Perché in Congo si combatte una guerra per il cobalto

dal blog https://www.startmag.it/

di Redazione Start Magazine

Che cosa rivela l’inchiesta del New York Times sull’accaparramento di cobalto in Congo Kisanfu, Repubblica Democratica del Congo – Lungo una strada sterrata rossa, attraverso una distesa di alte erbacce bagnate dalla rugiada, i bulldozer stanno scavando un nuovo canyon gigantesco che è centrale nella urgente corsa del mondo contro il riscaldamento globale. Per più di un decennio, la vasta distesa di terra incontaminata è stata controllata da una società americana. Ora un conglomerato minerario cinese l’ha comprato e sta correndo per recuperare il suo tesoro sepolto: milioni di tonnellate di cobalto. A 73 anni, Kyahile Mangi ha vissuto qui abbastanza a lungo da prevedere il percorso che lo aspetta. Una volta che l’esplosione inizierà, i muri delle case di mattoni di fango si creperanno. Le sostanze chimiche si infiltreranno nel fiume dove le donne fanno il bucato e lavano i piatti mentre si preoccupan

o degli attacchi degli ippopotami. Presto un responsabile della miniera annuncerà che tutti devono essere trasferiti. “Sappiamo che il nostro terreno è ricco”, ha detto il signor Mangi, un capo villaggio che sa anche che i residenti condivideranno poco della ricchezza della miniera. Questo tratto boscoso del sud-est della Repubblica Democratica del Congo, chiamato Kisanfu, detiene una delle più grandi e pure riserve non sfruttate di cobalto nel mondo. Il metallo grigio, tipicamente estratto dai depositi di rame, è stato storicamente di interesse secondario per i minatori. Ma la domanda è destinata ad esplodere in tutto il mondo perché è usato nelle batterie delle auto elettriche, aiutandole a funzionare più a lungo senza una carica. Gli stranieri che scoprono – e sfruttano – le risorse naturali di questo impoverito paese dell’Africa centrale stanno seguendo un modello dell’era coloniale.

Gli Stati Uniti andarono in Congo per l’uranio per aiutare a costruire le bombe sganciate su Hiroshima e Nagasaki e poi spesero decenni, e miliardi di dollari, cercando di proteggere i loro interessi minerari qui.

Ora, con più di due terzi della produzione mondiale di cobalto proveniente dal Congo, il paese è di nuovo al centro della scena quando le principali case automobilistiche si impegnano a combattere il cambiamento climatico passando dai veicoli a benzina a quelli a batteria. Le nuove automobili si basano su una serie di minerali e metalli spesso non abbondanti negli Stati Uniti o nel Medio Oriente ricco di petrolio, che ha sostenuto l’ultima era energetica. Ma la ricerca del cobalto del Congo ha dimostrato come la rivoluzione dell’energia pulita, intesa a salvare il pianeta da temperature pericolosamente calde in un’epoca di illuminato interesse personale, è intrappolata in uno schema familiare di sfruttamento, avidità e gioco che spesso mette le aspirazioni nazionali al di sopra di tutto, come ha scoperto un’inchiesta del New York Times.

Il Times ha inviato reporter in tre continenti, coinvolti nella competizione per il cobalto, una materia prima relativamente oscura che, insieme a litio, nichel e grafite, ha guadagnato un valore eccezionale in un mondo che cerca di mettere da parte i combustibili fossili. Più di 100 interviste e migliaia di pagine di documenti mostrano che la corsa al cobalto ha scatenato una lotta di potere in Congo, un deposito di queste risorse sempre più preziose, e ha attirato gli stranieri intenzionati a dominare la prossima epoca dell’energia globale. In particolare, una rivalità tra Cina e Stati Uniti potrebbe avere implicazioni di vasta portata per l’obiettivo condiviso di salvaguardare la terra.

Almeno qui in Congo, la Cina sta finora vincendo quella gara, con entrambe le amministrazioni Obama e Trump che sono rimaste a guardare mentre una società sostenuta dal governo cinese ha acquistato due dei maggiori depositi di cobalto del paese negli ultimi cinque anni. Mentre il significato di questi acquisti diventa più chiaro, la Cina e gli Stati Uniti sono entrati in una sorta di nuovo “Grande Gioco”. La settimana scorsa, durante una visita di promozione dei veicoli elettrici in una fabbrica della General Motors a Detroit, il presidente Biden ha riconosciuto che gli Stati Uniti hanno perso terreno. “Abbiamo rischiato di perdere il nostro vantaggio come nazione, e la Cina e il resto del mondo stanno recuperando terreno”, ha detto. “Beh, stiamo per ribaltare la situazione in un modo molto, molto significativo”. China Molybdenum, il nuovo proprietario del sito di Kisanfu dalla fine dello scorso anno, lo ha acquistato da Freeport-McMoRan, un gigante minerario americano con una storia a macchie che cinque anni fa era uno dei maggiori produttori di cobalto in Congo – e ora ha lasciato completamente il paese.

A giugno, solo sei mesi dopo la vendita, l’amministrazione Biden ha avvertito che la Cina potrebbe usare il suo crescente dominio del cobalto per interrompere la spinta americana verso i veicoli elettrici, schiacciando i produttori statunitensi. In risposta, gli Stati Uniti stanno premendo per l’accesso alle forniture di cobalto dagli alleati, tra cui Australia e Canada, secondo un funzionario della sicurezza nazionale con conoscenza della materia.

Le case automobilistiche americane come Ford, General Motors e Tesla comprano componenti per batterie al cobalto da fornitori che dipendono in parte dalle miniere di proprietà cinese in Congo.

Un veicolo a lunga autonomia Tesla richiede circa 4 chili di cobalto, più di 400 volte la quantità in un telefono cellulare. Già le tensioni sui minerali e sui metalli stanno scuotendo il mercato dei veicoli elettrici. I disordini mortali di luglio vicino a un porto in Sud Africa, dove gran parte del cobalto del Congo viene esportato in Cina e altrove, hanno causato un salto globale dei prezzi del metallo, un’impennata che è solo peggiorata nel resto dell’anno.

Il mese scorso, il principale previsore dell’industria mineraria ha detto che l’aumento del costo delle materie prime probabilmente farà salire i costi delle batterie per la prima volta da anni, minacciando di interrompere i piani delle case automobilistiche per attirare i clienti con auto elettriche a prezzi competitivi. Jim Farley, l’amministratore delegato della Ford, ha detto che la crisi delle forniture di minerali deve essere affrontata. “Dobbiamo risolvere queste cose”, ha detto in un evento a settembre, “e non abbiamo molto tempo”. I produttori di automobili come la Ford stanno spendendo miliardi di dollari per costruire i loro impianti di batterie negli Stati Uniti, e si stanno affrettando a limitare la necessità di cobalto appena estratto sviluppando sostituti del fosfato di ferro di litio o passando al riciclaggio.

Di conseguenza, una portavoce della Ford ha detto: “Non vediamo il cobalto come un problema vincolante”. L’aumento dell’estrazione e della raffinazione del cobalto da parte delle aziende cinesi ha contribuito a soddisfare la crescente domanda e ha fatto avanzare la lotta contro il cambiamento climatico. Ma poiché più veicoli elettrici sono prodotti da più case automobilistiche in tutto il mondo, l’Agenzia Internazionale dell’Energia prevede una carenza di cobalto entro il 2030, sulla base di un’analisi delle miniere esistenti e di quelle in costruzione. Altri meteorologi dicono che una carenza potrebbe colpire già nel 2025.

Una verifica da parte del Times dei documenti depositati presso le autorità di regolamentazione in Cina mostra che le acquisizioni in Congo hanno seguito un rigido programma, annunciato con grande fanfara da Pechino nel 2015, per dominare l’economia emergente di energia pulita del mondo. A partire dallo scorso anno, 15 delle 19 miniere produttrici di cobalto in Congo erano di proprietà o finanziate da aziende cinesi, secondo un’analisi dei dati di The Times e Benchmark Mineral Intelligence.

La più grande alternativa agli operatori cinesi è Glencore, una società con sede in Svizzera che gestisce due delle più grandi miniere di cobalto lì. Queste aziende cinesi hanno ricevuto almeno 12 miliardi di dollari in prestiti e altri finanziamenti da istituzioni statali, ed è probabile che abbiano attinto altri miliardi.

Infatti, le cinque più grandi compagnie minerarie cinesi in Congo avevano linee di credito da banche sostenute dallo stato per un totale di 124 miliardi di dollari, secondo i documenti esaminati dal Times, anche se una di esse, China Molybdenum, si descriveva come “una pura entità commerciale” scambiata in due borse. L’obiettivo della Cina è quello di controllare la catena di approvvigionamento globale dai metalli nel terreno alle batterie stesse, non importa dove i veicoli sono fatti.

L’approccio, in parte, riecheggia gli investimenti di Henry Ford nelle piantagioni di gomma dell’Amazzonia quando l’industria automobilistica si rivolse alla produzione di massa all’inizio del 20° secolo. Il sito minerario boscoso di Kisanfu è stato solo uno dei due grandi acquisti negli ultimi anni da parte di China Molybdenum.

Il primo è arrivato nel 2016, quando ha preso il controllo di Tenke Fungurume, una miniera che da sola produce il doppio del cobalto di qualsiasi altro paese del mondo. Almeno 1,59 miliardi di dollari dei 2,65 miliardi di dollari del prezzo di Tenke Fungurume, secondo i registri finanziari, provenivano da prestiti forniti da banche statali cinesi.

Mentre i cinesi stavano intensificando la loro attenzione sull’energia verde nel 2016, il futuro presidente degli Stati Uniti, Donald J. Trump, stava esaltando l’industria dei combustibili fossili, facendo campagna elettorale in West Virginia con un elmetto e una pala e promettendo falsamente ai minatori di carbone che “lavorerete come dei matti! Dopo essere entrato in carica, il signor Trump avrebbe ritirato i requisiti sulle case automobilistiche americane per accelerare la transizione verso i veicoli elettrici, dando ai cinesi una corsia ancora più ampia. “È piuttosto snervante quello che è successo qui”, ha detto Nicole Widdersheim, che ha lavorato sulle questioni dell’Africa per il Consiglio di sicurezza nazionale durante l’amministrazione Trump. “Proprio così stupido”.

La frenesia per il cobalto del Congo ha attirato un cast internazionale di opportunisti, conoscitori e personaggi oscuri desiderosi di beneficiarne. A un certo punto, ha anche attirato una società di private equity con sede in Cina che Hunter Biden ha contribuito a fondare e che è stata poi esaminata nella campagna presidenziale del 2020.

Allo stesso tempo, le aziende cinesi si stanno imbattendo in nuovi venti contrari da parte del governo del Congo, secondo i documenti ottenuti dal Times e le interviste con alti funzionari statunitensi attuali ed ex. I funzionari congolesi stanno conducendo un’ampia revisione dei contratti minerari passati, lavoro che stanno facendo con l’aiuto finanziario del governo americano come parte del suo più ampio sforzo anti-corruzione. Stanno esaminando se le aziende stanno adempiendo ai loro obblighi contrattuali, compreso un impegno del 2008 da parte della Cina di consegnare miliardi di dollari di nuove strade, ponti, centrali elettriche e altre infrastrutture.

Il presidente del Congo, Felix Tshisekedi, ad agosto ha nominato una commissione per indagare sulle accuse che China Molybdenum, la società che ha acquistato le due proprietà di Freeport-McMoRan, potrebbe aver truffato il governo congolese per miliardi di dollari di royalty. L’azienda rischia di essere espulsa dal Congo. Alla miniera Tenke Fungurume, ci sono stati a lungo problemi associati a trasgressori dei villaggi vicini che cercavano cobalto. Dopo che la China Molybdenum ha chiesto aiuto al governo, le truppe congolesi hanno sparato su un trasgressore all’interno dei cancelli della miniera, uccidendolo, così come una seconda persona che è stata colpita dopo i disordini scoppiati per protesta, testimoni e funzionari locali hanno detto al Times. In seguito, almeno una dozzina di dipendenti o appaltatori della miniera hanno detto al Times che la proprietà cinese ha portato a un drastico calo della sicurezza e a un aumento degli infortuni, molti dei quali non sono stati segnalati alla direzione.

Due responsabili congolesi della sicurezza hanno detto che i lavoratori sono stati aggrediti dopo aver sollevato preoccupazioni e sono state offerte tangenti per coprire gli incidenti. “Le cose stanno cadendo a pezzi in termini di sicurezza”, ha detto Alfred Kiloko Makeba, che è andato in pensione l’anno scorso dopo un decennio di lavoro come supervisore della sicurezza nella miniera. Vincent Zhou, un portavoce della China Molybdenum, ha respinto le affermazioni secondo cui l’azienda avrebbe imbrogliato il governo congolese o allentato gli standard di sicurezza, dicendo che era vero il contrario, e ha messo in dubbio che ci fosse uno sforzo organizzato per minare l’azienda.

