La CIA e i media

Dal blog https://www.globalresearch.ca/

Di Carl BernsteinRicerca globale, 18 febbraio 2020

Dopo aver lasciato il Washington Post nel 1977, Carl Bernstein trascorse sei mesi a esaminare le relazioni tra la CIA e la stampa durante gli anni della guerra fredda. La sua storia di copertina di 25.000 parole, pubblicata su Rolling Stone il 20 ottobre 1977, è ristampata di seguito.

***

Nel 1953, Joseph Alsop, allora uno dei principali editorialisti sindacati d’America, andò nelle Filippine per coprire le elezioni. Non è andato perché gli è stato chiesto di farlo dal suo sindacato. Non è andato perché gli è stato chiesto dai giornali che hanno stampato la sua rubrica. È andato su richiesta della CIA.

Alsop è uno degli oltre 400 giornalisti americani che negli ultimi venticinque anni hanno svolto segretamente incarichi per la Central Intelligence Agency, secondo i documenti archiviati presso la sede della CIA. Alcuni dei rapporti di questi giornalisti con l’Agenzia erano taciti; alcuni erano espliciti. C’era cooperazione, alloggio e sovrapposizione. I giornalisti hanno fornito una gamma completa di servizi clandestini, dalla semplice raccolta di informazioni ai servizi di spionaggio con spie nei paesi comunisti. I giornalisti hanno condiviso i loro quaderni con la CIA. I redattori hanno condiviso il loro staff. Alcuni giornalisti erano vincitori del Premio Pulitzer, illustri giornalisti che si consideravano ambasciatori senza portafoglio per il loro paese. Molti erano meno esaltati: corrispondenti stranieri che hanno scoperto che la loro associazione con l’Agenzia ha aiutato il loro lavoro; stringers e liberi professionisti che erano interessati tanto alle attività di spionaggio delle attività di spionaggio quanto agli articoli di archiviazione; e, la categoria più piccola, impiegati della CIA a tempo pieno mascherati da giornalisti all’estero. In molti casi, dimostrano i documenti della CIA, i giornalisti erano impegnati a svolgere compiti per la CIA con il consenso dei dirigenti delle principali organizzazioni di stampa americane.

La storia del coinvolgimento della CIA con la stampa americana continua ad essere avvolta da una politica ufficiale di offuscamento e inganno per i seguenti motivi principali:

  • L’uso dei giornalisti è stato tra i mezzi più produttivi di raccolta di informazioni sulla CIA. Sebbene l’Agenzia abbia ridotto drasticamente l’uso dei giornalisti dal 1973 principalmente a causa delle pressioni dei media), alcuni agenti giornalisti sono ancora distaccati all’estero.
  • Ulteriori indagini sulla questione, affermano i funzionari della CIA, avrebbero inevitabilmente rivelato una serie di relazioni imbarazzanti negli anni ’50 e ’60 con alcune delle organizzazioni e individui più potenti del giornalismo americano.

Tra i dirigenti che hanno prestato la loro collaborazione all’Agenzia c’erano Williarn Paley del Columbia Broadcasting System, Henry Luce di Tirne Inc., Arthur Hays Sulzberger del New York Times , Barry Bingham Sr. del LouisviIle Courier ‑ Journal e James Copley di il Copley News Service. Altre organizzazioni che hanno collaborato con la CIA includono American Broadcasting Company, National Broadcasting Company, Associated Press, United Press International, Reuters, Hearst Newspapers, Scripps ‑ Howard, Newsweek , Mutual Broadcasting System, Miami Herald e il vecchio sabato Evening Post e New York Herald ‑ Tribune.

Di gran lunga la più preziosa di queste associazioni, secondo i funzionari della CIA, è stata con il New York Times, CBS e Time Inc.

L’uso da parte della CIA dei media americani è stato molto più ampio di quanto i funzionari dell’Agenzia abbiano riconosciuto pubblicamente o in sessioni chiuse con i membri del Congresso. Le linee generali di ciò che è accaduto sono indiscutibili; le specifiche sono più difficili da trovare. Fonti della CIA suggeriscono che un particolare giornalista stava trafficando in tutta l’Europa orientale per l’agenzia; il giornalista dice di no, ha appena pranzato con il capo della stazione. Fonti della CIA affermano chiaramente che un noto corrispondente della ABC ha lavorato per l’Agenzia fino al 1973; si rifiutano di identificarlo. Un funzionario della CIA di alto livello con una memoria prodigiosa afferma che il New York Times ha fornito una copertura per una decina di agenti della CIA tra il 1950 e il 1966; non sa chi fossero o chi nella gestione del giornale abbia preso accordi.

Le relazioni speciali dell’Agenzia con le cosiddette “major” nel campo dell’editoria e della radiodiffusione hanno permesso alla CIA di pubblicare alcuni dei suoi agenti più preziosi all’estero senza esposizione per oltre due decenni. Nella maggior parte dei casi, mostrano i file dell’agenzia, i funzionari ai più alti livelli della CIA di solito direttore o vicedirettore) hanno trattato personalmente un singolo individuo designato nella direzione superiore dell’organizzazione di notizie cooperante. Gli aiuti forniti assumevano spesso due forme: fornire posti di lavoro e credenziali “copertura giornalistica” nel parlamento dell’Agenzia) per agenti della CIA che stavano per essere distaccati in capitali straniere; e prestando all’Agenzia i servizi sotto copertura di giornalisti già impiegati, compresi alcuni dei corrispondenti più noti nel settore.

Sul campo, i giornalisti sono stati usati per aiutare a reclutare e gestire gli stranieri come agenti; acquisire e valutare informazioni e piantare false informazioni con funzionari di governi stranieri. Molti hanno firmato accordi di segretezza, impegnandosi a non divulgare nulla sui loro rapporti con l’Agenzia; alcuni contratti di lavoro firmati., alcuni sono stati assegnati a case officer e trattati. deferenza insolita. Altri avevano rapporti meno strutturati con l’Agenzia, anche se svolgevano compiti simili: erano stati informati dal personale della CIA prima di trasferirsi all’estero, successivamente informati e usati come intermediari con agenti stranieri. Opportunamente, la CIA usa il termine “reporting” per descrivere gran parte di ciò che i giornalisti che hanno collaborato hanno fatto per l’Agenzia. “Vorremmo chiedere loro: ‘Ci farai un favore?'”, Ha detto un alto funzionario della CIA. “’Comprendiamo che sarai in Jugoslavia. Hanno spianato tutte le strade? Dove hai visto gli aerei? Ci sono stati segni di presenza militare? Quanti sovietici hai visto? Se ti capita di incontrare un sovietico, prendi il suo nome e sillabalo nel modo giusto … Puoi organizzare un incontro per? O trasmette un messaggio? ‘”Molti funzionari della CIA consideravano questi utili giornalisti come agenti; i giornalisti tendevano a vedersi come amici fidati dell’Agenzia che eseguivano favori occasionali – di solito senza paga – nell’interesse nazionale.

File: Joseph Alsop 1974-12-17.jpg

“Sono orgoglioso che mi abbiano chiesto e orgoglioso di averlo fatto”, ha detto Joseph Alsop (immagine a destra) che, come il suo defunto fratello, editorialista Stewart Alsop, ha intrapreso compiti clandestini per l’Agenzia. “L’idea che un giornalista non abbia un dovere nei confronti del suo paese è una palla perfetta”.

Dal punto di vista dell’Agenzia, non c’è nulla di spiacevole in tali relazioni, e qualsiasi questione etica è una questione che la professione giornalistica deve risolvere, non la comunità dell’intelligence. Come Stuart Loory, ex corrispondente del Los Angeles Times , ha scritto nella  Columbia Journalism Review: “Se persino un americano all’estero che trasporta una carta di stampa è un informatore pagato per la CIA, allora tutti gli americani con quelle credenziali sono sospetti … Se si vuole superare la crisi di fiducia che affronta il settore delle notizie, insieme al governo, i giornalisti devono essere disposti a concentrarsi su se stessi sullo stesso riflettore che si allenano così incessantemente sugli altri! ” Ma come ha anche notato Loory: “Quando è stato riferito … che gli stessi giornalisti erano sul libro paga della CIA, la storia ha suscitato un breve scalpore, e poi è stata lasciata cadere”.

Durante le indagini della CIA del 1976 da parte del Comitato di intelligence del Senato, presieduto dal senatore Frank Church, le dimensioni del coinvolgimento dell’Agenzia con la stampa divennero evidenti a diversi membri del panel, nonché a due o tre investigatori nello staff. Ma i massimi funzionari della CIA, compresi gli ex direttori William Colby e George Bush, hanno convinto il comitato a limitare la sua inchiesta sulla questione e a travisare deliberatamente la portata effettiva delle attività nella sua relazione finale. Il rapporto multivolurne contiene nove pagine in cui si discute dell’uso dei giornalisti in termini deliberatamente vaghi e talvolta fuorvianti. Non fa menzione del numero effettivo di giornalisti che hanno assunto compiti segreti per la CIA.

LE OFFERTE DELL’AGENZIA CON LA STAMPA INIZIANO durante le prime fasi della guerra fredda. Allen Dulles  (immagine a sinistra), che divenne direttore della CIA nel 1953, cercò di stabilire una capacità di reclutamento e copertura all’interno delle più prestigiose istituzioni giornalistiche americane. Operando sotto le spoglie di corrispondenti di notizie accreditati, credeva Dulles, agli agenti della CIA all’estero sarebbe stato concesso un grado di accesso e libertà di movimento non ottenibili con quasi tutti gli altri tipi di copertura.

Gli editori americani, come tanti altri leader aziendali e istituzionali dell’epoca, erano disposti a impegnare le risorse delle loro compagnie nella lotta contro il “comunismo globale”. Di conseguenza, la linea tradizionale che separava il corpo della stampa americana e il governo era spesso indistinguibile: raramente un’agenzia di stampa era utilizzata per fornire copertura per agenti della CIA all’estero senza la conoscenza e il consenso del suo principale proprietario, editore o editore senior. Quindi, contrariamente all’idea che la CIA si sia infiltrata insidiosamente nella comunità giornalistica, ci sono ampie prove che i principali editori e dirigenti delle notizie americani hanno permesso a se stessi e alle loro organizzazioni di diventare ancelle dei servizi di intelligence. “Non prendiamo in giro alcuni poveri giornalisti, per l’amor di Dio, “William Colby esclamò ad un certo punto agli investigatori del comitato della Chiesa. “Andiamo ai gestori. Erano arguti. ” Complessivamente, circa venticinque organizzazioni giornalistiche, comprese quelle elencate all’inizio di questo articolo, hanno fornito copertura per l’Agenzia.

Oltre alla capacità di copertura, Dulles ha avviato una procedura di “debriefing” in base alla quale i corrispondenti americani di ritorno dall’estero hanno svuotato regolarmente i loro taccuini e offerto le loro impressioni al personale dell’Agenzia. Tali accordi, proseguiti dai successori di Dulles, fino ad oggi, sono stati presi letteralmente con decine di organizzazioni giornalistiche. Negli anni ’50, non era raro che i giornalisti di ritorno fossero incontrati sulla nave dagli ufficiali della CIA. “Ci sarebbero questi ragazzi delle carte d’identità della CIA che lampeggiano e che sembrano appartenere allo Yale Club”, ha detto Hugh Morrow, un ex corrispondente del Saturday Evening Post che ora è segretario stampa dell’ex vicepresidente Nelson Rockefeller. “Deve essere così sistematico che ti sei sentito un po ‘seccato se non ti fosse stato chiesto.”

I funzionari della CIA si rifiutano quasi sempre di divulgare i nomi dei giornalisti che hanno collaborato con l’Agenzia. Dicono che sarebbe ingiusto giudicare questi individui in un contesto diverso da quello che ha generato le relazioni in primo luogo. “C’è stato un tempo in cui non era considerato un crimine servire il tuo governo”, ha detto un funzionario di alto livello della CIA che non fa mistero della sua amarezza. “Tutto questo deve essere considerato nel contesto della moralità dei tempi, piuttosto che contro gli standard degli ultimi giorni – e gli standard ipocriti in questo”.

