser e i trapianti di cornea.

Nel maggio del 2019, una start-up cinese ha lanciato un rivoluzionario chip AI con la potenza di calcolo di otto server NVIDIA P4 ma fino a cinque volte più veloce, con metà delle dimensioni e il 20% del consumo di energia e costando il 50% in meno per la produzione . L’Università Fudan di Shanghai ha sviluppato un transistor basato sul solfuro di molibdeno bidimensionale, il che significa che l’elaborazione e la memorizzazione dei dati avvengono insieme in una singola cella, forse eliminando i chip a base di silicio che sono al loro limite. DJI Technology, fondata da uno studente universitario cinese, è diventata in pochi anni il leader del mercato globale dei piccoli droni di consumo e già attirando sanzioni americane per il troppo successo in un’area che gli Stati Uniti vogliono controllare. Il paese produce quasi il 40% dei robot del mondo, con tecnologie di base notevolmente migliorate, ed è il leader mondiale nella tecnologia 5-G.

Gli ingegneri cinesi hanno creato un supercomputer sette volte più veloce dell’installazione americana di Oak Ridge, il primo al mondo a raggiungere velocità superiori a 100 PetaFlops, alimentato da una CPU multi-core sviluppata in Cina e da un software cinese, sostituendo gli Stati Uniti con il maggior numero di supercomputer del top 500. Alla rivelazione del supercomputer superveloce cinese, le autorità hanno riferito che l’NSA aveva lanciato centinaia di migliaia di attacchi di hacking, cercando di rubare la tecnologia per i nuovi microprocessori cinesi.

Le abilità ingegneristiche dei megaprogetti cinesi sono già leggendarie, con i ponti marittimi più lunghi, i tunnel più lunghi, i più grandi porti di acque profonde. La Cina ha costruito il ponte di vetro più lungo e più alto del mondo a Zhangjiajie, sospeso tra due ripide scogliere a 300 metri dal suolo e che ha stabilito 10 record mondiali che abbracciano il suo design e la sua costruzione. La diga delle tre gole è la più grande del mondo, con chiuse a 5 livelli che possono contenere le navi più grandi del mondo e anche un ascensore per navi più piccole, il più grande e sofisticato del mondo. La Cina ha formulato piani per costruire un collettore di elettroni, quattro volte più lungo (100 km) e operando a più di sette volte la capacità energetica del CERN europeo. Nel 2015, gli scienziati cinesi hanno completato il radiotelescopio da 500 metri,

Nel 2014, gli architetti di Amsterdam hanno iniziato a lavorare su quella che sarebbe stata la prima casa al mondo completamente stampata in 3D, un’impresa costosa che ha richiesto tre anni. Allo stesso tempo, a Shanghai, una società cinese ha completato dieci case stampate in 3D in meno di un giorno, al costo di meno di $ 5.000 ciascuna, usando come “inchiostro” l’edilizia riciclata e i rottami industriali. Ho visto queste case; strutture grandi, eleganti, a più piani in stile europeo e così robuste da resistere a terremoti fino al livello 8 della scala Richter.

Conosciamo i favolosi treni ad alta velocità della Cina, ma pochi al di fuori della Cina sono consapevoli dell’intensa qualità della rete HSR, costruita con i più alti standard nel mondo moderno, inclusa la stabilità. Quando viaggio in treno, a volte metto una moneta sul bordo del davanzale e ho un video della moneta che rimane stabile per quattro o cinque minuti prima che cada alla fine – e questo è a 300 km all’ora. Shanghai ha un treno Maglev ad alta velocità (430 Km / ora), mentre molte città hanno Maglev a bassa velocità (200 Km / ora) e gli ingegneri cinesi sono pronti a produrre commercialmente un Maglev 600 km / ora. Lo stesso ritmo di sviluppo è vero per i sistemi metropolitani urbani della nazione. Ho perso la fonte di queste cifre, ma la città di Londra ha impiegato 147 anni per costruire 408 Km. delle linee della metropolitana, New York City 106 anni per 370 Km.,