La Cina ha un modo di dire che recita qualcosa come: “Dove c’è la volontà di condannare, le prove seguiranno”, ha detto il signor Zhou in una risposta scritta al Times. ” Sento vagamente che potremmo essere intrappolati nel gioco di poteri più grandi “. Una connessione presidenziale I paesi africani per anni si sono rivolti alla Cina per un aiuto nella costruzione di infrastrutture con prestiti o scambi che coinvolgono le loro risorse naturali – accordi che gli analisti segnalano fornire molti più benefici ai cinesi.

Un modello per questi accordi, ora comuni in tutto il continente, è stato abbozzato nel 2005 quando Joseph Kabila è entrato nella Grande Sala del Popolo a Pechino. Il signor Kabila, allora appena 33 anni, era il nuovo presidente del Congo dopo l’assassinio di suo padre, un altro tragico traguardo sulla strada della violenza e della disgregazione politica del paese colpito dalla povertà. La Cina era un territorio familiare per il signor Kabila, che vi aveva ricevuto un addestramento militare alla fine degli anni ’90. Questa visita mirava ad arruolare l’aiuto del presidente Hu Jintao per far girare l’economia del Congo. Gli Stati Uniti, che avevano a lungo fornito assistenza economica e militare al Congo, erano bloccati nelle guerre in Afghanistan e Iraq ed erano diventati sempre meno interessati al paese. Gli scarsi risultati del Congo in materia di corruzione e diritti umani stavano anche spaventando molte banche internazionali e investitori occidentali.

La lista dei desideri del signor Kabila era lunga: Voleva nuove strade, scuole e ospedali come parte di un piano di rinascita che, sperava, lo avrebbe fatto apprezzare da una nazione esausta e scoraggiata da anni di conflitto e corruzione. In cambio, era pronto ad offrire le vaste ricchezze minerarie del suo paese – senza pari in gran parte del mondo.

Nell’imponente sala di Piazza Tiananmen, i due presidenti delinearono un accordo che avrebbe cambiato l’equilibrio di potere dell’Africa centrale, secondo André Kapanga, un ex consigliere del signor Kabila che ha offerto dettagli dell’incontro per la prima volta in un’intervista al Times. Il signor Hu ha spiegato che molte persone nelle province occidentali della Cina vivono in profonda povertà. Lo sviluppo della zona era una pietra miliare della sua politica interna, e aveva bisogno di minerali e metalli per costruire nuove industrie. Il Congo era pronto ad aiutare, gli ha assicurato il signor Kabila. La Cina aveva già acquistato materie prime dal vicino del Congo, l’Angola, dove offriva un generoso sostegno finanziario in cambio di petrolio.

Ma questo potenziale accordo con il signor Kabila era più ambizioso di qualsiasi altro, e un dramma diplomatico si sarebbe svolto al Palais de la Nation in riva al fiume nella capitale Kinshasa prima di essere sigillato. Lo scenario era l’inaugurazione del signor Kabila nel 2006, dopo che si era presentato agli elettori in un’elezione formale e aveva vinto la presidenza. L’amministrazione Bush inviò una delegazione guidata da Elaine Chao, allora segretario del lavoro. Al signor Kabila piacevano le motociclette, e lei gli presentò un gingillo Harley-Davidson quando lo salutò ad un pranzo. Questo sarebbe stato il limite della loro interazione, credeva la signora Chao, ma i membri della sua delegazione la esortarono a chiedere un incontro privato, secondo Laura Genero, un vice segretario del lavoro associato che faceva parte del gruppo. Con sua sorpresa, il signor Kabila acconsentì ad un incontro il giorno successivo. La signora Chao era così impreparata per l’invito che dovette prendere in prestito un tailleur beige dalla signora Genero. Aveva messo in valigia solo un abito da lavoro.

La delegazione statunitense si congratulò con il signor Kabila per la sua vittoria democratica e ascoltò mentre parlava di voler espandere l’accesso all’elettricità in tutta la nazione. Uno dei suoi aiutanti ha definito l’incontro per lo più chiacchiere. Invece, un incontro simile tra il nuovo presidente e i funzionari cinesi si svolse in modo diverso, secondo il signor Kapanga, che è stato informato su entrambe le discussioni statunitensi e cinesi.

I cinesi sfruttarono l’occasione per iniziare i colloqui formali con il signor Kabila che sarebbero sfociati in un accordo da 6 miliardi di dollari: la Cina avrebbe pagato per strade, ospedali, linee ferroviarie, scuole e progetti per espandere l’elettricità, tutto in cambio dell’accesso a 10 milioni di tonnellate di rame e più di 600.000 tonnellate di cobalto. I media locali lo chiamarono “l’affare del secolo”, e mentre il signor Kabila celebrava l’accordo, la comunità finanziaria globale reagì in modo più cauto, preoccupata che il Congo si stesse indebitando troppo. I funzionari americani si meravigliarono della portata storica dell’accordo. In messaggi segreti resi pubblici da WikiLeaks, hanno notato che il precedente investimento cinese in Congo era stato “un informale, un po’ disorganizzato insieme di imprese cinesi” che non minacciava seriamente gli interessi degli Stati Uniti.

Ma ora qualcosa di molto più grande era in preparazione: “2.000 miglia di strada che collegano le province di Orientale e Katanga, 31 ospedali, 145 centri sanitari, due grandi università e 5.000 unità abitative governative saranno realizzate”, secondo un cablogramma del 2008 dall’ambasciata degli Stati Uniti a Kinshasa ai membri della Central Intelligence Agency, il segretario di stato e altri funzionari.

“E non è tutto”, continuava il cablogramma. Il richiamo di una fenice Nel 2015, la presenza della Cina in Congo era diventata visibile in numerosi progetti di infrastrutture: Stadi di calcio sorgevano dalla polvere, le strade venivano ampliate, si iniziava a lavorare su impianti di trattamento delle acque. Ma non tutti i suoi progressi nel mettere il mercato del cobalto al centro dell’attenzione potrebbero essere misurati in mattoni e malta. L’ambasciatore cinese di allora, Wang Tongqing, diede il via a un blitz diplomatico in stile americano. Wang lanciò la palla per il salto quell’anno in un torneo di basket aziendale cinese che attirò spettatori congolesi. Diede borse di studio a studenti congolesi per studiare in Cina ed era presente quando un’organizzazione cinese donò biglietti aerei per un coro congolese per un tour nel suo paese. A un certo punto, offrì 1 milione di dollari per il soccorso dell’Ebola in Congo. Le attività del signor Wang sono coincise con il lancio nel 2015 della politica del suo paese “Made in China 2025”, che ha dettagliato il piano della Cina di trasformarsi in una “superpotenza manifatturiera” in 10 aree, comprese le batterie per veicoli elettrici. Quasi istantaneamente un’ondata di capitali sostenuti dal governo si è riversata nelle aziende cinesi in Congo e altrove. Gli accordi sono stati conclusi rapidamente.

Quell’anno, il China Nonferrous Metal Mining Group, di proprietà statale, ha detto che avrebbe collaborato con la società mineraria statale del Congo, Gécamines, per sviluppare il sito di Deziwa, allora una delle più grandi concessioni di rame e cobalto nel paese. Nel 2017, Zijin Mining, una società cinese sostenuta dallo stato con lo slogan “L’armonia genera ricchezza”, ha raccolto quasi 700 milioni di dollari da una vendita di azioni private per sviluppare la sua miniera Kolwezi. Le dichiarazioni pubbliche sugli accordi hanno segnalato alcune delle ambizioni della Cina, ma la storia e la scala dello sforzo non sono state precedentemente riportate. I documenti aziendali, compresi i rapporti annuali e i prospetti delle obbligazioni, esaminati dal Times mostrano che le cinque più grandi compagnie cinesi in Congo hanno ricevuto almeno 124 miliardi di dollari in linee di credito per le loro operazioni globali.

Tutte le aziende sono di proprietà statale o hanno significative quote di minoranza detenute da vari livelli del governo cinese. “A differenza degli Stati Uniti, il governo cinese è sempre dietro gli investitori cinesi in Africa e più specificamente in D.R.C.”, ha detto il signor Kapanga, l’ex consigliere del signor Kabila. Il più grande affare è avvenuto nell’aprile 2016, quando China Molybdenum, una società i cui maggiori azionisti sono una società di proprietà del governo e un misterioso miliardario, ha fatto la sua offerta di 2,65 miliardi di dollari per acquistare Tenke Fungurume, una miniera di proprietà americana in cima a una delle più grandi riserve di cobalto nel mondo.

C’era una complicazione. Freeport-McMoRan aveva un partner canadese che aveva il diritto di prima offerta per comprare la sua quota. La soluzione di China Molybdenum era quella di far comprare il partner da una società di private equity con sede a Shanghai, ma anche quell’accordo dipendeva dal denaro del governo cinese. Nessuno degli 1,14 miliardi di dollari raccolti per comprare la quota del partner è venuto da investitori privati, come mostrano i documenti della società.

Invece, è venuto da entità cinesi controllate dallo stato, compresi i prestiti bancari garantiti da China Molybdenum così come il denaro portato all’affare attraverso oscure società di comodo controllate da banche di proprietà del governo, secondo i documenti. Il consiglio della società di private equity, comunemente nota come BHR, era dominato da membri cinesi ma includeva anche tre americani: Devon Archer, un uomo d’affari che in seguito fu condannato per aver frodato la tribù Oglala Sioux in un caso che sta ancora procedendo nel sistema giudiziario, e James Bulger, figlio dell’ex presidente del Senato del Massachusetts.

Un altro era Hunter Biden, il cui padre era vicepresidente all’epoca. Non è chiaro se il signor Biden, che aveva contribuito a fondare l’azienda nel 2013, era coinvolto nell’affare. Il signor Biden non ha risposto alle richieste di commento. Un ex membro del consiglio di amministrazione di BHR, che non era autorizzato a parlare di questioni aziendali interne, ha detto che nessuno degli americani aveva giocato un ruolo e che le tasse generate per il lavoro non era stato distribuito al signor Biden o altri. Un portavoce del presidente Biden venerdì ha detto che non era stato messo al corrente della connessione di suo figlio alla vendita. Come e perché l’azienda fosse stata coinvolta era un mistero per l’amministratore delegato che ha negoziato la vendita per il partner canadese di Freeport-McMoRan, Lundin Mining. “Erano un partner, il loro consigliere o un finanziatore?

Non lo so”, ha detto Paul Conibear, allora amministratore delegato di Lundin. Un elaborato evento sotto tende bianche a Kinshasa ha celebrato la nuova proprietà della Cina nel maggio 2017. Il signor Wang era lì insieme ai funzionari cinesi che avevano aiutato a finanziare l’acquisto – e una serie di banchieri cinesi affiliati al governo che cercavano di fare ancora più accordi minerari. Nel giro di pochi anni, avrebbero aiutato ad orchestrare l’acquisto di China Molybdenum di Kisanfu, l’enorme riserva di cobalto non sfruttata, dallo stesso gigante minerario americano. Insieme le vendite hanno segnato un cambio della guardia in Congo, mentre gli Stati Uniti abbandonavano i loro interessi minerari – un problema che ora pesa sul presidente Biden, mentre lui e i suoi collaboratori si sono resi conto della portata del dominio della Cina nell’energia pulita.

“La Repubblica Democratica del Congo ha un vasto territorio, ricche risorse naturali e un grande potenziale di investimento”, ha detto il signor Wang alla folla. “Un proverbio cinese dice: ‘Costruisci un bel nido per attirare la fenice’”. La sicurezza è solo sulla carta All’inizio, i cambiamenti sembravano quasi banali a Tenke Fungurume – una attività di 24 ore che impiega più di 7.000 persone in un territorio grande come Los Angeles, segnato da profondi crateri e dalla polvere sollevata dai veicoli di movimento terra. I nuovi manager cinesi si sono presentati in pantaloncini e scarpe da ginnastica, uno shock per i dipendenti a cui era stato richiesto di indossare stivali con punta d’acciaio e occhiali di sicurezza.