Molti giornalisti che coprivano la seconda guerra mondiale erano vicini alle persone nell’Ufficio dei servizi strategici, il predecessore in tempo di guerra della CIA; ancora più importante, erano tutti dalla stessa parte. Quando la guerra finì e molti funzionari dell’OSS entrarono nella CIA, era naturale che queste relazioni continuassero. Nel frattempo, la prima generazione di giornalisti del dopoguerra entrò nella professione; condividevano gli stessi valori politici e professionali dei loro mentori. “Avevi una banda di persone che hanno lavorato insieme durante la seconda guerra mondiale e non l’hanno mai superato”, ha detto un funzionario dell’Agenzia. “Erano sinceramente motivati ​​e altamente suscettibili agli intrighi e all’essere dentro. Poi negli anni Cinquanta e Sessanta vi fu un consenso nazionale su una minaccia nazionale. La guerra del Vietnam ha fatto a pezzi tutto – ha distrutto il consenso e lo ha lanciato in aria. “Un altro funzionario dell’Agenzia ha osservato:” Molti giornalisti non hanno riflettuto sull’associazione con l’Agenzia. Ma c’è stato un momento in cui sono emerse finalmente le questioni etiche che la maggior parte della gente aveva sommerso. Oggi, molti di questi ragazzi negano con veemenza di avere alcun rapporto con l’Agenzia. “

Fin dall’inizio, l’uso dei giornalisti è stato tra le imprese più sensibili della CIA, con la piena conoscenza limitata al direttore dell’intelligence centrale e ad alcuni dei suoi deputati scelti. Dulles e i suoi successori temevano che cosa sarebbe successo se la copertura di un giornalista-agente fosse saltata o se i dettagli dei rapporti dell’Agenzia con la stampa fossero stati resi pubblici. Di conseguenza, i contatti con i capi delle organizzazioni giornalistiche venivano normalmente avviati da Dulles e dai successivi Direttori della Central Intelligence; dai vicedirettori e capi divisione incaricati delle operazioni segrete: Frank Wisner, Cord Meyer Jr., Richard Bissell, Desmond FitzGerald, Tracy Barnes, Thomas Karamessines e Richard Helms stesso ex corrispondente UPI); e, occasionalmente,

James Angleton , che è stato recentemente rimosso come capo delle operazioni di controspionaggio dell’Agenzia, gestiva un gruppo completamente indipendente di giornalisti-agenti che svolgevano incarichi delicati e spesso pericolosi; di questo gruppo si sa poco per la semplice ragione che Angleton ha deliberatamente tenuto solo il più vago dei file.

La CIA ha persino organizzato un programma di formazione formale negli anni ’50 per insegnare ai suoi agenti come giornalisti. Agli ufficiali dell’intelligence è stato “insegnato a fare rumori come i giornalisti”, ha spiegato un alto funzionario della CIA, e sono stati poi collocati nelle principali organizzazioni giornalistiche con l’aiuto della direzione. “Questi erano i ragazzi che hanno superato i ranghi e gli è stato detto ‘Stai andando da lui un giornalista’”, ha detto il funzionario della CIA. Relativamente poche delle 400-alcune relazioni descritte nei file dell’agenzia hanno seguito questo modello; la maggior parte delle persone coinvolte che erano già giornalisti in buona fede quando hanno iniziato a svolgere compiti per l’Agenzia.

Le relazioni dell’Agenzia con i giornalisti, come descritte nei file della CIA, includono le seguenti categorie generali:

  • Membri del personale legittimi e accreditati delle organizzazioni giornalistiche, generalmente giornalisti. Alcuni sono stati pagati; alcuni hanno lavorato per l’Agenzia su base puramente volontaria. Questo gruppo comprende molti dei giornalisti più noti che hanno svolto compiti per la CIA. I file mostrano che gli stipendi pagati ai giornalisti dalle reti di giornali e di radiodiffusione erano talvolta integrati da pagamenti nominali della CIA, sotto forma di trattenuti, spese di viaggio o spese per servizi specifici eseguiti. Quasi tutti i pagamenti sono stati effettuati in contanti. La categoria accreditata comprende anche fotografi, personale amministrativo di agenzie di stampa straniere e membri di squadre tecniche di trasmissione.)

Due dei rapporti personali più preziosi dell’Agenzia negli anni ’60, secondo i funzionari della CIA, erano con giornalisti che coprivano l’America Latina: Jerry O’Leary della Washington Star e Hal Hendrix del Miami News , un vincitore del Premio Pulitzer che divenne un alto funzionario della International Telephone and Telegraph Corporation. Hendrix è stata di grande aiuto all’Agenzia nel fornire informazioni su persone appartenenti alla comunità cubana dell’esilio di Miami. O’Leary era considerato un bene prezioso ad Haiti e nella Repubblica Dominicana. I file dell’agenzia contengono lunghi rapporti sulle attività di entrambi gli uomini per conto della CIA.

O’Leary sostiene che i suoi rapporti si limitavano al normale dare e avere tra i giornalisti all’estero e le loro fonti. Funzionari della CIA contestano la contesa: “Non c’è dubbio che Jerry abbia riferito per noi”, ha detto uno. “Jerry ha valutato e individuato [di potenziali agenti] ma era migliore come reporter per noi.” Riferendosi alle smentite di O’Leary, il funzionario ha aggiunto: “Non so di cosa si preoccupi al mondo se non indossa quel mantello di integrità che il Senato ha messo su di voi giornalisti”.

O’Leary attribuisce la differenza di opinione alla semantica. “Potrei chiamarli e dire qualcosa del tipo, ‘Papa Doc ha l’applauso, lo sapevi?’ e lo metterebbero nel file. Non considero questo rapporto per loro … è utile essere amichevoli con loro e, in generale, mi sono sentito amichevole con loro. Ma penso che siano stati più utili per me di quanto non lo fossi per loro. ” O’Leary fece un’eccezione particolare per essere stato descritto nello stesso contesto di Hendrix. “Hal stava davvero facendo un lavoro per loro”, ha detto O’Leary. “Sono ancora con la stella . È finito alla ITT. ” Non è stato possibile raggiungere Hendrix per un commento. Secondo i funzionari dell’Agenzia, né la Hendrix né la O’Leary sono state pagate dalla CIA.

  • Stringers2 e liberi professionisti. La maggior parte sono stati pagati dall’Agenzia in condizioni contrattuali standard. Le loro credenziali giornalistiche venivano spesso fornite da organizzazioni giornalistiche che collaboravano. alcune notizie archiviate; altri hanno riferito solo per la CIA. In alcune occasioni, le organizzazioni giornalistiche non sono state informate dalla CIA che i loro stringers lavoravano anche per l’Agenzia.
  • Dipendenti dei cosiddetti “proprietari” della CIA. Negli ultimi venticinque anni, l’Agenzia ha segretamente finanziato numerosi servizi di stampa, periodici e giornali stranieri – sia in inglese che in lingua straniera – che hanno fornito un’eccellente copertura per gli agenti della CIA. Una di queste pubblicazioni fu il quotidiano americano Rome, il 40% dei quali era di proprietà della CIA fino agli anni ’70. Il Daily American ha cessato l’attività quest’anno,
  • Redattori, editori e dirigenti della rete di trasmissione. Le relazioni della CIA con la maggior parte dei dirigenti delle notizie differivano fondamentalmente da quelle con reporter e stampatori di lavoro, che erano molto più soggetti alla direzione dell’Agenzia. Alcuni dirigenti, tra cui Arthur Hays Sulzberger del New York Times, hanno firmato accordi di segretezza. Ma tali intese formali erano rare: le relazioni tra i funzionari dell’Agenzia e i dirigenti dei media erano generalmente sociali: “L’asse P e Q Street a Georgetown”, ha detto una fonte. “Non dici a Wilharn Paley di firmare un pezzo di carta dicendo che non penserà.”
  • Editorialisti e commentatori. Esistono forse una dozzina di noti editorialisti e commentatori televisivi le cui relazioni con la CIA vanno ben oltre quelle normalmente mantenute tra i giornalisti e le loro fonti. Sono denominati in Agenzia “beni noti” e possono essere contati per svolgere una serie di compiti sotto copertura; sono considerati ricettivi al punto di vista dell’Agenzia su vari argomenti. Tre dei editorialisti più letti che hanno mantenuto tali legami con l’Agenzia sono CL Sulzberger del New York Times, Joseph Alsop e il compianto Stewart Alsop, la cui colonna è apparsa nell’Herald-Tribune di New York, nel Saturday Evening Post e nel Newsweek.I file CIA contengono report di attività specifiche che tutte e tre le attività intraprese. Sulzberger è ancora considerato un bene attivo dall’Agenzia. Secondo un alto funzionario della CIA, “Il giovane Cy Sulzberger ha avuto alcuni usi…. Ha firmato un accordo di segretezza perché gli abbiamo dato informazioni classificate … C’era condivisione, dare e avere. Vorremmo dire: ‘A Mer piacerebbe saperlo; se ti dicessimo questo ti aiuterà ad avere accesso a così e così? ” A causa del suo accesso in Europa aveva un sesamo aperto. Gli chiediamo semplicemente di riferire: “Che cosa ha detto così e così, che aspetto aveva, è in salute?” Era molto ansioso, adorava collaborare. ” In un’occasione, secondo diversi funzionari della CIA, Sulzberger ricevette un documento informativo da parte dell’Agenzia che correva quasi alla lettera sotto la lettera del editorialista sul Times. “Cycame uscì e disse: “Sto pensando di fare un pezzo, puoi darmi qualche informazione?”, Ha detto un ufficiale della CIA. “L’abbiamo dato a Cy come sfondo e Cy lo ha dato alle stampanti e ci ha lasciato il suo nome.” Sulzberger nega che si sia verificato un incidente. “Un sacco di baloney”, ha detto.

Sulzberger afferma di non essere mai stato “formalmente incaricato” dall’Agenzia e che “non sarebbe mai stato catturato vicino al business degli spettri. Le mie relazioni erano totalmente informali: avevo molti amici, “disse. “Sono sicuro che mi considerano un vantaggio. Possono farmi domande. Scoprono che andrai a Slobovia e dicono: “Possiamo parlarti quando torni?” … O vorranno sapere se il capo del governo ruritano è affetto da psoriasi. Ma non ho mai preso un incarico da uno di quei ragazzi … Conosco bene Wisner e Helms e persino McCone [ex direttore della CIA John McCone] con cui giocavo a golf. Ma avrebbero dovuto farlo in modo tremendamente sottile per avermi usato.

Sulzberger afferma di essere stato invitato a firmare l’accordo di segretezza negli anni ’50 “Un ragazzo è venuto in giro e ha detto: ‘Sei un giornalista responsabile e abbiamo bisogno che tu firmi questo se vogliamo mostrarti qualcosa di riservato.’ Ho detto che non volevo rimanere impigliato e ho detto loro: ‘Vai da mio zio [Arthur Hays Sulzberger, allora editore del New York Times ] e se dice di firmarlo lo farò.’ ”Suo zio ha successivamente firmato un tale accordo, Sulzberger ha detto, e pensa di averlo fatto anche se non è sicuro. “Non lo so, ventidue anni sono tanti.” Ha descritto l’intera domanda come “una bolla in una vasca da bagno”.

Il rapporto di Stewart Alsop con l’Agenzia era molto più esteso di Sulzberger. Un funzionario che ha servito ai massimi livelli della CIA ha detto chiaramente: “Stew Alsop era un agente della CIA”. Un funzionario altrettanto anziano ha rifiutato di definire il rapporto di Alsop con l’Agenzia, tranne per dire che era formale. Altre fonti hanno affermato che Alsop è stato particolarmente utile per l’Agenzia nelle discussioni con funzionari di governi stranieri, ponendo domande alle quali la CIA stava cercando risposte, piantando disinformazione vantaggiosa per la politica americana, valutando le opportunità di reclutamento della CIA per stranieri ben piazzati.

“Assurdità senza senso”, ha detto Joseph Alsop dell’idea che suo fratello era un agente della CIA. “Ero più vicino all’agenzia di Stew, sebbene Stew fosse molto vicino. Oserei dire che ha svolto alcuni compiti: ha semplicemente fatto la cosa giusta da americano … I padri fondatori [della CIA] erano nostri amici intimi. Dick Bissell [ex vicedirettore della CIA] era il mio più vecchio amico fin dall’infanzia. Era una cosa sociale, mio ​​caro amico. Non ho mai ricevuto un dollaro, non ho mai firmato un accordo di segretezza. Non dovevo … Ho fatto delle cose per loro quando pensavo fossero la cosa giusta da fare. Lo chiamo facendo il mio dovere di cittadino.

