La decrescita necessaria

dal blog https://comune-info.net

di Riccardo Mastini

Da molti decenni il divario economico tra ricchi e poveri dilaga tra i continenti come all’interno di ogni nazione. I dati macroscopici, oltre 4 miliardi di persone vivono con niente e una decina di nababbi possiede la ricchezza di mezzo pianeta, sono tanto noti quanto ignorati nei fatti. La sola strategia per ridurre la povertà attuata da chi detiene il potere di decidere è aumentare la crescita del Pil, ma i suoi rendimenti sono distribuiti in modo che il 60% più povero dell’umanità riceva solo il 5% della ricchezza generata dalla crescita economica. Il rimanente 95% del nuovo reddito va al 40% più ricco della popolazione mondiale. “The Divide“, il libro dell’antropologo Jason Hickel, edito in Italia dal Saggiatore, ripercorre la storia dello squilibrio economico globale, smontando una dopo l’altra le bugie che hanno accompagnato la narrazione colonialista, la retorica degli aiuti ai paesi “sottosviluppati” e la trappola del debito. Per eliminare davvero la povertà assoluta, con questo sistema, ci vorrebbero 200 anni, mentre il Pil globale dovrebbe crescere di 175 volte estraendo, producendo e consumando risorse naturali 175 volte più di quanto facciamo oggi. Il pianeta terra sarebbe letteralmente consumato. La sola via che resta è tagliare i consumi dei più ricchi, redistribuire la ricchezza accumulata, liberarci dell’ideologia del consumo e scegliere una politica di decrescita guardando a esempi di società in cui le persone hanno una lunga aspettativa di vita, livelli di pace sociale e felicità individuale elevati e bassi livelli di consumo

Foto tratta dal periodico on line elsaltodiario.com

di Riccardo Mastini*

A tutt’oggi circa 4,3 miliardi di persone – oltre il 60% della popolazione mondiale – vivono in estrema povertà, lottando per sopravvivere con meno dell’equivalente di 5 dollari al giorno. Inoltre, la metà di queste persone è denutrita. E questi numeri sono cresciuti costantemente negli ultimi decenni. È con questi dati che Jason Hickel, professore di antropologia ed esperto di sociologia dello sviluppo, inizia il suo libro The Divide: Guida per risolvere la disuguaglianza globale che è appena stato tradotto in italiano. Lo scopo del libro è quello di smascherare la narrativa ottimistica propugnata dall’ONU e da personalità pubbliche quali Bill Gates e Steven Pinker per dimostrare come in verità risolvere la disuguaglianza globale richieda un radicale cambio di paradigma economico. Infatti, mentre la propaganda diplomatica e mediatica ci porta a credere che la povertà sia diminuita in tutto il mondo, in realtà gli unici paesi in cui questo è vero sono la Cina e qualche altro paese dell’Asia orientale. E questi sono alcuni degli unici paesi al mondo in cui la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale non sono riusciti ad imporre la dottrina neoliberista, consentendo a questi governi di perseguire politiche di protezionismo e dirigismo statale.

Ma le agenzie di sviluppo, le ONG, e i governi dei paesi ricchi cercano di convincerci che la povertà dei paesi nel Sud del mondo è un problema tecnico, che può essere risolto adottando le giuste istituzioni e le giuste politiche economiche, lavorando sodo e accettando un po’ di aiuto allo sviluppo (una forma di aiuto finanziario fornita da governi ed altre agenzie a sostegno dello sviluppo economico, sociale e politico). Ma Hickel argomenta in maniera convincente che questa retorica confortante è soltanto un inganno poiché l’intero sistema economico globale si fonda proprio sul mantenere il Sud del mondo in povertà.

Lo scambio iniquo nel corso dei secoli

L’argomento principale presentato nel libro è che il discorso sull’aiuto allo sviluppo ci distrae dal vedere il quadro più ampio. Tale narrativa nasconde le dinamiche di sfruttamento che stanno causando attivamente l’impoverimento del Sud del mondo per mano dei paesi ricchi. Il paradigma della beneficenza oscura le vere questioni in gioco: sembra che l’Occidente stia “sviluppando” i paesi poveri, quando in realtà è vero il contrario. Hickel sostiene che i paesi poveri stanno effettivamente sviluppando i paesi ricchi dalla fine del XV secolo.Nel libro è chiaramente dimostrato che il sottosviluppo nel Sud del mondo non è una condizione naturale, ma una conseguenza del modo in cui le potenze occidentali hanno organizzato il sistema economico mondiale dall’epoca del colonialismo in poi.

Ad esempio, nel 2012 (l’ultimo anno per il quale abbiamo dati completi) tutte le risorse finanziarie trasferite dai paesi ricchi a quelli poveri ammontano a poco più di 2 trilioni di dollari. Ma più del doppio di questa somma, circa 5 trilioni di dollari, è fluito in direzione opposta. In altre parole, i paesi in via di sviluppo hanno inviato 3 trilioni in più al resto del mondo di quanto abbiano ricevuto.