” Abbiamo pensato: ‘Oh, questo non è possibile’”, ha detto Pierrot Kitobo Sambisaya, che ha lavorato come metallurgista nella miniera per un decennio fino al 2019 e si era abituato a un ambiente più rigoroso. Ben presto, gli accordi di lavoro andavano e venivano senza alcun riconoscimento. Le feste in cui le famiglie dei lavoratori erano invitate a visitare la miniera non hanno più avuto luogo. Decine di posti di lavoro come custode e autista, un tempo occupati da cittadini congolesi, sono andati ai cinesi. Questo era solo l’inizio. I dipendenti erano preoccupati che la miniera stesse diventando anche più pericolosa, secondo le interviste con i lavoratori delle comunità che circondano la miniera, gli attuali ed ex ispettori della sicurezza, i funzionari del governo congolese e i dirigenti minerari. I lavoratori si arrampicavano nelle vasche di acido per effettuare riparazioni senza controllare la qualità dell’aria. Altri guidavano bulldozer e altre attrezzature pesanti senza formazione o facevano lavori di saldatura pericolosi senza un’adeguata supervisione.

L’anno scorso, un lavoratore era seduto nel suo camion mentre veniva rimorchiato, e si è ribaltato. L’operaio ha cercato di saltare per mettersi in salvo, ma il camion è atterrato su di lui e lo ha schiacciato a morte, secondo un rapporto annuale delle operazioni della Cina Molibdeno. Tutto questo è stato un estremo allontanamento dal predecessore americano dell’azienda, che aveva “tolleranza zero” per le attività rischiose e le violazioni della sicurezza, secondo Alfred Kiloko Makeba, il supervisore veterano della sicurezza, e 10 altri dipendenti, dirigenti e appaltatori attuali ed ex. Freeport-McMoRan, che aveva costruito la miniera, aveva imparato alcune dure lezioni anni prima nella sua miniera di rame e oro in Indonesia, affrontando la protesta internazionale per il suo scarico di rifiuti tossici della miniera in un fiume nella foresta pluviale, così come i violenti conflitti sulle sue attività in loco. In Congo, l’azienda ha avuto le sue lotte quando si è mossa per costruire Tenke Fungurume, spostando più di 1.500 residenti in un processo disordinato.

Ma una volta aperta la miniera, ha guadagnato una quantità insolita di rispetto per il suo impegno per la sicurezza dei lavoratori, sia tra i funzionari locali che tra i diplomatici statunitensi. La sicurezza dei lavoratori è un problema in altre miniere industriali in Congo, ma sotto Freeport, i dipendenti che violavano le regole erano immediatamente sanzionati o licenziati, hanno detto i funzionari della sicurezza. I registri esaminati da The Times mostrano solo una morte segnalata tra i lavoratori durante gli otto anni in cui Freeport-McMoRan ha gestito la miniera, anche se ha ripetutamente pubblicato i resoconti di incidenti quasi fatali come guide cautelative. Quando gli ispettori della sicurezza hanno scoperto le violazioni dopo che la Cina Molibdeno ha assunto il controllo, a volte è stato detto loro di trascurarle, o sono state offerte tangenti per farlo, hanno detto i lavoratori e i supervisori. E quando cercavano di far rispettare le regole, a volte seguiva la violenza. Un addetto alla sicurezza ha detto di essere stato gettato a terra da un operaio che aveva richiamato per aver usato impropriamente le attrezzature di saldatura. L’uomo gli ha torto il braccio e ha rotto il suo cellulare e la macchina fotografica in dotazione. Un dirigente di Gécamines, l’agenzia congolese che è un azionista di minoranza della miniera, ha detto che i dipendenti hanno segnalato scontri e problemi di sicurezza al consiglio dell’agenzia. I problemi di sicurezza sono ora parte di una revisione più ampia delle operazioni di China Molybdenum.

Zhou, il portavoce di China Molybdenum, ha negato che gli ispettori siano stati aggrediti. Le accuse, ha suggerito, sono state probabilmente fabbricate da dipendenti licenziati. In una dichiarazione al Times, ha detto che la miniera aveva “una solida struttura di salute e sicurezza sul lavoro e continua ad esercitare le sue regole di tolleranza zero”. Infatti, ha detto, “le statistiche interne” pubblicate in un rapporto della società quest’anno hanno mostrato che gli infortuni dei lavoratori sono diminuiti da quando la società ha preso il controllo. Ma i dipendenti che hanno detto di essere stati ripetutamente invitati a non denunciare gli infortuni hanno creduto che i dati fossero stati fissati come parte di una campagna per coprire i rischi crescenti. Questo suggerimento, che The Times non è stato in grado di confermare in modo indipendente e che China Molybdenum ha contestato, è stato cristallizzato per il signor Makeba una sera dello scorso anno, quando ha ricevuto una telefonata urgente.

Un lavoratore della miniera era caduto da un trespolo alto dopo non aver indossato l’imbracatura di sicurezza richiesta, ha detto. Il signor Makeba si è precipitato sul posto ed è rimasto scioccato nell’apprendere, ha detto, che il lavoratore, che si era rotto la gamba, era stato portato in una clinica privata invece che in quella della miniera. Il signor Makeba ha detto che il dipendente gli ha detto che i suoi supervisori lo avevano pagato per tacere in modo che non sarebbe stato segnalato alla direzione, dove sarebbe apparso nel conteggio degli infortuni verificato dalla società. Quando il signor Makeba ha avvertito il suo capo, ha detto, gli è stato detto di lasciar perdere la questione. Il signor Zhou ha respinto il conto del signor Makeba, aggiungendo che “qualsiasi forma di copertura nella divulgazione è contro le regole e i valori aziendali”. Ma secondo il signor Makeba e un altro responsabile della sicurezza che lavora ancora alla miniera, le condizioni di lavoro sono diventate sempre più importanti per le case automobilistiche sensibili alle richieste dei consumatori e degli azionisti. Così la China Molybdenum, hanno detto, ha impedito loro di segnalare gli incidenti quasi mortali e ha abitualmente ignorato altri infortuni. “La sicurezza ora è solo sulla carta”, ha detto il signor Makeba. I problemi a Tenke Fungurume non sono solo limitati alle lamentele dei dipendenti all’interno della miniera. Freeport-McMoRan ha lottato con i trasgressori che portavano via sacchi di cobalto.

Alcuni sono anche morti quando i tunnel scavati a mano si sono allagati o sono crollati. Con China Molybdenum in carica, il conflitto è diventato molto peggio. L’azienda, di fronte a migliaia di nuovi trasgressori, ha chiesto al governo di inviare dei soldati per aiutare a controllare la situazione, ha detto al Times un dirigente che lavorava nella miniera all’epoca. I militari arrivarono e cominciarono a pattugliare Tenke Fungurume e altre miniere locali, demolendo i depositi dove i trasgressori vendevano le rocce di cobalto ai commercianti. Le truppe rimasero per mesi, e la situazione alla fine divenne mortale. Un soldato a Tenke Fungurume ha aperto il fuoco, uccidendo uno scavatore non autorizzato, secondo un dipendente che ha detto al Times di aver assistito allo scontro. I disordini sono poi scoppiati nel villaggio natale dell’uomo quando gli amici sono arrivati portando il suo corpo. Nella mischia, un manifestante è stato colpito a morte, secondo tre funzionari locali e il dipendente della miniera.

La China Molybdenum ha pagato per le sepolture, hanno detto. Truppe con AK-47 sono state collocate fuori dalla miniera quest’anno, insieme a guardie di sicurezza assunte da una società fondata da Erik Prince, l’ex Navy SEAL diventato consulente di sicurezza privata. Anche mentre questo giro di vite sui furti era in corso, i nuovi manager della miniera cercavano modi per tagliare i costi e aumentare la produzione. China Molybdenum ha detto di aver risparmiato più di 130 milioni di dollari all’anno attraverso i suoi programmi di “costi ed efficienza”. “La nuova gestione rivitalizza il business portando ‘efficienza cinese ed elementi cinesi’”, la società si vanta sul suo sito web. La corsa all’espansione China Molybdenum sta costantemente aumentando la sua produzione. Lo scorso dicembre, si è accaparrata Kisanfu, pagando Freeport-McMoRan 550 milioni di dollari per quella che è considerata una delle più grandi forniture non sfruttate di cobalto al mondo. Il terreno sotto il sito contiene abbastanza cobalto, secondo le stime di China Molybdenum, per alimentare centinaia di milioni di Tesla a lungo raggio. E poi in agosto, China Molybdenum ha annunciato piani per spendere 2,5 miliardi di dollari a Tenke Fungurume per raddoppiare la produzione nei prossimi due anni. Quando l’espansione sarà completa, la miniera produrrà quasi 40.000 tonnellate all’anno. L’anno scorso, gli Stati Uniti hanno prodotto solo 600 tonnellate. Questa corsa all’espansione, tuttavia, ha attirato l’attenzione degli alti funzionari del governo del Congo, fino al signor Tshisekedi, il presidente.

Sono emerse domande sui pagamenti che gli operatori di Tenke Fungurume potrebbero dovere al Congo, risalenti a quando la compagnia americana controllava la miniera. Quando vengono confermati nuovi depositi a Tenke Fungurume, i proprietari sono tenuti a notificare Gécamines, l’agenzia congolese, e a pagare 12 dollari per ogni tonnellata aggiuntiva. Le accuse hanno provocato un’aspra disputa tra i funzionari congolesi e i manager della miniera, con il portavoce di China Molybdenum che ha definito le accuse “incredibili, calcoli sbagliati” basati su un errore contabile. I dirigenti di Gécamines hanno discusso di forzare la gestione di Tenke Fungurume o addirittura di togliere la miniera dal controllo di China Molybdenum, secondo due dirigenti minerari congolesi coinvolti in discussioni riservate e un funzionario governativo informato dei colloqui. Robert North, un geologo del New Mexico che ha aiutato a preparare le stime delle riserve della miniera per Freeport e China Molybdenum, ha detto che entrambe le società e Gécamines sapevano di grandi quantità di cobalto nel sottosuolo del sito. China Molybdenum è stata cauta nel dichiararlo, ha detto, fino a quando la società sa che vuole andare a spese di estrarre gli strati più profondi. La commissione del signor Tshisekedi sta ancora indagando sulle accuse, e lo stesso presidente ha recentemente presieduto una tesa riunione di sei ore con i massimi dirigenti dell’azienda. Separatamente, il governo congolese, con l’assistenza finanziaria degli Stati Uniti, sta esaminando numerosi contratti minerari per determinare se il Congo è stato trattato ingiustamente in modo più ampio.

Mentre i progetti infrastrutturali finanziati dalla Cina hanno avuto un inizio appariscente, molti non sono stati costruiti, hanno detto i funzionari. Durante una visita alla regione mineraria del cobalto quest’anno, il presidente ha riconosciuto che funzionari governativi corrotti o incompetenti in Congo potrebbero meritare qualche colpa per gli accordi che hanno lasciato la nazione a sentirsi tagliata fuori. “Alcuni dei nostri compatrioti hanno negoziato male i contratti minerari”, ha detto. “Sono molto duro con questi investitori che vengono ad arricchirsi da soli. Arrivano con le tasche vuote e se ne vanno come miliardari”. I funzionari del governo cinese insistono che la relazione è ancora in corso e che i benefici per il Congo sono sostanziali.

I paesi hanno “un’amicizia di lunga data, e la cooperazione pratica bilaterale ha prodotto fruttuosi risultati win-win e gode di ampie prospettive”, ha detto Zhao Lijian, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, in una conferenza stampa a settembre. In un’intervista a Kinshasa, il signor Tshisekedi ha detto che la sua attenzione non era su quale potenza straniera avrebbe dominato il settore minerario in Congo, ma piuttosto su come il suo paese potrebbe condividere la ricchezza generata dalla rivoluzione energetica pulita. “Abbiamo un potenziale incredibile per l’energia rinnovabile, sia attraverso i nostri metalli strategici che attraverso i nostri fiumi”, ha detto, riferendosi sia all’estrazione che all’energia idroelettrica. “La nostra idea è: come possiamo mettere questa incredibile risorsa a disposizione del mondo, ma facendo in modo che prima benefici i congolesi e poi gli africani?

A 73 anni, Kyahile Mangi ha vissuto qui abbastanza a lungo da prevedere il percorso che lo aspetta. Una volta che l’esplosione inizierà, i muri delle case di mattoni di fango si creperanno. Le sostanze chimiche si infiltreranno nel fiume dove le donne fanno il bucato e lavano i piatti mentre si preoccupano degli attacchi degli ippopotami. Presto un responsabile della miniera annuncerà che tutti devono essere trasferiti. “Sappiamo che il nostro terreno è ricco”, ha detto il signor Mangi, un capo villaggio che sa anche che i residenti condivideranno poco della ricchezza della miniera. Questo tratto boscoso del sud-est della Repubblica Democratica del Congo, chiamato Kisanfu, detiene una delle più grandi e pure riserve non sfruttate di cobalto nel mondo. Il metallo grigio, tipicamente estratto dai depositi di rame, è stato storicamente di interesse secondario per i minatori. Ma la domanda è destinata ad esplodere in tutto il mondo perché è usato nelle batterie delle auto elettriche, aiutandole a funzionare più a lungo senza una carica. Gli stranieri che scoprono – e sfruttano – le risorse naturali di questo impoverito paese dell’Africa centrale stanno seguendo un modello dell’era coloniale. Gli Stati Uniti andarono in Congo per l’uranio per aiutare a costruire le bombe sganciate su Hiroshima e Nagasaki e poi spesero decenni, e miliardi di dollari, cercando di proteggere i loro interessi minerari qui.