Alsop è disposto a discutere solo due dei compiti che ha intrapreso: una visita in Laos nel 1952 per volere di Frank Wisner, che sentiva che altri giornalisti americani stavano usando fonti anti-americane per le rivolte lì; e una visita alle Filippine nel 1953, quando la CIA pensava che la sua presenza lì potesse influenzare l’esito di un’elezione. “Des FitzGerald mi ha esortato ad andare”, ha ricordato Alsop. “Sarebbe meno probabile che le elezioni potrebbero essere rubate [dagli avversari di Ramon Magsaysay] se gli occhi del mondo fossero puntati su di loro. Sono rimasto con l’ambasciatore e ho scritto di quello che è successo. “

Alsop sostiene di non essere mai stato manipolato dall’Agenzia. “Non puoi rimanere impigliato, quindi hanno un potere su di te”, ha detto. “Ma quello che ho scritto era vero. La mia opinione era quella di ottenere i fatti. Se qualcuno nell’agenzia aveva torto, ho smesso di parlare con loro, mi avevano dato beni falsi. ” In un’occasione, ha detto Alsop, Richard Helms ha autorizzato il capo della sezione analitica dell’Agenzia a fornire ad Alsop informazioni sulla presenza militare sovietica lungo il confine cinese. “Il lato analitico dell’Agenzia era stato completamente sbagliato sulla guerra in Vietnam: pensavano che non si potesse vincere”, ha detto Alsop. “E avevano torto sull’accumulo sovietico. Ho smesso di parlare con loro. ” Oggi, dice, “Le persone nella nostra attività sarebbero indignate per i tipi di suggerimenti che mi sono stati fatti. Non dovrebbero essere. La CIA non si aprì affatto alle persone di cui non si fidava.

MURKY DETTAGLI SULLE RELAZIONI DELLA CIA CON GLI INDIVIDUI e le organizzazioni giornalistiche iniziarono a diffondersi nel 1973, quando fu rivelato per la prima volta che la CIA aveva, a volte, impiegato giornalisti. Tali relazioni, combinate con nuove informazioni, servono come studi di casi sull’uso dei giornalisti da parte dell’Agenzia a fini di intelligence. Loro includono:

  • Il New York Times . Il rapporto dell’Agenzia con il Times è stato di gran lunga il più prezioso tra i giornali, secondo i funzionari della CIA. Dal 1950 al 1966, una decina di impiegati della CIA ricevettero la copertura del Times in base ad accordi approvati dal defunto editore del giornale, Arthur Hays Sulzberger. Gli accordi di copertura facevano parte di una politica generale del Times , stabilita da Sulzberger, volta a fornire assistenza alla CIA quando possibile.

Sulzberger era particolarmente vicino ad Allen Dulles. “A quel livello di contatto erano i potenti a parlare con i potenti”, ha detto un funzionario della CIA di alto livello che era presente ad alcune discussioni. “In linea di principio c’era un accordo sul fatto che, sì, ci saremmo aiutati a vicenda. La questione della copertura è emersa in diverse occasioni. Fu convenuto che le disposizioni effettive sarebbero state gestite da subordinati … Il potente non voleva conoscere i dettagli; volevano una negabilità plausibile.

Un alto funzionario della CIA che ha esaminato una parte dei fascicoli dell’Agenzia sui giornalisti per due ore il 15 settembre 1977, ha dichiarato di aver trovato la documentazione di cinque casi in cui il Times aveva fornito copertura per i dipendenti della CIA tra il 1954 e il 1962. In ogni caso ha detto, gli arrangiamenti furono gestiti dai dirigenti del Times ; i documenti contenevano tutti il ​​linguaggio standard dell’Agenzia “dimostrando che questo era stato verificato ai livelli più alti del New York Times “, ha detto il funzionario. I documenti non menzionavano il nome di Sulzberger, tuttavia, solo quelli dei subordinati che il funzionario si rifiutava di identificare.

I dipendenti della CIA che hanno ricevuto le credenziali del Times hanno posato come stringhe per il giornale all’estero e hanno lavorato come membri del personale amministrativo negli uffici esteri del Times . La maggior parte erano americani; due o tre erano stranieri.

I funzionari della CIA citano due motivi per cui i rapporti di lavoro dell’Agenzia con il Times erano più stretti e più ampi che con qualsiasi altro giornale: il fatto che il Times mantenne la più grande operazione di notizie straniere nel giornalismo americano; e gli stretti legami personali tra gli uomini che gestivano entrambe le istituzioni.

Sulzberger ha informato diversi giornalisti e redattori della sua politica generale di cooperazione con l’Agenzia. “Eravamo in contatto con loro: avrebbero parlato con noi e alcuni avrebbero collaborato”, ha detto un funzionario della CIA. La cooperazione di solito comportava la trasmissione di informazioni e il “rilevamento” di potenziali agenti tra gli stranieri.

Arthur Hays Sulzberger ha firmato un accordo di segretezza con la CIA negli anni ’50, secondo i funzionari della CIA, un fatto confermato da suo nipote, CL Sulzberger. Tuttavia, esistono diverse interpretazioni dello scopo dell’accordo: CL Sulzberger afferma che non rappresenta altro che un impegno a non divulgare informazioni classificate rese disponibili all’editore. Tale tesi è sostenuta da alcuni funzionari dell’Agenzia. Altri nell’Agenzia sostengono che l’accordo rappresentava un impegno a non rivelare mai nessuno dei rapporti del Times con la CIA, in particolare quelli riguardanti la copertura. E c’è chi nota che, poiché tutti gli accordi di copertura sono classificati, un accordo di segretezza si applicherebbe automaticamente a loro.

I tentativi di scoprire quali persone nell’organizzazione del Times hanno preso le disposizioni effettive per fornire le credenziali al personale della CIA non hanno avuto successo. In una lettera al giornalista Stuart Loory nel 1974, Turner Cadedge, caporedattore del Times dal 1951 al 1964, scrisse che gli approcci della CIA erano stati respinti dal giornale. “Non sapevo nulla di alcun coinvolgimento con la CIA … di nessuno dei nostri corrispondenti stranieri sul New York Times. Ho sentito molte volte di aperture ai nostri uomini da parte della CIA, cercando di usare i loro privilegi, i loro contatti, le loro immunità e, per così dire, un’intelligenza superiore nel sordido affare di spionaggio e informazione. Se qualcuno di loro ha ceduto ai blandishments o alle offerte in contanti, non ne ero a conoscenza. Ripetutamente, la CIA e altre agenzie di silenzio hanno cercato di prendere accordi per la “cooperazione” anche con la direzione del Times , specialmente durante o subito dopo la seconda guerra mondiale, ma abbiamo sempre resistito. Il nostro motivo era proteggere la nostra credibilità “.

Secondo Wayne Phillips, ex reporter del Times , la CIA invocò il nome di Arthur Hays Sulzberger quando tentò di reclutarlo come agente sotto copertura nel 1952 mentre studiava al Russian Institute della Columbia University. Phillips ha dichiarato che un funzionario dell’Agenzia gli ha detto che la CIA aveva “un accordo di lavoro” con l’editore in cui altri giornalisti all’estero erano stati inseriti nel libro paga dell’Agenzia. Phillips, che rimase al Times fino al 1961, in seguito ottenne i documenti della CIA ai sensi del Freedom of Information Act che dimostravano che l’Agenzia intendeva svilupparlo come un “bene” clandestino da utilizzare all’estero.

Il 31 gennaio 1976, il Times riportò una breve storia che descriveva il tentativo della ClA di reclutare Phillips. Citava Arthur Ochs Sulzberger, l’attuale editore, come segue: “Non ho mai sentito parlare del Times in avvicinamento, né nella mia veste di editore né come figlio del defunto signor Sulzberger.” La storia del Times , scritta da John M. Crewdson, riportava anche che Arthur Hays Sulzberger disse a un ex corrispondente senza nome che avrebbe potuto avvicinarsi alla CIA dopo essere arrivato a un nuovo incarico all’estero. Sulzberger gli disse che non aveva “alcun obbligo di concordare”, diceva la storia e che l’editore stesso sarebbe stato “più felice” se si fosse rifiutato di collaborare. “Ma l’ha lasciato un po ‘per me”, il Timesha citato il suo ex reporter come detto. “Il messaggio era se volevo davvero farlo, ok, ma non lo riteneva appropriato per un corrispondente del Times “

CL Sulzberger, in un’intervista telefonica, ha dichiarato di non essere a conoscenza di alcun personale della CIA che utilizza la copertura del Times o dei giornalisti per il lavoro che lavora attivamente per l’Agenzia. Fu il capo del servizio estero del giornale dal 1944 al 1954 e espresse dubbi sul fatto che suo zio avrebbe approvato tali accordi. Più tipico del defunto editore, disse Sulzberger, era una promessa fatta al fratello di Allen Dulles, John Foster , allora segretario di stato, che nessun membro dello staff del Times avrebbe potuto accettare un invito a visitare la Repubblica popolare cinese senza John Foster Il consenso di Dulles. Un tale invito fu esteso al nipote dell’editore negli anni ’50; Arthur Sulzberger gli proibì di accettarlo. “Sono passati diciassette anni prima di un altro Timesil corrispondente è stato invitato ”, ha ricordato CL Sulzberger.

  • Il sistema di radiodiffusione della Columbia. La CBS era senza dubbio la risorsa di trasmissione più preziosa della CIA. Il presidente della CBS William Paley e Allen Dulles godevano di una facile relazione lavorativa e sociale. Nel corso degli anni, la rete ha fornito copertura per i dipendenti della CIA, tra cui almeno un noto corrispondente estero e diversi traversi; ha fornito uscite di newsfilm alla CIA3; ha istituito un canale formale di comunicazione tra il capo dell’ufficio di Washington e l’Agenzia; ha consentito all’Agenzia di accedere alla biblioteca di newsfilm della CBS; e ha permesso che i rapporti dei corrispondenti della CBS nelle redazioni di Washington e New York fossero regolarmente monitorati dalla CIA. Una volta all’anno negli anni ’50 e nei primi anni ’60, i corrispondenti della CBS si unirono alla gerarchia della CIA per cene private e briefing.

I dettagli degli accordi CBS-CIA sono stati elaborati da subordinati di Dulles e Paley. “Il capo della compagnia non vuole conoscere i punti positivi, né il direttore”, ha detto un funzionario della CIA. “Entrambi designano aiutanti per risolverlo. Li tiene al di sopra della battaglia. ” Il dottor Frank Stanton, per 25 anni presidente della rete, era a conoscenza delle disposizioni generali che Paley prese con Dulles, comprese quelle per la copertura, secondo i funzionari della CIA. Stanton, in un’intervista dell’anno scorso, ha affermato di non poter ricordare alcun accordo di copertura.) Ma il contatto designato da Paley per l’agenzia era Sig Mickelson, presidente della CBS News tra il 1954 e il 1961. In un’occasione, ha detto Mickelson, si è lamentato con Stanton di dover usare un telefono pubblico per chiamare la CIA, e Stanton gli suggerì di installare una linea privata, aggirando il centralino della CBS, allo scopo. Secondo Mickelson, lo ha fatto. Mickelson è ora presidente di Radio Free Europe e Radio Liberty, entrambi associati alla CIA da molti anni.

Nel 1976, il presidente della CBS News Richard Salant ordinò un’indagine interna sui rapporti della rete con la CIA. Alcune delle sue scoperte furono divulgate per la prima volta da Robert Scheer sul Los Angeles Times .) Ma il rapporto di Salant non fa menzione di alcuni dei suoi rapporti con l’Agenzia, che continuarono negli anni ’70.

