7 caratteristiche delle persone empatiche che le rendono uniche

dal blog https://angolopsicologia.com/

Posted: 10 May 2021

Le persone empatiche sanno come mettersi nei panni degli altri. Non solo li capiscono intellettualmente, ma provano le stesse emozioni di chi hanno accanto. Sono persone molto sensibili che si connettono con gli altri e catturano i loro bisogni emotivi in ​modo speciale.

L’empatia allarga i loro orizzonti e il loro pensiero. Comprendendo altre esperienze e punti di vista, queste persone possono espandere la loro prospettiva e abbracciare nuove idee, una capacità chiave per affrontare con successo le sfide della vita. Non è un caso, infatti, che gli psicologi dell’Università di Istanbul abbiano scoperto che gli studenti più empatici tendono ad ottenere risultati accademici migliori. La buona notizia è che non si nasce empatici, si impara ad esserlo.

Qual è il profilo di una persona empatica?

1. Sentono le emozioni degli altri

La caratteristica principale delle persone empatiche è la loro capacità di percepire e provare le emozioni degli altri. In molti casi, queste persone assorbono letteralmente gli stati emotivi di chi li circonda, diventando una sorta di spugna emotiva. Sono in grado di catturare e capire ciò che qualcuno sta provando, anche se quella persona ha difficoltà a esprimerlo attraverso le parole.

Le persone empatiche si connettono a un livello più profondo con gli altri, ciò consente loro di sentire in prima persona la gioia o il dolore degli altri e farlo proprio. Tutto sembra infatti indicare che nel “cervello empatico” i neuroni specchio sono molto più attivi, il che faciliterebbe, attraverso meccanismi di imitazione inconscia, il compito di mettersi al posto degli altri.

2. Sono molto intuitivi e sanno interpretare il linguaggio del corpo

Le persone empatiche sono molto intuitive. Si lasciano portare da una sorta di “sesto senso” nelle relazioni interpersonali. Avendo la capacità di vedere oltre le apparenze, possono percepire meglio le intenzioni e le motivazioni degli altri.

Infatti, sono particolarmente abili nel catturare e interpretare i segnali emotivi che le persone inviano dai piccoli indizi che forniscono nella comunicazione extraverbale. Le persone empatiche possono percepire piccoli cambiamenti nelle espressioni facciali, nel tono della voce o nei movimenti del corpo dell’interlocutore che passano inosservati agli altri. Questa capacità consente loro di rilevare incongruenze, bugie o occultamenti.

3. Sentono curiosità per gli estranei

Le persone empatiche provano curiosità per gli estranei. Ecco perché spesso iniziano una conversazione con chi siede accanto a loro sull’autobus o su una panchina del parco. Sono sinceramente interessati alla persona che hanno accanto perché conservano la naturale curiosità dei bambini e il desiderio di esplorare le relazioni interpersonali.

La “curiosità empatica” non è pettegolezzo, è un atteggiamento aperto ma rispettoso nei confronti dell’altro, la disponibilità a connettersi rispettando i limiti stabiliti dall’interlocutore. Questo tipo di curiosità porta all’incontro di due visioni e mondi diversi che arricchiscono entrambe le persone attraverso momenti di connessione speciale, anche se si tratta di due perfetti sconosciuti.

4. Sfidano i pregiudizi cercando un terreno comune

Facciamo tutti delle ipotesi rispetto agli altri e applichiamo etichette per adattarli a determinate categorie. Non possiamo liberarci completamente delle nostre aspettative e preconcetti. Tuttavia, le persone empatiche sono molto più aperte e meno propense a giudicare gli altri, dando loro sempre il beneficio del dubbio.

Mettendosi al posto degli altri, i pregiudizi cedono il passo alla comprensione. Sono in grado di mettere da parte le loro opinioni per assumere le prospettive degli altri e comprendere le paure, le preoccupazioni e le motivazioni del loro interlocutore. In effetti, le persone empatiche tendono a concentrarsi sulle cose in comune, piuttosto che sulle cose che le differenziano e separano. Sono persone che costruiscono ponti sul loro cammino, invece di bruciarli.

5. Sono pienamente presenti e praticano l’ascolto attivo

Le persone empatiche possono farci sentire come se fossimo la persona più importante del mondo, almeno durante i momenti passati insieme. Questo perché sono pienamente presenti nelle loro interazioni, dandoci tutta la loro attenzione e il loro tempo, un dono raro nel mondo iper-distratto in cui viviamo.

Le persone empatiche praticano l’ascolto attivo in modo naturale. Si prendono il tempo per cercare di capire le priorità, le preferenze e le motivazioni del loro interlocutore. Ascoltano senza giudicare, con l’obiettivo di comprendere e aiutare. In effetti, spesso sostituiscono i consigli che potrebbero essere invasivi o difensivi con domande come: come ti senti? cosa intendi? come pensi che dovresti reagire? come posso aiutarti?

6. Sono vulnerabili

Una delle caratteristiche delle persone empatiche è che non hanno paura di mostrare la loro vulnerabilità. Sono consapevoli che per connettersi a un livello profondo, non basta ascoltare attentamente l’altro e capire quello che sente, ma è necessario contribuire con qualcosa di personale all’interazione, per esporsi emotivamente.

Le persone empatiche si tolgono le loro maschere sociali per rivelare i loro sentimenti e creare quel legame speciale che si genera quando due realtà umane si toccano dal profondo della loro fragilità. In effetti, l’empatia è una strada a doppio senso che implica la condivisione di dolori e gioie senza paura che l’altro possa trarre vantaggio dalle nostre presunte debolezze.

7. Tendono a sentirsi sopraffatti

Se le persone empatiche non imparano a gestire la sensibilità speciale che posseggono, possono essere profondamente sopraffatte dalle emozioni degli altri. Assorbire la rabbia, il dolore, la sofferenza o la frustrazione di qualcun altro può essere emotivamente drenante, fino al punto di sviluppare la sindrome da empatia.

Infatti, le persone empatiche non solo mostrano sensibilità quando stabiliscono una relazione diretta con qualcuno, ma possono anche assorbire le emozioni che vi sono in uno spazio pubblico o sentirsi scioccate da immagini e notizie che riflettono una tragedia umana. In genere, questa emozione nasce in modo inaspettato e li travolge completamente perché sono in grado di mettersi nei panni di chi soffre o prova ansia o stress con particolare intensità. Ecco perché è necessario che sviluppino tecniche di gestione emotiva che permettano loro di proteggere il loro equilibrio psicologico.

Fonti:

Baird, A. et. Al. (2011) Mirror neuron system involvement in empathy: A critical look at the evidence. Social Neuroscience; 6(4): 327-335.

Aysun, T. & Seray, M. (2010) The relationship between empathetic classroom climate and students’ success. Procedia – Social and Behavioral Sciences; 5: 231–234.

La entrada 7 caratteristiche delle persone empatiche che le rendono uniche se publicó primero en Angolo della Psicologia.

1 Comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.