Non solo gas, dalla Russia arriva anche un bel po’ di carbone. Vero Enel?

Dal blog https://www.recommon.org

Pubblicato il 21 Marzo 2022 | diAntonio Tricarico

Non appena la Russia ha invaso l’Ucraina, alimentando l’emergenza delle forniture di gas e petrolio per l’Europa e l’Italia, industriali, esponenti del governo e commentatori hanno avuto una sorta di riflesso incondizionato: riapriamo e mandiamo a tutta forza le centrali a carbone. Fa nulla se si era detto di chiuderle entro il 2025. La transizione ecologica e il clima se ne faranno una ragione. Anche il presidente del Consiglio Mario Draghi non è stato da meno e ha messo subito l’opzione sul tavolo, almeno per il breve termine.

Dopo la sbornia di affermazioni dettate dall’emozione della guerra su come emanciparci dal ricatto energetico di Vladimir Putin, è emersa una realtà ancora più scomoda: la gran parte del carbone da vapore – quello metallurgico in realtà è una percentuale minore di tutto l’import – che arriva in Italia viene proprio dalla Russia! Secondo i dati del 2020 si tratta di quasi l’80 per cento, circa 3,5 milioni di tonnellate l’anno. Gran parte del carbone russo è estratto molto lontano, nella regione del Kuzbass a est del Kazakistan, e mosso col treno verso l’Europa. Ma anche nel conteso Donbass in Ucraina si estrae del carbone. Allo stesso tempo non va dimenticato che il prezzo del carbone ha avuto un’impennata di quasi il 400 per cento in un anno, raddoppiando dall’inizio del 2022.

Con il passare dei giorni il governo ha corretto il tiro, sottolineando come il piano riguarderebbe gli impianti ancora in funzione, senza il bisogno di riattivare quelli già chiusi come le centrali Enel a La Spezia e Fusina, dove la società vorrebbe installare nuove centrali a gas. Un po’ più incerto cosa potrebbe succedere per quella di A2A a Monfalcone, in via di chiusura perché si vuole passare a gas. In Italia, però, le due centrali a carbone “giganti” sono ancora funzionanti. Si trovano a Brindisi e Civitavecchia, sono sempre targate Enel e hanno creato da decenni a questa parte delle “zone di sacrificio” per la salute delle popolazione locali. Insieme hanno una potenza installata di 4,000 MW, se si esclude un gruppo da 660 già chiuso a Brindisi. Almeno a Civitavecchia Enel aveva appena abbandonato i piani di costruire una nuova centrale a gas, ma ora si teme il ritorno a piena potenza alla polvere nera. Poi andiamo in Sardegna, nel Sulcis, dove esiste una centrale più piccola, sempre di Enel, e quella di Fiume Santo gestita dalla ceca EPH, che vorrebbe anch’essa passare a gas. Ma ora l’emergenza imporrebbe di spingere sull’acceleratore e produrre più energia elettrica dal carbone. Rimane da vedere con quale carbone, visto che l’import da Colombia, Indonesia e Stati Uniti è diminuito lasciando spazio a quello russo, forse anche per motivi economici.

In sintesi, a Enel verrebbe chiesto dal governo di spingere sul carbone: una nemesi storica visto che il gruppo guidato da Francesco Starace si definisce leader mondiale nella decarbonizzazione – con il suo impegno di uscire dall’utilizzo di ogni combustibile fossile entro il 2040.

Lo scorso anno in occasione dell’assemblea degli azionisti ReCommon è riuscita a carpire informazioni importanti sull’import del carbone dalla Russia. Alla domanda di ReCommon il 20 maggio scorso Enel ha risposto: “Il Gruppo nel 2020 ha importato dalla Russia circa 2,7 milioni di tonnellate di carbone. Gli acquisti sono effettuati con accordi di breve termine della durata compresa tra 1 e 9 mesi e distribuiti su 5 controparti.”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.