Molti dettagli sulla relazione CBS-CIA sono stati trovati nei file di Mickelson da due investigatori per Salant. Tra i documenti che trovarono c’era un 13 settembre 1957, un appunto a Mickelson da parte di Koop, capo dell’ufficio della CBS News a Washington dal 1948 al 1961. Descrive una telefonata a Koop del colonnello Stanley Grogan della CIA: “Grogan telefonò per dire che Reeves [JB Love Reeves, un altro funzionario della CIA] si recherà a New York per occuparsi dell’ufficio di contatto della CIA e chiamerà per vedere te e alcuni tuoi confratelli. Grogan afferma che le normali attività continueranno a canalizzare attraverso l’ufficio di Washington della CBS News “. Il rapporto a Salant afferma anche: “Ulteriori indagini sui file di Mickelson rivelano alcuni dettagli della relazione tra la CIA e la CBS News … Due amministratori chiave di questa relazione erano Mickelson e Koop…. L’attività principale sembrava essere la consegna del film della CBS alla CIA…. Inoltre, ci sono prove che, tra il 1964 e il 1971, materiale cinematografico, inclusi alcuni outtakes, furono forniti dalla CBS Newsfilm Library alla CIA attraverso e sotto la direzione di Mr. Koop4…. Le note nei file di Mr. Mickelson indicano che la CIA ha usato film della CBS per la formazione … Tutte le attività di Mickelson sopra sono state gestite su base confidenziale senza menzionare le parole della Central Intelligence Agency. I film venivano inviati a privati ​​ai numeri delle caselle postali e pagati con assegni individuali o governativi. … “Mickelson ha anche regolarmente inviato alla CIA una newsletter interna della CBS, secondo il rapporto. sono stati forniti dalla CBS Newsfilm Library alla CIA attraverso e sotto la direzione di Mr. Koop4…. Le note nei file di Mr. Mickelson indicano che la CIA ha usato film della CBS per la formazione … Tutte le attività di Mickelson sopra sono state gestite su base confidenziale senza menzionare le parole della Central Intelligence Agency. I film venivano inviati a privati ​​ai numeri delle caselle postali e pagati con assegni individuali o governativi. … “Mickelson ha anche regolarmente inviato alla CIA una newsletter interna della CBS, secondo il rapporto. sono stati forniti dalla CBS Newsfilm Library alla CIA attraverso e sotto la direzione di Mr. Koop4…. Le note nei file di Mr. Mickelson indicano che la CIA ha usato film della CBS per la formazione … Tutte le attività di Mickelson sopra sono state gestite su base confidenziale senza menzionare le parole della Central Intelligence Agency. I film venivano inviati a privati ​​ai numeri delle caselle postali e pagati con assegni individuali o governativi. … “Mickelson ha anche regolarmente inviato alla CIA una newsletter interna della CBS, secondo il rapporto. I film venivano inviati a privati ​​ai numeri delle caselle postali e pagati con assegni individuali o governativi. … “Mickelson ha anche regolarmente inviato alla CIA una newsletter interna della CBS, secondo il rapporto. I film venivano inviati a privati ​​ai numeri delle caselle postali e pagati con assegni individuali o governativi. … “Mickelson ha anche regolarmente inviato alla CIA una newsletter interna della CBS, secondo il rapporto.

L’indagine di Salant lo ha portato a concludere che Frank Kearns, un reporter della CBS-TV dal 1958 al 1971, “era un ragazzo della CIA che si era iscritto al libro paga in qualche modo attraverso un contatto della CIA con qualcuno alla CBS”. Kearns e Austin Goodrich, uno stringer della CBS, erano impiegati sotto copertura della CIA, assunti in base ad accordi approvati da Paley.

L’anno scorso un portavoce di Paley ha negato una relazione dell’ex corrispondente della CBS Daniel Schorr secondo cui Mickelson e lui avevano discusso dello status della CIA di Goodrich durante un incontro con due rappresentanti dell’Agenzia nel 1954. Il portavoce ha affermato che Paley non sapeva che Goodrich aveva lavorato per la CIA. “Quando mi sono trasferito al lavoro, Paley mi ha detto che c’era una relazione in corso con la CIA”, ha detto Mickelson in una recente intervista. “Mi ha fatto conoscere due agenti che, secondo lui, si sarebbero tenuti in contatto. Abbiamo discusso tutti della situazione di Goodrich e degli arrangiamenti cinematografici. Ho pensato che fosse una relazione normale al momento. Questo era all’apice della guerra fredda e immaginai che i mezzi di comunicazione collaborassero, sebbene la questione di Goodrich fosse compromettente.

Presso la sede di CBS News a New York, la collaborazione di Paley con la CIA è data per scontata da molti dirigenti e giornalisti, nonostante il rifiuto delle piastrelle. Paley, 76 anni, non è stato intervistato dagli investigatori di Salant. “Non farebbe nulla di buono”, ha detto un dirigente della CBS. “È l’unico argomento su cui la sua memoria ha fallito.”

Salant ha discusso dei suoi contatti con la CIA e del fatto che ha continuato molte delle pratiche del suo predecessore, in un’intervista con questo giornalista l’anno scorso. I contatti, disse, iniziarono nel febbraio del 1961, “quando ricevetti una telefonata da un uomo della CIA che disse che aveva un rapporto di lavoro con Sig Mickelson. L’uomo disse: “I tuoi capi ne sono a conoscenza.” “Secondo Salant, il rappresentante della CIA ha chiesto alla CBS di continuare a fornire all’Agenzia notiziari inediti e rendere i suoi corrispondenti disponibili per il debriefing da parte dei funzionari dell’Agenzia. Ha detto Salant: “Ho detto di no parlando con i giornalisti e ho permesso loro di vedere i nastri di trasmissione, ma niente outtakes. Ciò è andato avanti per un certo numero di anni, nei primi anni Settanta. “

Nel 1964 e nel 1965, Salant fece parte di una task force segreta della CIA che esplorò i metodi per trasmettere le trasmissioni di propaganda americana alla Repubblica popolare cinese. Gli altri membri del gruppo di studio di quattro uomini erano Zbigniew Brzezinski, allora professore alla Columbia University; William Griffith, allora professore di scienze politiche presso il Massachusetts Institute of Technology., E John Haves, allora vicepresidente della Washington Post Company per la radio-TV5. I principali funzionari governativi associati al progetto erano Cord Meyer della CIA; McGeorge Bundy, allora assistente speciale del presidente per la sicurezza nazionale; Leonard Marks, allora direttore dell’USIA; e Bill Moyers, allora assistente speciale del presidente Lyndon Johnson e ora corrispondente della CBS.

Il coinvolgimento di Salant nel progetto è iniziato con una chiamata di Leonard Marks, “che mi ha detto che la Casa Bianca voleva formare un comitato di quattro persone per fare uno studio sulle trasmissioni statunitensi all’estero dietro la cortina di ferro”. Quando Salant arrivò a Washington per il primo incontro, gli fu detto che il progetto era sponsorizzato dalla CIA. “Il suo scopo”, ha detto, “era determinare il modo migliore per impostare trasmissioni di onde corte nella Cina rossa”. Accompagnato da un ufficiale della CIA di nome Paul Henzie, il comitato di quattro persone ha successivamente viaggiato in tutto il mondo ispezionando le strutture gestite da Radio Free Europe e Radio Liberty, entrambe gestite dalla CIA all’epoca), Voice of America e Armed Forces Radio. Dopo più di un anno di studio, hanno presentato un rapporto a Moyers raccomandando che il governo istituisse un servizio di trasmissione, gestito da Voice of America, essere trasmesso alla Repubblica popolare cinese. Salant ha svolto due tournée come capo della CBS News, dal 1961 al 1964 e dal 1966 a oggi. All’epoca del progetto cinese era un dirigente della CBS.)

  • Riviste Time e Newsweek . Secondo fonti della CIA e del Senato, i file dell’agenzia contengono accordi scritti con ex corrispondenti e stringhe stranieri per entrambe le riviste settimanali. Le stesse fonti si sono rifiutate di dire se la CIA abbia posto fine a tutte le sue associazioni con individui che lavorano per le due pubblicazioni. Allen Dulles intercedeva spesso con il suo buon amico, il defunto Henry Luce, fondatore delle riviste Time and Life , che consentiva prontamente ad alcuni membri del suo staff di lavorare per l’Agenzia e accettava di fornire posti di lavoro e credenziali per altri agenti della CIA che mancavano di esperienza giornalistica.

Per molti anni, l’emissario personale di Luce alla CIA fu CD Jackson, un Time Inc., vicepresidente che fu editore della rivista Life dal 1960 fino alla sua morte nel 1964. Mentre era un dirigente del Time , Jackson fu coautore di uno studio sponsorizzato dalla CIA che raccomandava il riorganizzazione dei servizi di intelligence americani all’inizio degli anni ’50. Jackson, il cui servizio Time-Life è stato interrotto da un tour della Casa Bianca di un anno come assistente del presidente Dwight Eisenhower, ha approvato accordi specifici per fornire ai dipendenti della CIA la copertura Time-Life. Alcuni di questi accordi furono presi con la conoscenza della moglie di Luce, Clare Boothe. Altre disposizioni per Timela copertura, secondo i funzionari della CIA, compresi quelli che avevano a che fare con Luce), venne fatta conoscere a Hedley Donovan, ora caporedattore di Time Inc. Donovan, che nel 1959 assunse la direzione editoriale di tutte le pubblicazioni di Time Inc. in un’intervista telefonica che era a conoscenza di tali accordi. “Non mi sono mai avvicinato e sarei sorpreso se Luce approvasse tali accordi”, ha detto Donovan. “Luce ha avuto un scrupoloso rispetto per la differenza tra giornalismo e governo.”

Negli anni ’50 e nei primi anni ’60 , i corrispondenti stranieri della rivista Time parteciparono alle cene di “briefing” della CIA simili a quelle organizzate dalla CIA per la CBS. E Luce, secondo i funzionari della CIA, ha reso una pratica regolare informare Dulles o altri alti funzionari dell’Agenzia quando è tornato dai suoi frequenti viaggi all’estero. Luce e gli uomini che gestivano le sue riviste negli anni ’50 e ’60 incoraggiarono i loro corrispondenti stranieri a fornire aiuto alla CIA, in particolare informazioni che potrebbero essere utili all’Agenzia per scopi di intelligence o per reclutare stranieri.

Newsweek , secondo quanto riferito da un’agenzia, la CIA ha assunto i servizi di “numerosi corrispondenti e stringers stranieri” nell’ambito di accordi approvati dai redattori senior della rivista. Lo stringer di Newsweek a Roma a metà degli anni Cinquanta rese poco segreto il fatto che lavorasse per la CIA. Malcolm Muir, caporedattore di Newsweek dalla sua fondazione nel 1937 fino alla sua vendita alla Washington Post Company nel 1961, in una recente intervista affermò che i suoi rapporti con la CIA erano limitati a briefing privati ​​che teneva ad Allen Dulles dopo viaggi all’estero e accordi che approvava regolarmente debriefing dei corrispondenti di Newsweek da parte dell’Agenzia. Ha detto che non aveva mai fornito copertura per agenti della CIA, ma che altri in alto nel Newsweekl’organizzazione avrebbe potuto farlo a sua insaputa.

“Avrei pensato che ci fossero stati degli stringers che erano agenti, ma non sapevo chi fossero”, ha detto Muir. “Penso che a quei tempi la CIA tenesse un contatto abbastanza stretto con tutti i reporter responsabili. Ogni volta che sentivo qualcosa che pensavo potesse interessare Allen Dulles, lo chiamavo … A un certo punto ha nominato uno dei suoi uomini della CIA per tenersi in contatto regolare con i nostri giornalisti, un tipo che conoscevo ma di cui non ricordo il nome. Avevo molti amici nell’organizzazione di Alien Dulles. ” Muir ha affermato che Harry Kern, redattore straniero di Newsweek dal 1945 al 1956, ed Ernest K. Lindley, capo dell’ufficio di Washington della rivista durante lo stesso periodo, “hanno regolarmente fatto il check-in con vari compagni della CIA”.

“Al meglio delle mie conoscenze.” disse Kern, “nessuno a Newsweek ha lavorato per la CIA … La relazione informale era lì. Perché qualcuno ha firmato qualcosa? Quello che sapevamo di aver detto loro [la CIA] e il Dipartimento di Stato … Quando andavo a Washington, parlavo con Foster o Allen Dulles di quello che stava succedendo. … All’epoca pensavamo fosse ammirevole. Eravamo tutti dalla stessa parte. ” Funzionari della CIA affermano che i rapporti di Kern con l’Agenzia erano estesi. Nel 1956, lasciò Newsweek per eseguire Foreign Reports , una newsletter con sede a Washington i cui abbonati Kern si rifiuta di identificarsi.