Ma in cosa consistono questi grandi transfer di ricchezza dal Sud del mondo? Alcuni di questi sono pagamenti sul debito. Oggi, i paesi poveri pagano ogni anno oltre 200 miliardi di dollari in interessi ai creditori stranieri, in gran parte su vecchi prestiti che sono già stati ampiamente ripagati ma che l’interesse composto ha reso delle vere e proprie sabbie mobili dalle quali è impossibile uscire. Un altro elemento è il reddito che investitori stranieri accumulano e rimpatriano. Ad esempio, basti pensare a tutti i profitti che Shell estrae dalle riserve petrolifere della Nigeria o che Anglo American plc estrae dalle miniere d’oro del Sud Africa. Altra parte considerevole di questo transfer di ricchezza ha a che fare con la fuga di capitali. Gran parte di ciò avviene attraverso “leakages” nella bilancia dei pagamenti tra paesi. Non bisogna poi dimenticare quanto viene sottratto attraverso una pratica illegale nota come “trade misinvoicing”: le multinazionali operanti nel Sud del mondo riportano falsi prezzi sulle loro fatture commerciali allo scopo di trafugare capitali direttamente nei paradisi fiscali.

Ma la perdita più significativa ha a che fare con lo sfruttamento attraverso le regole del commercio internazionale. Hickel spiega che dai tempi del colonialismo fino alla globalizzazione, l’obiettivo principale del Nord del mondo è stato quello di ridurre il costo del lavoro e delle merci acquistate dal Sud. In passato, i poteri coloniali erano in grado di dettare direttamente alle loro colonie i termini dei contratti commerciali. Oggi, poiché il commercio è tecnicamente “libero”, i paesi ricchi sono in grado di estorcere ricchezza attraverso il loro potere contrattuale. Gli accordi di libero scambio impediscono ai paesi poveri di proteggere i loro lavoratori nei modi che fanno i paesi ricchi attraverso politiche protezionistiche. E poiché le multinazionali hanno oggi la possibilità di delocalizzarsi alla ricerca della forza lavoro a più buon mercato, i paesi poveri sono costretti a competere fra di loro per ridurre le tutele per i lavoratori e per l’ambiente. Come risultato di tutto ciò, c’è un divario tra il “valore reale” del lavoro e delle materie prime che i paesi poveri vendono e i prezzi a cui queste sono effettivamente pagate. Questo è ciò che gli economisti chiamano “scambio iniquo“.

Dagli anni ’80 i paesi occidentali hanno usato il loro potere di creditori per dettare politiche economiche e commerciali ai paesi indebitati del Sud, governandoli remotamente, senza -almeno nella maggior parte dei casi- la necessità di interventi militari. Facendo leva sul debito, hanno imposto “aggiustamenti strutturali” per annullare tutte le riforme economiche che i paesi del Sud avevano faticosamente attuato nei due decenni successivi alla decolonizzazione. Nel processo, i paesi occidentali sono arrivati al punto di mettere al bando le politiche protezionistiche e keynesiane che loro stessi avevano adottato per sviluppare le loro neonate industrie nella prima metà del Novecento.

Decrescita in Occidente per un giusto sviluppo nel resto del mondo

Hickel prosegue la sua analisi interrogandosi su quali sarebbero le conseguenze se i paesi poveri fossero effettivamente lasciati liberi di sviluppare le loro economie. A tale fine, fa riferimento a uno studio dell’economista David Woodward in cui si dimostra che, dato il nostro vigente modello economico, l’eradicazione della povertà su scala globale è fisicamente impossibile.

Attualmente la principale strategia per eliminare la povertà è aumentare la crescita del PIL. L’idea è che la crescita economica aiuti a ridurre la povertà. Ma tutti i dati che abbiamo mostrano chiaramente che la crescita del PIL non avvantaggia realmente i poveri. Mentre il PIL pro capite globale è cresciuto del 65% dal 1990, il numero di persone che vivono con meno di 5 dollari al giorno è aumentato di oltre 370 milioni. Perché la crescita non aiuta a ridurre la povertà? Perché i rendimenti della crescita sono distribuiti in modo non uniforme. Il 60% più povero dell’umanità riceve solo il 5% della ricchezza generata dalla crescita economica. Il rimanente 95% del nuovo reddito va a beneficio del più ricco 40% della popolazione mondiale.

Dato questo rapporto di distribuzione, Woodward calcola che ci vorrebbero più di 200 anni per eradicare la povertà assoluta misurata a 5 dollari al giorno.E a tale fine, il PIL globale dovrebbe aumentare fino a 175 volte la sua dimensione attuale. In altre parole, abbiamo bisogno di estrarre, produrre, e consumare 175 volte più risorse naturali di quanto facciamo attualmente. Vale la pena soffermarsi un attimo a riflettere su cosa ciò effettivamente significhi. Tale crescita economica sarebbe disastrosa per la biosfera. Così facendo divoreremmo rapidamente gli ecosistemi del nostro pianeta, distruggendo le foreste, i fiumi, i suoli, e il clima.