Ora, con più di due terzi della produzione mondiale di cobalto proveniente dal Congo, il paese è di nuovo al centro della scena quando le principali case automobilistiche si impegnano a combattere il cambiamento climatico passando dai veicoli a benzina a quelli a batteria. Le nuove automobili si basano su una serie di minerali e metalli spesso non abbondanti negli Stati Uniti o nel Medio Oriente ricco di petrolio, che ha sostenuto l’ultima era energetica. Ma la ricerca del cobalto del Congo ha dimostrato come la rivoluzione dell’energia pulita, intesa a salvare il pianeta da temperature pericolosamente calde in un’epoca di illuminato interesse personale, è intrappolata in uno schema familiare di sfruttamento, avidità e gioco che spesso mette le aspirazioni nazionali al di sopra di tutto, come ha scoperto un’inchiesta del New York Times. Il Times ha inviato reporter in tre continenti, coinvolti nella competizione per il cobalto, una materia prima relativamente oscura che, insieme a litio, nichel e grafite, ha guadagnato un valore eccezionale in un mondo che cerca di mettere da parte i combustibili fossili. Più di 100 interviste e migliaia di pagine di documenti mostrano che la corsa al cobalto ha scatenato una lotta di potere in Congo, un deposito di queste risorse sempre più preziose, e ha attirato gli stranieri intenzionati a dominare la prossima epoca dell’energia globale. In particolare, una rivalità tra Cina e Stati Uniti potrebbe avere implicazioni di vasta portata per l’obiettivo condiviso di salvaguardare la terra.

Almeno qui in Congo, la Cina sta finora vincendo quella gara, con entrambe le amministrazioni Obama e Trump che sono rimaste a guardare mentre una società sostenuta dal governo cinese ha acquistato due dei maggiori depositi di cobalto del paese negli ultimi cinque anni. Mentre il significato di questi acquisti diventa più chiaro, la Cina e gli Stati Uniti sono entrati in una sorta di nuovo “Grande Gioco”. La settimana scorsa, durante una visita di promozione dei veicoli elettrici in una fabbrica della General Motors a Detroit, il presidente Biden ha riconosciuto che gli Stati Uniti hanno perso terreno. “Abbiamo rischiato di perdere il nostro vantaggio come nazione, e la Cina e il resto del mondo stanno recuperando terreno”, ha detto. “Beh, stiamo per ribaltare la situazione in un modo molto, molto significativo”.

China Molybdenum, il nuovo proprietario del sito di Kisanfu dalla fine dello scorso anno, lo ha acquistato da Freeport-McMoRan, un gigante minerario americano con una storia a macchie che cinque anni fa era uno dei maggiori produttori di cobalto in Congo – e ora ha lasciato completamente il paese. A giugno, solo sei mesi dopo la vendita, l’amministrazione Biden ha avvertito che la Cina potrebbe usare il suo crescente dominio del cobalto per interrompere la spinta americana verso i veicoli elettrici, schiacciando i produttori statunitensi. In risposta, gli Stati Uniti stanno premendo per l’accesso alle forniture di cobalto dagli alleati, tra cui Australia e Canada, secondo un funzionario della sicurezza nazionale con conoscenza della materia. Le case automobilistiche americane come Ford, General Motors e Tesla comprano componenti per batterie al cobalto da fornitori che dipendono in parte dalle miniere di proprietà cinese in Congo. Un veicolo a lunga autonomia Tesla richiede circa 4 chili di cobalto, più di 400 volte la quantità in un telefono cellulare.

Già le tensioni sui minerali e sui metalli stanno scuotendo il mercato dei veicoli elettrici. I disordini mortali di luglio vicino a un porto in Sud Africa, dove gran parte del cobalto del Congo viene esportato in Cina e altrove, hanno causato un salto globale dei prezzi del metallo, un’impennata che è solo peggiorata nel resto dell’anno. Il mese scorso, il principale previsore dell’industria mineraria ha detto che l’aumento del costo delle materie prime probabilmente farà salire i costi delle batterie per la prima volta da anni, minacciando di interrompere i piani delle case automobilistiche per attirare i clienti con auto elettriche a prezzi competitivi. Jim Farley, l’amministratore delegato della Ford, ha detto che la crisi delle forniture di minerali deve essere affrontata. “Dobbiamo risolvere queste cose”, ha detto in un evento a settembre, “e non abbiamo molto tempo”. I produttori di automobili come la Ford stanno spendendo miliardi di dollari per costruire i loro impianti di batterie negli Stati Uniti, e si stanno affrettando a limitare la necessità di cobalto appena estratto sviluppando sostituti del fosfato di ferro di litio o passando al riciclaggio. Di conseguenza, una portavoce della Ford ha detto: “Non vediamo il cobalto come un problema vincolante”. L’aumento dell’estrazione e della raffinazione del cobalto da parte delle aziende cinesi ha contribuito a soddisfare la crescente domanda e ha fatto avanzare la lotta contro il cambiamento climatico.

Ma poiché più veicoli elettrici sono prodotti da più case automobilistiche in tutto il mondo, l’Agenzia Internazionale dell’Energia prevede una carenza di cobalto entro il 2030, sulla base di un’analisi delle miniere esistenti e di quelle in costruzione. Altri meteorologi dicono che una carenza potrebbe colpire già nel 2025. Una verifica da parte del Times dei documenti depositati presso le autorità di regolamentazione in Cina mostra che le acquisizioni in Congo hanno seguito un rigido programma, annunciato con grande fanfara da Pechino nel 2015, per dominare l’economia emergente di energia pulita del mondo. A partire dallo scorso anno, 15 delle 19 miniere produttrici di cobalto in Congo erano di proprietà o finanziate da aziende cinesi, secondo un’analisi dei dati di The Times e Benchmark Mineral Intelligence. La più grande alternativa agli operatori cinesi è Glencore, una società con sede in Svizzera che gestisce due delle più grandi miniere di cobalto lì. Queste aziende cinesi hanno ricevuto almeno 12 miliardi di dollari in prestiti e altri finanziamenti da istituzioni statali, ed è probabile che abbiano attinto altri miliardi. Infatti, le cinque più grandi compagnie minerarie cinesi in Congo avevano linee di credito da banche sostenute dallo stato per un totale di 124 miliardi di dollari, secondo i documenti esaminati dal Times, anche se una di esse, China Molybdenum, si descriveva come “una pura entità commerciale” scambiata in due borse. L’obiettivo della Cina è quello di controllare la catena di approvvigionamento globale dai metalli nel terreno alle batterie stesse, non importa dove i veicoli sono fatti. L’approccio, in parte, riecheggia gli investimenti di Henry Ford nelle piantagioni di gomma dell’Amazzonia quando l’industria automobilistica si rivolse alla produzione di massa all’inizio del 20° secolo.

Il sito minerario boscoso di Kisanfu è stato solo uno dei due grandi acquisti negli ultimi anni da parte di China Molybdenum. Il primo è arrivato nel 2016, quando ha preso il controllo di Tenke Fungurume, una miniera che da sola produce il doppio del cobalto di qualsiasi altro paese del mondo. Almeno 1,59 miliardi di dollari dei 2,65 miliardi di dollari del prezzo di Tenke Fungurume, secondo i registri finanziari, provenivano da prestiti forniti da banche statali cinesi. Mentre i cinesi stavano intensificando la loro attenzione sull’energia verde nel 2016, il futuro presidente degli Stati Uniti, Donald J. Trump, stava esaltando l’industria dei combustibili fossili, facendo campagna elettorale in West Virginia con un elmetto e una pala e promettendo falsamente ai minatori di carbone che “lavorerete come dei matti!

Dopo essere entrato in carica, il signor Trump avrebbe ritirato i requisiti sulle case automobilistiche americane per accelerare la transizione verso i veicoli elettrici, dando ai cinesi una corsia ancora più ampia. “È piuttosto snervante quello che è successo qui”, ha detto Nicole Widdersheim, che ha lavorato sulle questioni dell’Africa per il Consiglio di sicurezza nazionale durante l’amministrazione Trump. “Proprio così stupido”. La frenesia per il cobalto del Congo ha attirato un cast internazionale di opportunisti, conoscitori e personaggi oscuri desiderosi di beneficiarne. A un certo punto, ha anche attirato una società di private equity con sede in Cina che Hunter Biden ha contribuito a fondare e che è stata poi esaminata nella campagna presidenziale del 2020. Allo stesso tempo, le aziende cinesi si stanno imbattendo in nuovi venti contrari da parte del governo del Congo, secondo i documenti ottenuti dal Times e le interviste con alti funzionari statunitensi attuali ed ex. I funzionari congolesi stanno conducendo un’ampia revisione dei contratti minerari passati, lavoro che stanno facendo con l’aiuto finanziario del governo americano come parte del suo più ampio sforzo anti-corruzione. Stanno esaminando se le aziende stanno adempiendo ai loro obblighi contrattuali, compreso un impegno del 2008 da parte della Cina di consegnare miliardi di dollari di nuove strade, ponti, centrali elettriche e altre infrastrutture.

Il presidente del Congo, Felix Tshisekedi, ad agosto ha nominato una commissione per indagare sulle accuse che China Molybdenum, la società che ha acquistato le due proprietà di Freeport-McMoRan, potrebbe aver truffato il governo congolese per miliardi di dollari di royalty. L’azienda rischia di essere espulsa dal Congo. Alla miniera Tenke Fungurume, ci sono stati a lungo problemi associati a trasgressori dei villaggi vicini che cercavano cobalto. Dopo che la China Molybdenum ha chiesto aiuto al governo, le truppe congolesi hanno sparato su un trasgressore all’interno dei cancelli della miniera, uccidendolo, così come una seconda persona che è stata colpita dopo i disordini scoppiati per protesta, testimoni e funzionari locali hanno detto al Times. In seguito, almeno una dozzina di dipendenti o appaltatori della miniera hanno detto al Times che la proprietà cinese ha portato a un drastico calo della sicurezza e a un aumento degli infortuni, molti dei quali non sono stati segnalati alla direzione.

Due responsabili congolesi della sicurezza hanno detto che i lavoratori sono stati aggrediti dopo aver sollevato preoccupazioni e sono state offerte tangenti per coprire gli incidenti. “Le cose stanno cadendo a pezzi in termini di sicurezza”, ha detto Alfred Kiloko Makeba, che è andato in pensione l’anno scorso dopo un decennio di lavoro come supervisore della sicurezza nella miniera. Vincent Zhou, un portavoce della China Molybdenum, ha respinto le affermazioni secondo cui l’azienda avrebbe imbrogliato il governo congolese o allentato gli standard di sicurezza, dicendo che era vero il contrario, e ha messo in dubbio che ci fosse uno sforzo organizzato per minare l’azienda.

La Cina ha un modo di dire che recita qualcosa come: “Dove c’è la volontà di condannare, le prove seguiranno”, ha detto il signor Zhou in una risposta scritta al Times. ” Sento vagamente che potremmo essere intrappolati nel gioco di poteri più grandi “. Una connessione presidenziale I paesi africani per anni si sono rivolti alla Cina per un aiuto nella costruzione di infrastrutture con prestiti o scambi che coinvolgono le loro risorse naturali – accordi che gli analisti segnalano fornire molti più benefici ai cinesi. Un modello per questi accordi, ora comuni in tutto il continente, è stato abbozzato nel 2005 quando Joseph Kabila è entrato nella Grande Sala del Popolo a Pechino.

Il signor Kabila, allora appena 33 anni, era il nuovo presidente del Congo dopo l’assassinio di suo padre, un altro tragico traguardo sulla strada della violenza e della disgregazione politica del paese colpito dalla povertà. La Cina era un territorio familiare per il signor Kabila, che vi aveva ricevuto un addestramento militare alla fine degli anni ’90. Questa visita mirava ad arruolare l’aiuto del presidente Hu Jintao per far girare l’economia del Congo. Gli Stati Uniti, che avevano a lungo fornito assistenza economica e militare al Congo, erano bloccati nelle guerre in Afghanistan e Iraq ed erano diventati sempre meno interessati al paese. Gli scarsi risultati del Congo in materia di corruzione e diritti umani stavano anche spaventando molte banche internazionali e investitori occidentali.

