Quando l’Arte di Duchamp era ancora Pittura

Dal blog https://filorosso.art.blog/2018/12/22/macina-caffe/

“Macina Caffè” è apparentemente un opera senza significato artistico e pittorico. L’immagine non presenta nessuna novità stilistica. L’immagine è attribuita a Marcel Duchamp.

Manca la data. Il disegno è al di fuori di ogni corrente artistica del tempo. Se per caso l’opera venisse trovata in uno scantinato o solaio impolverato, l’oggetto verrebbe spedito in discarica come tutte le cose inutili durante lo sgombero. Il disegno è classificale come bozzetto appartenuto ad un costruttore autodidatta. Ma se la firma (Invisibile) imputa il bozzetto all’artista  Marcel Duchamp, l’opera acquisisce un valore di mercato e un interesse tale da soddisfare la brama dei collezionisti feticisti.

Non si nota firma, non esiste.

Se non ci fossero testimonianze editoriali in merito, il disegno risulterebbe anonimo, invece, questa opera insignificante assume per lo storico d’arte, un valore particolare da salvare non tanto come opera d’arte, ne come cimelio industriale, piuttosto come prova comprovata per una accusa pesante che vedrà Marcel Duchamp sul banco degli Imputati a rispondere di “Delitti contro l’Umanità” davanti ad un tribunale Internazionale artistico augurandogli di trovarsi per l’occasione un buon Avvocato Critico d’Arte che sappia improntare una sostenuta difesa.

“Esagerato?”

Davanti a simile affermazione e senza prove: “Esagerato” è la prima esclamazione ovvia per una bocciatura imminente da parte di  un qualsiasi professore di Storia dell’Arte. Cercare il nesso o la prova per un impianto accusatorio è una impresa non da poco, e per cominciare, dobbiamo gettare le basi per un piano di lavoro progressivo capace di ricostruire gli eventi per le accuse mossegli contro.

Militare di vocazione, Marcel Duchamp lo conosciamo sotto mentite spoglie di Artista, ma di militare con alto grado Ufficiale trattasi.

Foto: Marcel Duchamp

marcel_duchamp_in_uniform_0

L’indagine ha inizio:

Il fondatore dei DADA utilizza il suono di una mitragliatrice appunto : DADA! DADA! suono caratteristico è della  Gardner gun sopranominata dai fucilieri con in dotazione la mitragliatrice Agar: coffee grinder “Macinino da Caffe”, mitragliatrice di fine ottocento e  primo novecento ritenuta fino al 1905 un arma segreta di  distruzione di massa.
DADA , fondata a New York diventerà una organizzazione paramilitare insidiatasi in europa con sede a Zurigo, e che fece gran presa a Berlino, Francoforte e a Colonia durante i disordini post bellici che daranno origine al partito Nazista. Chi erano in realtà i dadaisti? Quali sono i rapporti avuti “dall’artista” con la storia di guerre nel novecento e fattispecie con  la preparazione della Seconda Guerra Mondiale?
Qui su FiloRossoArt è in svolgimento l’identità del più misterioso artista del novecento coofondatore delle Avanguardie europee svelando pubblicamente il suo “strano”  profilo misterioso.
Tutti gli articoli di questo “Blog /cofanetto”, sono i risultati parziali di una Collana di Perle che hanno dato forma e vita alle Avanguardie francesi. Filo Rosso  le sta infilando una ad una per ricomporre la nascita e la storia europea  dalla “Guerra delle Nazioni”  dal 1905 in poi.

prosegue:

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.