“Come fiori schiacciati in una pagina del libro dell’universo”.

E. Se Dio ci avesse dimenticato così ?

Siamo corpi che bruciano nel grande falò.

E. Gli. Universi. Paralleli ?“

Forse. Due universi abitano questo pianeta.

Sono persone, interessi umani, economici, sociali:

anche qui non abbiamo un pianeta B

tranne quello su Marte sognato da alcuni pericolosi trans umanisti.

Abbiamo visto dallo spazio il nostro rotondo rifugio blu,

velato dalle nubi:

chi lo ha visto non solo in foto

ci ha inequivocabilmente trasmesso amore per la piccola casa

e desiderio che essa appartenga a tutti

e che possa ospitare degnamente tutti.

I 20 signori che erano nella loro splendida torre d’avorio,

rigorosamente circondata di polizia

e controlli non sembra che abbiano visto quel pianeta.

O. Se l’hanno visto, gli è apparso di colore verde,

come i dollari e si sono subito chiesti se era quotato in Borsa. (cfr. Olivier Turquet)

Francamente non credo che i due mondi possano dialogare ed unirsi.

Ieri e oggi li ho visti molto distanti.

Terribilmente distanti.

Ho visto la torre d’avorio con un po’ di rabbia;

e ho rinforzato il mio amore per l’altro mondo

e la voglia di aiutarlo a dirigere le sorti di questa umanità

e della sua unica e preziosa casa”.

Ma. Forse. Noi. Siamo. Solo. Come.

Fiori schiacciati. In una pagina.

Del libro dell’universo. Figli del grande falò.

Marco Zuanetti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.