Gli Stati Uniti bombardano di nuovo Paesi di mezzo mondo per “difendersi”

Dal blog https://www.ariannaeditrice.it/

di Caitlin Johnstone – 30/06/2021

Fonte: controinformazione

Gli Stati Uniti stanno ancora una volta bombardando illegalmente le nazioni dall’altra parte del pianeta che hanno invaso e occupato, e chiamano questa aggressione mortale come “difensiva”.

” Su istruzioni del presidente Biden, le forze militari statunitensi all’inizio della serata di ieri hanno effettuato attacchi aerei difensivi di precisione contro le strutture utilizzate dalle milizie sostenute dall’Iran nella regione di confine tra Iraq e Siria “, si legge in una dichiarazione del segretario stampa del Pentagono John Kirby. ” Gli obiettivi sono stati scelti perché queste strutture sono utilizzate dalle milizie sostenute dall’Iran che sono impegnate in attacchi di veicoli aerei senza equipaggio (UAV) contro il personale e le strutture statunitensi in Iraq. Più specificamente, gli attacchi statunitensi hanno preso di mira strutture operative e di stoccaggio di armi in due località in Siria e una località in Iraq, entrambe situate vicino al confine tra questi paesi ”.

L’affermazione che queste azioni fossero di natura “difensiva” è ancora più assurda del fatto che tutti noi continuiamo a sostenere che questo presidente ovviamente demente sta “gestendo” qualsiasi cosa. Non è possibile per gli invasori occupanti agire in modo difensivo nelle nazioni che loro occupano e invadono; Le truppe statunitensi sono in Iraq solo attraverso un’invasione illegale nel 2003 , un rientro fasullo nel 2014 e un rifiuto di partire su richiesta del governo iracheno l’anno scorso, e sono in Siria illegalmente e senza permesso del governo siriano.
Non possono quindi mai essere altro che aggressori; non possono agire sulla difensiva.

È come se entrassi in casa del tuo vicino per rubare lui, lo uccidi quando cerca di fermarti e poi invochi l’autodifesa perché consideri la sua casa di tua proprietà. È solo nell’Universo Alternativo Eccezionale americano che questo è considerato normale e accettabile.

L’unica vera azione difensiva che gli Stati Uniti potrebbero legittimamente intraprendere per proteggere le truppe in Iraq e in Siria sarebbe quella di ritirare le truppe americane dall’Iraq e dalla Siria.

Non esiste un’autorizzazione legale per le truppe statunitensi di essere in Iraq o in Siria. Portali a casa e smettila di bombardare le persone con il pretesto dell’autodifesa.

Base USA in Siria

Come ha sottolineato l’ ex rappresentante degli Stati Uniti Justin Amash dopo l’attentato, non esiste un vero permesso legale per le truppe statunitensi di essere in Iraq o in Siria in primo luogo. Come ha sottolineato il giornalista Glenn Greenwald, non c’è nemmeno una base legale per bombardare il personale militare di queste nazioni, non importa quanto siano “appoggiate dall’Iran”.

” So che è scoraggiante notare questo, ma Biden non ha l’autorità legale per bombardare obiettivi “sostenuti dall’Iran” in Siria e Iraq “, ha twittato Greenwald, aggiungendo: ” Ma Obama ha bombardato la Libia dopo il voto negativo nel Camera dei Deputati, e pochi specialisti dello stato di diritto sacro se ne preoccupavano ”.

La giustificazione legale che l’amministrazione Biden sta usando per questo attacco aereo è la stessa che ha usato per i suoi attacchi aerei in Siria lo scorso febbraio : non antiterrorismo, ma un’interpretazione estremamente bizzarra e ampia dell’articolo II della Costituzione degli Stati Uniti.

” In materia di diritto internazionale, gli Stati Uniti hanno agito in conformità con il loro diritto di autodifesa ” , scrive Kirby nella suddetta dichiarazione. “ Gli attacchi erano sia necessari per fronteggiare la minaccia sia di portata limitata in maniera adeguata. Per quanto riguarda il diritto nazionale, il presidente ha compiuto questo passo in conformità con la sua autorità ai sensi dell’articolo II per proteggere il personale americano in Iraq ”.

Questa affermazione su cui l’esecutivo ha fatto affidamento di recente, che l’articolo II consente atti di guerra unilaterali dall’altra parte del pianeta senza l’approvazione del Congresso, è stata oggetto di critiche da parte di giuristi di tutto lo spettro politico in America. Come scrisse Tess Bridgeman per Just Security dopo gli attacchi aerei di Biden a febbraio:

” Con il termine del mandato dell’ex presidente Donald Trump, è tempo di valutare la sua eredità di poteri di guerra e vedere dove si trova l’amministrazione Biden, poiché inizia a chiedersi come e quando usare la forza all’estero senza l’autorizzazione del Congresso. Il quadro che emerge dai rapporti sui poteri di guerra di Trump al Congresso è quello di una visione straordinariamente ampia del potere del presidente di usare la forza all’estero senza il permesso del Congresso e di una volontà di sfruttare le lacune nei requisiti di segnalazione in un modo che oscura le informazioni sul uso della forza da parte del pubblico ”.

La disponibilità a sfruttare le scappatoie è buona. Ma finché gli atti di violenza militare di massa serviranno da cemento di un impero globale, la morte troverà un modo di manifestarsi.

fonte: https://caityjohnstone.medium.com

Traduzione: Luciano Lago La Globalizzazione della NATO – Libro

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.