La forza che ci permetterà di superare qualsiasi situazione, non importa quanto dura

Dal blog wwwl’angolodellapsicologia

posted: 24 Mar 2020

Nei campi di concentramento, le piccole cose diventavano grandi. Si trasformavano anche in segnali premonitori. “Quando vedevamo un compagno fumare le sue sigarette invece di scambiarle con il cibo, sapevamo già che aveva rinunciato a confidare nelle sue forze per andare avanti e che, una volta persa la voglia di vivere, raramente si recuperava”, disse lo psichiatra Viktor Frankl parlando della sua permanenza nei campi di concentramento nazisti di Auschwitz e Dachau.

Frankl si rese conto che non era sempre il più giovane e il più forte che sopravviveva nei campi di concentramento. Molte persone che apparentemente non avevano possibilità di sopravvivere superarono quell’orrore. La chiave? Una vita interiore ricca sostenuta dal senso della vita, un obiettivo futuro, qualcosa per cui lottare e a cui aggrapparsi.

Non guardare fuori, guarda dentro

La nostra società – almeno quella che eravamo fino a ieri – viveva completamente concentrata sull’esterno. Ci incoraggiava a cercare soddisfazione alla nostra insoddisfazione interiore nelle cose. Ci spingeva a mantenerci costantemente impegnati, a fare sempre di più, comprare sempre di più. In uno stato di sedazione perenne che alienava il pensiero e ci allontanava sempre di più da noi stessi.

All’improvviso tutto questo si è fermato e molti si sono ritrovati senza appigli, sperimentando una vera e propria sindrome da astinenza. L’astinenza da quel flusso costante di stimoli esterni con cui si anestetizzava la coscienza.

Ma per affrontare le situazioni estreme dobbiamo sviluppare una vita interiore più ricca. Guardarci dentro. Essere consapevoli di noi stessi. Smettere di cercare la forza guardando fuori e trovare quella forza dentro di noi. Si tratta di assumere la sfida. I tempi che ci è toccato vivere. Le condizioni particolari di ognuno.

“Quell’intensificazione della vita interiore” ci permette di “trovare riparo dal vuoto, la desolazione e la povertà spirituale dell’esistenza” quando le cose vanno male, disse Frankl.

Nutrire quella vita interiore non significa chiudere gli occhi alla realtà, ma trovare riparo e conforto andando oltre ciò che possiamo vedere e toccare. “Le persone con una ricca vita intellettuale soffrirono molto, ma il danno causato al loro essere intimo fu minore perché erano in grado di isolarsi dall’ambiente terribile, rifugiandosi in una vita di ricchezza interiore e libertà spirituale”, spiegò lo psichiatra.

Cerca il tuo senso della vita

Di fronte a sfide estreme, la forza mentale spesso sostiene quella fisica. La capacità di andare avanti, qualunque cosa accada, deriva dal fatto che abbiamo un motivo per lottare. E che siamo in grado di aggrapparci a questo con denti e unghie. Come direbbe Nietzsche: “chi ha qualcosa per cui vivere, è in grado di sopportare qualsiasi cosa”.

Il senso della vita, la ragione per combattere, è unico e inalienabile. È l’unica proprietà che ci rimane quando ci riduciamo alla nuda esistenza, quando tocchiamo il fondo emotivamente. È ciò a cui ci aggrappiamo e che dà un significato alla nostra vita, oltre la vita stessa. È ciò che ci incoraggia a dire “sì alla vita”, nonostante tutto.

Quel motivo di solito non si trova per caso. Frankl era convinto che abbiamo bisogno della “volontà di dare un senso”, il che implica essere in grado di discernere l’essenziale dal superfluo, avere chiari i nostri valori e prefiggerci un obiettivo futuro, senza il quale è facile lasciarci superare dalle circostanze.

In una situazione eccezionale, possiamo “trasformare la vita in un trionfo interno o ignorare la sfida e limitarci a vegetare”, con la segreta speranza che tutto sia un incubo e che domani, quando apriremo gli occhi, tutto sarà come prima.

Ma quando viviamo situazioni eccezionali – quelle che capovolgono il nostro mondo psicologico – niente sarà mai come prima. Chiunque abbia trovato la propria forza sarà in grado di portarla con sé per affrontare le nuove sfide che verranno. Questa volta con più fiducia e serenità.

                                            

 

Fonte:

Frankl, V. (2015) El hombre en busca de sentido. Barcelona: Editorial Herder.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.