Secondo i dati raccolti dai ricercatori del centro di ricerca Global Footprint Network, il nostro pianeta ha una “capacità ecologica” sufficiente per assicurare ad ogni essere umano sulla Terra un massimo di 1,8 ettari globali di impronta ecologica annua. Tale un’unità tiene conto della quantità di suolo necessario per estrarre risorse, assorbire rifiuti, e mitigare emissioni di CO2. Un consumo di risorse individuali in eccedenza di tale soglia implica un percorso di progressivo degrado degli ecosistemi. Un’impronta ecologica individuale di 1,8 ettari globali è approssimativamente quella del cittadino medio del Ghana o del Guatemala. In contrasto, gli europei consumano in media 4,7 ettari globali a persona, mentre negli Stati Uniti e in Canada la persona media consuma 14,4 ettari globali. Per avere un’idea di quanto sia estremo questo eccessivo consumo, basti pensare che se tutto il mondo vivesse come il cittadino medio dei paesi ricchi, avremmo bisogno della capacità ecologica equivalente a 3,4 pianeti Terra.

Gli scienziati ci dicono che anche agli attuali livelli di consumo globale stiamo già superando la capacità ecologica del nostro pianeta di circa il 60% ogni anno. E tutto ciò agli attuali livelli di attività economica aggregata, con i livelli di consumo esistenti nei paesi ricchi e poveri. Se i paesi poveri aumentassero i loro consumi fino al livello di opulenza attuale dei paesi ricchi, ciò assicurerebbe un’apocalisse ecologica. A meno che i paesi ricchi non inizino a consumare meno per liberare spazio ecologico per incrementare i livelli di sussistenza dei 4,3 miliardi di persone che vivono sotto la soglia di povertà.

Se vogliamo avere una possibilità di limitare il riscaldamento globale entro la soglia dei 2°C -che l’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici pone come limite assoluto- possiamo ancora emettere un massimo 805 gigatonnellate di CO2 a livello globale. Allo stesso tempo dobbiamo anche accettare che i paesi poveri avranno diritto ad utilizzare usare una parte più cospicua di questo budget di CO2per far crescere le loro economie quanto basta per eliminare la povertà. Tale principio è già sancito negli accordi della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici dove si riconosce che tutti i paesi hanno una “responsabilità comune ma differenziata” per ridurre le emissioni. Poiché i paesi poveri hanno contribuito meno alle emissioni storiche, hanno il diritto di utilizzare una fetta più generosa del bilancio di CO2 restante rispetto ai paesi ricchi. Ciò significa che noi cittadini dei paesi ricchi dobbiamo accontentarci di ciò che resta di tale budget.

L’autorevole climatologo Kevin Anderson ha studiato potenziali scenari di riduzione delle emissioni a livello globale alla luce dei principi di giustizia spiegati sopra. Se vogliamo avere una probabilità del 50% di rimanere sotto i 2°C, c’è fondamentalmente solo un modo fattibile per farlo: i paesi poveri possono continuare a far crescere le loro economie al ritmo attuale fino al 2025. Non è un tempo molto lungo, quindi questa strategia per eradicare la povertà funzionerà solo se i proventi della crescita economica vengono redistribuiti in maniera estremamente progressiva. Per quanto riguarda i paesi ricchi, l’unico modo di limitare le proprie emissioni alla quota restante del budget di CO2 è tagliare le emissioni in modo radicale, di circa il 10% all’anno. I miglioramenti nell’efficienza energetica e l’energia rinnovabile contribuiranno a ridurre le emissioni di massimo il 4% all’anno. Ma per colmare il gap restante, i paesi ricchi dovranno ridurre i loro consumi di circa il 6% ogni anno. E i paesi poveri dovranno seguire tale esempio dopo il 2025, ridimensionando l’attività economica di circa il 3% all’anno.

Hickel conclude il libro affermando che affinché una strategia di ridimensionamento dei consumi di tale portata non si trasformi in un collasso socio-economico è necessario che un paese adotti una politica didecrescita. Ciò consiste nel tagliare i consumi dei più ricchi, ridistribuire la ricchezza già accumulata, e liberarci dell’ideologia del consumismo. Alla luce di ciò, non dovremmo più considerare paesi come il Costa Rica “sottosviluppati”, ma piuttosto come “adeguatamente sviluppati”. Dovremmo perciò guardare alle società in cui le persone hanno una lunga aspettativa di vita, livelli di pace sociale e felicità individuale elevati, e al contempo bassi livelli di consumo come esempi da seguire.

* Dottorando in economia ecologica e ecologia politica all’ Institute of Environmental Science and Technology della Universitat Autònoma de Barcelona. Lo potete seguire su Twitter a @r_mastini e leggere i suoi articoli sul suo sito“.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.