Quanto investono (realmente) gli Usa in spesa militare?

Dal blog https://www.startmag.it

di Redazione Start Magazine

Secondo il Wall Street Journal, se i leader autoritari del mondo si sono messi in marcia è anche perché il potere militare americano è in declino. Tutti i dettagli sulla spesa per la difesa nazionale Usa

L’invasione di Vladimir Putin in Ucraina ha messo in guardia la maggior parte degli americani sul fatto che il mondo sta diventando un posto molto più pericoloso. È un fallimento sconcertante, quindi, che il bilancio militare che il presidente Biden ha svelato lunedì non sia all’altezza del momento.

Il Pentagono chiede 773 miliardi di dollari per l’anno fiscale 2023 e la spesa per la difesa nazionale raggiunge gli 813 miliardi di dollari quando sono inclusi altri conti. Questo fa eco, e Biden lo sta vendendo come un grande aumento rispetto alla sua richiesta dell’anno scorso. Ma anche i funzionari della difesa dicono che il Pentagono vedrebbe solo un aumento reale dell’1,5% rispetto al finanziamento dell’anno scorso dopo l’inflazione. La spesa per la difesa sarà ancora circa il 3,1% dell’economia, vicino ai minimi post-Guerra Fredda e diminuirà nel prossimo decennio.

L’amministrazione Biden chiama la Cina una “sfida continua” e la Russia una “minaccia acuta”, e vanta 130 miliardi di dollari per la ricerca e lo sviluppo, compresi gli sforzi cruciali sull’intelligenza artificiale e le applicazioni 5G. Sono benvenuti anche 24,7 miliardi di dollari per la difesa missilistica, compresi i tanto necessari 892 milioni di dollari per difendere Guam dai missili cinesi, e 27,6 miliardi di dollari per le capacità spaziali. La Pacific Deterrence Initiative otterrebbe 6,1 miliardi di dollari.

Ma il quadro generale del bilancio è che il team di Biden sta scommettendo su armi che non esistono ancora per una guerra che sperano arrivi sotto gli occhi di qualcun altro. Vogliono risparmiare denaro ora per poter spendere su ciò che dicono sarà una forza più moderna tra un decennio.

A questo scopo, la Marina degli Stati Uniti con 298 navi comprerebbe solo 9 navi l’anno prossimo, mentre ne ritirerebbe 24. La flotta si ridurrebbe a 280 navi nel 2027, anche se la Marina dice che ha bisogno di una flotta di 500 navi per sconfiggere la Cina in un conflitto. Questa tendenza non impressionerà Xi Jinping mentre guarda Taiwan – scrive il WSJ.

Per quanto riguarda l’esercito, il revanscismo di Putin richiederà più dispiegamenti in avanti da parte dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico. L’alleanza avrà bisogno di più truppe e hardware nel Baltico, e molto di questo dovrà venire dal ramo terrestre. Ma l’esercito chiede 177,5 miliardi di dollari, a malapena in aumento rispetto ai 174,7 miliardi dell’anno scorso e un taglio dopo l’inflazione.

La forza finale scenderebbe a 473.000 dai 485.000 autorizzati l’anno scorso. L’esercito fa spallucce perché non è stato in grado di riempire tutti i suoi posti con un mercato del lavoro attivo. Questo può alleviare un grattacapo di reclutamento per qualche generale, ma non ridurrà le minacce che l’esercito potrebbe dover affrontare in più teatri.

L’Air Force “è ora più piccola, più vecchia e meno pronta che sia mai stata nei suoi 75 anni di storia”, come ha detto l’Air Force Association questa settimana, ma il Pentagono prevede di tagliare il suo acquisto di jet da combattimento F-35 quest’anno.

L’Air Force vuole 33 F-35, rispetto ai 48 richiesti negli anni passati, che erano ancora troppo pochi per aggiornare la flotta in un tempo ragionevole. In un futuro conflitto, gli Stati Uniti avranno bisogno di questi aerei avanzati per sopravvivere contro sofisticate difese aeree. Ridurre gli acquisti metterà sotto pressione la catena di approvvigionamento e aumenterà il costo per copia degli aerei.

Queste priorità di hard-power sono state schiacciate per richiedere, con grande autocompiacimento, 3,1 miliardi di dollari per il cambiamento climatico. Questo è coerente con una Casa Bianca che vuole creare un Corpo Civile per il Clima con più personale del Corpo dei Marines. Questi 3,1 miliardi di dollari potrebbero essere spesi in armi. I ritiri delle navi della Marina risparmiano 3,6 miliardi di dollari in cinque anni, e il paese ha più bisogno di quella potenza offensiva che di furgoni elettrici.

Un altro paio di decisioni discutibili: l’amministrazione Biden sembra aver cancellato un programma per sviluppare un missile nucleare da crociera lanciato dal mare, precisamente il tipo di arma progettato per dissuadere Putin dall’usare armi nucleari tattiche in Europa. L’Air Force vuole anche mandare in pensione gran parte della sua vecchia flotta di avvisatori e controllori aerei (Awacs) senza una sostituzione in mano, ma questa capacità è essenziale per il dominio aereo in qualsiasi conflitto.

Un declino decennale del potere militare americano è una ragione sottostimata per cui i leader autoritari del mondo sono in marcia. I repubblicani suggeriscono che il bilancio militare debba crescere del 5% in termini reali. Il Congresso dovrebbe fissare l’obiettivo di riportare gli Stati Uniti alla loro forza di deterrenza degli anni della Guerra Fredda, quando la spesa per la difesa era il 5% o più dell’economia.

Se i legislatori non intervengono, gli Stati Uniti potrebbero non essere pronti per la prossima guerra se non un decennio dopo averla persa.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.