Ernest Lindley, che rimase a Newsweek fino al 1961, in una recente intervista dichiarò di aver consultato regolarmente Dulles e altri alti funzionari della CIA prima di andare all’estero e di informarli al suo ritorno. “Allen è stato molto utile per me e ho cercato di ricambiare quando potevo”, ha detto. “Gli darei le mie impressioni sulle persone che ho incontrato all’estero. Una volta o due mi ha chiesto di informare un folto gruppo di persone dell’intelligence; quando tornai dalla conferenza asiatico-africana del 1955, per esempio; volevano principalmente conoscere varie persone. “

In qualità di capo dell’ufficio di Washington, Lindley ha dichiarato di aver appreso da Malcolm Muir che il tiratore della rivista nell’Europa sud-orientale era un dipendente del contratto della CIA, a cui erano state attribuite le credenziali in base agli accordi elaborati con la direzione. “Ricordo che è emerso se era una buona idea tenere questa persona fuori dall’agenzia; alla fine si è deciso di interrompere l’associazione “, ha detto Lindley.

Quando NewsweekFu acquistato dalla Washington Post Company, l’editore Philip L. Graham fu informato dai funzionari dell’Agenzia che la CIA occasionalmente usava la rivista per scopi di copertina, secondo fonti della CIA. “Era risaputo che Phil Graham era qualcuno da cui si poteva ottenere aiuto”, ha detto un ex vicedirettore dell’Agenzia. “Frank Wisner si è occupato di lui.” Wisner, vicedirettore della CIA dal 1950 fino a poco prima del suo suicidio nel 1965, fu il principale orchestratore dell’Agenzia di operazioni “nere”, inclusi molti in cui erano coinvolti giornalisti. A Wisner piaceva vantarsi del suo “potente Wurlitzer”, un meraviglioso strumento di propaganda che costruì e suonò, con l’aiuto della stampa.) Phil Graham era probabilmente il migliore amico di Wisner. Ma Graharn, che si suicidò nel 1963, apparentemente sapeva ben poco dei dettagli di qualsiasi accordo di coperturaNewsweek , hanno detto fonti della CIA.

Nel 1965-1966, un tiratore accreditato di Newsweek in Estremo Oriente era in effetti un impiegato a contratto della CIA che guadagnava uno stipendio annuo di $ 10.000 dall’Agenzia, secondo Robert T. Wood, allora un ufficiale della CIA nella stazione di Hong Kong. Alcuni, corrispondenti e giornalisti di Newsweek hanno continuato a mantenere legami segreti con l’Agenzia negli anni ’70, secondo fonti della CIA.

Le informazioni sui rapporti delle agenzie con il quotidiano Washington Post sono estremamente imprecise. Secondo i funzionari della CIA, alcuni traversisti delle poste erano impiegati della CIA, ma questi funzionari affermano di non sapere se qualcuno nella direzione delle Poste fosse a conoscenza degli accordi.

Tutti i redattori capo e direttori della Posta dal 1950 affermano di non essere a conoscenza di relazioni formali dell’Agenzia né con gli spaghi né con i membri del personale delle Poste . “Se qualcosa è stato fatto, è stato fatto da Phil a nostra insaputa”, ha detto uno. I funzionari dell’Agenzia, nel frattempo, non sostengono che i membri del personale delle Poste abbiano avuto affiliazioni segrete con l’Agenzia mentre lavoravano per il giornale.

Katharine Graham, vedova di Philip Graham e attuale editore di Post , afferma di non essere mai stata informata di alcun rapporto della CIA con il personale di Post o Newsweek . Nel novembre del 1973, la signora Graham chiamò William Colby e chiese se alla CIA fossero associati membri di staffaggio o membri del personale della Posta. Colby le assicurò che nessun membro del personale era impiegato dall’agenzia, ma si rifiutò di discutere la questione degli stringers.

  • Il corriere di Louisville. Dal dicembre 1964 al marzo 1965, un agente sotto copertura della CIA di nome Robert H. Campbell lavorò al Courier-Journal. Secondo fonti della CIA di alto livello, Campbell è stato assunto dal documento in base agli accordi stipulati dall’Agenzia con Norman E. Isaacs, allora direttore esecutivo del Courier-Journal . Anche Barry Bingham Sr., allora editore del giornale, era a conoscenza degli accordi, affermano le fonti. Sia Isaacs che Bingham hanno negato di sapere che Campbell era un agente dei servizi segreti quando è stato assunto.

La complessa saga dell’assunzione di Campbell fu rivelata per la prima volta in una storia del Courier-Journal scritta da James R Herzog il 27 marzo 1976, durante le indagini della commissione del Senato, il resoconto di Herzog iniziò: “Quando Robert H. Campbell, 28 anni, fu assunto come un corrierereporter nel dicembre del 1964, non riusciva a scrivere e sapeva poco sulla scrittura di notizie. ” Il racconto citò quindi l’ex caporedattore del giornale dicendo che Isaacs gli aveva detto che Campbell era stato assunto a seguito di una richiesta della CIA: “Norman ha detto, quando era a Washington [nel 1964], era stato chiamato a pranzo con un amico del suo che era con la CIA [e che] voleva mandare giù questo giovane per fargli conoscere un po ‘il giornale. ” Tutti gli aspetti dell’assunzione di Campbell erano molto insoliti. Non era stato fatto alcuno sforzo per controllare le sue credenziali e i suoi registri di lavoro contenevano le seguenti due notazioni: “Isaacs ha archivi di corrispondenza e indagini su quest’uomo”; e “Assunti per lavoro temporaneo: nessun controllo di riferimento completato o necessario.”

Il livello delle capacità giornalistiche di Campbell apparentemente è rimasto coerente durante il suo periodo di lavoro sul giornale, “Le cose che Campbell ha consegnato erano quasi illeggibili”, ha detto un ex assistente editore della città. Uno dei maggiori progetti di reportistica di Campbell era una caratteristica degli indiani di legno. Non è mai stato pubblicato. Durante il suo incarico al giornale, Campbell ha frequentato un bar a pochi passi dall’ufficio dove, a volte, ha confidato agli altri bevitori di essere un impiegato della CIA.

Secondo fonti della CIA, il tour di Campbell al Courier-Journal era stato organizzato per fornirgli un record di esperienza giornalistica che avrebbe migliorato la plausibilità della futura copertina dei rapporti e gli avrebbe insegnato qualcosa sull’attività dei giornali. L’ indagine del Courier ‑ Journal ha anche rivelato il fatto che prima di venire a Louisville aveva lavorato brevemente per Hornell, New York, Evening Tribune, pubblicato da Freedom News, Inc. Secondo fonti della CIA, l’Agenzia aveva preso accordi con la direzione di quel documento per impiegare Campbell.7

Al Courier ‑ Journal , Campbell è stato assunto in base ad accordi stipulati con Isaacs e approvati da Bingham, secondo fonti della CIA e del Senato. “Abbiamo pagato il Corriere-Journal in modo che potessero pagare il suo stipendio”, ha detto un funzionario dell’Agenzia che era coinvolto nella transazione. Rispondendo per lettera a queste affermazioni, Isaacs, che lasciò Louisville per diventare presidente ed editore del Wilmington Delaware) Notizie e riviste, ha dichiarato: “Tutto ciò che posso fare è ripetere la semplice verità, che mai, in nessuna circostanza o in qualsiasi momento, ho mai assunto consapevolmente un agente del governo. Ho anche provato a trascinare la mia memoria, ma l’assunzione di Campbell ha significato così poco per me che non emerge nulla … Niente di tutto questo per dire che non avrei potuto essere “avuto”. “Barry Bingham Sr., ha dichiarato l’anno scorso in un’intervista telefonica che non aveva un ricordo specifico dell’assunzione di Campbell e ha negato di essere a conoscenza di accordi tra la gestione dei giornali e la CIA. Tuttavia, i funzionari della CIA hanno dichiarato che il Corriere-Journal, attraverso i contatti con Bingham, fornì altra assistenza non specificata all’Agenzia negli anni ’50 e ’60. Il resoconto dettagliato e in prima pagina del Corriere-Journal sull’assunzione di Campbell è stato avviato da Barry Bingham Jr., che è succeduto a suo padre come editore e editore del documento nel 1971. L’articolo è l’unico grande studio di autoindagine di un giornale che è apparso su questo argomento

  • L’American Broadcasting Company e la National Broadcasting Company. Secondo i funzionari della CIA, la ABC continuò a fornire copertura per alcuni agenti della CIA negli anni ’60. Uno era Sam Jaffe, che secondo i funzionari della CIA svolgeva compiti clandestini per l’Agenzia. Jaffe ha riconosciuto di aver fornito informazioni alla CIA. Inoltre, un altro corrispondente di rete ben noto ha svolto compiti segreti per l’Agenzia, hanno affermato fonti della CIA. All’epoca delle assemblee del Senato, i funzionari dell’Agenzia che prestavano servizio ai massimi livelli si rifiutavano di dire se la CIA stesse ancora intrattenendo relazioni attive con i membri dell’organizzazione ABC ‑ News. Tutte le disposizioni sulla copertura sono state prese con la conoscenza dei dirigenti della ABC, hanno detto le fonti.

Queste stesse fonti hanno dichiarato di conoscere poche specifiche sulle relazioni dell’Agenzia con la NBC, tranne per il fatto che diversi corrispondenti stranieri della rete hanno assunto incarichi per l’Agenzia negli anni ’50 e ’60. “Fu una cosa che la gente fece allora”, ha detto Richard Wald, presidente della NBC News dal 1973. “Non sarei sorpreso se le persone qui, inclusi alcuni corrispondenti in quei giorni, avessero legami con l’Agenzia.”

  • The Copley Press e la sua sussidiaria, il Copley News Service. Questo rapporto, rivelato per la prima volta pubblicamente dai giornalisti Joe Trento e Dave Roman sulla rivista Penthouse , è stato dichiarato dai funzionari della CIA tra i più produttivi dell’Agenzia in termini di copertura “esterna” per i suoi dipendenti. Copley possiede nove giornali in California e Illinois, tra cui la San Diego Union e Evening Tribune.Il conto di Trento-Romano, finanziato da una sovvenzione del Fondo per il giornalismo investigativo, affermava che almeno ventitre dipendenti del Copley News Service svolgevano lavoro per la CIA. “Il coinvolgimento dell’Agenzia con l’organizzazione Copley è così esteso che è quasi impossibile risolvere”, ha detto un funzionario della CIA a cui è stato chiesto della relazione alla fine del 1976. Altri funzionari dell’Agenzia hanno detto poi che James S. Copley, il proprietario della catena fino al suo morte nel 1973, prese personalmente la maggior parte degli accordi di copertura con la CIA.

Secondo Trento e Roman, Copley offrì personalmente il servizio di informazione all’allora presidente Eisenhower per agire come “gli occhi e le orecchie” contro “la minaccia comunista in America Latina e Centrale” per “i nostri servizi di intelligence”. James Copley era anche la mano guida dietro l’Inter-American Press Association, un’organizzazione finanziata dalla CIA con una forte affiliazione tra i redattori di giornali latinoamericani di destra.

  • Altre principali organizzazioni giornalistiche. Secondo i funzionari dell’Agenzia, i fascicoli della CIA documentano ulteriori accordi di copertura con le seguenti organizzazioni di raccolta di notizie, tra cui: New York Herald ‑ Tribune , Saturday ‑ Evening Post , Scripps ‑ Howard Newspapers, Hearst Newspapers Seymour K. Freidin, l’attuale Londra di Hearst capo ufficio di presidenza ed ex redattore e corrispondente di  Herald-Tribune , è stato identificato come agente della CIA da fonti dell’agenzia), Associated Press, 9 United Press International, Mutual Broadcasting System, Reuters e Miami Herald . Accordi di copertura con l’ Herald, secondo i funzionari della CIA, erano inusuali in quanto venivano fatti “a terra dalla stazione della CIA a Miami, non dal quartier generale della CIA.

“E questa è solo una piccola parte dell’elenco”, nelle parole di un funzionario che ha prestato servizio nella gerarchia della CIA. Come molte fonti, questo funzionario ha affermato che l’unico modo per porre fine alle incertezze sugli aiuti forniti ai giornalisti dall’Agenzia è quello di divulgare il contenuto dei fascicoli della CIA, un corso a cui si oppongono quasi tutti i trentacinque funzionari presenti ed ex della CIA intervistati nel corso di un anno.

Colby taglia le sue perdite

L’USO DELLA GIORNALISTA DELLA CIA CONTINUA VIRTUALMENTE senza sosta fino al 1973 quando, in risposta alla divulgazione da parte del pubblico che l’Agenzia aveva impiegato segretamente giornalisti americani, William Colby iniziò a ridimensionare il programma. Nelle sue dichiarazioni pubbliche, Colby ha dato l’impressione che l’uso dei giornalisti fosse stato minimo e di scarsa importanza per l’Agenzia.