La lista dei desideri del signor Kabila era lunga: Voleva nuove strade, scuole e ospedali come parte di un piano di rinascita che, sperava, lo avrebbe fatto apprezzare da una nazione esausta e scoraggiata da anni di conflitto e corruzione. In cambio, era pronto ad offrire le vaste ricchezze minerarie del suo paese – senza pari in gran parte del mondo. Nell’imponente sala di Piazza Tiananmen, i due presidenti delinearono un accordo che avrebbe cambiato l’equilibrio di potere dell’Africa centrale, secondo André Kapanga, un ex consigliere del signor Kabila che ha offerto dettagli dell’incontro per la prima volta in un’intervista al Times. Il signor Hu ha spiegato che molte persone nelle province occidentali della Cina vivono in profonda povertà. Lo sviluppo della zona era una pietra miliare della sua politica interna, e aveva bisogno di minerali e metalli per costruire nuove industrie.

Il Congo era pronto ad aiutare, gli ha assicurato il signor Kabila. La Cina aveva già acquistato materie prime dal vicino del Congo, l’Angola, dove offriva un generoso sostegno finanziario in cambio di petrolio. Ma questo potenziale accordo con il signor Kabila era più ambizioso di qualsiasi altro, e un dramma diplomatico si sarebbe svolto al Palais de la Nation in riva al fiume nella capitale Kinshasa prima di essere sigillato. Lo scenario era l’inaugurazione del signor Kabila nel 2006, dopo che si era presentato agli elettori in un’elezione formale e aveva vinto la presidenza.

L’amministrazione Bush inviò una delegazione guidata da Elaine Chao, allora segretario del lavoro. Al signor Kabila piacevano le motociclette, e lei gli presentò un gingillo Harley-Davidson quando lo salutò ad un pranzo. Questo sarebbe stato il limite della loro interazione, credeva la signora Chao, ma i membri della sua delegazione la esortarono a chiedere un incontro privato, secondo Laura Genero, un vice segretario del lavoro associato che faceva parte del gruppo. Con sua sorpresa, il signor Kabila acconsentì ad un incontro il giorno successivo. La signora Chao era così impreparata per l’invito che dovette prendere in prestito un tailleur beige dalla signora Genero. Aveva messo in valigia solo un abito da lavoro. La delegazione statunitense si congratulò con il signor Kabila per la sua vittoria democratica e ascoltò mentre parlava di voler espandere l’accesso all’elettricità in tutta la nazione. Uno dei suoi aiutanti ha definito l’incontro per lo più chiacchiere. Invece, un incontro simile tra il nuovo presidente e i funzionari cinesi si svolse in modo diverso, secondo il signor Kapanga, che è stato informato su entrambe le discussioni statunitensi e cinesi. I cinesi sfruttarono l’occasione per iniziare i colloqui formali con il signor Kabila che sarebbero sfociati in un accordo da 6 miliardi di dollari: la Cina avrebbe pagato per strade, ospedali, linee ferroviarie, scuole e progetti per espandere l’elettricità, tutto in cambio dell’accesso a 10 milioni di tonnellate di rame e più di 600.000 tonnellate di cobalto. I media locali lo chiamarono “l’affare del secolo”, e mentre il signor Kabila celebrava l’accordo, la comunità finanziaria globale reagì in modo più cauto, preoccupata che il Congo si stesse indebitando troppo.

I funzionari americani si meravigliarono della portata storica dell’accordo. In messaggi segreti resi pubblici da WikiLeaks, hanno notato che il precedente investimento cinese in Congo era stato “un informale, un po’ disorganizzato insieme di imprese cinesi” che non minacciava seriamente gli interessi degli Stati Uniti. Ma ora qualcosa di molto più grande era in preparazione: “2.000 miglia di strada che collegano le province di Orientale e Katanga, 31 ospedali, 145 centri sanitari, due grandi università e 5.000 unità abitative governative saranno realizzate”, secondo un cablogramma del 2008 dall’ambasciata degli Stati Uniti a Kinshasa ai membri della Central Intelligence Agency, il segretario di stato e altri funzionari. “E non è tutto”, continuava il cablogramma. Il richiamo di una fenice Nel 2015, la presenza della Cina in Congo era diventata visibile in numerosi progetti di infrastrutture: Stadi di calcio sorgevano dalla polvere, le strade venivano ampliate, si iniziava a lavorare su impianti di trattamento delle acque. Ma non tutti i suoi progressi nel mettere il mercato del cobalto al centro dell’attenzione potrebbero essere misurati in mattoni e malta.

L’ambasciatore cinese di allora, Wang Tongqing, diede il via a un blitz diplomatico in stile americano. Wang lanciò la palla per il salto quell’anno in un torneo di basket aziendale cinese che attirò spettatori congolesi. Diede borse di studio a studenti congolesi per studiare in Cina ed era presente quando un’organizzazione cinese donò biglietti aerei per un coro congolese per un tour nel suo paese. A un certo punto, offrì 1 milione di dollari per il soccorso dell’Ebola in Congo. Le attività del signor Wang sono coincise con il lancio nel 2015 della politica del suo paese “Made in China 2025”, che ha dettagliato il piano della Cina di trasformarsi in una “superpotenza manifatturiera” in 10 aree, comprese le batterie per veicoli elettrici. Quasi istantaneamente un’ondata di capitali sostenuti dal governo si è riversata nelle aziende cinesi in Congo e altrove. Gli accordi sono stati conclusi rapidamente. Quell’anno, il China Nonferrous Metal Mining Group, di proprietà statale, ha detto che avrebbe collaborato con la società mineraria statale del Congo, Gécamines, per sviluppare il sito di Deziwa, allora una delle più grandi concessioni di rame e cobalto nel paese. Nel 2017, Zijin Mining, una società cinese sostenuta dallo stato con lo slogan “L’armonia genera ricchezza”, ha raccolto quasi 700 milioni di dollari da una vendita di azioni private per sviluppare la sua miniera Kolwezi. Le dichiarazioni pubbliche sugli accordi hanno segnalato alcune delle ambizioni della Cina, ma la storia e la scala dello sforzo non sono state precedentemente riportate. I documenti aziendali, compresi i rapporti annuali e i prospetti delle obbligazioni, esaminati dal Times mostrano che le cinque più grandi compagnie cinesi in Congo hanno ricevuto almeno 124 miliardi di dollari in linee di credito per le loro operazioni globali.

Tutte le aziende sono di proprietà statale o hanno significative quote di minoranza detenute da vari livelli del governo cinese. “A differenza degli Stati Uniti, il governo cinese è sempre dietro gli investitori cinesi in Africa e più specificamente in D.R.C.”, ha detto il signor Kapanga, l’ex consigliere del signor Kabila. Il più grande affare è avvenuto nell’aprile 2016, quando China Molybdenum, una società i cui maggiori azionisti sono una società di proprietà del governo e un misterioso miliardario, ha fatto la sua offerta di 2,65 miliardi di dollari per acquistare Tenke Fungurume, una miniera di proprietà americana in cima a una delle più grandi riserve di cobalto nel mondo. C’era una complicazione. Freeport-McMoRan aveva un partner canadese che aveva il diritto di prima offerta per comprare la sua quota. La soluzione di China Molybdenum era quella di far comprare il partner da una società di private equity con sede a Shanghai, ma anche quell’accordo dipendeva dal denaro del governo cinese. Nessuno degli 1,14 miliardi di dollari raccolti per comprare la quota del partner è venuto da investitori privati, come mostrano i documenti della società. Invece, è venuto da entità cinesi controllate dallo stato, compresi i prestiti bancari garantiti da China Molybdenum così come il denaro portato all’affare attraverso oscure società di comodo controllate da banche di proprietà del governo, secondo i documenti. Il consiglio della società di private equity, comunemente nota come BHR, era dominato da membri cinesi ma includeva anche tre americani: Devon Archer, un uomo d’affari che in seguito fu condannato per aver frodato la tribù Oglala Sioux in un caso che sta ancora procedendo nel sistema giudiziario, e James Bulger, figlio dell’ex presidente del Senato del Massachusetts. Un altro era Hunter Biden, il cui padre era vicepresidente all’epoca.

Non è chiaro se il signor Biden, che aveva contribuito a fondare l’azienda nel 2013, era coinvolto nell’affare. Il signor Biden non ha risposto alle richieste di commento. Un ex membro del consiglio di amministrazione di BHR, che non era autorizzato a parlare di questioni aziendali interne, ha detto che nessuno degli americani aveva giocato un ruolo e che le tasse generate per il lavoro non era stato distribuito al signor Biden o altri. Un portavoce del presidente Biden venerdì ha detto che non era stato messo al corrente della connessione di suo figlio alla vendita. Come e perché l’azienda fosse stata coinvolta era un mistero per l’amministratore delegato che ha negoziato la vendita per il partner canadese di Freeport-McMoRan, Lundin Mining. “Erano un partner, il loro consigliere o un finanziatore?

Non lo so”, ha detto Paul Conibear, allora amministratore delegato di Lundin. Un elaborato evento sotto tende bianche a Kinshasa ha celebrato la nuova proprietà della Cina nel maggio 2017. Il signor Wang era lì insieme ai funzionari cinesi che avevano aiutato a finanziare l’acquisto – e una serie di banchieri cinesi affiliati al governo che cercavano di fare ancora più accordi minerari. Nel giro di pochi anni, avrebbero aiutato ad orchestrare l’acquisto di China Molybdenum di Kisanfu, l’enorme riserva di cobalto non sfruttata, dallo stesso gigante minerario americano. Insieme le vendite hanno segnato un cambio della guardia in Congo, mentre gli Stati Uniti abbandonavano i loro interessi minerari – un problema che ora pesa sul presidente Biden, mentre lui e i suoi collaboratori si sono resi conto della portata del dominio della Cina nell’energia pulita. “La Repubblica Democratica del Congo ha un vasto territorio, ricche risorse naturali e un grande potenziale di investimento”, ha detto il signor Wang alla folla. “Un proverbio cinese dice: ‘Costruisci un bel nido per attirare la fenice’”.

La sicurezza è solo sulla carta

All’inizio, i cambiamenti sembravano quasi banali a Tenke Fungurume – una attività di 24 ore che impiega più di 7.000 persone in un territorio grande come Los Angeles, segnato da profondi crateri e dalla polvere sollevata dai veicoli di movimento terra. I nuovi manager cinesi si sono presentati in pantaloncini e scarpe da ginnastica, uno shock per i dipendenti a cui era stato richiesto di indossare stivali con punta d’acciaio e occhiali di sicurezza. ” Abbiamo pensato: ‘Oh, questo non è possibile’”, ha detto Pierrot Kitobo Sambisaya, che ha lavorato come metallurgista nella miniera per un decennio fino al 2019 e si era abituato a un ambiente più rigoroso. Ben presto, gli accordi di lavoro andavano e venivano senza alcun riconoscimento. Le feste in cui le famiglie dei lavoratori erano invitate a visitare la miniera non hanno più avuto luogo. Decine di posti di lavoro come custode e autista, un tempo occupati da cittadini congolesi, sono andati ai cinesi.

Questo era solo l’inizio. I dipendenti erano preoccupati che la miniera stesse diventando anche più pericolosa, secondo le interviste con i lavoratori delle comunità che circondano la miniera, gli attuali ed ex ispettori della sicurezza, i funzionari del governo congolese e i dirigenti minerari. I lavoratori si arrampicavano nelle vasche di acido per effettuare riparazioni senza controllare la qualità dell’aria. Altri guidavano bulldozer e altre attrezzature pesanti senza formazione o facevano lavori di saldatura pericolosi senza un’adeguata supervisione. L’anno scorso, un lavoratore era seduto nel suo camion mentre veniva rimorchiato, e si è ribaltato. L’operaio ha cercato di saltare per mettersi in salvo, ma il camion è atterrato su di lui e lo ha schiacciato a morte, secondo un rapporto annuale delle operazioni della Cina Molibdeno.

Tutto questo è stato un estremo allontanamento dal predecessore americano dell’azienda, che aveva “tolleranza zero” per le attività rischiose e le violazioni della sicurezza, secondo Alfred Kiloko Makeba, il supervisore veterano della sicurezza, e 10 altri dipendenti, dirigenti e appaltatori attuali ed ex. Freeport-McMoRan, che aveva costruito la miniera, aveva imparato alcune dure lezioni anni prima nella sua miniera di rame e oro in Indonesia, affrontando la protesta internazionale per il suo scarico di rifiuti tossici della miniera in un fiume nella foresta pluviale, così come i violenti conflitti sulle sue attività in loco.

