Israele: un laboratorio per “Il nuovo ordine dei vaccini”? Verso un secondo blocco?

Dal blog https://www.globalresearch.ca/

Di Joshua Tartakovsky Ricerca globale, 8 maggio 2020

Nella lotta contro il virus corona, quando si cerca di discernere in quale direzione sta andando il mondo occidentale, è quasi sempre utile osservare i passi compiuti da Israele, lo stato sionista. [1].

Israele non è solo una minaccia per il popolo iracheno [3], il Libano [4], la Siria [5] e l’Egitto [6], ma è anche molto probabilmente un laboratorio per la sperimentazione umana. Negli ultimi anni, ha concentrato i suoi esperimenti sulla popolazione di Gaza, testando le armi sulla popolazione civile di Gaza soggetta ad assedio che ha osato ribellarsi e successivamente vendendo quelle armi al mondo [7]. Ma ora Israele potrebbe volgere lo sguardo sulla sua stessa popolazione, i cittadini di Israele stesso.

Quando scoppiò il coronavirus, Israele divenne il primo paese occidentale a chiudersi a tutti i voli. Ha quindi proceduto a un blocco totale, impedendo ai suoi cittadini di oltrepassare i 100 metri dalle loro case. Facendo affidamento sui servizi di sicurezza generale (Shabak), il regime israeliano che utilizzava le informazioni sul telefono cellulare dei vari utenti, conosceva la posizione esatta di ogni singolo cittadino e poteva radunarlo se lasciasse l’area confinata. Il regime ha inviato i suoi servizi di sicurezza, militari e di polizia, per arrestare le persone che stavano camminando oltre l’area confinata per ciò che riteneva un’esigenza non essenziale. L’estrema brutalità è stata emanata contro ebrei ultra-ortodossi, che hanno osato lasciare le loro case e camminare per le strade [8].

Il blocco del coronavirus è stato un punto di svolta nella storia di Israele. Israele ha anche tenuto i palestinesi della Cisgiordania sotto costante assedio e coprifuoco [9] per essere imposti casualmente a volontà dal 1967 fino ad oggi [10]. Questo regime militare era nuovo per il popolo della Cisgiordania, ma non per gli arabi che vivevano in Israele, che lo hanno sperimentato dalla fondazione dello stato nel 1948 fino al 1966 [11]. Ora gli stessi cittadini israeliani erano soggetti al coprifuoco. Non potevano uscire di casa.

Perché il regime ha messo in atto un blocco totale così estremo, che è stato successivamente seguito dal resto del mondo? Una possibile causa potrebbe essere le tre accuse di corruzione contro il Primo Ministro, Benjamin Netanyahu . Il blocco ha comportato la chiusura del parlamento israeliano. Quando alla Corte Suprema fu ordinato all’oratore della casa di aprire il parlamento, si dimise semplicemente. In questo modo, Netanyahu ha evitato di essere votato contro in parlamento.

Ma possono esserci altre spiegazioni? Israele è un laboratorio per il controllo della popolazione? Gli israeliani tendono a disobbedire agli ordini e sicuramente agli ordini di tenerli rinchiusi nelle case. Questa volta, obbedirono in gran parte silenziosamente e rimasero nelle loro case per settimane.Israele cerca i non ebrei “ebrei” in battaglia contro i palestinesi

Poi ci sono le considerazioni mediche. Alcuni virologi sostengono che le persone debbano essere tenute a casa per rallentare la diffusione, altri sostengono che rimanere a casa riduce il sistema immunitario e lo rende più vulnerabile alle malattie. Ad ogni modo, come sosteneva Michel Foucault, usare la medicina per soggiogare l’umanità è stata a lungo la norma. Giorgio Agamben ha sostenuto come lo stato usi argomenti biologici per ridurre la nostra esistenza a nuda vita e soffocarci in una lotta per la sopravvivenza facendo affidamento sulla paura e sulla creazione di uno stato di eccezione che non finisce.

Il regime sionista condurrà esperimenti contro la propria popolazione? Lo ha fatto in passato. I sionisti hanno sperimentato numerose volte gli ebrei Mizrahi, in particolare i bambini [12].

Ma nei giorni scorsi, il Primo Ministro Netanyahu ha affermato che per motivi di sicurezza, i chip possono essere posizionati o inseriti, non ha detto, nei bambini. Il chip avvisava il bambino ogni volta che si avvicinava a una persona in pericolo, proprio come in un sistema di allarme posto in una macchina, suggerì Netanyahu. Netanyahu sta testando un’idea che potrebbe essere implementata in un secondo momento? Vuole vedere se le persone sono disposte ad accettare la libertà di movimento in cambio della vaccinazione e di un chip?

Per ora il blocco è stato gradualmente ridotto . Netanyahu dovrebbe essere processato il 24 maggio. Ma gli esperti del Ministero della Sanità stanno già avvertendo che potrebbe derivarne una seconda ondata, con conseguente nuovo blocco. In tal caso, vedremo la stessa tendenza in atto in tutto il mondo, con un secondo blocco, più rigoroso di prima, che si svolgerà e non verrà rilasciato fino a quando i cittadini non saranno vaccinati o non avranno un chip?

Il 6 febbraio 2020, Haaretz riferì che ci si aspettava che la maggior parte dei membri dell’alta commissione responsabile dell’approvazione e della supervisione della sperimentazione umana si dimettessero. Ciò è stato fatto grazie alla decisione del CEO del ministero della Sanità israeliano, Moshe Bar Siman Tov , di promuovere una politica a beneficio delle aziende farmaceutiche a spese dell’interesse pubblico, ha riferito Haaretz. Il presidente, la professoressa Alice Shalvi, ha già rassegnato le dimissioni, ha dichiarato Haaretz [13].

Con il comitato eliminato dalle persone coscienziose, il regime sionista passerà a vaccinare i bambini israeliani la prossima settimana?

Israele è stato il primo paese occidentale a vietare tutti i voli e mettere in atto un blocco estremo . Fu il primo paese occidentale in cui il leader della seduta raccomandò di scheggiare i bambini. Vale la pena prestare attenzione a quello che potrebbe essere il laboratorio per il resto del mondo.

*

Nota per i lettori: fare clic sui pulsanti di condivisione sopra o sotto. Inoltra questo articolo alle tue mailing list. Crosspost sul tuo sito blog, forum internet. eccetera.

Nota dell’autore: grazie a Haim Yativ per il suo aiuto con l’articolo.

Joshua Tartakovsky è giornalista indipendente, laureato alla Brown University e alla London School of Economics. Attualmente residente a Minsk, in Bielorussia.

Appunti

[1] https://www.timesofisrael.com/anti-zionist-rabbi-gives-hezbollah-chief-in-beirut-gift-from-the-jewish-people/

[2] https://www.theguardian.com/commentisfree/2013/aug/20/jewish-majority-israel-villa-in-the-jungle

[3]  https://www.nytimes.com/2015/02/26/world/middleeast/kerry-reminds-congress-netanyahu-advised-us-to-invade-iraq.html

[4]  https://www.middleeastmonitor.com/20200213-lebanon-army-fires-on-israel-drones-forcing-them-to-retreat-2/

[5]  https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-israel-just-admitted-arming-anti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.