Vogliamo un week end lungo tre giorni

Dal blog https://www.labottegadelbarbieri.org/

Redazione

di Adrian McMahon

Lavoriamo troppo. È il momento di cambiare qualcosa: la settimana lavorativa di quattro giorni è possibile. E non c’è neanche bisogno di essere anticapitalisti per promuoverla. In Gran Bretagna la stanno sperimentando

Con il lancio della scorsa settimana di un programma pilota di quattro giorni nel Regno Unito prosegue la diffusione globale degli ultimi anni per una settimana lavorativa più breve senza perdita di stipendio per i dipendenti.

Il progetto nel Regno Unito si svolgerà nell’arco di sei mesi, a partire da giugno di quest’anno, insieme a programmi analoghi coordinati in Irlanda e negli Stati uniti. Questi esperimenti si baseranno sul principio del modello 100:80:100. Cioè il 100% della retribuzione per l’80% del tempo lavorativo, in cambio dell’impegno a mantenere almeno il 100% di produttività.

Come accade già ai datori di lavoro da quattro ore a settimana già esistenti, le aziende e le organizzazioni partecipanti dovrebbero riconoscere i vantaggi di un equilibrio tra lavoro e vita privata migliore per i lavoratori e le lavoratrici e misurare la crescità della produttività. Il fatto di essere pionieri in questo campo comporta un vantaggio ulteriore: dopo che nel novembre dello scorso anno Atom Bank è diventata il più grande datore di lavoro nel Regno unito a implementare una settimana di quattro giorni, ha registrato un aumento del 500% delle domande di lavoro.

I programmi pilota sono organizzati da 4 Day Week Global, in collaborazione con la campagna 4 Day Week UK, il think tank Autonomy e ricercatori dell’Università di Cambridge, dell’Università di Oxford e del Boston College. La valutazione formale deegli esperimenti sarà fondamentale per mettere insieme dati di fatto che possano informare la futura politica del governo su una settimana lavorativa più breve per tutta la società. Dopotutto, l’obiettivo è che tutti i lavoratori beneficino di una settimana lavorativa ridotta, non solo coloro che hanno la fortuna di lavorare in un settore che si presta in particolar modo e che hanno un certo datore di lavoro.

Nessun paese ha ancora legiferato per una settimana di quattro giorni, quindi chiaramente questi programmi pilota sono necessari. Il Regno Unito ha quasi aperto la strada. L’impegno dei laburisti alle elezioni del 2019 di ridurre la settimana lavorativa a trentadue ore entro dieci anni è stata una pietra miliare significativa: il primo grande partito politico in una nazione del G7 a impegnarsi per una grande riduzione dell’orario di lavoro formale da cento anni a questa parte.

Altri paesi si stanno avvicinando. Nel 2021, l’Islanda ha reso nota una prova riuscita di una settimana lavorativa più breve nel settore pubblico tra il 2015 e il 2019 che ha portato a un aumento della produttività e del benessere dei lavoratori. La Scozia sta investendo 10 milioni di sterline in un processo nei prossimi mesi come parte della sua promessa di perseguire un’economia del benessere. La Spagna sta inoltre pensando a un progetto pilota pluriennale per le aziende interessate. In Giappone, il governo ha raccomandato nel 2021 che le aziende consentano ai propri dipendenti di optare per una settimana di quattro giorni, con il gigante dell’elettronica Panasonic che è recentemente diventato una delle più grandi aziende a proporre questa soluzione.

Tutti questi progressi stanno avvenendo perché queste aziende, organizzazioni e governi riconoscono che ci sono molteplici vantaggi nella riduzione dell’orario di lavoro, in particolare in relazione a cinque aree chiave.

In primo luogo, una settimana lavorativa ridotta offre ai lavoratori e alle lavoratrici più tempo per quelle parti della vita non lavorative che sono spesso trascurate: riposo (sia il sonno che le varie forme di riposo di cui abbiamo bisogno durante la veglia), tempo libero (che può variare dal trascorrere del tempo con amici e familiari a perseguire hobby e progetti di passione) e «life admin» (compiti come lo shopping, la pulizia, la gestione delle finanze e i numerosi doveri genitoriali). Attualmente, troppi di noi trascorrono ore eccessive al lavoro ogni settimana, per poi infilare il riposo, il tempo libero e le attività di amministrazione della vita nelle poche ore rimanenti, se non siamo troppo stanchi per farle.