È sfuggito all’attenzione che questi risultati non sono stati improvvisi, ma si sono sviluppati da un piano deliberato in esecuzione per 30 anni, anche se solo di recente molti di questi sforzi stanno dando i suoi frutti. Ancora più importante, la Cina ha raggiunto questo obiettivo da una base industriale del terzo mondo mentre era sotto un embargo occidentale totale sul trasferimento di tecnologia. Scienziati cinesi hanno sviluppato impianti di energia nucleare, messo gli uomini nello spazio, fotografato l’intera superficie della luna, costruito una stazione spaziale, progettato e lanciato un sistema GPS privato. Abbiamo sottomarini sottomarini progettati e costruiti in Cina e il paese sta rapidamente sviluppando la propria industria aeronautica. Oggi, con la sua base scientifica e tecnologica molto più avanzata e con spese per l’istruzione in aumento di quasi il 10% all’anno e spese di ricerca e sviluppo molto elevate,

Una nota di chiusura

Uno dei miti più persistenti diffusi sulla Cina, un’affermazione priva di brandelli di prove a sostegno, è che i cinesi mancano di creatività e innovazione a causa di difetti nel loro sistema educativo. Abbiamo visto centinaia di volte le accuse: il sistema educativo cinese insegna solo memoria, soffocando l’innovazione, i cinesi non sono in grado di concettualizzare o innovare, sapendo solo come ottenere punteggi elevati nei test ma non come pensare. Ecco il discorso di Carly Fiorina, ex CEO di HP: “Ho fatto affari in Cina per decenni e ti dirò che sì, i cinesi possono fare un test, ma ciò che non possono fare è innovare. Non sono terribilmente fantasiosi. Non sono imprenditoriali. Non innovano. Ecco perché stanno rubando la nostra proprietà intellettuale … l’innovazione e l’imprenditorialità non sono i loro punti di forza. La loro società,

Nel 2015, Eva Dou ha riferito sul Wall Street Journal di uno studio di McKinsey che affermava che la Cina aveva fatto tutte le innovazioni “facili”, come rendere i prodotti migliori ed economici, ma che “il paese ha storie di successo limitate in” più impegnativo ” tipi di innovazione che si basano su scoperte scientifiche o ingegneristiche. ”Le conclusioni di McKinsey non sono supportate dalle prove elencate qui. (8)

Larry Romanoff è un collaboratore frequente di Global Research.

Gli appunti

(1) Robert Temple, Il genio della Cina: 3000 anni di scienza, scoperta e invenzione; https://www.amazon.com/Genius-China-Science-Discovery-Invention/dp/1594772177

(2) James Petras; Cina: ascesa, caduta e riemersione come potenza globale; Alcune lezioni dal passato

(3) Ron Unz; The American Conservative; 18 aprile 2012; China’s Rise, America’s Fall; Perché le nazioni falliscono; https://www.theamericanconservative.com/articles/chinas-rise-americas-fall/

(4) China Remembers a Vast Crime – The New York Times; https://www.nytimes.com/2010/10/22/arts/22iht-MELVIN.html

(5) Palazzo d’estate di Pechino distrutto; https://www.history.com/this-day-in-history/pekings-summer-palace-destroyed

(6) “La distruzione di una grande biblioteca: la perdita della Cina appartiene al mondo; https://eric.ed.gov/?id=EJ552559

(7) L’ex CEO di HP Carly Fiorina afferma che i cinesi “non innovano”; Tempo; https://time.com/3897081/carly-fiorina-china-innovation/

(8) Innovazione cinese: ora arriva la parte difficile, dice lo studio; https://blogs.wsj.com/chinarealtime/2015/10/22/chinese-innovation-now-comes-the-hard-part-says-study/La fonte originale di questo articolo è Global ResearchCopyright © Larry Romanoff , Global Research, 2019

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.