Ha quindi avviato una serie di mosse intese a convincere la stampa, il Congresso e il pubblico che la CIA era uscita dal mondo delle notizie. Ma secondo i funzionari dell’Agenzia, Colby aveva in effetti gettato una rete protettiva attorno alla sua preziosa intelligenza nella comunità giornalistica. Ordinò ai suoi deputati di mantenere i legami con l’Agenzia con i suoi migliori contatti giornalistici mentre interrompeva le relazioni formali con molti considerati inattivi, relativamente improduttivi o solo marginalmente importanti. Nel rivedere i file dell’agenzia per conformarsi alla direttiva di Colby, i funzionari hanno scoperto che molti giornalisti non avevano svolto funzioni utili per la CIA per anni. Tali relazioni, forse fino a cento, furono interrotte tra il 1973 e il 1976.

Nel frattempo, a importanti agenti della CIA che erano stati inseriti nello staff di alcuni importanti quotidiani e emittenti televisive fu detto di dimettersi e diventare stringers o liberi professionisti, permettendo così a Colby di assicurare agli editori preoccupati che i membri del loro staff non erano dipendenti della CIA. Colby temeva anche che alcuni preziosi agenti stringer avrebbero potuto far saltare le loro copertine se fosse continuato il controllo dei legami dell’Agenzia con i giornalisti. Alcune di queste persone sono state riassegnate a lavori su cosiddette pubblicazioni di proprietà – periodici stranieri e punti di trasmissione finanziati e gestiti in segreto dalla CIA. Altri giornalisti che avevano firmato contratti formali con la CIA, rendendoli dipendenti dell’Agenzia, furono liberati dai loro contratti e chiesero di continuare a lavorare con accordi meno formali.

Nel novembre 1973, dopo aver fatto molti di questi cambiamenti, Colby disse ai giornalisti e ai redattori del New York Times e della Washington Starche l’Agenzia aveva “circa tre dozzine” giornalisti americani “sul libro paga della CIA”, di cui cinque che lavoravano per “organizzazioni di stampa a diffusione generale”. Eppure, anche mentre il Senato Intelligence Committee teneva le sue audizioni nel 1976, secondo fonti della CIA di alto livello, la CIA ha continuato a mantenere legami con settantacinque-novanta giornalisti di ogni descrizione: dirigenti, reporter, stringers, fotografi, editorialisti, ufficio di presidenza. impiegati e membri di squadre tecniche di trasmissione. Più della metà di questi erano stati spostati dai contratti e dai libri paga della CIA, ma erano ancora vincolati da altri accordi segreti con l’Agenzia. Secondo un rapporto inedito della House Select Committee on Intelligence, presieduto dal rappresentante Otis Pike, almeno quindici organizzazioni giornalistiche fornivano ancora copertura per agenti della CIA dal 1976.

Colby, che si guadagnò la reputazione di uno dei più abili tattici sotto copertura della storia della CIA, si fece guidare giornalisti in operazioni clandestine prima di diventare direttore nel 1973. Ma anche i suoi più stretti collaboratori si dissero che erano stati disturbati da quanto ampiamente e, a suo avviso, indiscriminatamente, l’Agenzia ha continuato a ricorrere ai giornalisti nel momento in cui ha assunto la direzione. “Troppo importante”, ha detto spesso il regista di alcuni individui e organizzazioni giornalistiche che hanno lavorato con la CIA. Altri in agenzia si riferiscono ai loro beni giornalistici più noti come “nomi di marchi”.)

“La preoccupazione di Colby era che potesse perdere del tutto la risorsa a meno che non fossimo diventati un po ‘più attenti a chi li utilizzavamo e al modo in cui li ottenevamo”, ha spiegato uno dei deputati dell’ex direttore. La spinta delle successive azioni di Colby fu di allontanare le affiliazioni dell’Agenzia dalle cosiddette “major” e di concentrarle invece in catene di quotidiani più piccoli, gruppi di radiodiffusione e pubblicazioni specializzate come riviste specializzate e newsletter.

Dopo che Colby lasciò l’Agenzia il 28 gennaio 1976 e fu succeduto da George Bush, la CIA annunciò una nuova politica: “Con effetto immediato, la CIA non entrerà in alcun rapporto pagato o contrattuale con notizie a tempo pieno o part-time corrispondente accreditato da qualsiasi servizio di notizie, giornali, periodici, reti radio o televisive o stazioni statunitensi ”Al momento dell’annuncio, l’Agenzia ha riconosciuto che la politica avrebbe comportato la chiusura di meno della metà delle relazioni con i 50 giornalisti statunitensi che ha dichiarato erano ancora affiliati con l’Agenzia. Il testo dell’annuncio indicava che la CIA avrebbe continuato ad “accogliere” la cooperazione volontaria e non retribuita dei giornalisti. Pertanto, molte relazioni sono state lasciate intatte.

La riluttanza dell’Agenzia a porre fine al suo uso di giornalisti e alle sue continue relazioni con alcuni dirigenti delle notizie è in gran parte il prodotto di due fatti fondamentali del gioco dell’intelligence: la copertura giornalistica è l’ideale a causa della natura curiosa del lavoro di un giornalista; e molte altre fonti di copertura istituzionale sono state negate alla CIA negli ultimi anni da aziende, fondazioni e istituti di istruzione che un tempo cooperavano con l’Agenzia.

“È difficile gestire un’agenzia segreta in questo paese”, ha spiegato un funzionario della CIA di alto livello. “Abbiamo una curiosa ambivalenza sull’intelligenza. Per servire all’estero abbiamo bisogno di copertura. Ma abbiamo combattuto un’azione di retroguardia per cercare di fornire copertura. Il Peace Corps è vietato, così come l’USIA, le fondazioni e le organizzazioni di volontariato sono vietate dal ’67, e vi è un divieto autoimposto su Fulbrights [Fulbright Scholars]. Se prendi la comunità americana e ti allinei chi potrebbe lavorare per la CIA e chi non potrebbe, c’è un potenziale molto ristretto. Anche il servizio estero non ci vuole. Allora dove diavolo vai? Gli affari vanno bene, ma la stampa è naturale. Un giornalista vale venti agenti. Ha accesso, la possibilità di porre domande senza destare sospetti. “

Ruolo del Comitato ecclesiale

Disprezzare l’evidenza dell’ampio utilizzo della CIA da parte di giornalisti, il Comitato di intelligence del Senato e il suo staff hanno deciso di non mettere in discussione uno dei giornalisti, redattori, editori o dirigenti delle trasmissioni i cui rapporti con l’Agenzia sono dettagliati nei file della CIA.

Secondo fonti del Senato e dell’Agenzia, l’uso dei giornalisti era una delle due aree di indagine che la CIA ha fatto di tutto per ridurre. L’altro era il continuo ed esteso uso da parte dell’Agenzia di accademici a scopo di reclutamento e raccolta di informazioni.

In entrambi i casi, affermano le fonti, gli ex direttori Colby e Bush e il consigliere speciale della CIA Mitchell Rogovin sono stati in grado di convincere i membri chiave della commissione che un’indagine completa o persino una divulgazione pubblica limitata delle dimensioni delle attività avrebbe arrecato un danno irreparabile all’intelligenza della nazione -Apparecchio di raccolta, nonché alla reputazione di centinaia di individui. È stato riferito che Colby è stato particolarmente persuasivo nel sostenere che la divulgazione avrebbe portato a una “caccia alle streghe” degli ultimi giorni in cui le vittime sarebbero giornalisti, editori ed editori.

Walter Elder, sostituto dell’ex direttore della CIA McCone e principale collegamento dell’Agenzia con il comitato della Chiesa, sosteneva che il comitato mancava di giurisdizione perché la CIA non aveva abusato dei giornalisti; le relazioni erano state volontarie. L’anziano ha citato ad esempio il caso del Courier ‑ Journal di Louisville . “Church e altre persone nel comitato erano sul lampadario del Courier-Journal “, ha detto un funzionario dell’Agenzia, “fino a quando non abbiamo fatto notare che eravamo andati dal direttore per organizzare la copertura e che il direttore aveva detto:” Bene. ‘”

Alcuni membri del comitato e del personale della Chiesa temevano che i funzionari dell’Agenzia avessero acquisito il controllo dell’inchiesta e che fossero stati ingannati. “L’Agenzia è stata estremamente intelligente al riguardo e il comitato ha giocato nelle sue mani”, ha affermato una fonte congressuale che ha familiarità con tutti gli aspetti dell’indagine. “Church e alcuni altri membri erano molto più interessati a fare notizia che a fare indagini serie e serie. L’Agenzia fece finta di arrendersi molto ogni volta che gli veniva chiesto delle cose appariscenti: omicidi e armi segrete e operazioni di James Bond. Quindi, quando si trattava di cose che non volevano dare via, che erano molto più importanti per l’Agenzia, Colby in particolare chiamava le sue pedine. E il comitato l’ha acquistato. “

L’indagine della commissione del Senato sull’uso dei giornalisti è stata supervisionata da William B. Bader, un ex funzionario dell’intelligence della CIA che quest’anno è tornato brevemente in agenzia come vicedirettore del direttore della CIA Stansfield Turner ed è ora un funzionario dell’intelligence di alto livello presso il Dipartimento della Difesa . Bader è stato assistito da David Aaron, che ora è il sostituto di Zbigniew Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Carter.

Secondo i colleghi dello staff dell’indagine del Senato, sia Bader che Aaron erano disturbati dalle informazioni contenute nei fascicoli della CIA sui giornalisti; hanno esortato a svolgere ulteriori indagini da parte del nuovo comitato permanente di sorveglianza della CIA del Senato. Quel comitato, tuttavia, ha trascorso il suo primo anno di esistenza a scrivere una nuova carta per la CIA, e i membri dicono che c’è stato poco interesse a approfondire ulteriormente l’uso della stampa da parte della CIA.

L’indagine di Bader è stata condotta in condizioni insolitamente difficili. La sua prima richiesta di informazioni specifiche sull’uso dei giornalisti è stata respinta dalla CIA sulla base del fatto che non vi era stato alcun abuso di autorità e che le attuali operazioni di intelligence potrebbero essere state compromesse. I senatori Walter Huddleston, Howard Baker, Gary Hart, Walter Mondale e Charles Mathias – che avevano espresso interesse per l’argomento della stampa e della CIA – condividevano l’angoscia di Bader per la reazione della CIA. In una serie di telefonate e incontri con il direttore della CIA George Bush e altri funzionari dell’Agenzia, i senatori hanno insistito affinché al personale del comitato fossero fornite informazioni sulla portata delle attività della stampa della CIA. Alla fine, Bush accettò di ordinare una ricerca dei file e di ottenere quei registri che trattano di operazioni in cui i giornalisti erano stati usati. Ma i file grezzi non potevano essere resi disponibili a Bader o al comitato, ha insistito Bush. Invece, decise il direttore, i suoi deputati avrebbero condensato il materiale in sintesi di un paragrafo che descrivevano in termini più generali le attività di ogni singolo giornalista. Soprattutto, decretò Bush, i nomi dei giornalisti e delle organizzazioni giornalistiche con cui erano affiliati sarebbero stati omessi dai riassunti. Tuttavia, potrebbe esserci qualche indicazione sulla regione in cui il giornalista aveva prestato servizio e una descrizione generale del tipo di organizzazione giornalistica per cui ha lavorato. Soprattutto, decretò Bush, i nomi dei giornalisti e delle organizzazioni giornalistiche con cui erano affiliati sarebbero stati omessi dai riassunti. Tuttavia, potrebbe esserci qualche indicazione sulla regione in cui il giornalista aveva prestato servizio e una descrizione generale del tipo di organizzazione giornalistica per cui ha lavorato. Soprattutto, decretò Bush, i nomi dei giornalisti e delle organizzazioni giornalistiche con cui erano affiliati sarebbero stati omessi dai riassunti. Tuttavia, potrebbe esserci qualche indicazione sulla regione in cui il giornalista aveva prestato servizio e una descrizione generale del tipo di organizzazione giornalistica per cui ha lavorato.

