Scoppia la domanda di petroliere , il tutto per il caos dei dazi USA e UE alla Russia

Dal blog https://scenarieconomici.it/

il2 Aprile 2023 DiGiuseppina Perlasca

Con il commercio globale sconvolto dalle sanzioni alla Russia, mentre l’Asia e il Medio Oriente aumentano la capacità di raffinazione a spese degli Stati Uniti e dell’Europa, gli ordini di navi cisterna per il trasporto di carburante sono saliti quest’anno ai massimi livelli degli ultimi dieci anni. Dato che i normali oleodotti fra Russia e EU sono quasi chiusi, i prodotti petroliferi viaggiano, e molto, su nave. 

Nel  2023 sono state ordinate in totale 38 navi cisterna a medio raggio, il numero più alto dal 2013, secondo i dati dell’operatore navale Braemar citati da Bloomberg.

Il nuovo ordine commerciale globale dopo gli embarghi dell’UE e del G7 e i limiti di prezzo sui prodotti petroliferi russi, nonché l’aumento della capacità di raffinazione asiatica e mediorientale a fronte della chiusura di impianti negli Stati Uniti e in Europa, hanno creato una più ampia dislocazione geografica tra la nuova capacità di raffinazione e i principali centri di consumo. Produttori, raffinatori e consumatori di prodotti petroliferi sono più lontani, il petrolio e i suoi derviati devono fare più strada. Questo impegna di più le navi e quindi ce ne vogliono di più per soddisfare i fabbisogni.

Prima del divieto dell’UE sui prodotti petroliferi russi, la Russia ha iniziato a dirottare i suoi carichi di prodotti petroliferi verso il Nord Africa e l’Asia. Allo stesso tempo, l’Europa ha iniziato ad acquistare più diesel e altri carburanti dal Medio Oriente, dall’Asia e dal Nord America per sostituire i barili russi persi.

Utilizzando i carichi da nave a nave (STS), la Russia sta accorciando le rotte delle petroliere dirette in Africa e in Asia, dato che a Mosca è ora vietato esportare combustibili nell’UE. Allo stesso tempo, l’Europa sta aumentando le importazioni di gasolio dal Medio Oriente e dall’Asia per compensare la perdita di barili russi, di cui importava circa 600.000 barili al giorno (bpd) prima dell’entrata in vigore dell’embargo del 5 febbraio.

Questa dislocazione del commercio globale di carburanti, con le maggiori distanze che le petroliere devono percorrere per consegnare i prodotti petroliferi russi al di fuori dell’Europa, fa aumentare la domanda di navi cisterna per il trasporto di prodotti petroliferi.

Inoltre, la capacità di raffinazione mondiale dovrebbe aumentare di quasi 3 milioni di bpd entro la fine del 2023, quando si prevede l’avvio di almeno nove progetti di raffineria in Medio Oriente e in Asia, secondo le stime dell’EIA dello scorso anno.

Il principale cambiamento strutturale nel panorama delle raffinerie che sosterrà la domanda di trasporto di prodotti raffinati nel medio e lungo termine è la dislocazione geografica tra le nuove raffinerie e i principali consumatori”, ha dichiarato a Bloomberg Alexandra Alatari, analista senior di Braemar.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.