Amnesia relazionale: perché il mio partner dimentica tutto?

Dal blog https://angolopsicologia.com/

Posted: 28 Jun 2021

“Non ho detto quello! Sei sicuro che l’ho detto io? Io non lo ricordo”. A volte le persone con cui interagiamo dimenticano cose che sono importanti per noi, il che porta ad accese discussioni o genera frustrazione. Quando succede sistematicamente nel quadro di una relazione, possiamo sentirci molto soli.

Che cos’è l’amnesia relazionale?

L’amnesia relazionale va oltre il dimenticarsi l’anniversario di matrimonio o il compleanno dell’altro. Si riferisce alla dimenticanza sistematica di dettagli quotidiani o momenti speciali che, almeno per uno dei due, sono significativi.

Una delle persone dimentica le esperienze condivise o le distorce, al punto che la sua narrazione differisce notevolmente dai ricordi dell’altro. Di conseguenza, questa dimenticanza porta spesso a incomprensioni che creano tensione nella relazione.

Perché il mio partner dimentica tutto?

La dimenticanza può essere un meccanismo di difesa. A volte la nostra memoria sopprime alcune esperienze perché sono traumatiche o non abbiamo le risorse psicologiche necessarie per affrontarle senza capovolgere il nostro mondo. Quindi il nostro inconscio decide di “nascondere” quelle esperienze dove non possiamo trovarle.

Tuttavia, l’amnesia relazionale non è un’entità clinica ma un fenomeno normale in cui non c’è nessun deficit cognitivo, ma è dovuta principalmente a ragioni emotive.

Nelle relazioni, possiamo dimenticare le cose per non dover affrontare l’ansia che generano. Ad esempio, potremmo dimenticare quello che abbiamo detto in una discussione perché quell’argomento è come un trigger emotivo che ci infastidisce. Possiamo anche dimenticare una promessa o un progetto perché, in fondo, non ci piacciono molto.

In altri casi, l’amnesia relazionale è espressione di una personalità passivo-aggressiva. La persona usa la dimenticanza per manipolare e danneggiare il partner – consciamente o inconsciamente. Infatti, uno studio condotto presso l’Università del Michigan indica che questo profilo è legato a tratti come il narcisismo e/o l’instabilità emotiva. Queste persone possono negare le esperienze per invalidare l’altro, evitare le responsabilità e manipolarle, anche impegnandosi in comportamenti di tipo gaslighting.

Infatti, l’amnesia relazionale porta alcuni benefici psicologici alla persona smemorata:

• Prevenire i conflitti. Se non ricordiamo nulla, evitiamo i conflitti deviando dall’argomento principale che ha generato ansia e tensione. Almeno in quella materia saremo “innocenti”, perché possono solo rimproverarci la dimenticanza, che funge da attenuante.

• Evitare la responsabilità. In molti casi, quando si instaura una dinamica di dimenticanza, l’altra persona riduce le proprie aspettative e richieste, il che si traduce in minori responsabilità per la persona smemorata.

• Libertà cognitiva. Dimenticare è un meccanismo per liberare spazio nella mente. Se non ci lasciamo sopraffare dai tanti dettagli, avremo la mente lucida per pensare ad altre cose più attraenti o gratificanti.

In altri casi, l’amnesia relazionale è il risultato di abitudini di routine che si stabiliscono nelle relazioni non presenti. Si verifica quando due persone condividono lo stesso spazio-tempo ma in realtà sono emotivamente lontane, o per monotonia o perché hanno perso interesse per la relazione.

Quando le esperienze sono vissute con noncuranza, con la mente altrove, è facile dimenticarle o conservare ricordi distorti. In definitiva, le emozioni fungono da collante per la memoria, come ha dimostrato uno studio condotto presso la Universiti Teknologi Petronas. Se viviamo le cose senza passione, è probabile che quelle esperienze non siano significative e finiremo per dimenticarle.

Nel peggiore dei casi, l’amnesia relazionale può essere il risultato di una quasi completa perdita di interesse per il partner. Quando non c’è più amore, si perde l’interesse per le esperienze condivise, così che diventano irrilevanti e poco memorabili.

Le conseguenze dell’amnesia relazionale: una pericolosa narrativa unica

Quando in una relazione si instaura l’oblio, di solito si produce una dinamica malsana che alla lunga genera delusione. In generale, si creano due ruoli diversi. La persona smemorata è vista come immatura, arrogante, superficiale o incapace mentre la persona che deve ricordare costantemente inizia a portare il peso della relazione sulle proprie spalle.

Questo toglie equilibrio alla relazione perché uno investe più energia e si impegna di più. A poco a poco, il custode della memoria relazionale smette di fidarsi del suo partner e smette di condividere le cose perché pensa che sia inutile. Alla lunga, smette di consultare l’altro perché lo considera infantile e irresponsabile.

Il peso psicologico della memoria relazionale fa in modo che questa persona diventi più rigida, irritabile e amareggiata, allontanandola sempre più dalla persona smemorata. Questa dinamica finisce per corrodere le fondamenta della relazione.

Se la relazione non si interrompe, di solito si stabilisce una narrazione relazionale unica. Il custode della memoria rivendica il diritto di costruire la narrazione ufficiale della relazione, una storia con la quale l’altro deve essere d’accordo. Se non è d’accordo, discussioni e rimproveri sono garantiti.

Il custode della memoria crede di avere “la verità” e finisce per ignorare l’altro perché crede che non sia affidabile. Il problema è che non solo ignora i suoi ricordi ma anche le sue opinioni ed emozioni. In questo modo, uno dei due finisce per isolarsi dalla relazione e, di conseguenza, entrambi finiscono per sentirsi incompresi e soli.

Una vita in comune: storie diverse con sentimenti simili

La sincerità è la chiave per affrontare l’amnesia relazionale. Se la dimenticanza sistematica è dovuta al disinteresse e alla mancanza d’impegno, sarà necessario rivalutare la relazione e decidere se vale la pena andare avanti o se esiste la possibilità di costruire una relazione gratificante per entrambi.

Tuttavia, dobbiamo avere chiaro che ogni volta che due persone si incontrano, ci saranno due diverse prospettive e ricordi delle esperienze condivise. Essere una coppia o vivere insieme qualcosa non significa viverla allo stesso modo. Le nostre esperienze dipendono in gran parte dalle nostre aspettative, desideri o anche dalle emozioni del momento.

Non vivere e ricordare le cose allo stesso modo non significa sempre che l’amore sia finito o che non ci sia interesse per l’altro. Dobbiamo accettare che ogni persona costruisca la propria storia di ciò che è accaduto, il che può farle prestare più attenzione ad alcuni dettagli che ad altri. Ciò che conta è che entrambi siano disposti a rispettarsi a vicenda e impegnarsi condividendo la loro visione delle cose.

Fonti:

Romanell, A. (2021) Relational Amnesia: The Toll Forgetting Has on Your Relationship. In: Psychology Today.

Tyng, C. M. et. Al. (2017) The Influences of Emotion on Learning and Memory. Front Psychol; 8: 1454.

Hopwood, C. J. et. Al. (2009) The Construct Validity of Passive-Aggressive Personality Disorder. Psychiatry; 72(3): 256–267.

La entrada Amnesia relazionale: perché il mio partner dimentica tutto? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.