DEDICATA

Di Anna De Filpo

LUI

Quante lune, quante mezze,
ne ha attese negli angoli discreti
per dar pace al cuore,
lui che ha da parlare con se stesso
da mane a sera,
lui che rigira negli occhi
assieme alle lacrime i desideri!
E vede spegnersi i sogni
come si spengono i piccoli ceri
nei cimiteri,
lui che l’additano mostro
e che mostro non e’
col cuore gonfio d’ amore,
lui che piange nei tanti perche’,
e che stringe una margherita
mai data, più volte raccolta,
con le dita solitarie, lisciata!
Cerca il sonno in tristezza,
come al sonno si affidano i morti,
la sua anima e’ un sasso,
chiude gli occhi e rifugia
nella parola ” mamma.”
Tornerà presto il mattino,
negli occhi di paura, il danno!

DIRITTI RISERVWTI, Anna DE FILPO @ COPYRIGHT. 28/02/2020. Photoweb.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.