STANZE

IL RACCONTO DELL’IMMAGINE – di Gianpiero Menniti

Si trattava di odore.

Un tanfo di muffa misto a umori di vita impregnati nelle assi del pavimento.

E di colori.

Cromie sbiadite, staccate, come mappe di mille racconti.

E di luce.

Senza sole.

Filtrata da grandi vetrate sottili, inondava la stanza contendendo ogni bagliore al fabbricato di contro.

E di rumori.

E voci, strepiti, sussurri, affanni di fatica, pianti sommessi, invidie pronunciate, risate sadiche e sorrisi esclamati.

Sono i ricordi.

E di silenzi.

Infine rimasti appesi.

A lungo.

Silenzi senza nome.

Senza parole.

Solo odore, nella luce grigia velata dai colori del tempo.

Tornavo lì.

Per respirare la malinconia.

Ma era lei a respirare me.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.