In Congo, l’azienda ha avuto le sue lotte quando si è mossa per costruire Tenke Fungurume, spostando più di 1.500 residenti in un processo disordinato. Ma una volta aperta la miniera, ha guadagnato una quantità insolita di rispetto per il suo impegno per la sicurezza dei lavoratori, sia tra i funzionari locali che tra i diplomatici statunitensi. La sicurezza dei lavoratori è un problema in altre miniere industriali in Congo, ma sotto Freeport, i dipendenti che violavano le regole erano immediatamente sanzionati o licenziati, hanno detto i funzionari della sicurezza. I registri esaminati da The Times mostrano solo una morte segnalata tra i lavoratori durante gli otto anni in cui Freeport-McMoRan ha gestito la miniera, anche se ha ripetutamente pubblicato i resoconti di incidenti quasi fatali come guide cautelative. Quando gli ispettori della sicurezza hanno scoperto le violazioni dopo che la Cina Molibdeno ha assunto il controllo, a volte è stato detto loro di trascurarle, o sono state offerte tangenti per farlo, hanno detto i lavoratori e i supervisori. E quando cercavano di far rispettare le regole, a volte seguiva la violenza. Un addetto alla sicurezza ha detto di essere stato gettato a terra da un operaio che aveva richiamato per aver usato impropriamente le attrezzature di saldatura. L’uomo gli ha torto il braccio e ha rotto il suo cellulare e la macchina fotografica in dotazione. Un dirigente di Gécamines, l’agenzia congolese che è un azionista di minoranza della miniera, ha detto che i dipendenti hanno segnalato scontri e problemi di sicurezza al consiglio dell’agenzia. I problemi di sicurezza sono ora parte di una revisione più ampia delle operazioni di China Molybdenum. Zhou, il portavoce di China Molybdenum, ha negato che gli ispettori siano stati aggrediti. Le accuse, ha suggerito, sono state probabilmente fabbricate da dipendenti licenziati. In una dichiarazione al Times, ha detto che la miniera aveva “una solida struttura di salute e sicurezza sul lavoro e continua ad esercitare le sue regole di tolleranza zero”. Infatti, ha detto, “le statistiche interne” pubblicate in un rapporto della società quest’anno hanno mostrato che gli infortuni dei lavoratori sono diminuiti da quando la società ha preso il controllo.

Ma i dipendenti che hanno detto di essere stati ripetutamente invitati a non denunciare gli infortuni hanno creduto che i dati fossero stati fissati come parte di una campagna per coprire i rischi crescenti. Questo suggerimento, che The Times non è stato in grado di confermare in modo indipendente e che China Molybdenum ha contestato, è stato cristallizzato per il signor Makeba una sera dello scorso anno, quando ha ricevuto una telefonata urgente. Un lavoratore della miniera era caduto da un trespolo alto dopo non aver indossato l’imbracatura di sicurezza richiesta, ha detto. Il signor Makeba si è precipitato sul posto ed è rimasto scioccato nell’apprendere, ha detto, che il lavoratore, che si era rotto la gamba, era stato portato in una clinica privata invece che in quella della miniera. Il signor Makeba ha detto che il dipendente gli ha detto che i suoi supervisori lo avevano pagato per tacere in modo che non sarebbe stato segnalato alla direzione, dove sarebbe apparso nel conteggio degli infortuni verificato dalla società. Quando il signor Makeba ha avvertito il suo capo, ha detto, gli è stato detto di lasciar perdere la questione. Il signor Zhou ha respinto il conto del signor Makeba, aggiungendo che “qualsiasi forma di copertura nella divulgazione è contro le regole e i valori aziendali”. Ma secondo il signor Makeba e un altro responsabile della sicurezza che lavora ancora alla miniera, le condizioni di lavoro sono diventate sempre più importanti per le case automobilistiche sensibili alle richieste dei consumatori e degli azionisti.

Così la China Molybdenum, hanno detto, ha impedito loro di segnalare gli incidenti quasi mortali e ha abitualmente ignorato altri infortuni. “La sicurezza ora è solo sulla carta”, ha detto il signor Makeba. I problemi a Tenke Fungurume non sono solo limitati alle lamentele dei dipendenti all’interno della miniera. Freeport-McMoRan ha lottato con i trasgressori che portavano via sacchi di cobalto. Alcuni sono anche morti quando i tunnel scavati a mano si sono allagati o sono crollati. Con China Molybdenum in carica, il conflitto è diventato molto peggio. L’azienda, di fronte a migliaia di nuovi trasgressori, ha chiesto al governo di inviare dei soldati per aiutare a controllare la situazione, ha detto al Times un dirigente che lavorava nella miniera all’epoca. I militari arrivarono e cominciarono a pattugliare Tenke Fungurume e altre miniere locali, demolendo i depositi dove i trasgressori vendevano le rocce di cobalto ai commercianti. Le truppe rimasero per mesi, e la situazione alla fine divenne mortale.

Un soldato a Tenke Fungurume ha aperto il fuoco, uccidendo uno scavatore non autorizzato, secondo un dipendente che ha detto al Times di aver assistito allo scontro. I disordini sono poi scoppiati nel villaggio natale dell’uomo quando gli amici sono arrivati portando il suo corpo. Nella mischia, un manifestante è stato colpito a morte, secondo tre funzionari locali e il dipendente della miniera. La China Molybdenum ha pagato per le sepolture, hanno detto. Truppe con AK-47 sono state collocate fuori dalla miniera quest’anno, insieme a guardie di sicurezza assunte da una società fondata da Erik Prince, l’ex Navy SEAL diventato consulente di sicurezza privata. Anche mentre questo giro di vite sui furti era in corso, i nuovi manager della miniera cercavano modi per tagliare i costi e aumentare la produzione. China Molybdenum ha detto di aver risparmiato più di 130 milioni di dollari all’anno attraverso i suoi programmi di “costi ed efficienza”. “La nuova gestione rivitalizza il business portando ‘efficienza cinese ed elementi cinesi’”, la società si vanta sul suo sito web. La corsa all’espansione China Molybdenum sta costantemente aumentando la sua produzione. Lo scorso dicembre, si è accaparrata Kisanfu, pagando Freeport-McMoRan 550 milioni di dollari per quella che è considerata una delle più grandi forniture non sfruttate di cobalto al mondo. Il terreno sotto il sito contiene abbastanza cobalto, secondo le stime di China Molybdenum, per alimentare centinaia di milioni di Tesla a lungo raggio. E poi in agosto, China Molybdenum ha annunciato piani per spendere 2,5 miliardi di dollari a Tenke Fungurume per raddoppiare la produzione nei prossimi due anni. Quando l’espansione sarà completa, la miniera produrrà quasi 40.000 tonnellate all’anno. L’anno scorso, gli Stati Uniti hanno prodotto solo 600 tonnellate.

Questa corsa all’espansione, tuttavia, ha attirato l’attenzione degli alti funzionari del governo del Congo, fino al signor Tshisekedi, il presidente. Sono emerse domande sui pagamenti che gli operatori di Tenke Fungurume potrebbero dovere al Congo, risalenti a quando la compagnia americana controllava la miniera. Quando vengono confermati nuovi depositi a Tenke Fungurume, i proprietari sono tenuti a notificare Gécamines, l’agenzia congolese, e a pagare 12 dollari per ogni tonnellata aggiuntiva. Le accuse hanno provocato un’aspra disputa tra i funzionari congolesi e i manager della miniera, con il portavoce di China Molybdenum che ha definito le accuse “incredibili, calcoli sbagliati” basati su un errore contabile. I dirigenti di Gécamines hanno discusso di forzare la gestione di Tenke Fungurume o addirittura di togliere la miniera dal controllo di China Molybdenum, secondo due dirigenti minerari congolesi coinvolti in discussioni riservate e un funzionario governativo informato dei colloqui. Robert North, un geologo del New Mexico che ha aiutato a preparare le stime delle riserve della miniera per Freeport e China Molybdenum, ha detto che entrambe le società e Gécamines sapevano di grandi quantità di cobalto nel sottosuolo del sito. China Molybdenum è stata cauta nel dichiararlo, ha detto, fino a quando la società sa che vuole andare a spese di estrarre gli strati più profondi. La commissione del signor Tshisekedi sta ancora indagando sulle accuse, e lo stesso presidente ha recentemente presieduto una tesa riunione di sei ore con i massimi dirigenti dell’azienda.

Separatamente, il governo congolese, con l’assistenza finanziaria degli Stati Uniti, sta esaminando numerosi contratti minerari per determinare se il Congo è stato trattato ingiustamente in modo più ampio. Mentre i progetti infrastrutturali finanziati dalla Cina hanno avuto un inizio appariscente, molti non sono stati costruiti, hanno detto i funzionari. Durante una visita alla regione mineraria del cobalto quest’anno, il presidente ha riconosciuto che funzionari governativi corrotti o incompetenti in Congo potrebbero meritare qualche colpa per gli accordi che hanno lasciato la nazione a sentirsi tagliata fuori. “Alcuni dei nostri compatrioti hanno negoziato male i contratti minerari”, ha detto. “Sono molto duro con questi investitori che vengono ad arricchirsi da soli. Arrivano con le tasche vuote e se ne vanno come miliardari”. I funzionari del governo cinese insistono che la relazione è ancora in corso e che i benefici per il Congo sono sostanziali. I paesi hanno “un’amicizia di lunga data, e la cooperazione pratica bilaterale ha prodotto fruttuosi risultati win-win e gode di ampie prospettive”, ha detto Zhao Lijian, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, in una conferenza stampa a settembre. In un’intervista a Kinshasa, il signor Tshisekedi ha detto che la sua attenzione non era su quale potenza straniera avrebbe dominato il settore minerario in Congo, ma piuttosto su come il suo paese potrebbe condividere la ricchezza generata dalla rivoluzione energetica pulita. “Abbiamo un potenziale incredibile per l’energia rinnovabile, sia attraverso i nostri metalli strategici che attraverso i nostri fiumi”, ha detto, riferendosi sia all’estrazione che all’energia idroelettrica. “La nostra idea è: come possiamo mettere questa incredibile risorsa a disposizione del mondo, ma facendo in modo che prima benefici i congolesi e poi gli africani? A 73 anni, Kyahile Mangi ha vissuto qui abbastanza a lungo da prevedere il percorso che lo aspetta. Una volta che l’esplosione inizierà, i muri delle case di mattoni di fango si creperanno. Le sostanze chimiche si infiltreranno nel fiume dove le donne fanno il bucato e lavano i piatti mentre si preoccupano degli attacchi degli ippopotami. Presto un responsabile della miniera annuncerà che tutti devono essere trasferiti.

“Sappiamo che il nostro terreno è ricco”, ha detto il signor Mangi, un capo villaggio che sa anche che i residenti condivideranno poco della ricchezza della miniera. Questo tratto boscoso del sud-est della Repubblica Democratica del Congo, chiamato Kisanfu, detiene una delle più grandi e pure riserve non sfruttate di cobalto nel mondo. Il metallo grigio, tipicamente estratto dai depositi di rame, è stato storicamente di interesse secondario per i minatori. Ma la domanda è destinata ad esplodere in tutto il mondo perché è usato nelle batterie delle auto elettriche, aiutandole a funzionare più a lungo senza una carica. Gli stranieri che scoprono – e sfruttano – le risorse naturali di questo impoverito paese dell’Africa centrale stanno seguendo un modello dell’era coloniale. Gli Stati Uniti andarono in Congo per l’uranio per aiutare a costruire le bombe sganciate su Hiroshima e Nagasaki e poi spesero decenni, e miliardi di dollari, cercando di proteggere i loro interessi minerari qui. Ora, con più di due terzi della produzione mondiale di cobalto proveniente dal Congo, il paese è di nuovo al centro della scena quando le principali case automobilistiche si impegnano a combattere il cambiamento climatico passando dai veicoli a benzina a quelli a batteria. Le nuove automobili si basano su una serie di minerali e metalli spesso non abbondanti negli Stati Uniti o nel Medio Oriente ricco di petrolio, che ha sostenuto l’ultima era energetica. Ma la ricerca del cobalto del Congo ha dimostrato come la rivoluzione dell’energia pulita, intesa a salvare il pianeta da temperature pericolosamente calde in un’epoca di illuminato interesse personale, è intrappolata in uno schema familiare di sfruttamento, avidità e gioco che spesso mette le aspirazioni nazionali al di sopra di tutto, come ha scoperto un’inchiesta del New York Times.