Il montaggio dei riassunti è stato difficile, secondo i funzionari della CIA che hanno supervisionato il lavoro. Non esistevano di per sé “file giornalistici” e le informazioni dovevano essere raccolte da fonti divergenti che riflettessero il carattere altamente compartimentato della CIA. Gli ufficiali del caso che avevano gestito giornalisti hanno fornito alcuni nomi. I file venivano raccolti su varie operazioni sotto copertura in cui sembrava logico che i giornalisti fossero stati usati. Significativamente, tutto il lavoro svolto dai giornalisti per l’Agenzia nell’ambito della categoria delle operazioni segrete, non dell’intelligence straniera.) I vecchi registri delle stazioni furono eliminati. “Dovevamo davvero arrampicarci”, ha detto un funzionario.

Dopo diverse settimane, Bader ha iniziato a ricevere i riassunti, che erano oltre 400 quando l’Agenzia ha dichiarato di aver completato la ricerca dei suoi file.

L’Agenzia ha svolto un intrigante gioco di numeri con il comitato. Coloro che hanno preparato il materiale affermano che era fisicamente impossibile produrre tutti i file dell’Agenzia sull’uso dei giornalisti. “Abbiamo dato loro un quadro ampio e rappresentativo”, ha detto un funzionario dell’agenzia. “Non abbiamo mai preteso che fosse una descrizione totale della gamma di attività nell’arco di 25 anni o del numero di giornalisti che hanno fatto le cose per noi”. Un numero relativamente piccolo dei riassunti ha descritto le attività dei giornalisti stranieri, compresi quelli che lavorano come stringers per pubblicazioni americane. Quei funzionari più informati sull’argomento affermano che una figura di 400 giornalisti americani è nella parte bassa del numero reale che ha mantenuto relazioni segrete e ha assunto compiti clandestini.

Bader e altri a cui descrisse i contenuti dei riassunti raggiunsero immediatamente alcune conclusioni generali: il numero assoluto di relazioni segrete con i giornalisti era di gran lunga maggiore di quanto la CIA avesse mai accennato; e l’uso da parte dell’Agenzia di giornalisti e dirigenti delle notizie era una risorsa di intelligence di prim’ordine. I giornalisti erano stati coinvolti in quasi ogni possibile tipo di operazione. Delle oltre 400 persone le cui attività sono state riassunte, tra 200 e 250 erano “giornalisti che lavorano” nel senso comune del termine: giornalisti, redattori, corrispondenti, fotografi; il resto è stato impiegato almeno nominalmente) da editori di libri, pubblicazioni commerciali e newsletter.

Tuttavia, i riassunti erano proprio questo: compresso, vago, impreciso, incompleto. Potrebbero essere soggetti a interpretazioni ambigue. E non contenevano alcun suggerimento che la CIA avesse abusato della sua autorità manipolando il contenuto editoriale dei giornali americani o dei rapporti di radiodiffusione.

Il disagio di Bader con ciò che aveva trovato lo portò a chiedere consiglio a diverse mani esperte nei campi delle relazioni e dell’intelligence straniere. Gli hanno suggerito di premere per ulteriori informazioni e dare ai membri del comitato in cui aveva la massima fiducia un’idea generale di ciò che i riassunti rivelavano. Bader andò di nuovo dai senatori Huddleston, Baker, Hart, Mondale e Mathias. Nel frattempo, disse alla CIA che voleva vedere di più: i file completi su forse un centinaio di persone delle cui attività erano state riassunte. La richiesta è stata completamente respinta. L’Agenzia non fornirebbe ulteriori informazioni in materia. Periodo.

L’intransigenza della CIA portò a una straordinaria cena presso la sede dell’Agenzia alla fine di marzo 1976. Tra i presenti c’erano i senatori Frank Church, che ora era stato informato da Bader), e John Tower, il vicepresidente del comitato; Bader; William Miller, direttore dello staff del comitato; Il direttore della CIA Bush; Consulente di agenzia Rogovin; e Seymour Bolten, un agente della CIA di alto livello che per anni era stato un capo di stazione in Germania e il funzionario di Willy Brandt. Bolten era stato nominato da Bush per occuparsi delle richieste del comitato di informazioni su giornalisti e accademici. Durante la cena, l’Agenzia si è rifiutata di fornire tutti i file completi. Né darebbe al comitato i nomi dei singoli giornalisti descritti nei 400 riassunti o delle organizzazioni giornalistiche con le quali erano affiliati. La discussione, secondo i partecipanti, si è riscaldato. I rappresentanti del comitato hanno affermato di non poter onorare il loro mandato – per determinare se la CIA avesse abusato della sua autorità – senza ulteriori informazioni. La CIA ha sostenuto di non poter proteggere le sue legittime operazioni di intelligence o i suoi dipendenti se ulteriori comunicazioni fossero state fatte al comitato. Molti giornalisti erano impiegati a contratto dell’Agenzia, disse Bush ad un certo punto, e la CIA non era meno obbligata nei loro confronti che nei confronti di qualsiasi altro agente.

Alla fine, fu raggiunto un accordo molto insolito: a Bader e Miller sarebbe stato permesso di esaminare versioni “sterilizzate” dei file completi di venticinque giornalisti selezionati dalle sintesi; ma i nomi dei giornalisti e delle organizzazioni giornalistiche che li impiegavano sarebbero stati cancellati, così come le identità degli altri impiegati della CIA menzionate negli archivi. Church e Tower avrebbero avuto il permesso di esaminare le versioni non autorizzate di cinque dei venticinque fascicoli, per attestare che la CIA non nascondeva nulla tranne i nomi. L’intero accordo dipendeva da un accordo secondo il quale né Bader, Miner, Tower né Church avrebbero rivelato il contenuto dei file ad altri membri del comitato o dello staff.

Bader ha iniziato a rivedere i 400-alcuni riassunti. Il suo scopo era di selezionare venticinque che, sulla base delle informazioni imprecise che contenevano, sembravano rappresentare una sezione trasversale. Date delle attività della CIA, descrizioni generali di organizzazioni giornalistiche, tipi di giornalisti e operazioni sotto copertura figurano nei suoi calcoli.

Dai venticinque fascicoli che ha ottenuto, secondo fonti del Senato e funzionari della CIA, è emersa un’inevitabile conclusione: che fino a un certo punto mai sospettato, la CIA negli anni ’50, ’60 e persino all’inizio degli anni ’70 aveva concentrato i suoi rapporti con i giornalisti nei settori più importanti del corpo di stampa americano, tra cui quattro o cinque dei più grandi giornali del paese, le reti di trasmissione e le due principali riviste settimanali. Nonostante l’omissione di nomi e affiliazioni dai venticinque file dettagliati ciascuno con uno spessore tra i tre e gli undici pollici), le informazioni erano di solito sufficienti per identificare provvisoriamente il giornalista, la sua affiliazione o entrambi, soprattutto perché molti di loro erano importanti in la professione.

“Esiste un’incredibile diffusione di relazioni”, ha riferito Bader ai senatori. “Non è necessario manipolare la rivista Time , ad esempio, perché ci sono persone dell’Agenzia a livello di gestione.”

Ironia della sorte, una delle principali organizzazioni giornalistiche che ha posto limiti ai suoi rapporti con la CIA, secondo i funzionari dell’Agenzia, è stata quella con forse la più grande affinità editoriale per gli obiettivi e le politiche a lungo raggio dell’Agenzia: US News e World Report. Il compianto David Lawrence, editorialista e caporedattore di US News, era un caro amico di Allen Dulles. Ma ha ripetutamente rifiutato le richieste del direttore della CIA di utilizzare la rivista a fini di copertura, hanno detto le fonti. Ad un certo punto, secondo un alto funzionario della CIA, Lawrence ha emesso ordini ai suoi sub-redattori in cui ha minacciato di licenziare qualsiasi notizia degli Stati Unitidipendente che è risultato essere entrato in una relazione formale con l’Agenzia. Gli ex dirigenti della rivista hanno confermato che tali ordini erano stati emessi. Fonti della CIA hanno rifiutato di dire, tuttavia, se la rivista rimase off-limits per l’Agenzia dopo la morte di Lawrence nel 1973 o se gli ordini di Lawrence fossero stati seguiti).

Nel frattempo, Bader ha tentato di ottenere maggiori informazioni dalla CIA, in particolare sulle attuali relazioni dell’Agenzia con i giornalisti. Incontrò un muro di pietra. “Bush non ha fatto nulla fino ad oggi”, ha detto Bader ai soci. “Nessuna delle operazioni importanti è influenzata in modo nemmeno marginale.” La CIA ha anche rifiutato le richieste del personale di ulteriori informazioni sull’uso degli accademici. Bush ha iniziato a sollecitare i membri del comitato a ridurre le sue indagini in entrambe le aree e nascondere le sue conclusioni nel rapporto finale. “Continuava a dire:” Non fottere questi ragazzi sulla stampa e nei campus “, sostenendo che erano le uniche aree della vita pubblica a cui è rimasta la credibilità”, ha riferito una fonte del Senato. Colby, Elder e Rogovin hanno anche implorato singoli membri del comitato per mantenere segreto ciò che il personale aveva trovato. “Ci sono state molte affermazioni che se questa roba fosse uscita alcuni dei più grandi nomi del giornalismo sarebbero stati imbrattati”, ha detto un’altra fonte. L’esposizione delle relazioni della CIA con giornalisti e accademici, temeva l’Agenzia, avrebbe chiuso due dei pochi viali di reclutamento di agenti ancora aperti. “Il pericolo di esposizione non è l’altro lato”, ha spiegato un esperto della CIA in operazioni segrete. “Questa non è roba che l’altra parte non conosce. La preoccupazione dell’Agenzia è che verrà negata un’altra area di copertura. ” “Ha spiegato un esperto della CIA nelle operazioni segrete. “Questa non è roba che l’altra parte non conosce. La preoccupazione dell’Agenzia è che verrà negata un’altra area di copertura. ” “Ha spiegato un esperto della CIA nelle operazioni segrete. “Questa non è roba che l’altra parte non conosce. La preoccupazione dell’Agenzia è che verrà negata un’altra area di copertura. “

Un senatore che fu oggetto di pressioni dell’Agenzia in seguito disse: “Dal punto di vista della CIA questo era il programma segreto più alto e più sensibile di tutti…. Era una parte molto più grande del sistema operativo di quanto sia stato indicato. ” Ha aggiunto: “Ho avuto una grande coazione a insistere sul punto ma era tardi…. Se avessimo chiesto, avrebbero percorso la strada legale per combatterlo. “

In effetti, il tempo stava scadendo per il comitato. Dal punto di vista di molti membri dello staff, aveva sprecato le sue risorse nella ricerca di trame di assassinio della CIA e lettere di penna avvelenata. Aveva intrapreso l’inchiesta sui giornalisti quasi come un ripensamento. Le dimensioni del programma e la sensibilità della CIA nel fornire informazioni al riguardo hanno colto di sorpresa lo staff e il comitato. Il comitato di supervisione della CIA che avrebbe avuto successo nel pannello della Chiesa avrebbe avuto l’inclinazione e il tempo di indagare metodicamente sull’argomento; se, come sembrava probabile, la CIA avesse rifiutato di cooperare ulteriormente, il mandato del comitato successore l’avrebbe messa in una posizione più vantaggiosa per condurre una lotta prolungata … O almeno così il ragionamento è andato mentre Church e i pochi altri senatori, anche vagamente familiari con le scoperte di Bader, hanno preso la decisione di non approfondire ulteriormente la questione. Nessun giornalista sarebbe stato intervistato in merito ai loro rapporti con l’Agenzia, né dallo staff né dai senatori, in segreto o in seduta aperta. Lo spettro, sollevato per la prima volta da funzionari della CIA, di una caccia alle streghe nel corpo della stampa perseguitava alcuni membri dello staff e del comitato. “Non stavamo per coinvolgere i ragazzi nel comitato e poi far dire a tutti che sono stati traditori degli ideali della loro professione”, ha detto un senatore. di una caccia alle streghe nel corpo della stampa perseguitava alcuni membri dello staff e del comitato. “Non stavamo per coinvolgere i ragazzi nel comitato e poi far dire a tutti che sono stati traditori degli ideali della loro professione”, ha detto un senatore. di una caccia alle streghe nel corpo della stampa perseguitava alcuni membri dello staff e del comitato. “Non stavamo per coinvolgere i ragazzi nel comitato e poi far dire a tutti che sono stati traditori degli ideali della loro professione”, ha detto un senatore.