Il secondo vantaggio chiave è per i datori di lavoro. In parole povere, un lavoratore riposato è un lavoratore migliore. Nel 2019, l’Health and Safety Executive ha scoperto che la principale causa di assenze per malattia dal lavoro era lo stress correlato al lavoro (54%). Pertanto, uno studio della Henley Business School nel 2019 ha rilevato che una settimana di quattro giorni potrebbe far risparmiare alle aziende del Regno Unito circa 104 miliardi di sterline all’anno, perché i lavoratori sarebbero più felici, meno stressati, si prenderebbero meno giorni di riposo per malattia e dunque sarebbero più produttivi.

In terzo luogo, gli studi dimostrano che la riduzione della settimana lavorativa aumenterebbe la produttività nazionale, proprio come accadrebbe per le singole aziende e organizzazioni. Fornisce inoltre l’opportunità di riequilibrare l’occupazione per ridurre sia il numero di persone che sono oberate di lavoro che quelle che sono disoccupate e sottoccupate. Nelle industrie in cui l’orario di lavoro eccede quello standard dalle 9 alle 17, dovrebbero essere creati nuovi posti di lavoro per compensare gli orari ridotti. L’assistenza finanziaria del governo sarebbe probabilmente necessaria per consentire questo riequilibrio, ma i benefici derivanti dalla diminuzione della disoccupazione e della sottoccupazione rappresenterebbero un eccellente ritorno sull’investimento.

In quarto luogo, una settimana lavorativa ridotta ha benefici incalcolabili per la società. L’assistenza sanitaria preventiva sarebbe potenziata, poiché le persone sono più riposate e più felici con il loro equilibrio tra lavoro e vita privata. Possono trascorrere più tempo con familiari e amici. Una settimana di quattro giorni offre anche l’opportunità di migliorare l’uguaglianza di genere, poiché gli uomini (62% dei lavoratori a tempo pieno nel Regno Unito) potrebbero trascorrere più tempo a casa per fare i vari tipi di lavoro non retribuito che sono ricaduti in modo sproporzionato sulle donne, come le faccende domestiche e la genitorialità.

Infine, una settimana lavorativa più breve fa bene all’ambiente riducendo il pendolarismo quotidiano e le relative emissioni di carbonio. L’auto rimane la modalità di viaggio più comune nel Regno Unito, prima della pandemia di Covid-19 circa il 58% dei lavoratori e delle lavoratrici pendolava in auto ogni giorno. Le lunghe ore di lavoro sono anche associate a modelli di consumo ad alto contenuto di carbonio, poiché la mancanza di tempo porta all’acquisto di prodotti convenienti come pasti confezionati e trasformati.

La settimana di cinque giorni ha sostituito la settimana di sei giorni circa un secolo fa, con la casa automobilistica statunitense di Henry Ford che ha aperto la strada con le sue fabbriche nel 1926. Trent’anni dopo, l’allora vicepresidente degli Stati uniti Richard Nixon ha promesso agli americani che «in un futuro non troppo lontano» avrebbero dovuto lavorare solo quattro giorni. Eppure, generazione dopo generazione, c’è stata poca o nessuna diminuzione dell’orario di lavoro, nonostante i sostanziali aumenti di produttività principalmente dovuti al progresso tecnologico.

A pochi giorni dal lancio del programma pilota nel Regno Unito, tuttavia, centinaia di aziende e organizzazioni hanno espresso il loro interesse a partecipare. Questo progetto pilota è pronto a svolgere un ruolo importante nel passaggio del Regno Unito verso una settimana lavorativa di quattro giorni. Sembra che finalmente il cambiamento stia arrivando.

(*) Adrian McMahon partecipa alla campagna 4 Day Week UK.

Questo articolo è uscito su JacobinMag, la traduzione è a cura della redazione italiana. Il testo è ripreso dalla newsletter di JacobinItalia dove si possono leggere questi articoli correlati: «Il diritto di disconnettersi», «Il superlavoro uccide» e «Alla conquista del tempo». È in libreria il numero 13.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.