Il killer dell’Amazzonia: ha il colletto bianco e sta alle Seychelles

dal blog http://www.politicamentescorretto.info

 

Dai paradisi fiscali provengono i fondi a sostegno dei grandi disboscatori brasiliani. E anche a favore delle flotte di pescherecci che saccheggiano gli oceani.

di NICOLA DE MURO *

Qual è il sottile legame tra l’avanzamento della deforestazione in Amazzonia – cioè in pratica della desertificazione dell’area più verde del mondo – e i paradisi delle vacanze? Risposta facile: è la sabbia, visto che è il componente sia dei deserti sia delle spiagge da sogno. No, risposta errata. Molto più prosaicamente è il denaro, in questo caso non solo vil, ma molto vil. È il denaro – spesso frutto di attività illecite – depositato nei paradisi fiscali, che molto spesso sono anche paradisi balneari… le Maldive, le Bahamas, le Seychelles. Isole che evocano la bellezza assoluta di mare e spiagge e, al contempo, una tendenza a una fiscalità assai benevola sui capitali esteri e a una certa noncuranza sulla provenienza degli stessi.

Ad alzare il velo sul legame segreto tra i paradisi fiscali e la deforestazione selvaggia, che porta all’inaridimento dell’Amazzonia, è uno studio del Resilience Centre di Stoccolma. I ricercatori svedesi si sono potuti avvalere, tra gli altri, di documenti esclusivi e mai resi pubblici sinora, della Banca centrale del Brasile. Ebbene, si è scoperto che il manipolo di aziende – meno di dieci – che stanno distruggendo il polmone verde della Terra per far posto ad allevamenti bovini e coltivazioni di soia hanno ricevuto il 68% dei finanziamenti totali dall’estero, da capitali provenienti dai paesi a fiscalità zero, in testa le Isole Cayman. Alcune di queste aziende spiana-vegetazione sono finanziate al 90% da questo tipi di fondi.

 

Ma non è tutto. Con la stessa origine c’è un altro attentato al pianeta, almeno altrettanto grave, se non più. La pesca illegale, che sta profondamente depauperando gli oceani e i mari. Bene, anche in questo caso i paradisi off-shore sono gli oscuri protagonisti: battono le loro bandiere solo il 4% dei pescherecci del mondo, ma un sorprendente 70% delle flotte di pesca sono irregolari, cioè non iscritte a nessun registro o del tutto illegali.

 

A svolgere un ruolo determinante nel disvelamento della doppia destinazione segreta dei fondi off-shore, i taglialegna brasiliani e i pescatori di frodo, sono stati sia i Panama Papers sia i Paradise Papers. Ma sarebbe sbagliata una demonizzazione cieca. “Depositare fondi in questi paesi è una possibilità lecita – sottolineano i ricercatori svedesi – è una scelta finanziaria di molte aziende che svolgono attività lecite e trasparenti. Ciò che invece va rilevato – e sanzionato dalle istituzioni internazionali – è l’opacità dei finanziamenti che partono dai paradisi fiscali per sostenere operazioni di grave detrimento ambientale o altri reati”.

Fonte LaStampa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...