Il Times ha inviato reporter in tre continenti, coinvolti nella competizione per il cobalto, una materia prima relativamente oscura che, insieme a litio, nichel e grafite, ha guadagnato un valore eccezionale in un mondo che cerca di mettere da parte i combustibili fossili. Più di 100 interviste e migliaia di pagine di documenti mostrano che la corsa al cobalto ha scatenato una lotta di potere in Congo, un deposito di queste risorse sempre più preziose, e ha attirato gli stranieri intenzionati a dominare la prossima epoca dell’energia globale. In particolare, una rivalità tra Cina e Stati Uniti potrebbe avere implicazioni di vasta portata per l’obiettivo condiviso di salvaguardare la terra. Almeno qui in Congo, la Cina sta finora vincendo quella gara, con entrambe le amministrazioni Obama e Trump che sono rimaste a guardare mentre una società sostenuta dal governo cinese ha acquistato due dei maggiori depositi di cobalto del paese negli ultimi cinque anni. Mentre il significato di questi acquisti diventa più chiaro, la Cina e gli Stati Uniti sono entrati in una sorta di nuovo “Grande Gioco”. La settimana scorsa, durante una visita di promozione dei veicoli elettrici in una fabbrica della General Motors a Detroit, il presidente Biden ha riconosciuto che gli Stati Uniti hanno perso terreno. “Abbiamo rischiato di perdere il nostro vantaggio come nazione, e la Cina e il resto del mondo stanno recuperando terreno”, ha detto. “Beh, stiamo per ribaltare la situazione in un modo molto, molto significativo”. China Molybdenum, il nuovo proprietario del sito di Kisanfu dalla fine dello scorso anno, lo ha acquistato da Freeport-McMoRan, un gigante minerario americano con una storia a macchie che cinque anni fa era uno dei maggiori produttori di cobalto in Congo – e ora ha lasciato completamente il paese. A giugno, solo sei mesi dopo la vendita, l’amministrazione Biden ha avvertito che la Cina potrebbe usare il suo crescente dominio del cobalto per interrompere la spinta americana verso i veicoli elettrici, schiacciando i produttori statunitensi. In risposta, gli Stati Uniti stanno premendo per l’accesso alle forniture di cobalto dagli alleati, tra cui Australia e Canada, secondo un funzionario della sicurezza nazionale con conoscenza della materia. Le case automobilistiche americane come Ford, General Motors e Tesla comprano componenti per batterie al cobalto da fornitori che dipendono in parte dalle miniere di proprietà cinese in Congo. Un veicolo a lunga autonomia Tesla richiede circa 4 chili di cobalto, più di 400 volte la quantità in un telefono cellulare. Già le tensioni sui minerali e sui metalli stanno scuotendo il mercato dei veicoli elettrici. I disordini mortali di luglio vicino a un porto in Sud Africa, dove gran parte del cobalto del Congo viene esportato in Cina e altrove, hanno causato un salto globale dei prezzi del metallo, un’impennata che è solo peggiorata nel resto dell’anno. Il mese scorso, il principale previsore dell’industria mineraria ha detto che l’aumento del costo delle materie prime probabilmente farà salire i costi delle batterie per la prima volta da anni, minacciando di interrompere i piani delle case automobilistiche per attirare i clienti con auto elettriche a prezzi competitivi. Jim Farley, l’amministratore delegato della Ford, ha detto che la crisi delle forniture di minerali deve essere affrontata. “Dobbiamo risolvere queste cose”, ha detto in un evento a settembre, “e non abbiamo molto tempo”. I produttori di automobili come la Ford stanno spendendo miliardi di dollari per costruire i loro impianti di batterie negli Stati Uniti, e si stanno affrettando a limitare la necessità di cobalto appena estratto sviluppando sostituti del fosfato di ferro di litio o passando al riciclaggio. Di conseguenza, una portavoce della Ford ha detto: “Non vediamo il cobalto come un problema vincolante”. L’aumento dell’estrazione e della raffinazione del cobalto da parte delle aziende cinesi ha contribuito a soddisfare la crescente domanda e ha fatto avanzare la lotta contro il cambiamento climatico. Ma poiché più veicoli elettrici sono prodotti da più case automobilistiche in tutto il mondo, l’Agenzia Internazionale dell’Energia prevede una carenza di cobalto entro il 2030, sulla base di un’analisi delle miniere esistenti e di quelle in costruzione. Altri meteorologi dicono che una carenza potrebbe colpire già nel 2025. Una verifica da parte del Times dei documenti depositati presso le autorità di regolamentazione in Cina mostra che le acquisizioni in Congo hanno seguito un rigido programma, annunciato con grande fanfara da Pechino nel 2015, per dominare l’economia emergente di energia pulita del mondo. A partire dallo scorso anno, 15 delle 19 miniere produttrici di cobalto in Congo erano di proprietà o finanziate da aziende cinesi, secondo un’analisi dei dati di The Times e Benchmark Mineral Intelligence. La più grande alternativa agli operatori cinesi è Glencore, una società con sede in Svizzera che gestisce due delle più grandi miniere di cobalto lì. Queste aziende cinesi hanno ricevuto almeno 12 miliardi di dollari in prestiti e altri finanziamenti da istituzioni statali, ed è probabile che abbiano attinto altri miliardi. Infatti, le cinque più grandi compagnie minerarie cinesi in Congo avevano linee di credito da banche sostenute dallo stato per un totale di 124 miliardi di dollari, secondo i documenti esaminati dal Times, anche se una di esse, China Molybdenum, si descriveva come “una pura entità commerciale” scambiata in due borse. L’obiettivo della Cina è quello di controllare la catena di approvvigionamento globale dai metalli nel terreno alle batterie stesse, non importa dove i veicoli sono fatti. L’approccio, in parte, riecheggia gli investimenti di Henry Ford nelle piantagioni di gomma dell’Amazzonia quando l’industria automobilistica si rivolse alla produzione di massa all’inizio del 20° secolo. Il sito minerario boscoso di Kisanfu è stato solo uno dei due grandi acquisti negli ultimi anni da parte di China Molybdenum. Il primo è arrivato nel 2016, quando ha preso il controllo di Tenke Fungurume, una miniera che da sola produce il doppio del cobalto di qualsiasi altro paese del mondo. Almeno 1,59 miliardi di dollari dei 2,65 miliardi di dollari del prezzo di Tenke Fungurume, secondo i registri finanziari, provenivano da prestiti forniti da banche statali cinesi. Mentre i cinesi stavano intensificando la loro attenzione sull’energia verde nel 2016, il futuro presidente degli Stati Uniti, Donald J. Trump, stava esaltando l’industria dei combustibili fossili, facendo campagna elettorale in West Virginia con un elmetto e una pala e promettendo falsamente ai minatori di carbone che “lavorerete come dei matti! Dopo essere entrato in carica, il signor Trump avrebbe ritirato i requisiti sulle case automobilistiche americane per accelerare la transizione verso i veicoli elettrici, dando ai cinesi una corsia ancora più ampia. “È piuttosto snervante quello che è successo qui”, ha detto Nicole Widdersheim, che ha lavorato sulle questioni dell’Africa per il Consiglio di sicurezza nazionale durante l’amministrazione Trump. “Proprio così stupido”. La frenesia per il cobalto del Congo ha attirato un cast internazionale di opportunisti, conoscitori e personaggi oscuri desiderosi di beneficiarne. A un certo punto, ha anche attirato una società di private equity con sede in Cina che Hunter Biden ha contribuito a fondare e che è stata poi esaminata nella campagna presidenziale del 2020. Allo stesso tempo, le aziende cinesi si stanno imbattendo in nuovi venti contrari da parte del governo del Congo, secondo i documenti ottenuti dal Times e le interviste con alti funzionari statunitensi attuali ed ex. I funzionari congolesi stanno conducendo un’ampia revisione dei contratti minerari passati, lavoro che stanno facendo con l’aiuto finanziario del governo americano come parte del suo più ampio sforzo anti-corruzione. Stanno esaminando se le aziende stanno adempiendo ai loro obblighi contrattuali, compreso un impegno del 2008 da parte della Cina di consegnare miliardi di dollari di nuove strade, ponti, centrali elettriche e altre infrastrutture. Il presidente del Congo, Felix Tshisekedi, ad agosto ha nominato una commissione per indagare sulle accuse che China Molybdenum, la società che ha acquistato le due proprietà di Freeport-McMoRan, potrebbe aver truffato il governo congolese per miliardi di dollari di royalty. L’azienda rischia di essere espulsa dal Congo. Alla miniera Tenke Fungurume, ci sono stati a lungo problemi associati a trasgressori dei villaggi vicini che cercavano cobalto. Dopo che la China Molybdenum ha chiesto aiuto al governo, le truppe congolesi hanno sparato su un trasgressore all’interno dei cancelli della miniera, uccidendolo, così come una seconda persona che è stata colpita dopo i disordini scoppiati per protesta, testimoni e funzionari locali hanno detto al Times. In seguito, almeno una dozzina di dipendenti o appaltatori della miniera hanno detto al Times che la proprietà cinese ha portato a un drastico calo della sicurezza e a un aumento degli infortuni, molti dei quali non sono stati segnalati alla direzione. Due responsabili congolesi della sicurezza hanno detto che i lavoratori sono stati aggrediti dopo aver sollevato preoccupazioni e sono state offerte tangenti per coprire gli incidenti. “Le cose stanno cadendo a pezzi in termini di sicurezza”, ha detto Alfred Kiloko Makeba, che è andato in pensione l’anno scorso dopo un decennio di lavoro come supervisore della sicurezza nella miniera. Vincent Zhou, un portavoce della China Molybdenum, ha respinto le affermazioni secondo cui l’azienda avrebbe imbrogliato il governo congolese o allentato gli standard di sicurezza, dicendo che era vero il contrario, e ha messo in dubbio che ci fosse uno sforzo organizzato per minare l’azienda. La Cina ha un modo di dire che recita qualcosa come: “Dove c’è la volontà di condannare, le prove seguiranno”, ha detto il signor Zhou in una risposta scritta al Times. ” Sento vagamente che potremmo essere intrappolati nel gioco di poteri più grandi “. Una connessione presidenziale I paesi africani per anni si sono rivolti alla Cina per un aiuto nella costruzione di infrastrutture con prestiti o scambi che coinvolgono le loro risorse naturali – accordi che gli analisti segnalano fornire molti più benefici ai cinesi. Un modello per questi accordi, ora comuni in tutto il continente, è stato abbozzato nel 2005 quando Joseph Kabila è entrato nella Grande Sala del Popolo a Pechino. Il signor Kabila, allora appena 33 anni, era il nuovo presidente del Congo dopo l’assassinio di suo padre, un altro tragico traguardo sulla strada della violenza e della disgregazione politica del paese colpito dalla povertà. La Cina era un territorio familiare per il signor Kabila, che vi aveva ricevuto un addestramento militare alla fine degli anni ’90. Questa visita mirava ad arruolare l’aiuto del presidente Hu Jintao per far girare l’economia del Congo. Gli Stati Uniti, che avevano a lungo fornito assistenza economica e militare al Congo, erano bloccati nelle guerre in Afghanistan e Iraq ed erano diventati sempre meno interessati al paese. Gli scarsi risultati del Congo in materia di corruzione e diritti umani stavano anche spaventando molte banche internazionali e investitori occidentali. La lista dei desideri del signor Kabila era lunga: Voleva nuove strade, scuole e ospedali come parte di un piano di rinascita che, sperava, lo avrebbe fatto apprezzare da una nazione esausta e scoraggiata da anni di conflitto e corruzione. In cambio, era pronto ad offrire le vaste ricchezze minerarie del suo paese – senza pari in gran parte del mondo. Nell’imponente sala di Piazza Tiananmen, i due presidenti delinearono un accordo che avrebbe cambiato l’equilibrio di potere dell’Africa centrale, secondo André Kapanga, un ex consigliere del signor Kabila che ha offerto dettagli dell’incontro per la prima volta in un’intervista al Times. Il signor Hu ha spiegato che molte persone nelle province occidentali della Cina vivono in profonda povertà. Lo sviluppo della zona era una pietra miliare della sua politica interna, e aveva bisogno di minerali e metalli per costruire nuove industrie. Il Congo era pronto ad aiutare, gli ha assicurato il signor Kabila. La Cina aveva già acquistato materie prime dal vicino del Congo, l’Angola, dove offriva un generoso sostegno finanziario in cambio di petrolio. Ma questo potenziale accordo con il signor Kabila era più ambizioso di qualsiasi altro, e un dramma diplomatico si sarebbe svolto al Palais de la Nation in riva al fiume nella capitale Kinshasa prima di essere sigillato. Lo scenario era l’inaugurazione del signor Kabila nel 2006, dopo che si era presentato agli elettori in un’elezione formale e aveva vinto la presidenza. L’amministrazione Bush inviò una delegazione guidata da