Introversi o estroversi, chi sta peggio nella pandemia?

Dal blog http://www.angolodellapsicologia.it

Nella nostra società, gli estroversi partono con un certo vantaggio. La loro propensione a stabilire legami interpersonali e le abilità sociali danno loro un vantaggio che gli apre la strada al successo. Ma nelle odierne circostanze, costretti a mantenere le distanze sociali e sottoposti a confinamenti domiciliari più o meno lunghi, le persone introverse hanno un asso in più nella manica.

Gli introversi sono avvantaggiati nell’affrontare la solitudine perché il loro benessere dipende meno dalle interazioni sociali rispetto agli estroversi. Infatti, gli psicologi dell’Università di Berna hanno hanno scoperto che l’introversione come tratto della personalità è fondamentale, sebbene non sia sufficiente per proteggere il nostro benessere emotivo in queste circostanze, quindi hanno approfondito le strategie che gli introversi usano per affrontare lo stress e proteggere il loro equilibrio mentale.

Le 3 abitudini mentali che più influenzano il tuo benessere emotivo

In generale, quando ci troviamo di fronte a situazioni incerte e impegnative che generano grande stress, possiamo implementare due strategie di regolazione emotiva. Le strategie adattive ci aiutano a sentirci meglio, mentre le strategie disadattive alimentano sentimenti spiacevoli.

Pertanto, questi psicologi si sono concentrati sulla valutazione delle strategie utilizzate dalle persone per affrontare la pandemia in base alle loro caratteristiche di personalità. Hanno anche esaminato l’impatto di tali strategie sulla loro salute mentale.

Hanno così scoperto che le persone con una salute mentale peggiore che avevano difficoltà ad affrontare la realtà della pandemia avevano tre cose in comune:

1. Catastrofismo. Pensavano continuamente a quanto fosse terribile la situazione che stavano attraversando.

2. Ruminazione. Non erano solo preoccupati per la situazione attuale, ma anche per quello che stavano provando e ciò che potrebbe accadere.

3. Locus of control esterno. Incolpavano gli altri di tutto ciò che stava accadendo.

Le 5 strategie di regolazione emotiva che proteggono la tua salute mentale

Questi psicologi hanno anche scoperto che esistono diverse strategie di regolazione emotiva che proteggono la nostra salute mentale in tempi di crisi, fungendo da scudo protettivo.

1. Concentrarsi sulla pianificazione. Sebbene nel mezzo di una pandemia molte cose siano al di fuori del nostro controllo, le persone che affrontano meglio le conseguenze si sforzano di pianificare ciò che possono fare e cercano di utilizzare il loro tempo in modo produttivo.

2. Distrazione. Le persone che hanno a che fare con la pandemia e il confinamento cercano di pensare a cose piacevoli che non abbiano nulla a che fare con la situazione attuale, il che funge da valvola di sicurezza.

3. Mettono le cose in prospettiva. Queste persone cercano di assumere una distanza psicologica da ciò che sta accadendo mettendo le cose in prospettiva, dicendo a se stesse che ci sono cose peggiori nella vita.

4. Accettazione radicale. Le persone che affrontano meglio la pandemia e il confinamento sono quelle che fanno il possibile per accettare la realtà, piuttosto che negarla o lamentarsi.

5. Rivalutano la situazione. Una strategia importante per affrontare le avversità è sforzarsi di imparare qualcosa dalla situazione, imparare la lezione e maturare.

Le persone con un livello più elevato di introversione che sono state in grado di ricorrere a queste strategie di regolazione emotiva, hanno preservato meglio il loro benessere e hanno trovato sollievo nella solitudine. Una delle chiavi potrebbe essere che, rispetto agli estroversi, gli introversi tendono a concentrarsi maggiormente sul loro mondo interiore, in modo che il loro benessere dipenda essenzialmente dai loro processi interni, mentre per gli estroversi la qualità e la quantità delle interazioni sociali sono più importanti.

Gli estroversi potrebbero non avere le stesse risorse psicologiche per affrontare le sfide poste da una pandemia perché dipendono eccessivamente dalle loro reti di supporto sociale, che sono meno disponibili in questo momento. Questo può far sentire gli estroversi più esauriti e soli del solito, e ciò influisce sulla loro salute mentale.

Un altro studio condotto presso la Florida State University mostra che gli estroversi sono più preoccupati per la loro salute e l’economia durante la pandemia.

Pertanto, l’introversione è una caratteristica vantaggiosa per evitare il danno che la solitudine non scelta può causare, ma dobbiamo usare strategie di regolazione emotiva appropriate per riformulare in modo più positivo le emozioni negative che possiamo provare.

Fonti:

Gubler, D. A. et. Al. (2020) Loneliness and well-being during the covid-19 pandemic: Associations with personality and emotion regulation. Journal of Happiness Studiesdoi: 10.1007/s10902-020-00326-5.

Buecker, S. (2020) Loneliness and the big five personality traits: A meta-analysis. European Journal of Personality ; 34(1): 8–28.

Aschwanden, D. et. Al. (2020) Psychological and Behavioural Responses to Coronavirus Disease 2019: The Role of Personality. European Journal of Personality; DOI: 10.1002/per.2281.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.