Bader, secondo i soci, era soddisfatto della decisione e credeva che il comitato successore avrebbe ripreso l’inchiesta da dove l’aveva lasciata. Era contrario a rendere pubblici i nomi dei singoli giornalisti. Si era sempre preoccupato di essere entrato in una “zona grigia” in cui non c’erano assoluti morali. La CIA aveva “manipolato” la stampa nel senso classico del termine? Probabilmente no, concluse; le principali organizzazioni giornalistiche e i loro dirigenti avevano prestato volentieri le loro risorse all’Agenzia; i corrispondenti stranieri avevano considerato il lavoro per la CIA come un servizio nazionale e un modo per ottenere storie migliori e salire al vertice della loro professione. La CIA aveva abusato della sua autorità? Aveva avuto a che fare con la stampa quasi esattamente come aveva trattato con altre istituzioni da cui cercava copertura: il servizio diplomatico, mondo accademico, società. Non c’era nulla nella carta della CIA che dichiarasse nessuna di queste istituzioni vietata al servizio di intelligence americano. E, nel caso della stampa, l’Agenzia aveva prestato più attenzione ai suoi rapporti che con molte altre istituzioni; aveva fatto di tutto per limitare il suo ruolo alla raccolta e alla copertura delle informazioni

Si diceva anche che Bader fosse preoccupato dal fatto che la sua conoscenza fosse basata così fortemente sulle informazioni fornite dalla CIA; non aveva ottenuto l’altra parte della storia da quei giornalisti che si erano associati con l’Agenzia. Poteva vedere solo “lo spettacolo delle lanterne”, ha detto ai soci. Tuttavia, Bader era ragionevolmente sicuro di aver visto praticamente l’intera panoplia di ciò che era nei file. Se la CIA avesse voluto ingannarlo, non avrebbe mai ceduto così tanto, ragionò. “È stato intelligente che l’Agenzia abbia collaborato al punto di mostrare il materiale a Bader”, ha osservato una fonte del comitato. “In questo modo, se un bel giorno venisse fuori un file, l’Agenzia verrebbe coperta. Potrebbero dire di aver già informato il Congresso. “

La dipendenza dai file CIA rappresentava un altro problema. La percezione della CIA di una relazione con un giornalista potrebbe essere molto diversa da quella del giornalista: un funzionario della CIA potrebbe pensare di aver esercitato il controllo su un giornalista; il giornalista potrebbe pensare di aver semplicemente bevuto qualche drink con un fantasma. Era possibile che gli ufficiali del caso della CIA avessero scritto promemoria egoistici per i fascicoli relativi ai loro rapporti con i giornalisti, che la CIA fosse altrettanto soggetta a documenti burocratici comuni “copriti il ​​culo” come qualsiasi altra agenzia di governo.

Un funzionario della CIA che ha tentato di convincere i membri del comitato del Senato che l’uso dei giornalisti da parte dell’Agenzia era stato innocuo ha sostenuto che i fascicoli erano effettivamente pieni di “sbuffi” da parte degli ufficiali del caso. “Non è possibile stabilire ciò che è soffio e cosa non lo è”, ha affermato. Molti giornalisti, ha aggiunto, “sono stati assunti per impegni [specifici] finiti e sarebbero sconvolti di scoprire che sono stati elencati [negli archivi dell’Agenzia] come agenti della CIA”. Lo stesso funzionario ha stimato che i file contenevano descrizioni di circa una mezza dozzina di giornalisti e corrispondenti che sarebbero stati considerati “famosi”, cioè i loro nomi sarebbero stati riconosciuti dalla maggior parte degli americani. “I file mostrano che la CIA va alla stampa per e altrettanto spesso che la stampa arriva alla CIA”, ha osservato. “… In molti di questi casi esiste un tacito accordo sul fatto che ci sarà un quid pro quo” —i.

Qualunque sia l’interpretazione, i risultati dell’indagine delle commissioni del Senato sull’uso dei giornalisti sono stati deliberatamente sepolti, dalla piena appartenenza alla commissione, dal Senato e dal pubblico. “C’era una differenza di opinione su come trattare l’argomento”, ha spiegato una fonte. “Alcuni [senatori] pensavano che si trattasse di abusi che avrebbero dovuto essere esorcizzati e c’erano quelli che dicevano:” Non sappiamo se questo è negativo o no “.”

I risultati di Bader sull’argomento non sono mai stati discussi con l’intero comitato, nemmeno in sessione esecutiva. Ciò potrebbe aver portato a perdite, soprattutto in considerazione della natura esplosiva dei fatti. Dall’inizio dell’indagine del comitato della Chiesa, le perdite erano state la più grande paura collettiva del panel, una vera minaccia alla sua missione. Al minimo segno di una perdita, la CIA potrebbe interrompere il flusso di informazioni sensibili come ha fatto, più volte in altre aree), sostenendo che il comitato non poteva fidarsi dei segreti. “Era come se fossimo sotto processo, non la CIA”, ha detto un membro dello staff del comitato. Descrivere nella relazione finale della commissione le vere dimensioni dell’uso dei giornalisti da parte dell’Agenzia provocherebbe un furore per la stampa e per il Senato. E ciò comporterebbe una forte pressione sulla CIA per porre fine al suo uso dei giornalisti. “Non eravamo pronti a fare quel passo”, ha detto un senatore. Una decisione simile è stata presa per nascondere i risultati dell’indagine del personale sull’uso degli accademici. Bader, che ha supervisionato entrambe le aree di indagine, ha aderito alle decisioni e ha redatto le sezioni del rapporto finale della commissione. Le pagine da 191 a 201 erano intitolate “Relazioni segrete con i media degli Stati Uniti”. “Difficilmente riflette ciò che abbiamo trovato”, ha dichiarato il senatore Gary Hart. “C’è stato un lungo ed elaborato negoziato [con la CIA] su ciò che sarebbe stato detto.” Le pagine da 191 a 201 erano intitolate “Relazioni segrete con i media degli Stati Uniti”. “Difficilmente riflette ciò che abbiamo trovato”, ha dichiarato il senatore Gary Hart. “C’è stato un lungo ed elaborato negoziato [con la CIA] su ciò che sarebbe stato detto.” Le pagine da 191 a 201 erano intitolate “Relazioni segrete con i media degli Stati Uniti”. “Difficilmente riflette ciò che abbiamo trovato”, ha dichiarato il senatore Gary Hart. “C’è stato un lungo ed elaborato negoziato [con la CIA] su ciò che sarebbe stato detto.”

Oscurare i fatti era relativamente semplice. Non è stata fatta alcuna menzione dei 400 riassunti o di ciò che hanno mostrato. Invece il rapporto ha osservato blandamente che una cinquantina di recenti contatti con i giornalisti erano stati studiati dal personale della commissione, dando così l’impressione che i rapporti dell’Agenzia con la stampa fossero stati limitati a quei casi. I fascicoli dell’Agenzia, notava il rapporto, contenevano poche prove del fatto che il contenuto editoriale delle notizie americane fosse stato influenzato dai rapporti della CIA con i giornalisti. Le dichiarazioni pubbliche fuorvianti di Colby sull’uso dei giornalisti sono state ripetute senza serie contraddizioni o elaborazioni. Il ruolo dei dirigenti delle notizie che hanno collaborato è stato ridotto. Il fatto che l’Agenzia abbia concentrato le sue relazioni nei settori più importanti della stampa non è stato menzionato.

*

Nota per i lettori: fare clic sui pulsanti di condivisione sopra o sotto. Inoltra questo articolo alle tue mailing list. Crosspost sul tuo sito blog, forum internet. eccetera.

L’ex reporter di “Washington Post” Carl Bernstein  sta ora lavorando a un libro sulle cacce alle streghe della Guerra Fredda.

Appunti

1 John McCone, direttore dell’Agenzia dal 1961 al 1965, ha dichiarato in una recente intervista di essere a conoscenza di “grandi quantità di debriefing e scambio di aiuti”, ma che nulla di tutto ciò che avrebbe potuto essere fatto per la copertura della CIA con le organizzazioni dei media. “Non avrei necessariamente saputo a riguardo”, ha detto. “Helms avrebbe gestito qualcosa del genere. Sarebbe insolito per lui venire da me e dire: “Useremo i giornalisti come copertura”. Aveva un lavoro da svolgere. Durante il mio periodo non vi era alcuna politica che dicesse: “Non avvicinarti a quell’acqua”, né c’era nessuno che dicesse: “Vai ad esso!”. Durante le riunioni del comitato della Chiesa, McCone testimoniò che i suoi subordinati non gli avevano detto di attività di sorveglianza interna o che stavano lavorando a piani per assassinare Fidel Castro. All’epoca Richard Helms era vicedirettore dell’Agenzia;

2 Un tiratore è un giornalista che lavora per una o più organizzazioni giornalistiche su un fermo o su base di lavoro a cottimo.

3 Dal punto di vista della CIA, l’accesso alle uscite dei film e alle biblioteche fotografiche è estremamente importante. L’archivio fotografico dell’Agenzia è probabilmente il più grande sulla terra; le sue fonti grafiche includono satelliti, fotoricultura, aerei, telecamere in miniatura  e la stampa americana. Durante gli anni ’50 e ’60, l’Agenzia ottenne privilegi di prestito in carta bianca nelle biblioteche fotografiche di dozzine di giornali, riviste e televisioni americane. Per ovvie ragioni, la CIA ha anche assegnato la massima priorità al reclutamento di fotoreporter, in particolare membri di squadre di telecamere di rete con sede all’estero.

4 Il 3 aprile 1961, Koop lasciò l’ufficio di Washington per diventare capo del dipartimento Relazioni con il governo della CBS, Inc. – una posizione che mantenne fino al suo pensionamento il 31 marzo 1972. Koop, che lavorò come deputato all’Ufficio Censura nella seconda guerra mondiale, ha continuato a trattare con la CIA nella sua nuova posizione, secondo fonti della CBS.

5 Hayes, che lasciò la Washington Post Company nel 1965 per diventare ambasciatore degli Stati Uniti in Svizzera, è ora presidente del consiglio di amministrazione di Radio Free Europe e Radio Liberty – entrambi i quali hanno rotto i loro legami con la CIA nel 1971. Hayes ha dichiarato di aver cancellato la sua partecipazione nel progetto cinese con il compianto Frederick S. Beebe, allora presidente del consiglio di amministrazione della Washington Post Company. Katharine Graham, l’editore delle poste, non era a conoscenza della natura dell’incarico, ha detto. I partecipanti al progetto hanno firmato accordi di segretezza.

6 Philip Geyelin, direttore della pagina editoriale di Post , ha lavorato per l’Agenzia prima di unirsi alla Posta .

7 Louis Buisch, presidente della casa editrice della Hornell, New York, Evening Tribune, disse al Courier-Journal nel 1976 di ricordare poco sull’assunzione di Robert Campbell. “Non è stato molto a lungo e non ha fatto molta impressione”, ha detto Buisch, che da allora si è ritirato dalla gestione attiva del giornale.

8 Probabilmente l’articolo più ponderato sull’argomento della stampa e della CIA fu scritto da Stuart H. Loory e apparve nel numero di settembre-ottobre 1974 del Columbia Journalism Review.

9 Wes Gallagher, direttore generale dell’Associated Press dal 1962 al 1976, fa una forte eccezione all’idea che l’Associated Press avrebbe potuto aiutare l’Agenzia. “Siamo sempre stati chiari sulla CIA; Avrei licenziato chiunque lavorasse per loro. Non lasciamo nemmeno il nostro debriefing alla nostra gente. ” Al tempo delle prime rivelazioni che i giornalisti avevano lavorato per la CIA, Gallagher andò a Colby. “Abbiamo cercato di scoprire i nomi. Tutto ciò che direbbe era che nessun membro dello staff dell’Associated Press a tempo pieno era impiegato dall’Agenzia. Abbiamo parlato con Bush. Ha detto la stessa cosa. ” Se il personale dell’Agenzia è stato collocato negli uffici della Associated Press, ha affermato Gallagher, è stato fatto senza consultare la direzione del servizio di filo.

10 Molti giornalisti e alcuni funzionari della CIA contestano l’affermazione dell’Agenzia secondo cui è stata scrupolosa nel rispetto dell’integrità editoriale delle pubblicazioni e dei canali di trasmissione americani.

L’immagine in primo piano è di Nathaniel St. ClairLa CIA è uno dei principali venditori ambulanti di notizie false: documenti appena declassificati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.