Elaine Chao, allora segretario del lavoro. Al signor Kabila piacevano le motociclette, e lei gli presentò un gingillo Harley-Davidson quando lo salutò ad un pranzo. Questo sarebbe stato il limite della loro interazione, credeva la signora Chao, ma i membri della sua delegazione la esortarono a chiedere un incontro privato, secondo Laura Genero, un vice segretario del lavoro associato che faceva parte del gruppo. Con sua sorpresa, il signor Kabila acconsentì ad un incontro il giorno successivo. La signora Chao era così impreparata per l’invito che dovette prendere in prestito un tailleur beige dalla signora Genero. Aveva messo in valigia solo un abito da lavoro. La delegazione statunitense si congratulò con il signor Kabila per la sua vittoria democratica e ascoltò mentre parlava di voler espandere l’accesso all’elettricità in tutta la nazione. Uno dei suoi aiutanti ha definito l’incontro per lo più chiacchiere. Invece, un incontro simile tra il nuovo presidente e i funzionari cinesi si svolse in modo diverso, secondo il signor Kapanga, che è stato informato su entrambe le discussioni statunitensi e cinesi. I cinesi sfruttarono l’occasione per iniziare i colloqui formali con il signor Kabila che sarebbero sfociati in un accordo da 6 miliardi di dollari: la Cina avrebbe pagato per strade, ospedali, linee ferroviarie, scuole e progetti per espandere l’elettricità, tutto in cambio dell’accesso a 10 milioni di tonnellate di rame e più di 600.000 tonnellate di cobalto. I media locali lo chiamarono “l’affare del secolo”, e mentre il signor Kabila celebrava l’accordo, la comunità finanziaria globale reagì in modo più cauto, preoccupata che il Congo si stesse indebitando troppo. I funzionari americani si meravigliarono della portata storica dell’accordo. In messaggi segreti resi pubblici da WikiLeaks, hanno notato che il precedente investimento cinese in Congo era stato “un informale, un po’ disorganizzato insieme di imprese cinesi” che non minacciava seriamente gli interessi degli Stati Uniti. Ma ora qualcosa di molto più grande era in preparazione: “2.000 miglia di strada che collegano le province di Orientale e Katanga, 31 ospedali, 145 centri sanitari, due grandi università e 5.000 unità abitative governative saranno realizzate”, secondo un cablogramma del 2008 dall’ambasciata degli Stati Uniti a Kinshasa ai membri della Central Intelligence Agency, il segretario di stato e altri funzionari. “E non è tutto”, continuava il cablogramma. Il richiamo di una fenice Nel 2015, la presenza della Cina in Congo era diventata visibile in numerosi progetti di infrastrutture: Stadi di calcio sorgevano dalla polvere, le strade venivano ampliate, si iniziava a lavorare su impianti di trattamento delle acque. Ma non tutti i suoi progressi nel mettere il mercato del cobalto al centro dell’attenzione potrebbero essere misurati in mattoni e malta. L’ambasciatore cinese di allora, Wang Tongqing, diede il via a un blitz diplomatico in stile americano. Wang lanciò la palla per il salto quell’anno in un torneo di basket aziendale cinese che attirò spettatori congolesi. Diede borse di studio a studenti congolesi per studiare in Cina ed era presente quando un’organizzazione cinese donò biglietti aerei per un coro congolese per un tour nel suo paese. A un certo punto, offrì 1 milione di dollari per il soccorso dell’Ebola in Congo. Le attività del signor Wang sono coincise con il lancio nel 2015 della politica del suo paese “Made in China 2025”, che ha dettagliato il piano della Cina di trasformarsi in una “superpotenza manifatturiera” in 10 aree, comprese le batterie per veicoli elettrici. Quasi istantaneamente un’ondata di capitali sostenuti dal governo si è riversata nelle aziende cinesi in Congo e altrove. Gli accordi sono stati conclusi rapidamente. Quell’anno, il China Nonferrous Metal Mining Group, di proprietà statale, ha detto che avrebbe collaborato con la società mineraria statale del Congo, Gécamines, per sviluppare il sito di Deziwa, allora una delle più grandi concessioni di rame e cobalto nel paese. Nel 2017, Zijin Mining, una società cinese sostenuta dallo stato con lo slogan “L’armonia genera ricchezza”, ha raccolto quasi 700 milioni di dollari da una vendita di azioni private per sviluppare la sua miniera Kolwezi. Le dichiarazioni pubbliche sugli accordi hanno segnalato alcune delle ambizioni della Cina, ma la storia e la scala dello sforzo non sono state precedentemente riportate. I documenti aziendali, compresi i rapporti annuali e i prospetti delle obbligazioni, esaminati dal Times mostrano che le cinque più grandi compagnie cinesi in Congo hanno ricevuto almeno 124 miliardi di dollari in linee di credito per le loro operazioni globali. Tutte le aziende sono di proprietà statale o hanno significative quote di minoranza detenute da vari livelli del governo cinese. “A differenza degli Stati Uniti, il governo cinese è sempre dietro gli investitori cinesi in Africa e più specificamente in D.R.C.”, ha detto il signor Kapanga, l’ex consigliere del signor Kabila. Il più grande affare è avvenuto nell’aprile 2016, quando China Molybdenum, una società i cui maggiori azionisti sono una società di proprietà del governo e un misterioso miliardario, ha fatto la sua offerta di 2,65 miliardi di dollari per acquistare Tenke Fungurume, una miniera di proprietà americana in cima a una delle più grandi riserve di cobalto nel mondo. C’era una complicazione. Freeport-McMoRan aveva un partner canadese che aveva il diritto di prima offerta per comprare la sua quota. La soluzione di China Molybdenum era quella di far comprare il partner da una società di private equity con sede a Shanghai, ma anche quell’accordo dipendeva dal denaro del governo cinese. Nessuno degli 1,14 miliardi di dollari raccolti per comprare la quota del partner è venuto da investitori privati, come mostrano i documenti della società. Invece, è venuto da entità cinesi controllate dallo stato, compresi i prestiti bancari garantiti da China Molybdenum così come il denaro portato all’affare attraverso oscure società di comodo controllate da banche di proprietà del governo, secondo i documenti. Il consiglio della società di private equity, comunemente nota come BHR, era dominato da membri cinesi ma includeva anche tre americani: Devon Archer, un uomo d’affari che in seguito fu condannato per aver frodato la tribù Oglala Sioux in un caso che sta ancora procedendo nel sistema giudiziario, e James Bulger, figlio dell’ex presidente del Senato del Massachusetts. Un altro era Hunter Biden, il cui padre era vicepresidente all’epoca. Non è chiaro se il signor Biden, che aveva contribuito a fondare l’azienda nel 2013, era coinvolto nell’affare. Il signor Biden non ha risposto alle richieste di commento. Un ex membro del consiglio di amministrazione di BHR, che non era autorizzato a parlare di questioni aziendali interne, ha detto che nessuno degli americani aveva giocato un ruolo e che le tasse generate per il lavoro non era stato distribuito al signor Biden o altri. Un portavoce del presidente Biden venerdì ha detto che non era stato messo al corrente della connessione di suo figlio alla vendita. Come e perché l’azienda fosse stata coinvolta era un mistero per l’amministratore delegato che ha negoziato la vendita per il partner canadese di Freeport-McMoRan, Lundin Mining. “Erano un partner, il loro consigliere o un finanziatore? Non lo so”, ha detto Paul Conibear, allora amministratore delegato di Lundin. Un elaborato evento sotto tende bianche a Kinshasa ha celebrato la nuova proprietà della Cina nel maggio 2017. Il signor Wang era lì insieme ai funzionari cinesi che avevano aiutato a finanziare l’acquisto – e una serie di banchieri cinesi affiliati al governo che cercavano di fare ancora più accordi minerari. Nel giro di pochi anni, avrebbero aiutato ad orchestrare l’acquisto di China Molybdenum di Kisanfu, l’enorme riserva di cobalto non sfruttata, dallo stesso gigante minerario americano. Insieme le vendite hanno segnato un cambio della guardia in Congo, mentre gli Stati Uniti abbandonavano i loro interessi minerari – un problema che ora pesa sul presidente Biden, mentre lui e i suoi collaboratori si sono resi conto della portata del dominio della Cina nell’energia pulita. “La Repubblica Democratica del Congo ha un vasto territorio, ricche risorse naturali e un grande potenziale di investimento”, ha detto il signor Wang alla folla. “Un proverbio cinese dice: ‘Costruisci un bel nido per attirare la fenice’”. La sicurezza è solo sulla carta All’inizio, i cambiamenti sembravano quasi banali a Tenke Fungurume – una attività di 24 ore che impiega più di 7.000 persone in un territorio grande come Los Angeles, segnato da profondi crateri e dalla polvere sollevata dai veicoli di movimento terra. I nuovi manager cinesi si sono presentati in pantaloncini e scarpe da ginnastica, uno shock per i dipendenti a cui era stato richiesto di indossare stivali con punta d’acciaio e occhiali di sicurezza. ” Abbiamo pensato: ‘Oh, questo non è possibile’”, ha detto Pierrot Kitobo Sambisaya, che ha lavorato come metallurgista nella miniera per un decennio fino al 2019 e si era abituato a un ambiente più rigoroso. Ben presto, gli accordi di lavoro andavano e venivano senza alcun riconoscimento. Le feste in cui le famiglie dei lavoratori erano invitate a visitare la miniera non hanno più avuto luogo. Decine di posti di lavoro come custode e autista, un tempo occupati da cittadini congolesi, sono andati ai cinesi. Questo era solo l’inizio. I dipendenti erano preoccupati che la miniera stesse diventando anche più pericolosa, secondo le interviste con i lavoratori delle comunità che circondano la miniera, gli attuali ed ex ispettori della sicurezza, i funzionari del governo congolese e i dirigenti minerari. I lavoratori si arrampicavano nelle vasche di acido per effettuare riparazioni senza controllare la qualità dell’aria. Altri guidavano bulldozer e altre attrezzature pesanti senza formazione o facevano lavori di saldatura pericolosi senza un’adeguata supervisione. L’anno scorso, un lavoratore era seduto nel suo camion mentre veniva rimorchiato, e si è ribaltato. L’operaio ha cercato di saltare per mettersi in salvo, ma il camion è atterrato su di lui e lo ha schiacciato a morte, secondo un rapporto annuale delle operazioni della Cina Molibdeno. Tutto questo è stato un estremo allontanamento dal predecessore americano dell’azienda, che aveva “tolleranza zero” per le attività rischiose e le violazioni della sicurezza, secondo Alfred Kiloko Makeba, il supervisore veterano della sicurezza, e 10 altri dipendenti, dirigenti e appaltatori attuali ed ex. Freeport-McMoRan, che aveva costruito la miniera, aveva imparato alcune dure lezioni anni prima nella sua miniera di rame e oro in Indonesia, affrontando la protesta internazionale per il suo scarico di rifiuti tossici della miniera in un fiume nella foresta pluviale, così come i violenti conflitti sulle sue attività in loco. In Congo, l’azienda ha avuto le sue lotte quando si è mossa per costruire Tenke Fungurume, spostando più di 1.500 residenti in un processo disordinato. Ma una volta aperta la miniera, ha guadagnato una quantità insolita di rispetto per il suo impegno per la sicurezza dei lavoratori, sia tra i funzionari locali che tra i diplomatici statunitensi. La sicurezza dei lavoratori è un problema in altre miniere industriali in Congo, ma sotto Freeport, i dipendenti che violavano le regole erano immediatamente sanzionati o licenziati, hanno detto i funzionari della sicurezza. I registri esaminati da The Times mostrano solo una morte segnalata tra i lavoratori durante gli otto anni in cui Freeport-McMoRan ha gestito la miniera, anche se ha ripetutamente pubblicato i resoconti di incidenti quasi fatali come guide cautelative. Quando gli ispettori della sicurezza hanno scoperto le violazioni dopo che la Cina Molibdeno ha assunto il controllo, a volte è stato detto loro di trascurarle, o sono state offerte tangenti per farlo, hanno detto i lavoratori e i supervisori. E quando cercavano di far rispettare le regole, a volte seguiva la violenza. Un addetto alla sicurezza ha detto di essere stato gettato a terra da un operaio che aveva richiamato per aver usato impropriamente le attrezzature di saldatura. L’uomo gli ha torto il braccio e ha rotto il suo cellulare e la macchina fotografica in dotazione. Un dirigente di Gécamines, l’agenzia congolese che è un azionista di minoranza della miniera, ha detto che i dipendenti hanno segnalato scontri e problemi di sicurezza al consiglio dell’agenzia. I problemi di sicurezza sono ora parte di una revisione più ampia delle operazioni di China Molybdenum. Zhou, il portavoce di China Molybdenum, ha negato che gli ispettori siano stati aggrediti. Le accuse, ha suggerito, sono state probabilmente fabbricate da dipendenti licenziati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.